Il WFP cerca candidati della massima integrità e professionalità che condividano i nostri principi umanitari.

La selezione del personale viene effettuata su base competitiva e ci impegniamo a promuovere la diversità e l'equilibrio di genere.



Per opportunità simili visita la sezione: Organizzazioni Internazionali

 

Ente: La lunga esperienza del World Food Programme in contesti umanitari e di sviluppo ha posizionato bene l'organizzazione per supportare la costruzione di resilienza al fine di migliorare la sicurezza alimentare e l'alimentazione.

 

Dove: Monaco, Germania

 

Quando: dal 1/04/2020 per 11 mesi

 

Destinatari: studenti laureati

 

Scadenza: 10/03/2020

 

Descrizione dell’offerta: Gli operatori storici, riferendo al responsabile dello sviluppo aziendale, le responsabilità includono ma non si limitano a: Supportare il coordinamento degli uffici attraverso la gestione delle attività amministrative e di supporto alle attività di ufficio: supportare il regolare funzionamento dell'ufficio, compresa la configurazione dell'ufficio (locali, mobili, ufficio servizi, forniture). Gestire le attività di supporto amministrativo e commerciale per il regolare funzionamento dell'ufficio, come acquisizione di articoli, servizi, identificazione di fornitori, coordinamento di fornitori esterni, ecc. Supporto per membri del team nuovi ed esistenti nei processi locali di registrazione e richiesta di visto in Germania, supporto in lingua tedesca nelle informazioni di ricerca dell'appartamento, richieste relative al trasferimento personale. Lavora in collaborazione con l'intero team operativo dell'Accelerator e cerca costantemente di migliorare le operazioni. Supportare Bootcamp / eventi di innovazione attraverso la gestione di attività amministrative e di supporto alle attività: supportare gli aspetti amministrativi della pianificazione, organizzazione, approvvigionamento e logistica degli eventi con i membri del team e i fornitori esterni. Gestire l'organizzazione del viaggio e dei visti e le prenotazioni alberghiere, come richiesto. Manutenzione di file, documenti e registrazioni dell'ufficio in conformità con i sistemi e i processi stabiliti in modo che le informazioni siano aggiornate e prontamente disponibili per il personale.

 

Requisiti: Istruzione secondaria. Conoscenza di routine e metodi di lavoro standardizzati di supporto alle imprese. Conoscenza dei pacchetti software standard per ufficio, ad es. Microsoft Word, PowerPoint ed Excel Esperienza significativa nella gestione / coordinamento dell'ufficio in una società / organizzazione internazionale. Usa tatto e cortesia per dare e ricevere informazioni con una varietà di persone. Buona attenzione ai dettagli per gestire più attività in parallelo e supportare la pianificazione e l'implementazione degli eventi. Capacità di rispettare le scadenze e seguire istruzioni chiare. Forti capacità comunicative scritte e orali in tedesco e inglese. Esperienza di lavoro in ambienti frenetici e internazionali. Giocatore di squadra, nonché capacità di lavorare in modo indipendente e condurre singole attività di propria iniziativa. La conoscenza generale delle politiche amministrative, delle norme, dei regolamenti e delle procedure del sistema delle Nazioni Unite nel settore dell'amministrazione è un vantaggio. Conoscenza fluente del tedesco orale e scritto (livello C2) e conoscenza pratica (competenza) in inglese.

 

Retribuzione: Il WFP offre un pacchetto di compensazione competitivo che sarà determinato dal tipo di contratto e dalle qualifiche e dall'esperienza del candidato selezionato

 

Guida all’application: vai sul sito dell’offerta e clicca su “Apply” e segui la procedure per la registrazione e candidatura

 

Link utili: WFP Careers

 

Contatti Utili: WFP



a cura di Chiara D’Ambrosio

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org

Non importa se sei un uomo o una donna: la formazione aiuta uomini e donne a sviluppare le competenze di genere e ad acquisire le conoscenze e le abilità necessarie per promuovere la parità di genere nella vita e nel lavoro quotidiano.



Per opportunità simili visita la sezione: Formazione

  

Ente: La formazione per la parità di genere è una componente essenziale dell'impegno delle Nazioni Unite per la promozione della parità di genere e l'emancipazione delle donne. È un processo di trasformazione che mira a fornire conoscenze, tecniche e strumenti per sviluppare abilità e cambiamenti negli atteggiamenti e nei comportamenti. È un processo continuo ea lungo termine che richiede volontà politica e impegno di tutte le parti al fine di creare una società inclusiva, consapevole e competente per promuovere la parità di genere.

È una strategia per attuare la trasformazione individuale e collettiva verso l'uguaglianza di genere attraverso la sensibilizzazione, il potenziamento dell'apprendimento, della costruzione della conoscenza e dello sviluppo delle competenze. La formazione per la parità di genere è parte integrante della realizzazione degli impegni delle Nazioni Unite per la parità dei diritti umani per tutti.



Dove: Online

 

Quando: Circa 2,5 ore per i 3 moduli principali necessari per ricevere il certificato del corso. Gli utenti possono spostarsi attraverso i moduli tematici opzionali al proprio ritmo



Destinatari: Tutto il personale del sistema delle Nazioni Unite e altri interessati a conoscere le questioni di genere

Scadenza:  Disponibile online tutto l’anno

 

Descrizione dell’offerta:Questo corso mira a sviluppare e / o rafforzare la consapevolezza e la comprensione della parità di genere e l'emancipazione delle donne come primo passo verso il cambiamento comportamentale e l'integrazione di una prospettiva di genere nel lavoro quotidiano per tutto il personale delle Nazioni Unite a livello di quartier generale, regionale e nazionale. Fornisce un'introduzione ai concetti, al quadro internazionale e ai metodi per lavorare verso l'uguaglianza di genere e l'emancipazione delle donne. Offre inoltre agli utenti la possibilità di creare collegamenti tra genere e aree tematiche specifiche come il lavoro; formazione scolastica; partecipazione politica; emergenze; pace e sicurezza; salute sessuale e riproduttiva; diversità sessuale e di genere e diritti umani; e violenza contro le donne



Requisiti: Per visualizzare il corso sono necessarie l'ultima versione di Adobe PDF e la versione Flash. Nota che il corso si aprirà in una finestra pop-up separata, quindi assicurati che i blocchi pop-up siano disattivati. Il partecipante avrà bisogno di un set di cuffie o altoparlanti poiché il corso include l'audio durante l'intero corso.



Costi: Gratis

 

Guida all’application: Clicca su Enroll per iniziare

 

Link utili

-Pagina relativa al corso

 

Contatti Utili: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

a cura di Federica Mataluna

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org

 

Iscrizioni aperte per l'unico evento in Europa dedicato a giovani-lavoro e internazionalità: il Festival delle Carriere Internazionali 2021.

Non lasciarti sfuggire l'occasione di dare inizio alla tua carriera internazionale! L'evento patrocinato da importantissime istituzioni italiani e internazionali è un’occasione di incontro e networking tra brillanti giovani, istituzioni, società, ONG e organizzazioni internazionali, che per la sua decima edizione si terrà dal 27 al 30 marzo 2021 nella splendida cornice della città di Roma. Orientamento alle Carriere Internazionali - Simulazioni Pratiche - Incontri con Esperti del Settore - Competizioni con Migliaia di Studenti Internazionali - Opportunità per una carriera di successo- Valorizzazione del talento. Sono gli elementi chiave dell‘unico evento in Italia dedicato a GIOVANI, LAVORO E INTERNAZIONALITA’. A disposizione per l'edizione 2021 ben 150 borse di studio per i candidati più meritevoli che ne faranno domanda.

 

Ente: Giovani nel Mondo non persegue scopi di lucro, è indipendente, apolitica ed aconfessionale. L’Associazione persegue finalità formative e culturali di carattere nazionale e internazionale; si rivolge principalmente ai giovani di età compresa fra i diciotto e i trenta anni con lo scopo di affiancarli ed accompagnarli nel loro percorso di formazione e di crescita sia professionale, accademica che socio-culturale. In particolare Giovani nel Mondo promuove: manifestazioni internazionali come il famoso Festival delle Carriere Internazionali già RomeMUN, soggiorni studio all’estero, scambi culturali, gemellaggi con giovani studenti italiani e stranieri; incontri, manifestazioni, eventi atti a facilitare la partecipazione e il coinvolgimento dei giovani alle attività di enti internazionali e nazionali, pubblici e privati che operano in settori affini. In particolare  il Festival delle Carriere Internazionali è un appuntamento ormai di riferimento nel panorama dell'orientamento al lavoro e alla formazione dei giovani che aspirano ad un percorso internazionale.

 

Vuoi saperne di più? Leggi le esperienze di chi ha già partecipato e conosci i protagonisti della scorsa edizione

 

Dove: Roma, Italia presso l'Holiday Inn EUR Parco de Medici

 

Destinatari: studenti liceali, universitari o laureati

 

Quando: dal 27 al 30 marzo 2021 

 

Scadenza: Le application e le registrazioni posso essere effettuate entro il 20 dicembre 2019, ad ogni modo il progetto ha un numero di posti limitati per cui è suggerito iscriversi il prima possibile.

 

Descrizione: Il Festival è un contenitore all'interno del quale si svolgono diversi progetti in contemporaneo, i partecipanti dunque possono scegliere all’interno del Festival il percorso più adatto a loro sulla base del proprio background accademico e delle proprie aspirazioni lavorative.

4 i percorsi che i partecipanti possono scegliere:

ROME MODEL UNITED NATIONS - Simulazione delle Nazioni Unite, indicata per studenti di relazioni internazionali, scienze politiche e giurisprudenza;

ROME BUSINESS GAME - Simulazione di case studies aziendali, indicata per studenti di economia, ingegneria, marketing, informatica;

ROME PRESS GAME - Simulazione di attività giornalistiche, web, radio e televisione, indicata per studenti di comunicazione, interpretariato e traduzione, lettere e filosofia;

INTERNATIONAL CAREERS COURSE - Corso pratico di orientamento  al carriere internazionali, indicato per studenti di tutte le discipline.

L'accesso a questi 4 progetti è a numero chiuso.

Il Festival ha però anche una sezione aperta al pubblico che è la Fiera delle Carriere Internazionali, una grandissima area espositiva che è aperta sia ai partecipanti dei 4 progetti che al pubblico. La Fiera è suddivisa in un'area formazione e in un'area lavoro e consente a migliaia di giovani un incontro diretto con esperti del settore sia se alla ricerca di una formazione adeguata che se invece orientati ad uno stage e tirocinio in azienda, istituzioni internazionali e ONG.

I progetti del Festival delle Carriere Internazionali sono piuttosto complessi ed articolati e per favorire un'adeguata partecipazione è consigliabile effettuare una preparazione pre-evento.

Giovani nel Mondo offre all'interno del pacchetto di base della conference fee l'accesso ad una serie di materiali didattici che sono ovviamente differenziati sulla base del progetto al quale si partecipa nonchè una serie di webinar online pre-conferenza molto preziosi per avere un'idea più chiara dell'esperienza che si sta per vivere.

 

 

Requisiti: Possono candidarsi:

-Liceali del 4 o 5 anno;

-Studenti di Corsi di laurea triennale;

-Studenti di Corsi di laurea magistrale;

-Studenti di Master di I o II livello;

-Studenti laureati (non oltre un anno dal conseguimento del titolo);

-Dottorandi;

E' richiesto un livello B1 di inglese (in linea con gli standard europei) per partecipare al Festival.

 

È altamente suggerita agli studenti di selezionare il progetto più in linea con il proprio percorso di studio.

 

Guida all’application: La procedura da seguire è completamente automatica ed è la seguente:

APPLICATION -> EMAIL DI ACCETTAZIONE -> REGISTRAZIONE O BORSA DI STUDIO

-L’APPLICATION degli aspiranti partecipanti dovrà pervenire entro il 18 dicembre 2020.

-Se selezionati, i candidati devono compilare la Registration Form e versare la quota di adesione di 250 euro; PER I PRIMI CENTO ISCRITTI LA QUOTA è RIDOTTA A 200 EURO INVECE CHE 250.

-Per coloro i quali avessero fatto domanda di borsa di studio i risultati la deadline è l' 11 dicembre 2020.

 

Link utili:

Link per la registrazione

Festival delle carriere internazionali

RomeMUN

Rome Press Game

Rome Business Game

Corso di Orientamento alle Carriere Internazionali

 

23 giugno 2019, Roma - Il cinese Qu Dongyu è stato eletto oggi Direttore Generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO).

Qu Dongyu ha ottenuto 108 voti sui 191 espressi, il che ha costituito la maggioranza al primo turno.  

L'elezione si è svolta nel corso della 41ma sessione della Conferenza della FAO (22-29 giugno 2019), il massimo organo di governo dell'Organizzazione. 

Qu Dong Yu, nato nel 1963, è attualmente Viceministro dell'Agricoltura e degli affari rurali in Cina. 

Il suo curriculum completo è disponibile qui (pagina 15). 

Qu Dongyu sarà il nono Direttore Generale della FAO dalla fondazione dell'Organizzazione, il 16 ottobre 1945. 

Il mandato del nuovo Direttore Generale, che subentra al brasiliano José Graziano da Silva, inizierà il 1° agosto 2019 e terminerà il 31 luglio 2023. 

Direttori Generali della FAO

Dall'istituzione della FAO nel 1945 si sono succeduti otto Direttori Generali:

  • Sir John Boyd Orr, Regno Unito, 1945-1948
  • Norris E. Dodd, Stati Uniti, 1948-1954
  • Philip Vincent Cardon, Stati Uniti, 1954-1956
  • Binay Ranjan Sen, India, 1956-1967
  • Addeke Hendrik Boerma, Olanda, 1968-1975
  • Edouard Saouma, Libano, 1976-1993
  • Jacques Diouf, Senegal, 1994-2011
  • José Graziano da Silva, Brasile, 2011-2019

 

dal sito ufficiale fao.org

 

Rifugiato (o, più diffusamente, rifugiato politico): chi è fuggito o stato espulso dal suo paese originario per discriminazioni politiche, religiose, razziali o perché perseguitato, e trova ospitalità in un Paese straniero che riconosce legalmente il suo status.

 

La Giornata Mondiale del Rifugiato è stata indetta dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2001, anno in cui l’adozione della Convenzione relativa allo status dei rifugiati ha celebrato il suo 50° anniversario.
Ad oggi sono più di 70 milioni i rifugiati, richiedenti asilo e alla ricerca di un posto nel mondo che possa accoglierli, lontano dalle guerre e persecuzioni.

 

Mirvat è una di loro. Nasce ad Aleppo ed ha il sogno di diventare insegnante. La distanza che la separa da quel sogno si accorcia quando si iscrive all’università, ma è costretta ad accantonare i suoi desideri a causa della violenza della guerra che la obbliga a scappare in Libano, lasciando non solo la sua vita e il suo futuro, ma anche una città che, come lei stessa sostiene, non ritroverebbe da nessuna parte.

“La guerra è come trovarsi in casa un terremoto. Tu sai che questa casa sta cadendo, ma non puoi uscire, non puoi proteggere le persone a cui vuoi bene, non puoi proteggere la tua famiglia e i tuoi figli, e soprattutto non puoi andare avanti perché le porte sono chiuse”.

 

La sua storia continua a Ferrara, in Italia, dove lei e la sua famiglia vengono accolte tramite i corridoi umanitari. Nonostante la lontananza da casa, qui, Mirvat, ritrova la speranza: grazie ad una borsa di studio può tornare a studiare e intraprendere di nuovo la strada verso il suo sogno. “L’Università di Ferrara ha capito che dandomi la borsa di studio, mi da’ la possibilità di ricostruire un futuro.”

 

Ed è proprio per ridare un futuro, per ridare speranza e permettere di vivere e non sopravvivere che l’UNHCR, l’Agenzia ONU per i Rifugiati, e tante altre organizzazioni come l’UNRWA, l’Agenzia delle Nazioni Unite gemella dell’UNCHR, che si occupa dei rifugiati palestinesi, combattono per chiedere ai governi di cooperare e fare la loro parte per assistere i rifugiati.
La celebrazione di questa Giornata, infatti, vuole ricordare i valori e i principi sui quali si fondano gli accordi internazionali per la protezione dei rifugiati, promuovere il rispetto dei loro diritti, sostenere le Organizzazioni.
Ma anche noi abbiamo la possibilità di agire!
L’UNHCR, infatti, ha proposto alcune iniziative per coinvolgere più persone possibili, in modo tale da manifestare la nostra solidarietà in maniera concreta, scattando una foto con un cartello con scritto “#WITHREFUGEES” e postandola sui social media, o partecipando agli eventi organizzati in tutta Italia o anche incontrando un rifugiato durante una giornata a “porte aperte” dei centri di accoglienza.

 

Per ulteriori informazioni sulle iniziative di UNHCR visita il sito:

La storia di Mirvat e di tanti altri ragazzi, trovi sul sito:

 

Link utili: UNHCR

 

Contatti Utili:  

United Nations High Commissioner for Refugees

Case Postale 2500

CH-1211 Genève 2 Dépôt

Suisse.

 

Tel: +41 22 739 8111



a cura di Valeria Verna

 

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE


Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org

 

SDG Academy, piattaforma di formazione online della Sustainable Development Solutions Network (SDSN), offre 24 corsi gratuiti online aperti a tutti, in modo da sensibilizzare e formare la comunità mondiale allo sviluppo sostenibile. SDG Academy e le Nazioni Unite vogliono raggiungere i propri obiettivi entro il 2030, iscriviti subito e dai il tuo contributo!

Per altre opportunità simili visita la sezione Formazione

 

Ente: SDG Academy è la piattaforma di formazione online della Sustainable Development Solutions Network (SDSN), un'iniziativa globale per le Nazioni Unite. Sono un team di esperti in sviluppo internazionale, politica, pedagogia e produzione di contenuti, appassionato di guidare l'educazione globale allo sviluppo sostenibile. Gli obiettivi del programma di sviluppo sostenibile sono creati al fine di raggiungere un futuro migliore e più sostenibile per tutti. Affrontano le sfide globali che affrontiamo, comprese quelle legate alla povertà, alla disuguaglianza, al clima, al degrado ambientale, alla prosperità, alla pace e alla giustizia. Gli obiettivi sono interconnessi e per non lasciare indietro nessuno, è importante che si raggiunga ogni obiettivo entro il 2030.

Dove: in tutte le parti del mondo

 

Quando: I corsi online di SDG Academy sono sempre aperti, i nuovi corsi erogati  inizieranno a breve



Destinatari: i corsi online di SDG Academy sono rivolti a tutti coloro abbiano interesse per lo sviluppo sostenibile e le politiche delle Nazioni Unite



Scadenza: open



Descrizione dell’offerta: SDG Academy offre 24 corsi online gratuiti, in cui la persona interessata, potrà scegliere l’ambito d’interesse riguardo lo sviluppo sostenibile. Ad ogni corso lo studente sarà affiancato da uno degli esperti di sviluppo sostenibile che collaborano con SDG Academy e con le Nazioni Unite. Ogni singolo avrà una propria durata e differenti materiali e differenti obiettivi. In particolare si affrontano temi riguardo le problematiche legate alla povertà, alla disuguaglianza, al clima, al degrado ambientale, alla prosperità, alla pace e alla giustizia. Per scoprire i corsi, clicca qui.



Requisiti: per iscriversi ai corsi gratuiti online di SDG Academy non è necessario avere alcun requisito specifico. Il requisito più importante e fondamendale per partecipare è l'interesse e la condivisione dei temi affrontati, per un mondo migliore.



Costi/Retribuzioni: i corsi online di SDG Academy sono interamente gratuiti



Guida all’application: per iscriversi al corso online d’interesse è necessario registrarsi al sito e fare l’application online



Link utili:

Corsi Online SDG Academy
About SDG Academy
Obiettivi Sviluppo Sostenibile              

       

Contatti Utili:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

a cura di Sara Girelli

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org





Nuova deadline per iscriversi all'unico evento in Europa dedicato a giovani-lavoro e internazionalità: il Festival delle Carriere Internazionali 2019.

Non lasciarti sfuggire l'occasione di dare inizio alla tua carriera internazionale! C'è tempo fino al 25 Gennaio! L'evento patrocinato da importantissime istituzioni italiani e internazionali è un’occasione di incontro e networking tra brillanti giovani, istituzioni, società, ONG e organizzazioni internazionali, che per la sua decima edizione si terrà dal 9 al 12 marzo 2019 nella splendida cornice della città di Roma. Orientamento alle Carriere Internazionali - Simulazioni Pratiche - Incontri con Esperti del Settore - Competizioni con Migliaia di Studenti Internazionali - Opportunità per una carriera di successo- Valorizzazione del talento. Sono gli elementi chiave dell‘unico evento in Italia dedicato a GIOVANI, LAVORO E INTERNAZIONALITA’. In occasione della sua decima edizione tante novità che renderanno l'evento ancora più speciale e unico del solito, a disposizione per l'edizione 2019 ben 250 borse di studio per i candidati più meritevoli che ne faranno domanda.

 

Ente: Giovani nel Mondo non persegue scopi di lucro, è indipendente, apolitica ed aconfessionale. L’Associazione persegue finalità formative e culturali di carattere nazionale e internazionale; si rivolge principalmente ai giovani di età compresa fra i diciotto e i trenta anni con lo scopo di affiancarli ed accompagnarli nel loro percorso di formazione e di crescita sia professionale, accademica che socio-culturale. In particolare Giovani nel Mondo promuove: manifestazioni internazionali come il famoso Festival delle Carriere Internazionali già RomeMUN, soggiorni studio all’estero, scambi culturali, gemellaggi con giovani studenti italiani e stranieri; incontri, manifestazioni, eventi atti a facilitare la partecipazione e il coinvolgimento dei giovani alle attività di enti internazionali e nazionali, pubblici e privati che operano in settori affini. In particolare  il Festival delle Carriere Internazionali è un appuntamento ormai di riferimento nel panorama dell'orientamento al lavoro e alla formazione dei giovani che aspirano ad un percorso internazionale.

 

Vuoi saperne di più? Leggi le esperienze di chi ha già partecipato e conosci i protagonisti della decima edizione

 

Dove: Roma, Italia. Per la decima edizione è prevista anche la possibilità di aderire ad una Crociera di formazione pre-evento nel Mediterraneo sulla bellissima Costa Diadema.

 

Destinatari: studenti liceali, universitari o laureati

 

Quando: dal 9 al 12 marzo 2019 (la crociera pre-evento si svolgerà dal 1 all'8 marzo 2019)

 

Scadenza: Le application e le registrazioni posso essere effettuate entro il 25 gennaio 2019.

Per coloro i quali avessero fatto domanda di borsa di studio i risultati saranno disponibili intorno al 10 Gennaio 2019.

Per chi avesse già pagato per intero la quota di adesione al festival ricordiamo che c'è tempo fino al 25 gennaio per prenotare il pacchetto alloggio presso lo Sheraton Parco de Medici che è anche la sede principale dell'evento.

 

 

Descrizione: Il Festival è un contenitore all'interno del quale si svolgono diversi progetti in contemporaneo, i partecipanti dunque possono scegliere all’interno del Festival il percorso più adatto a loro sulla base del proprio background accademico e delle proprie aspirazioni lavorative.

4 i percorsi che i partecipanti possono scegliere:

ROME MODEL UNITED NATIONS - Simulazione delle Nazioni Unite, indicata per studenti di relazioni internazionali, scienze politiche e giurisprudenza;

ROME BUSINESS GAME - Simulazione di case studies aziendali, indicata per studenti di economia, ingegneria, marketing, informatica;

ROME PRESS GAME - Simulazione di attività giornalistiche, web, radio e televisione, indicata per studenti di comunicazione, interpretariato e traduzione, lettere e filosofia;

INTERNATIONAL CAREERS COURSE - Corso pratico di orientamento  al carriere internazionali, indicato per studenti di tutte le discipline.

L'accesso a questi 4 progetti è a numero chiuso.

Il Festival ha però anche una sezione aperta al pubblico che è la Fiera delle Carriere Internazionali, una grandissima area espositiva che è aperta sia ai partecipanti dei 4 progetti che al pubblico. La Fiera è suddivisa in un'area formazione e in un'area lavoro e consente a migliaia di giovani un incontro diretto con esperti del settore sia se alla ricerca di una formazione adeguata che se invece orientati ad uno stage e tirocinio in azienda, istituzioni internazionali e ONG.

I progetti del Festival delle Carriere Internazionali sono piuttosto complessi ed articolati e per favorire un'adeguata partecipazione è consigliabile effettuare una preparazione pre-evento.

Giovani nel Mondo offre all'interno del pacchetto di base della conference fee l'accesso ad una serie di materiali didattici che sono ovviamente differenziati sulla base del progetto al quale si partecipa nonchè una serie di webinar online pre-conferenza molto preziosi per avere un'idea più chiara dell'esperienza che si sta per vivere.

Per il decimo anniversario però GnM ha deciso di offrire ai propri soci un'opportunità ulteriore ovvero la possibilità di seguire un percorso di formazione dal vivo pre-conferenza. Si tratterà di una serie di incontri di approfondimento sia sull'aspetto pratico-procedurale dell'evento che sulle carriere internazionali in genere così da rendere maggiormente consapevoli i partecipanti e dunque meglio pronti ad affrontare con soddisfazione l'esperienza finale di partecipazione al Festival.

Questo percorso di formazione si terrà inoltre all'interno di una cornice unica: la bellissima nave Costa Diadema, grazie alla partneship con la società Costa Crociere. Trattandosi di un Festival delle Carriere Internazionali GnM ha deciso di proporre un viaggio tra alcune delle città più belle del mediterraneo nella settimana antecedente al Festival. Durante la settimana di viaggio sarà possibile partecipare ogni giorno ad una sessione di 3 ore di preparazione strutturata ad hoc per l'evento conclusivo del Festival. Inoltre i partecipanti avranno la possibilità di vivere gli innumerevoli servizi offerti da Costa Diadema e visitare città meravigliose come: Savona-Marsiglia-Barcellona-Palma de Maiorca e Palermo, tutte destinazioni che nei secoli sono state teatro di scambio di culture, tradizioni, storia, commercio e collaborazioni tra stati e nazioni diverse.

Per la prima volta dunque il Festival si fa itinerante e oltre all'esperienza romana i partecipanti interessati potranno aderire anche alla settimana di formazione-viaggio pre-evento.

 

Requisiti: Possono candidarsi:

-Liceali del 4 o 5 anno;

-Studenti di Corsi di laurea triennale;

-Studenti di Corsi di laurea magistrale;

-Studenti di Master di I o II livello;

-Studenti laureati (non oltre un anno dal conseguimento del titolo);

-Dottorandi;

E' richiesto un livello B1 di inglese (in linea con gli standard europei) per partecipare al Festival. Sarà necessario caricare un certificato di lingua o fare il test d'inglese online fornito dai nostri partner.

-Certificato di lingua: Sarà richiesto di uploadare il certificato nell'area riservata che proverà il proprio livello di inglese. E' possibile caricarne sia uno fornito da un'istituzione di lingua inglese che dalla propria università,

-Test di inglese online: Se non avete un certificato, dovrete fare un test di inglese online (sarà possibile accedere al test tramite l'application form) che durerà circa 30 minuti. Una volta completato, il risultato sarà mandato al vostro indirizzo e-mail, la mail in questione andrà caricata nella propria area riservata come screenshot o pdf.

È altamente suggerita agli studenti di selezionare il progetto più in linea con il proprio percorso di studio.

 

Guida all’application: La procedura da seguire è completamente automatica ed è la seguente:

APPLICATION -> TEST DI INGLESE -> REGISTRAZIONE O BORSA DI STUDIO

-L’APPLICATION degli aspiranti partecipanti dovrà pervenire entro il 25 gennaio 2019. (Per gli studenti che devono sostenere il test di lingua inglese dovrà arrivare contestualmente, ovvero entro il 25 gennaio, anche la copia del pagamento dei €15,00 di quota associativa).

-Se selezionati, i candidati devono compilare la Registration Form e versare almeno un primo acconto di €150 entro e non oltre 7 giorni dalla ricezione della mail di accettazione al progetto (comunque non oltre il 25 gennaio 2019);

-Il saldo della quota di adesione per coloro che si saranno regolarmente registrati dovrà pervenire entro il 25 gennaio 2018;

-Per coloro i quali avessero fatto domanda di borsa di studio i risultati saranno disponibili intorno al 10 Gennaio 2019

Link utili: Festival delle carriere internazionali

RomeMun

Rome press game

Rome business game

Corso del orientamento

Fiera

 

Link per la registrazione

Il RomeMUN è una tra le più grandi simulazioni dell’operato delle Nazioni Unite in tutta Europa, coinvolgendo giovani leaders da differenti paesi del mondo in un forum, dove questi stessi dibattono ed affrontano situazioni, venendo coinvolti in quelle crisi attuali che la Comunità Internazionale si trova ad affrontare.Essi cercano di trovare soluzioni innovative per risolvere questioni controverse nello stesso scenario reale delle relazioni internazionali a livello mondiale. La sede dell’evento sarà Roma, città eterna, da cui l’impero Romano ha governato tutte le sue province per secoli. I Fori Imperiali creano ancora oggi un’atmosfera affascinante che circonda l’intera città e gli eventi che vi prendono parte all’interno.

In questo scenario incomparabile, il RomeMUN celebrerà nel Marzo 2019 il suo 10° anniversario, il quale sarà un’occasione unica per affrontare una conferenza così importante nel migliore dei modi possibile. Questo Model United Nation sarà parte del più grande Festival delle Carriere Internazionali, evento coinvolgente giovani menti brillanti, istituzioni, Imprese, ONG, ed Organizzazioni Internazionali. La 4° edizione del Festival delle Carriere Internazionali si terrà dal 9 al 12 Marzo 2019 a Roma, ed includerà oltre al Model of United Nations anche il Rome Press Game, il Rome Business Game ed un corso concentrato sulle carriere internazionali.

L’evento si terrà sotto il patrocinio ed il supporto delle più grandi Istituzioni internazionali locate a Roma, come Agenzie delle Nazioni Unite e i funzionari del Governo. Il Model of United Nations realizza l’incontro, tra più di 2000 studenti provenienti da tutto il mondo ed ospiti prestigiosi, mediante un approccio finalizzato a favorire un grande coinvolgimento ed un dibattito tra giovani sulle tematiche Internazionali attuali, sulle linee degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs). Il principale obiettivo infatti, consiste nel fornire uno scenario pratico su cui poter svolgere attività di Public Speaking e Negoziazione, affinare le proprie abilità nella Leadership e nel Team Building, ed infine ottenere la capacità di redigere documenti ufficiali, in un ambiente multiculturale con altri partecipanti provenienti da più di 100 paesi!

Ogni simulazione necessita della cooperazione di un grande gruppo di persone che presiede e gestisce i Comitati che verranno presentati e che guida i delegati verso gli obiettivi ambiti dalla nostra conferenza. Questo ruolo fondamentale dell’evento viene svolto dai Chairs/Officials; motivo per cui, annunciamo l’apertura del bando di selezione per queste posizioni per l’edizione prossima del RomeMUN.

I compiti principali richiesti a coloro che ricoprono il ruolo di Chairs/Officials sono:

  • Rappresentare il RomeMUN durante l’evento,
  • Promuovere la conferenza e contattare MUN clubs, o altri MUNs per ottenere partnership ed invogliare delegazioni a partecipare,
  • Redigere le Study Guides riguardanti il proprio comitato , il Topic principale ed eventuali Subtopics,
  • Prendere parte a tre sessioni online (Webinars) a Febbraio per entrare in contatto con i delegati e risolverne eventuali dubbi,
  • Presiedere le sessioni del proprio Comitato durante la conferenza a Roma (9-12 Marzo 2019).

Di seguito i benefici garantiti a coloro che rivestiranno il ruolo di Chair e Officials:

  • Copertura dei costi della conferenza, inclusi pranzi durante i giorni della conferenza, del servizio Navetta da e verso il luogo della conferenza, della partecipazione a tutti gli eventi sociali, e dei materiali utili alla conferenza, etc.
  • Permanenza gratuita dall’8 al 12 Marzo in uno degli Hotel convenzionati con l’evento, in una camera doppia, con colazione Continentale inclusa
  • Rimborso parziale del biglietto A/R aereo o del treno utilizzato per raggiungere Roma, in base allo Stato da cui si proviene.

La scadenza per la sottoscrizione delle domande per la candidatura in questi ruoli scade il 2 Settembre, 2018 23:59 GMT -11. Per sottoscrivere la domanda, è necessario:

Ricorda che entrambi i passaggi sono essenziali perché la candidatura venga considerata valida.

La prima selezione si baserà sulle domande ricevute. I candidati selezionati verranno contattati verso la metà del mese di Settembre per organizzare una chiamata Skype con l’obiettivo di conoscere meglio il candidato, le motivazioni che lo spingono a partecipare e la sua esperienza nel campo.

Preghiamo i candidati, quindi, di non comunicare con il Segretariato, salvo l’esistenza di dubbi, poiché solo le domande sottoscritte nella forma ed entro il termine prescritto saranno prese in considerazione, NON via mail. Ad ogni modo, se si desidera alcuna delucidazione circa il procedimento o una qualsiasi parte del modulo da compilare, siete pregati di contattare il Segretario Generale Pablo Sánchez Rodríguez. PERKRAUSTYMO PASLAUGOS VILNIUJE IR VISOJE LIETUVOJE: Saugus krovinys

Contatti:

Pablo Sánchez Rodríguez

Secretary General of RomeMUN 2019

+34 685216118

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le Nazioni Unite sono state fondate il 24 ottobre 1945 da 51 nazioni impegnate a preservare la pace e la sicurezza collettiva grazie alla cooperazione internazionale e determinate a prevenire l’eventuale verificarsi di conflitti. Oggi ne fanno parte 193 Stati.

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha, secondo lo statuto, la responsabilità del mantenimento della pace e della sicurezza internazionali e può essere convocato in qualunque momento, ogni qual volta la pace venga minacciata. È composto da 15 membri. Cinque di essi sono membri permanenti, ossia Cina, Francia, Federazione Russa, Regno Unito e Stati Uniti, mentre gli altri 10 vengono eletti dall'Assemblea con un mandato biennale. Tutti gli Stati Membri sono tenuti a rispettare le decisioni del Consiglio secondo lo Statuto dell’ONU che per essere approvate richiedono una maggioranza di almeno nove voti. Nessuna decisione può essere presa nel caso in cui un voto negativo, o veto, venga espresso da un membro permanente. Oltre ai membri permanenti, il Consiglio prevede la partecipazione di dieci membri non permanenti eletti in rappresentanza dei paesi membri ONU. I dieci membri non permanenti sono eletti con un mandato di due anni. La presidenza del Consiglio di Sicurezza è detenuta da ciascuno dei membri a loro volta per un mese seguendo l’ordine alfabetico inglese dei nomi degli Stati membri.

Il mese di novembre 2017, l’Italia ha assunto la Presidenza dopo 9 anni.

L’Italia ha aderito all’ONU il 14 dicembre del 1955. Nel corso degli anni ha contribuito con determinazione all’elaborazione delle Risoluzioni dell’Assemblea Generale e del Consiglio di Sicurezza che hanno dato vita a grandi innovazioni sul piano delle norme internazionali. Le campagne in favore della moratoria della pena capitale, quelle per promuovere l’uguaglianza di genere e i diritti delle donne e delle bambine, le battaglie contro ogni forma di discriminazione religiosa e in favore della libertà di opinione, sono alcuni dei temi che hanno visto impegnato il nostro Paese. Ha inoltre condiviso le responsabilità che derivano dalla sicurezza collettiva, ricoprendo già in precedenza per sei volte il ruolo di membro non permanente del Consiglio di Sicurezza e partecipando alle operazioni di pace e il primo novembre ha avuto inizio il mese di Presidenza dell’Italia del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

L’agenda della Presidenza italiana è particolarmente ricca. Tra gli appuntamenti principali, il briefing sulla Libia (16 novembre) e quello sulle sfide di sicurezza nel Mediterraneo (17 novembre), presieduti dal ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano e vedranno la partecipazione, rispettivamente, del Segretario Generale Guterres e del Rappresentante Speciale ONU per la Libia, Salamè.

L’Italia ha fondato la propria candidatura sul contributo che ha dato ed è in grado di continuare ad offrire alla comunità internazionale: sulla sua capacità di mediazione, di attività di prevenzione dei conflitti e promozione del dialogo come strumento principale per la loro risoluzione; impegno nelle operazioni di pace ONU; conoscenza del Mediterraneo e delle sue dinamiche, un’area destinata a restare anche ancora per molto al centro della politica internazionale; promozione dei diritti umani, delle libertà fondamentali e dello Stato di diritto.

Il 30 novembre avrà luogo un briefing sul tema della “Distruzione e traffico di beni culturali da parte di gruppi terroristici in situazioni di conflitto armato”, ma numerosi sono gli appuntamenti la cui trattazione, sulla base della periodicità sancita dal Consiglio, cade a novembre. Si tratta, principalmente, di un aggiornamento su diverse situazioni – Paese: Repubblica Centrafricana, Bosnia Erzegovina, Kosovo, Sudan/Darfur, Libia, Burundi, Iraq, Sahara Occidentale, Sud Sudan, Libano, Siria (nei tre filoni: armi chimiche, umanitario, e politico), Medio Oriente, cui si aggiunge la discussione sulle sanzioni nei confronti della Corea del Nord.

L’Italia resterà membro non permanente per tutto il 2017, mentre nel 2018 lo diventerà l’Olanda: i due Paesi, infatti, dividono in questo modo il mandato per il biennio 2017 – 2018, avendo raggiunto una posizione di parità nell’elezione del giugno 2016.

 

Daniela Esposito e Martino Ruino

Dalle prime settimane di agosto la vita della comunità internazionale è stata caratterizzata da un clima infuocato non dovuto alle alte temperature che hanno caratterizzato la stagione estiva appena passata, bensì alla continua escalation di tensione tra il regime nordcoreano di Kim Jong-un e gli Stati Uniti d’America del presidente Donald Trump. Non è la prima crisi che si apre tra i due paesi e probabilmente non sarà nemmeno l’ultima, semmai sono le azioni portate avanti e i toni duri e violenti, soprattutto arroganti, utilizzati dai leader politici che destano preoccupazione nelle diplomazie e negli esecutivi dei maggiori paesi del mondo. Si è assistito in questi mesi ad una intraprendenza crescente delle provocazioni del regime di Pyongyang che, oltre ai soliti test minori che riversano razzi nel mar del Giappone, è riuscita a lanciare con successo due missili balistici intercontinentali, che hanno addirittura sorvolato la prefettura nipponica di Hokkaido per inabissarsi nell’oceano Pacifico. A queste rischiose prove di forza si è affiancata la detonazione di un ordigno nucleare all'idrogeno, ultimo e più potente test condotto dalla Corea del Nord. Una prova di muscoli senza precedenti da parte di Kim Jong-un volta ad avvertire il nemico d’oltreoceano che il programma nucleare è in uno stadio avanzato e che il possesso della bomba H da parte del regime non è più un’ipotesi così improbabile. Da parte americana gli ultimi test, nonostante i numerosi dubbi sull'effettivo potenziale dei missili di Pyongyang, sono l’ulteriore conferma che il pericolo per il territorio americano, isole caraibiche e base militare di Guam in primis, è concreto e il nemico non può essere più sottovalutato. Infatti, la risposta americana non si è fatta attendere: esercitazioni militari congiunte con l’esercito sudcoreano, bombardamenti di confine e simulazioni di “guerra lampo”. Un dialogo composto da continue prove di forza e poca diplomazia che tiene con il fiato sospeso il mondo. Un clima di tensione tipico della Guerra Fredda, una situazione a livello internazionale già vista ma una realtà nuova per le generazioni nate dopo la caduta del muro di Berlino. Nonostante i numerosi conflitti che affliggono il mondo, il rischio di una guerra nucleare è stato secondario rispetto a conflitti regionali, con un sempre maggiore e più diffuso impegno internazionale contro la proliferazione degli armamenti nucleari e la costante ricerca di una soluzione diplomatica. Così, quasi con tragica ironia, uno degli strascichi non risolti della Guerra Fredda, ovvero la Guerra di Corea chiusa con l’armistizio del 1953, torna prepotentemente a minacciare la stabilità del mondo e la vita delle generazioni nate tra fine anni ‘90 e l’inizio del nuovo millennio. In ogni caso, la questione attorno alla penisola coreana è estremamente complessa, un enorme puzzle di deboli alleanze e finti “amici”. Abbiamo da una parte Russia e Cina alleati della Corea del Nord e impegnati negli ultimi mesi in un balletto alternato tra condanna alle imprevedibili, irritanti azioni di Kim e continuo rifiuto di soluzioni militari contro il regime; alleati di cui nemmeno Pyongyang si fida, ma ai quali non può in nessun modo rinunciare dato che il 98% del fabbisogno energetico nazionale della Corea del Nord è sostenuto proprio dal petrolio russo e cinese. Dall'altra parte ci sono Corea del Sud e Giappone schierati al fianco di Washington; nonostante la solidità dei rapporti fra i tre Paesi, anche tra quest’ultimi iniziano a serpeggiare i timori per l’effettiva capacità difensiva dello scudo antimissilistico americano e sulla capacità dell’esecutivo USA di risolvere la crisi. Dato il delicato equilibrio geopolitico che si concentra attorno al trentottesimo parallelo, sarebbe necessario avere leader politici capaci di far prevalere la diplomazia, scelta non sempre immediata. Il linguaggio duro ed estremo di Kim Jong-un e le reazioni del Presidente americano sembrano sfuggire alle logiche diplomatiche. Dall'inizio della crisi, Donald Trump ha tempestato l’opinione pubblica americana e mondiale con tweet e comunicati stampa, evocando spesso una soluzione militare di “furia e fuoco” per la Corea del Nord. Un atteggiamento che complica notevolmente la possibilità di una soluzione diplomatica; molto spesso, infatti, lo stesso Presidente USA è stato smentito o ridimensionato da contro interviste di generali e membri del suo staff presidenziale. Il punto più basso nella crisi è stato raggiunto nel Palazzo di vetro dell’ONU a New York, ovvero il luogo istituzionale delegato alle soluzioni diplomatiche.  Il Presidente Trump nel suo intervento del 19 settembre presso l''Assemblea Generale ONU  ha proseguito la sua linea comunicativa tesa a creare tensione e ad affermare la supremazia militare americana.

Dunque, lo scenario presentato dalla crisi coreana resta preoccupante, A volte si ha quasi l'impressione di una incertezza tale per cui  una singola incomprensione o un singolo incidente possano deflagrare in un conflitto senza precedenti, data soprattutto la minaccia dell’uso dell’arsenale nucleare da parte di entrambi gli schieramenti.

La soluzione diplomatica è l’unica via da perseguire, ma per arrivare a tale soluzione serve moderatezza politica e buon senso, elementi che purtroppo sembrano mancare in questa fase.

Di Gregory Marinucci

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.