UNESCO giovani cerca nuovi/e soci/e, se sei un appassionato/a della cultura e del patrimonio artistico culturale dell’Italia non puoi perdere questa possibilità di collaborare a questa causa. Leggi il bando relativo alla tua regione e candidati!  

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Organizzazioni internazionali

 

Ente: UNESCO Giovani nasce nel 2015 come Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO con l’obiettivo di supportare le attività della Commissione nel campo dell’educazione, della scienza, della cultura e della comunicazione, all’inizio del 2018 l’Associazione si è dotata di un nuovo statuto e ha elaborato un programma di lavoro pluriennale ancora più ambizioso. La mission del comitato dell’UNESCO Giovani è quella di supportare le attività della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO nel campo dell’educazione, della scienza, della cultura e della comunicazione, promuovendone progetti, valori e priorità nelle comunità locali, attraverso la ricerca della partecipazione attiva di giovani e della società civile in iniziative ed eventi di rilevanza nazionale

 

Dove: varie regioni italiane

 

Destinatari:

- tutti coloro tra i 20 e i 35 anni

- cittadini/e italiani/e o cittadini/e UE residenti in Italia, con domicilio nella regione relativa al bando d’interesse

- essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore e/o universitario ed essersi distinti per merito in ambito scolastico e/o accademico e/o professionale, nei campi dell’educazione, della scienza e della cultura

 

Quando: non specificato

 

Scadenza: ore 12:00 del giorno 25/05/2018

 

Descrizione dell’offerta: UNESCO Giovani ha lanciato la nuova campagna soci, per impegnare i giovani in tutte le regioni d'Italia nella salvaguardia del patrimonio e nella promozione di progetti culturali. Gli ambiti in cui verranno coinvolti i/le candidati/e soci/e sono previste dai diversi bandi suddivisi per regione. Le competenze ricercate descritte nei singoli bandi comprendono le seguenti aree e attività:

- comunicazione e giornalismo

- organizzazione di eventi e management culturale

- tesoreria

- fundraising, progettazione europea, crowdfunding

- educazione

- scienza

- cultura

- grafica

- relazioni internazionali

- attività di tipo sociale, mediazione culturale

- artistico/musicale/teatrale

I link sono elencati di seguito:

BANDO REGIONE ABRUZZO

BANDO REGIONE BASILICATA

BANDO REGIONE CALABRIA

BANDO REGIONE CAMPANIA

BANDO REGIONE EMILIA-ROMAGNA

BANDO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

BANDO REGIONE LAZIO

BANDO REGIONE LIGURIA

BANDO REGIONE LOMBARDIA

BANDO REGIONE MARCHE

BANDO REGIONE PIEMONTE

BANDO REGIONE SARDEGNA

BANDO REGIONE TOSCANA

BANDO REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE

BANDO REGIONE VENETO

BANDO REGIONE UMBRIA

 

Requisiti: i requisiti comuni a tutti/e i/le possibili candidati/e soci/e sono:

- conoscenza di base del mandato dell’UNESCO ed esperienze pregresse nell’ambito del sistema delle Nazioni Unite (attività di ricerca e di studio, volontariato, tirocini, stage)

- affidabilità

- forte senso di responsabilità

- motivazione

- ottima predisposizione a lavorare in gruppo

- padronanza di una o più lingue straniere (inglese/francese)  

- buona conoscenza del proprio territorio sotto il profilo storico-artistico-culturale ed ambientale

- buona attitudine alla progettualità collaborativa

 

Costi o Retribuzioni:  non retribuito

 

Guida all’application: le candidature dovranno essere inviate via mail agli indirizzi di posta elettronica relativi alle varie regioni che si trovano sui relativi bandi. Andranno allegati:

- curriculum vitae e lettera motivazionale, in formato PDF

- breve video di presentazione, della durata massima di 1 minuto da inviare tramite un link privato su un canale a scelta del candidato, preferibilmente YouTube

 

Informazioni utili: il termine stabilito è perentorio e, pertanto, non saranno prese in considerazione le domande che non siano state inoltrate entro il termine indicato. Farà fede la data e l’orario di ricezione della email stessa.

 

Link utili:

pagina UNESCO Giovani con tutti i bandi

 

Contatti Utili: tutti i contatti utili sono presenti sui bandi relativi alla regione d’appartenenza

 

a cura di Ludovica Mango

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

La Giornata Mondiale per la Diversità culturale si festeggia ogni anno il 21 maggio, a partire dal 2002, in seguito all’adesione unanime dell’UNESCO alla Dichiarazione Universale sulla Diversità Culturale, durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'UNESCO tenutasi a Parigi il 2 novembre 2001.
La prefazione dell’atto costitutivo afferma che: “L'ampia diffusione della cultura e l'educazione degli uomini alla giustizia, alla libertà e alla pace sono indispensabili alla dignità dell'uomo e costituiscono un dovere primario che tutte le nazioni sono tenute a rispettare in uno spirito di mutua assistenza e interesse”. Questo sta ad indicare come ogni Stato è tenuto a preservare la cultura del proprio territorio ed a rispettare quella degli altri Stati incentivando la conoscenza e l’istruzione di tutti i popoli. La Dichiarazione venne presa in atto dopo l’attentato alle Twin Towers del 11 settembre del 2001, per creare un dialogo tra i popoli garantendo la pace e la sicurezza dell’espressione culturale di ogni individuo.
 
La giornata è celebrata in tutto in mondo con eventi e rappresentazioni culturali. In Italia durante questa giornata vengono create, anche attraverso le scuole,  mostre e workshop per stimolare sia giovani che adulti a prendere coscienza dell’importanza della diversità culturale. Questo avviene ufficialmente dal 2009 attraverso la supervisione della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO.
 
Ancora oggi in molti paesi del mondo non è possibile poter esprime la propria libertà culturale, questo impedisce l’integrazione e la crescita delle culture e del sapere umano. Come esplica l’Articolo 5 della Dichiarazione: “i diritti culturali sono parte integrante dei diritti dell'uomo, che sono universali, inscindibili e interdipendenti. Il libero svolgersi di una diversità creativa esige la piena realizzazione dei diritti culturali, quali sono definiti all'Articolo 27 della Dichiarazione . Ognuno deve quindi avere la possibilità di esprimersi, di creare e diffondere le proprie opere nella lingua di sua scelta e, in particolare, nella lingua madre; ognuno ha diritto a una educazione e formazione di qualità che rispettino pienamente la sua identità culturale, ognuno deve poter partecipare alla vita culturale di sua scelta, ed esercitarne le forme, nei limiti imposti dal rispetto dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.” Se la voglia di conoscere, apprendere e sapere è insita nell’uomo allora ogni individuo non dovrebbe avere solo il diritto ma anche il dovere di esprimere le tradizioni e tutte le sfaccettature del proprio patrimonio culturale. Installare una rete di comunicazione per interagire uni con gli altri per far si che lo sviluppo culturale non sia circoscritto ad un determinato territorio o paese ma diventi globale. Solo istaurando dei rapporti si può essere tolleranti e meno schivi verso la diversità, anzi ci si potrà quasi stupire di come tutto ciò che è differente dall’essere “nostro” non solo è affascinate ma anche emozionante.
 
Link utili:
 
Roberta Romanò
Pubblicato in Istituzioni

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.