L'Agenzia dell'Unione Europea per l'Immigrazione offre internship retribuite per studenti e laureati presso i suoi uffici di Tallin. Se sei interessato alle politiche europee e migratorie, questa è l'opportunità che fa per te!
 

Per altre opportunità simili visita la sezione Europa

  

Ente: EU-Lisa è l'Agenzia europea per la gestione operativa dei grandi sistemi IT nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia (eu-LISA), un'agenzia dell'Unione europea di recente costituzione volta a fornire una soluzione a lungo termine per la gestione operativa dei sistemi IT su larga scala, strumenti essenziali per l'attuazione delle politiche di asilo, gestione e migrazione delle frontiere dell'UE
 
 
Dove: Tallin, Estonia
 
 
Destinatari: studenti o laureati che abbiano completato almeno tre anni di università
 
 
Durata: da 3 a 12 mesi
 
 
Scadenza: non specificato
 
 
Descrizione offerta: la risorsa selezionata per la posizione di internship con eu-LISA contribuirà attivamente alle attività dell'agenzia volte allo studio delle politiche migratorie dell'Unione Europea e alle possibili proposte risolutive, in un ambiente giovane, multi-culturale e di sicura utilità per la crescita professionale e personale
 
 
Requisiti: i requisiti necessari per poter inviare la candidatura per la posizione di internship con eu-LISA sono:
 
- cittadinanza di uno dei Paesi dell'Unione Europea
- buona conoscenza dell'inglese
 
 
Retribuzione: prevista ma non specificata
 
  
Guida all’application: l'application form debitamente completata dovrà essere inviata tramite e mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
Info utili: con oltre mezzo milione di abitanti, Tallinn non è propriamente una metropoli, ma offre tutto ciò che si può desiderare senza dover coprire grandi distanze e con il grande vantaggio di un traffico mai intenso. La Città Vecchia medievale di Tallinn è conosciuta ovunque nel mondo per l'autenticità della sua architettura anseatica, con strade acciottolate e antichi edifici risalenti all'XI secolo. Infinite gallerie e musei vi aspettano, prima di una doverosa pausa in qualche accogliente caffè o ristorante del centro. Imperdibili sotto Natale sono i mercatini dell'artigianato a cielo aperto, dove si trova sicuramente un pensiero sfizioso per amici e parenti. In circa 5 minuti a piedi dalla Città Vecchia si può raggiungere il dinamico centro economico e finanziario di Tallinn: grattacieli in vetro e acciaio, hotel all'avanguardia, centinaia di ristoranti e bar, banche e centri commerciali per lo shopping. Qui c'è veramente tutto quello che ci si aspetta da una moderna capitale europea, facile da raggiungere e conveniente nei prezzi
 

Contatti utili: la contact form è reperibile qui
 
 
Link:
 
 
A cura di Ludovica Mango
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
 
LA REDAZIONE
 
 
 
 
Il mondo in cui viviamo è un mondo sempre più interconnesso in cui un ruolo fondamentale è giocato dall'apparato massmediologico e informativo. Per questo motivo all'interno del progetto del RomeMUN, la simulazione diplomatica che da anni forma migliaia di studenti da tutto il mondo, è nata l'esigenza di dare spazio a questo aspetto sempre più centrale all'interno del vasto mondo delle relazioni internazionali. Dal 2012 il Model United Nations di Roma è seguito dalle più importanti emittenti di tutto il mondo. Da quest'anno l'interesse e la passione per il mondo dell'informazione e del giornalismo hanno permesso la creazione del Rome Press Game, il primo caso al mondo di una simulazione di attività giornalistiche sia multimediali che di carta stampata, che durerà per i quattro giorni di lavoro del MUN. Il tutto sotto gli occhi di esperti del settore e redazioni vere e proprie, negli scorsi anni sono intervenuti tra gli altri Erik Salerno del Messaggero, Alessandro Politi di Limes e Emanuela del Re Presidente di EPOS (International Mediating and Negotiating Operational Agency).
 
I partecipanti al Rome Press Game saranno divisi in due macro gruppi di lavoro, uno in lingua italiana e l'altro in lingua inglese. I gruppi saranno i seguenti: redazione giornalistica online, redazione televisiva, redazione radiofonica e team di traduttori. I posti disponibili sono 200, riservati a studenti italiani, europei ed extraeuropei. Il progetto ha già ricevuto il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti e della nota rivista Limes a conferma dell’alto valore formativo del progetto. Il Rome Press Game è organizzato da Giovani nel Mondo e da carriereinternazionali.com. I protagonisti della simulazione lavorano già alacremente all'organizzazione.
 
Ma perché partecipare al Rome Press Game?
Nel mondo delle relazioni internazionali il ruolo dell'informazione è sempre più centrale. Non solo per quanto riguarda l'aspetto giornalistico, ma anche quello della comunicazione istituzionale, come ci racconta il responsabile della comunicazione per UNICEF Italia. La simulazione del Press Game in particolare, con l'approccio learning by doing, ha lo scopo di far acquisire ai partecipanti una serie di conoscenze nell'ambito di tutti gli aspetti del giornalismo. Il ruolo dell'informazione nelle relazioni internazionali non si esaurisce però solo con la cronaca giornalistica. Negli ultimi anni il ruolo dei comunicatori istituzionali e non, ha subito una forte impennata. Addetti uffici stampa ed esperti di comunicazione sono sempre più richiesti sia da governi che organizzazioni non governative per fronteggiare le numerose sfide di questo secolo. Negli ultimi anni un ruolo fondamentale è giocato dai social network, che si stanno sempre più configurando come il futuro dell'informazione e della comunicazione. Il giornalismo e il mondo dei comunicatori in generale, sono sempre più influenzati da questi strumenti online che hanno rivoluzionato il modo stesso di fare informazione. Durante il Rome Press Game inoltre i partecipanti avranno anche modo di strutturare delle campagne di comunicazione per note agenzie non governative, come Unicef Italia ad esempio e queste stesse campagne saranno messe poi realmente in pratica dalle agenzie coinvolte nel progetto.
 
Il lavoro giornalistico non è il solo possibile nell'ambito comunicativo, c'è molto di più. In un mondo sempre più interconnesso e globalizzato, il ruolo dei traduttori e degli esperti in comunicazione è diventato di fondamentale importanza. La conoscenza delle lingue, soprattutto di quelle rare, è ormai un asset fondamentale per chi vuole occuparsi di informazione. La comunicazione istituzionale è allo stesso modo necessaria. Sia il lavoro del traduttore che del comunicatore di professione, sono complementari all'attività giornalistica propriamente detta, così come di primaria importanza è la conoscenza degli strumenti informatici e dei social network che pian piano si stanno sostituendo all'informazione massmediologica classica.
 
Partecipare al Rome Press Game, costituisce un'esperienza nodale non solo per quanti aspirano ad intraprendere una carriera giornalistica, ma anche per tutti coloro che magari con un background incentrato sulla conoscenza delle lingue o della comunicazione, vogliono confrontarsi e avere la possibilità di partecipare all'unica simulazione di questo genere all'interno dei Model United Nations. La simulazione si svolgerà in diversi momenti con una preparazione pre-conferenza teorica e pratica nel corso della quale verrà fornito il materiale didattico adeguato. Tutti i partecipanti saranno poi affiancati da Tutor, junior e senior, già inseriti nel mondo del giornalismo, delle radio e della televisione, ma anche della traduzione e della comunicazione. Il Rome Press Game inoltre è parte del Festival delle Carriere Internazionali un grande evento di orientamento pratico al lavoro per giovani pieni di voglia di mettersi in gioco in un contesto internazionale, i partecipanti dunque oltre a simulare il lavoro di giornalisti-traduttori ed addetti stampa potranno anche seguire workshops, seminari e tavole rotonde sulle soft skills, elemento ormai fondamentale da inserire in un cv internazionale.
Il Rome Press Game come tutti i progetti del Festival delle Carriere Internazionali mette in palio 20 borse di studio a copertura totale per i migliori candidati che ne faranno domanda e inoltre premierà i migliori partecipanti con opportunità pratiche di lavoro come la possibile visita lavoro agli uffici di comunicazione della portavoce del famoso Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite, o l’opportunità di entrare nella redazione di carriereinternazionali.comPartecipare è un'ottima occasione sia per quanti coltivano la passione per il giornalismo, sia per quanti invece hanno un'interesse per la comunicazione, ma che ancora sono indecisi sul proprio futuro lavorativo. Prendere parte al Rome Press Game può costituire un'importante passo verso la scelta della carriera che più fa per te!


Per ulteriori informazioni sul progetto scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamare 0689019538
 
Alessio Caschera
REDRESS è alla ricerca di traduttori volontari nelle lingue Francese, Arabo e Spagnolo. Se hai padronanza delle lingue e vuoi dare una mano per i diritti umani, candidati al più presto!
 
Ente: REDRESS è un'associazione che si occupa di diritti umani. La sua missione è, in particolare, quella di fornire assistenza ai sopravvissuti alle pratiche di tortura per ottenere giustizia. Fondata nel 1984, ad oggi, è presente in numerosi progetti e il suo contributo è stato spesso determinante per aiutare le vittime di soprusi a riottenere la dignità
 
Dove: Da remoto
 
Destinatari: Coloro in possesso dei requisiti linguistici
 
Durata: Il lavoro si svolge su base volontaria. Ogni volta che ci sarà necessità di una traduzione, il volontario verrà contattato.
 
Scadenza: Non specificato
 
Descrizione offerta: La posizione come volontario per le traduzioni richiede un costante impegno. Gli interessati, qualora selezionati, prenderanno parte ai progetti e alle iniziative dell'associazione nell'ambito delle traduzioni e della consulenza linguistica qualora richiesto
 
Requisiti:
-Ottima conoscenza della lingua inglese
-Ottima conoscenza delle lingua francese/spagnola/araba
-Buone doti comunicative
-Condividere i valori alla base dell'associazione
 
Retribuzione:Non prevista
 
Documenti richiesti: Curriculum Vitae e Cover Letter
 
Guida all’application: Gli interessati potranno inviare la documentazione all'indirizzo e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Info utili: La posizione come traduttore volontario è perfetta per chi desidera dare il suo contributo nel delicato mondo di lotta contro i soprusi e la tortura. Per maggiori informazioni sulla posizione di volontario e dei progetti di REDRESS si può contattare l'ente tramite il suo indirizzo e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Contatti utili:
Per contattare l'ente si può compilare il form al seguente link
 
Link:
 
A cura di Alessio Caschera
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente. LA REDAZIONE
 
 
 
 
Il Dibattito sui Diritti umani è sempre di maggiore attualità e pone sempre nuove questioni di tipo etico e morale. Oggi, alla luce dei nuovi problemi legati a queste tematiche, carriereinternazionali.com dedica un approfondimento in relazione alle connessioni con il problema dell'immigrazione e dei rifugiati e richiedenti asilo di tutelare il diritto alla vita. Nella prossima tappa del Carriere Internazionali In Tour a Napoli si discuterà proprio della formazione per lavorare nel settore.I diritti umani si configurano come garanzie giuridiche universali, poste a garanzia di individui e gruppi contro azioni a danno delle libertà fondamentali. La tutela dei diritti inalienabili dell'individuo è sancita dalla Dichiarazione universale dei diritti umani, documento promosso dalle Nazioni Unite firmato a Parigi il 10 dicembre del 1948. La Dichiarazione universale dei diritti umani è un codice etico di fondamentale importanza, frutto di un percorso che, partito dal Bill of Rights britannico del 1689, arriva fino a noi. Secondo la definizione originaria, i diritti umani sono: universali, inalienabili, interconnessi, interdipendenti e indivisibili. Ciò significa i diritti umani devono realizzarsi in ogni situazione, a prescindere dalle condizioni politiche, economiche, sociali e geografiche in cui si trovino gli esseri umani. La novità assoluta introdotta dalla Dichiarazione universale delle Nazioni Unite sta proprio nell'universalità di questo principio che, travalicando le frontiere statuali, si erge come guida dell'azione di qualsiasi governo o organizzazione.
 
Ci poniamo quindi il problema dei diritti umani: quali sono, cosa sono e come sia possibile misurare il livello del loro rispetto. Mrua come misurare i diritti umani? A questo scopo l'ufficio dell'Alto Commissario per i diritti umani ha stilato una breve e semplice guida, indirizzata a quanti siano interessati a capire cosa sia un diritto umano e in che cosa consista una sua violazione. A questo scopo l'OHCHR ha elaborato la nozione di “indicatore dei diritti umani”.
 
Un indicatore di diritti umani, secondo l'ufficio dell'Alto Commissario per i diritti umani, è un insieme di informazioni specifiche sullo stato e la condizione di un soggetto, evento, attività o risultato, relativo a norme e standard sui diritti umani; che si indirizza e riflette principi e preoccupazioni relative ai diritti umani, e che può essere utilizzato per valutare e monitorare la promozione e l'attuazione di questa categoria di diritti. Gli indicatori possono essere quantitativi o qualitativi. I primi sono generalmente considerati a livello di informazioni statistiche, mentre i secondi coprono tutte le informazioni articolate secondo una forma narrativa. Esempio dei primi sono dati statistici relativi al numero di popolazione scolastica in un determinato Paese, o il numero di esecuzioni capitali eseguite da un dato governo, mentre per quanto riguarda i dati qualitativi viene, ad esempio, valutato lo stato di ratifica di un trattato sui diritti umani in una nazione. I termini quantitativo e qualitativo, apparentemente contrapposti, sono in realtà profondamente complementari. Indicatori quantitativi possono facilitare analisi qualitative, così come un approccio qualitativo è complementare ad un rapporto quantitativo. Gli indicatori per i diritti umani possono essere categorizzati anche come indicatori fact-based e judgement-based, la cui distinzione riflette il contenuto informativo dell'indicatore in questione. Gli indicatori quindi, secondo questo approccio, si distinguono ulteriormente in oggettivi e soggettivi. Con i primi, si fa riferimento a fatti o eventi che, in principio, possono essere osservate o verificate direttamente, con i secondi, invece, si indicano percezioni, opinioni o giudizi, espressi da individui. Tale distinzione, vista la complessità della questione sui diritti umani e sul loro confine, spesso labile, è difficile da applicare, motivo per cui la dicotomia oggettivo-soggettivo non è considerata come essenziale per un'analisi sugli indicatori relativi ai diritti umani. In generale, quindi, gli indicatori per i diritti umani sono utilizzati sia per valutare programmi o progressi nei diritti umani. Nonostante l'importanza, la valutazione dei progressi nella promozione dei diritti umani è ancora alle prime fasi di sviluppo e pochi progressi sono stati compiuti verso lo sviluppo di sistemi comunemente accettati. Per il futuro è necessario far fronte alle sfide sulla progettazione dei diritti umani e sulla valutazione metodologica degli indicatori, che dovranno svilupparsi secondo una linea che tenga conto anche delle differenze culturali e di contesto.
 
La misurazione della “qualità” dei diritti individuali e la loro valutazione statistica e metodologica non è più un'esclusiva delle Nazioni Unite. Negli ultimi decenni, infatti, con il boom delle organizzazioni umanitarie, il monitoraggio delle violazioni e dei progetti indirizzati a migliorare la qualità dei diritti, è condiviso anche da enti privati come Human Rights Watch e Freedom House, che con il loro lavoro possono contribuire al miglioramento della valutazione e del monitoraggio dei diritti umani. Il tema dei diritti umani si configura come una delle più importanti sfide del presente e del futuro. Per avere una visione chiara su questa sfida che riguarda tutta la comunità internazionale, la comprensione degli indicatori, della loro importanza e del loro sviluppo è sempre più essenziale per non trovarsi impreparati di fronte alle crescenti richieste di attenzione per una tematica per troppo tempo messa in secondo piano e poco dibattuta anche dai più importanti attori governativi, e non,  del pianeta.
 
di Alessio Caschera
 
Il Wilson Center di Washington è alla ricerca di stagisti da inserire nel suo programma di internship nell'ambito dell'Afric Program. Se la storia e la politica del continente africano sono la tua passione e vuoi vivere un'esperienza negli Stati Uniti, non esistare, candidati al più presto.
 
Ente: Il Centro Internazionale Woodrow Wilson è il memoriale nazionale vivente al presidente Wilson fondato dal Congresso nel 1968 e con sede a Washington DC. Si tratta di un istituto apartitico, sostenuto da fondi pubblici e privati, impegnati nello studio degli affari nazionali e mondiali.
 
Dove: Washington D.C. Stati Uniti d'America
 
Destinatari: Studenti laureati o ancora in corso, con un interesse nella politica del continente africano.
 
Durata:
- Stage primaverili da gennaio ad aprile / maggio:
- Stage estivi da giugno ad agosto
- Stage autunnali da settembre a dicembre
 
Scadenza:
- Per i tirocini primaverili la deadline è fissata all'ultimo venerdì di ottobre
- per quelli estivi al primo venerdì di aprile
- per quelli autunnali al secondo venerdì di luglio
 
Descrizione offerta: Gli stagisti saranno assegnati al team dell'Africa Program che dovranno affiancare per almeno venti ore settimanali. Il loro compiti saranno: assistenza all'organizzazione e all'implementazione del programma, curare il sito web, traduzione di documenti, partecipazione e reporting di eventi riguardanti l'Africa nell'area di Washington
 
Requisiti: Diploma di laurea o frequentare l'università, computer skills, conoscenza ottima della lingua inglese e francese
 
Retribuzione:Prevista
 
Documenti richiesti: Curriculum Vitae e lettera motivazionale
 
Guida all’application: I documenti richiesti dovranno essere inviati all'email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Nell'oggetto dell'email specificare “Internship Program at Africa Program e il periodo prescelto per lo stage. Salvare i file in formato PDF con i nomi dei file "Cognome Programtic internship cover letter" e "Cognome programatic internship resume". Non saranno prese in considerazione domande spedite non in questo formato
 
Info utili: Washington, capitale degli Stati Uniti, è un città accogliente e ricca di storia. Una tappa necessaria per conoscere a fondo il Paese e le sue istituzioni.
 
Contatti utili: Gli stagisti interessanti dovranno essere in possesso di un visto di tipo F-1 o J-1. Per ulteriori informazioni visita il sito internet dedicato
 
Link:
 
A cura di Alessio Caschera
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
 
LA REDAZIONE
 
 
 
 
Diesel, azienda leader nel campo dell'abbigliamento, offre la possibilità di svolgere uno stage presso i propri uffici di Vicenza. Candidati per questa opportunità
 
Ente: Diesel è un'azienda internazionale ed innovativa, leader nel campo dell'abbigliamento e degli accessori. Dalla sua creazione nell'anno 1978, Diesel ha vissuto una straordinaria crescita, inizialmente come pioniera del mondo del denim, oggi come vera alternativa al mondo del lusso.
 
Dove: Breganze (VI)
 
Destinatari: Neo laureati in economia o marketing
 
Durata: Non specificato
 
Scadenza: Non specificato
 
Descrizione offerta: Lo stagista sarà inserito nell'area Global Merchandising e si occuperà di fornire analisi e ricerche di mercato. La risorsa fornirà inoltre supporto al team nelle attività propedeutiche alle presentazioni della collezione.
 
Requisiti: Laurea in economia o marketing, buona conoscenza della lingua inglese, capacità di utilizzo del pacchetto office.
 
Retribuzione:Previsto un rimborso spese
 
Documenti richiesti: Non specificato
 
Guida all’application: Seguire l'iter indicato al seguente link
 
Info utili: Vicenza, città accogliente e graziosa, è uno dei centri industriali del Veneto. Immersa in una campagna rigogliosa, è ricca di storia e di cultura come testimoniano le opere del famoso architetto Palladio
 
Contatti utili:
 
Link:
 
 
A cura di Alessio Caschera
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
 
LA REDAZIONE
 
 
 
 
Il progetto OSO (Orientamento, Sostegno, Occupabilità) intende promuovere l’occupabilità di cittadini di paesi terzi vulnerabili o in situazioni di disagio occupazionale
 
Promosso dalla Direzione lavoro della Regione Lazio e finanziato dal FEI (Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di paesi terzi) e dal Ministero degli Interni, il progetto OSO ha come obiettivo principale quello di includere nel mondo del lavoro cittadini provenienti da paesi esterni all’Unione Europea, attraverso servizi di informazione, orientamento al lavoro e valorizzazione delle competenze informali. Si propone inoltre di creare reti tra istituzioni, enti sociali e privati, che siano utili a favorire la partecipazione e l’accesso non discriminatorio ai servizi per il lavoro. Il progetto è gestito da ManPower Spa in collaborazione con la cooperativa Idea Prisma 82 e con il supporto operativo dello sportello Strade Sociali e dello spazio Silosò. Il programma si rivolge a tutti i cittadini di paesi che non siano membri dell’Unione Europea, domiciliati regolarmente nel territorio della Città metropolitana di Roma Capitale. Il progetto termina il 30 Giugno.
 
Contatti utili:
Federconsumatori Lazio,
Via Cernaia 47, 00185, Roma
Tel: 06 44340366
 
Strade Sociali,
Via L.Lablache 38, 00139, Roma- Municipio III
Tel: 327 0311954
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
 
 
 
A cura di Riccardo Marzoli
 
 

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.