l’European Organisation for the Exploitation of Meteorological Satellites (EUMETSAT)  cerca una figura professionale che lavori come User Training Administrator da inserire nel suo team in Germania

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Europa

 

Ente: EUMETSAT è l'agenzia del satellite meteorologico europeo. Il suo ruolo è quello di stabilire e gestire satelliti meteorologici per monitorare il tempo e il clima dallo spazio - 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno

EUMETSAT gestisce anche diverse missioni Copernicus, a nome dell'Unione europea e fornisce servizi di reperimento dati per la marina e servizi atmosferici ai loro utenti

In qualità di Organizzazione europea intergovernativa, EUMETSAT ha 30 Stati membri

 

Dove: Darmstadt, Germania

 

Destinatari: coloro in possesso dei requisiti

 

Quando: contratto della durata di 4 anni

 

Scadenza: 20 settembre 2018

 

Descrizione dell’offerta: l'amministratore della formazione utenti contribuisce attivamente al successo di eventi di formazione esterni organizzati, co-organizzati e / o sponsorizzati da EUMETSAT, fornendo supporto amministrativo
Mansioni:

-  Fornire supporto amministrativo e logistico per gli eventi di formazione
organizzato e co-organizzato da EUMETSAT (acquisti, viaggi, alloggio, articoli promozionali)

- Guidare i partecipanti sponsorizzati a eventi e conferenze di formazione

-  Collaborare con i trainer e ai partecipanti riguardo strumenti di e-learning
(ad esempio Moodle, WebEx)

- Mantenere e migliorare continuamente i processi di gestione della formazione e documentazione

- Dare valutazioni  degli eventi di formazione

- Occuparsi del budget per la formazione, nonché monitorare, controllare, e riferire su come si è adoperato

 

Requisiti: il candidato ideale possiede:

- Laurea magistrale

- Qualifica in Training Administration

- Esperienza di amministrazione comprovata, idealmente correlata alla formazione

- Capacità organizzative e gestione di budget

- Esperienza nell'organizzazione di riunioni, inclusi viaggi

- Ottima conoscenza dell’inglese, orale e scritto

- Esperienza nel supportare eventi e corsi di formazione online e familiarità con modalità di apprendimento online

- Competenza nell'uso della suite MS Office con comprovata esperienza nell'uso MS Excel per il monitoraggio e la comunicazione di spese

- Preferibile dimestichezza con software ERP (come SAP)

- Discreta conoscenza della lingua francese

 

Retribuzioni: stipendio mensile di euro 3.200

 

Guida all’application: la candidatura va inviata in inglese o francese tramite il modulo online (allegando curriculum vitae e lettera di accompagnamento citando RiferimentoVN (18) 48) sul sito: www.eumetsat.int

 

Informazioni utili:  EUMETSAT gestisce la rete europea dei satelliti meteorologici e la trasmissione dei dati. L'Italia, membro dal Giugno 1986, contribuisce per il 12/13% tramite il Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Le immagini raccolte per Italia, Europa e il resto del Globo riguardano i satelliti Meteosat (7 e 9) e il satellite polare Metop. Di solito il Meteosat-9 scansiona l'intero pianeta ogni 15min, Meteosat-7 ogni 30min mentre Metop-2 genera un'immagine ogni 3min

 

Link utili:

link all’offerta cliccare sull’offerta di lavoro con la dicitura EUM/VN (18)48

EUMETSAT

             

Contatti Utili:

Tel: +49 6151 807 7

EUMETSAT

Eumetsat Allee 1

D-64295 Darmstadt

Germany

 

a cura di Maria Longombardo

 

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

Pubblicato in Europa.
La NATO SHAPE con sede a Bruxelles offre 30 internship retribuiti ogni anno a studenti universitari o neolaureati che vogliano vivere un’esperienza nell’organizzazione internazionale del Trattato Atlantico del Nord
 
Per opportunità simili visita la sezione Nazioni Unite e Organizzazioni Internazionali
 
Ente:L'Organizzazione del Trattato dell'Atlantico del Nord (North Atlantic Treaty Organization, NATO), è un'organizzazione internazionale per la collaborazione nella difesa.
Il trattato istitutivo della NATO, il Patto Atlantico, fu firmato a Washington, D.C. il 4 aprile 1949 ed entrò in vigore il 24 agosto dello stesso anno. Attualmente, fanno parte della NATO 28 stati del mondo.
La NATO rappresenta non soltanto una mera iniziativa di cooperazione militare, ma si configura come fondamentale strumento di collaborazione politica tra i Paesi membri, soprattutto nell'ambito dei processi decisionali afferenti materie di politica estera. Per questo motivo, la NATO ha una duplice struttura: politica e militare. In linea con quanto accade normalmente nell'ambito dei Sistemi istituzionali democratici dei Paesi membri, anche in questo caso la parte militare ha una posizione subordinata rispetto a quella politica, che, nelle sue diverse articolazioni, è espressione diretta della volontà dei popoli dei Paesi membri.
L'Alleanza è governata dai suoi 28 Stati membri, ognuno dei quali ha una delegazione presso la sede centrale della NATO a Bruxelles. Il più anziano membro di ciascuna delegazione è chiamato "Rappresentante permanente". L'organizzazione politica della NATO è basata sulla regola del consenso unanime.
 
Dove: Bruxelles
 
Destinatari: Interessati ad un Internship nella NATO
 
Durata: 6 mesi per tirocini curriculari o neolaureati, e dai 6 ai 12 mesi per chi ha completato un Master o un PhD. Si inizia a Gennaio o Settembre dell’anno successivo l’application
 
Scadenza: Le calls sono cicliche, con scadenza solitamente per Febbraio/Marzo di ogni anno (per iniziare l’internship nel 2018 bisogna candidarsi entro il 28 febbraio 2017)
 
Descrizione dell’offerta: Supreme Headquarters Allied Powers Europe (SHAPE) presenta lo SHAPE Internship Programme (SIP) rivolto a studenti e neolaureati, per un’opportunità di internship all’interno della una comunità internazionale a Mons. Il SIP fa parte del Supreme Allied Commander Europe's (SACEUR), la campagna più grande per elevare e migliorare la visibilità dello SHAPE e dell’Allied Command Operations (ACO).
Attraverso l’Internship Programme, SHAPE introduce 30 giovani candidati l’anno, provenienti da diversi contesti all’interno delle aree dell’organizzazione.
L’obiettivo di questo, oltre a portare benefici sia ai tirocinanti che allo SHAPE, è quello di far acquistare ai tirocinanti una maggiore consapevolezza sulle organizzazioni internazionali, oltre che migliorare il loro CV.
Le aree in cui la SHAPE è più interessato sono quelle relative a: Economia, Finanza, HR, IT, Web/Graphic Design, Scienze letterarie, Auronatica, Ingegneria, Media/Giornalismo, Traduzione di russo/ucraino/arabo
SHAPE cerca quindi candidati fortemente motivati competenti in numerose discipline tra cui: scienze politiche, relazioni internazionali, studi sulla sicurezza, giurisprudenza, economia, ingegneria, logistica, HR, amministrazione finanziaria, accounting/auditing, lingue, comunicazione giornalistica e media, elettronica, scienze letterarie.
 
Requisiti: Per candidarti bisogna che tu soddisfi questi requisiti:
-Essere cittadino di uno Stato membro della NATO
-Avere almeno 21 anni
-Aver superato almeno il secondo anno di studi universitari
-Essere iscritto ad un corso di laurea, o averlo terminato da meno di 18 mesi
-Avere un ottima conoscenza della lingua inglese
 
Documenti richiesti: CV (in pdf o word) e una Lettera di Motivazione (di circa 500 parole contenente anche le tue aspettative dall’internship)
 
Retribuzioni: 800 euro mensili più copertura delle spese di viaggio
 
Guida all’application:Per candidarti completa questo Application Form inserendo i tuoi dati ed allegando un tuo CV e una lettera di motivazione
 
Informazioni utili: Le selezioni sono tenute solitamente a Maggio/Giugno di ogni anno. Anche in caso di esclusione si riceverà una risposta.
Attenzione: una volta inviato l’application form non sarà possibile modificarlo
 
Link utili:
 
Contatti utili: Link
 
 
A cura di Luigi Pappalardo
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
LA REDAZIONE
 
L’Organizzazione Marittima Internazionale offre possibilità di stage a Londra durante tutto l’anno; puoi scrivere la tua tesi in una delle più importanti OO.II!
 
Per opportunità simili visita la nostra sezione Organizzazioni Internazionali
 
Ente:IMO – L'Organizzazione Marittima Internazionale - è l'agenzia specializzata delle Nazioni Unite per la sicurezza della navigazione e della prevenzione dell'inquinamento. Il suo ruolo principale è quello di creare un quadro normativo per il settore dei trasporti marittimi che sia equo ed efficace, universalmente adottato e implementato universalmente. L'efficienza energetica, le nuove tecnologie e l'innovazione, l'istruzione e la formazione marittima, la sicurezza marittima, la gestione del traffico marittimo e lo sviluppo delle infrastrutture marittime sono gli obiettivi perseguiti dall’IMO
 
Ti interessa il sistema UN? Scopriamo le Nazioni Unite!
 
Sogni una carriere nel sistema ONU? Vedi anche Lavora nelle Nazioni Unite
 
Dove: Londra, UK
 
Destinatari: laureandi e laureati
 
Durata: da 2 settimane ad un massimo di 2 mesi
 
Scadenza:possibilità di stage durante tutto l’anno
 
Descrizione: il tirocinante sarà impegnato prevalentemente in attività di ricerca; gli stagisti avranno anche l'opportunità di osservare e di ottenere una conoscenza approfondita del funzionamento di un'organizzazione delle Nazioni Unite, incontrare esperti IMO e osservare i lavori delle commissioni o organi di governo dell'Organizzazione
 
Requisiti: i candidati sono laureandi o dottorandi in materie affini a quelle dell’Organizzazione o sono inscritti ad un Master
 
Documenti richiesti: è richiesto un accordo tra Organizzazione e Governo o Università di appartenenza, in cui specificare oggetto delle ricerca e durata dello stage
 
Retribuzione: non prevista
 
Guida all’application: per la candidatura è necessario contattare l’Organizzazione e, dopo aver formulato termini e condizioni dello stage, formalizzare l’accordo; la richiesta, corredata di application form, va inoltrata a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Link utili:
 
Informazioni utili: International Maritime Organization
4, Albert Embankment, London SE1 7SR United Kingdom
Tel +44 (0)20 7735 7611 Fax +44 (0)20 7587 3210 Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
Ti potrebbe interessare Internship UNECE!
 
A cura di Onofrio Pio Lattanzi
 
Se sei interessato a conoscere meglio il mondo delle carriere internazionali scopri di più su Associazione Giovani nel Mondo
 
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
 
LA REDAZIONE
L’Organizzazione Internazionale del Lavoro ti offre la possibilità di fare un tirocinio presso l’ufficio Washington DC in un contesto internazionale affinando le skills acquisite durante gli anni di studio
                      
ENTE: L'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) è l'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di promuovere il lavoro dignitoso e produttivo in condizioni di libertà, uguaglianza, sicurezza e dignità umana per uomini e donne. Ha l'obiettivo di promuovere i diritti dei lavoratori e incoraggiarne l'occupazione in condizioni dignitose
 
DOVE:Washington DC
 
DESTINATARI:Studenti che rispettino i requisiti
 
QUANDO:Non Specificato
 
SCADENZA:Non prevista
 
DESCRIZIONE DELL’OFFERTA: L’OIL offre delle posizioni part-time di tirocinanti (20 ore a settimana) per tutti gli studenti che rispettino i requisiti indicati.
 
Per offerte simili visita la nostra pagina Nazioni Unite e Organizzazioni Internazionali
 
REQUISITI:
- Essere uno studenti a corsi di Laurea come Scienze Politiche, Economia, Relazioni Internazionali, Giurisprudenza e Business.
- Essere in possesso di un visto studenti un permesso di lavoro valido per gli Stati Uniti
- Inglese fluente, sia scritto che orale
 
DOCUMENTI RICHIESTI:CV, Visto e Lettera di Motivazione
Tutti i documenti devono essere in inglese
Si ricorda che per viaggiare negli Stati Uniti è necessario il possesso di un Passaporto Elettronico
 
RETRIBUZIONE: Non prevista
 
GUIDA ALL’APPLICATION:Gli interessati dovranno inviare il CV e la Lettera Motivazionale che affermi la loro disponibilità all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
INFORMAZIONI UTILI: Washington è la Capitale degli Stati Uniti ed è sede di di molte Organizzazioni Internazionali come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale.
 
LINK UTILI:
 
CONTATTI UTILI:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
General information
4 route des Morillons
CH-1211 Genève 22
Switzerland

Switchboard: +41 (0) 22 799 6111
Fax: +41 (0) 22 798 8685
Website: www.ilo.org 
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
 
 
A cura di Tommaso Boldrini
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
 
LA REDAZIONE
 
 
 
 
Un' opportunità unica nel cuore dell'Europa offerta dal Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite a tutti i laureati nel settore internazionale
 
Per altre opportunità simili visitare la sezione Nazioni unite e Organizzazioni internazionali
 
Ente: Il Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite (UNRIC) è stato inaugurato a Bruxelles il 1 gennaio 2004.UNRIC è destinato a coprire tutta l’Europa occidentale e fornire informazioni e documentazione ai paesi della regione con sempre maggiore efficacia con il progressivo stabilizzarsi della sua nascente struttura. Il suo raggio d’azione copre tutti i segmenti della società, i progetti e gli eventi organizzati con i rispettivi partners, tra cui governi, media, ONG, istituzioni ed autorità locali. UNRIC ha inoltre il compito di continuare a distribuire materiale informativo, rapporti e documenti delle Nazioni Unite, comunicati stampa, manifesti, schede di informazione e pieghevoli illustrativi delle varie attività delle Nazioni Unite
 
Dove: Bruxelles, Belgio
 
Destinatari: Laureati di secondo livello
 
Durata: 6 mesi
 
Scadenza: Sempre aperta
 
Descrizione dell'offerta: L'ente offre la possibilità ai propri tirocinanti di diventare parte della struttura di UNRIC e di condividerne le attività quotidiane. Operando sotto la supervisione del responsabile dell’ufficio italiano, le loro responsabilità copriranno:
  • - Il monitoraggio dei mezzi di informazione in lingua italiana
  • - La produzione e la traduzione in inglese e italiano di materiale di informazione, comunicati stampa, messaggi, etc.
- L’aggiornamento della pagina in lingua italiana del sito Internet di UNRIC e qualunque altra attività che abbia l’obiettivo di fare conoscere in Italia le Nazioni Unite e la sua azione
 
Requisiti:
  • - Laurea di secondo livello in settori legati all’attività delle Nazioni Unite e di UNRIC in particolare, quali ad esempio comunicazione, giornalismo, relazioni internazionali, scienze politiche, traduzione, marketing
  • - Consolidata conoscenza delle lingue Inglese e Francese
 
 
Documenti richiesti:
  • - CV
  • - Lettera di motivazione
      entrambi in inglese
 
Retribuzioni: Non prevista. Tutte le spese di viaggio, vitto e alloggio devono essere coperte dagli stessi candidati selezionati, da un’istituzione che intenda sostenerli o da strutture governative
 
Guida all'application: Inviare i documenti richiesti a
UNRIC 
Att: Italy Desk 
Residence Palace 
Rue de la Loi 155 
1040 Bruxelles
o via e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Informazioni utili: I candidati sono selezionati attraverso una procedura volta a verificarne l’idoneità e le conoscenze, comprese quelle linguistiche
 
Link utili:
 
Contatti utili:
Rue de la Loi 155
Block C2, 7th Floor
Brussels
1040
+32 2 788 8484
+32 2 788 8485
 
A cura di Annamaria Abbafati
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente
 
LA REDAZIONE
Quest’anno, come tutti gli anni a partire dal 1978, le Nazioni Unite celebrano dal 24 al 30 ottobre la “Settimana per il disarmo“. È nel 1978 difatti che all’Assemblea Generale, attraverso la Risoluzione S-10/2, è stata istituito questo evento al fine di richiamare l’attenzione di tutti gli Stati sull’estrema pericolosità della corsa agli armamenti e di incoraggiare questi ultimi a compiere sforzi per porvi fine e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla urgenza alla pace.
 
La scelta della giornata non è casuale, ma è il giorno in cui nel 1945 furono fondate le Nazioni Unite.
 
Sicuramente parlare di disarmo al giorno d’oggi è quanto mai ironico, basti pensare che nel 2013 le spese militari a livello globale hanno raggiunto la somma di circa 1750 miliardi di dollari investiti tra eserciti ed armamenti(poco meno del PIL dell’Italia e quasi il doppio del bilancio delle Nazioni Uniti).
Dati allarmanti se si pensa che nel periodo storico della corsa agli armamenti, i governi nel loro insieme non sono mai arrivati a investire tanto. Le spese militari tra 2000 e 2013 sono aumentate di oltre il 50% arrivando a più di mille miliardi di dollari l’anno, cifra che supera il picco raggiunto durante la guerra fredda e che corrisponde a 20 volte le spese mondiali in aiuti internazionali.
 
Nella Quindicesima relazione annuale ai sensi dell'articolo 8, paragrafo 2, della posizione comune 2008/944/PESC del Consiglio che definisce norme comuni per il controllo delle esportazioni di tecnologia e attrezzature militari, resa pubblicail 21 gennaio 2014, si rivela che nel biennio precedente i paesi dell’Unione Europea nel loro insieme hanno autorizzato esportazioni di armi e sistemi militari per un valore totale di 40 miliardi di euro: un incremento del 7% rispetto al 2011.
 
All’interno della relazione, spicca in particolare l’ammontare delle autorizzazioni all’esportazione di armamenti verso il Medio Oriente che raggiunge la cifra record di 10 miliardi di euro con un incremento del 25% rispetto al 2011. L’Arabia Saudita è stata il principale paese acquirente di sistemi militari europei ed ha ottenuto autorizzazioni per oltre 4 miliardi di euro di cui 1, 6 miliardi rilasciate dalla Francia.
Sicuramente il problema non termina qui, ma a guardar bene è ancora più grave, infatti, durante la guerra fredda post seconda guerra mondiale, i politici e i giornalisti (come anche l’opinione pubblica) non facevano che avvertire ed esprimere preoccupazione per la situazione, scagliandosi con slancio pro disarmo, mentre oggi, sebbene siamo difronte a uno scenario disastroso con ben 64 stati coinvolti in guerre in atto e molte altre in preparazione, in quella che è già stata definita da molti come la più grande polveriera globale mai accumulata, nessuno sembra più preoccuparsi dell’urgenza e dell’importanza che ora più che mai potrebbe assumere una politica basata sul disarmo.
 
È qui che quindi siamo portati a farci due conti: in EU maggiori paesi esportatori di sistemi militari sono, nell’ordine, la Francia (14 miliardi di euro), la Spagna (7,8 miliardi), la Germania (4,8 miliardi), l’Italia (4,3 miliardi) e il Regno Unito (2,8 miliardi), nel loro insieme questi sei paesi hanno rilasciato più dell’80% di tutte le operazioni autorizzate dai paesi dall’Unione; tutto ciò andrebbe inserito nel contesto di una situazione economica Europea a dir poco disastrosa che sta’ “imponendo” agli stati, tagli alla spesa pubblica, civile e sociale e tasse in continua escalation, mantenendo però le spese del settore militare immuni dalla ghigliottina che le nostre popolazioni e i nostri imprenditori stanno subendo.
 
Appare ancora più difficile riuscire a parlare della settimana del disarmo in maniera positiva quando il tuo Stato decide di “comprare” i famosi Joint Strike Fighter, in gergo F-35 (costo dell’operazione tra i 13 e i 18 miliardi di euro in poco più di 40 anni) ed è ancora più difficile capire come riesca a sposarsi il concetto di acquisto di F-35 con la celebrazione della settimana del disarmo, in quanto, la caratteristica fondamentale di tali velivoli è la lorocapacità stealth ovvero la capacità di rendersi invisibili ai radar e la capacità di trasportare testate nucleari e che, quindi, pare evidente che invece rappresentino il più grande progetto di riarmo offensivo della storia come è stato definito dal movimento per il disarmo.
 
Evidentemente non sempre la storia è magistra vitae e il testo fondamentale del nostro agire sociale e politico, la Costituzione Italiana all’art 11 recita: “L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”.
Quindi le industrie della “guerra” mai come ora sembrano floride sebbene le poche aziende produttrici di questi grandi sistemi d’armi, negli ultimi vent’anni, hanno proceduto a fusioni ed alleanze anche internazionali, per tener fronte alle crescenti difficoltà dovute alla produzione di mezzi sempre più sofisticati (come per l’appunto i tanto chiacchierati droni).
Eppure, i pericoli che rappresentano le armi di distruzione di massa e l’accumulazione di armi convenzionali sono ormai esperienza più che comprovata come è stato più volte sottolineato e ricordato dal segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moonil cui primo mandato è scaduto il 31 dicembre 2011 ma che è stato riconfermato anche per il quinquennio dal 2012 al 2016.
Unica speranza è che l’appello di quest’anno, che verrà fatto durante la settimana del disarmo, riprenda quello fatto durante la giornata della Pace e che non rimanga inascoltato soprattutto dalle future generazioni.
 
Risorse:
 
Flavia Spigoli
Pubblicato in Istituzioni

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.