Benvenuti, cari futuri partecipanti all'International Careers Course 2020

Sono molto entusiasta nell' invitarvi a condividere questa opportunità per formarvi come professionisti e come esseri umani. Essere parte di questa esperienza vi darà una nuova grande spinta per preparare e adattare il vostro profilo professionale alle sfide che la vostra futura carriera internazionale ha in serbo per voi. Un nodo cruciale per il networking, soft skills, hard skills, conoscenze multidisciplinari, contesto interculturale, innovazione e  nuovi approcci professionali: tutto questo e molto altro è ciò che troverete in questa  "marea giovane" riunita a Roma e impegnata nella realizzazione di un ideale di un futuro migliore.

Durante i giorni del corso,  incontrerete insegnanti, coach e professionisti che vi permetteranno di migliorare le vostre abilità e comprendere appieno le dinamiche, le regole e il contesto lavorativo mondiale per iniziare una gratificante carriera internazionale.

Il contesto dell'International Careers Festival ci offre la possibilità di connetterci con il mondo, costruire nuove alleanze e condividere i nostri sentimenti, idee e percorsi. Non è solo un corso internazionale, non è solo un incontro internazionale. È una grande opportunità per ascoltare, imparare dal punto di vista degli altri e immaginare noi stessi in diverse sfide in tutto il mondo.

Per iniziare una carriera internazionale  sono necessari impegno e formazione, cosi come lo sono anche talento e capacità di adattarsi alle diverse situazioni. Questa esperienza però vi darà più che semplici lezioni, più che consigli e buone pratiche. Questa esperienza vi darà la possibilità di permettervi di immaginare una nuova versione di voi stessi. Una migliore e proiettata al futuro. 

Ricordate cosa disse Ben Herbster: "Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare".

Non vediamo l'ora di incontrarvi tutti e tutte a marzo 2020.

Iniziamo un nuovo percorso!

Diego Battistessa 
Director, International Career Course 2020

 

Per il 2020, abbiamo ridisegnato

Il Rome Business Game a 360°.

 

Più sfidante.

Più coinvolgente.

Straordinario come sempre.

 

Entra nel nostro team di Official 2.020.

 

-------

 

Cari amici del Festival delle Carriere Internazionali,

 

2020 + 2.0 = 2.020 – L’evoluzione del nostro progetto accademico di punta, sviluppato specificatamente per gli studenti ed i laureati delle discipline economiche, finanziarie e della gestione aziendale.

 

Ridisegnato a 360° - Un modello di simulazione completamente rivisitato e migliorato con 5 divisioni aziendali, obiettivi globali e specifici, un programma di mentoring ed una struttura inter-funzionale più sfidante ed interattiva.

 

Impara. Ridi. Ama. – Traendo ispirazione dal ns. progetto partner del RomeMUN, abbiamo migliorato i processi di gestione dei team e di approvazione dei progetti, spingendo verso la partecipazione attiva dei nostri Official ed aumentando il coinvolgimento emotivo dei partecipanti, dando loro l’opportunità di esprimere al meglio le proprie competenze ed esperienze in un’esperienza educativa e sociale mai vista prima.

 

Cerchiamo voi – Siamo alla ricerca di studenti, laureati e giovani professionisti dinamici e proattivi che vogliano unirsi al nostro staff 2020 come Official. Sarete un punto di riferimento per più di 350 studenti da 60 paesi al mondo. Gestirete in team un evento da 1,300 partecipanti, assieme a più di 20 istituzioni ed aziende internazionali. Godrete dei privilegi di essere membri dello staff con una sistemazione e mezza pensione gratuita e accesso VIP agli eventi ricreativi.

 

Accettate la sfida?

Vi aspettiamo nel nostro team 2020.

 

Candidatevi ora su https://giovaninelmondo.typeform.com/to/WRVdLj

 

La prossima edizione dell’International Master in European Studies (IMES Day Programme) sta per cominciare!

Anno dopo anno il master si è confermato leader nella formazione di esperti e consulenti di progetti europei, come lo dimostra la storia di Vito Emanuele Cambria, studente della XXIII edizione dell’IMES, che ha da poco vinto il suo primo progetto finanziato dal programma LIFE per la protezione di un’area boschiva nel Lazio.Abbiamo chiesto a Vito di condividere con noi la sua esperienza!

 

 

Per cominciare, raccontaci cosa ti ha spinto a frequentare questo master a Bruxelles.

VC: « Sono un biologo italiano e mi occupo di ecosistemi minacciati e dei loro abitanti che rischiano di scomparire: piante e animali che danno forma al meraviglioso patrimonio naturale europeo. Per continuare a salvaguardare questa grande diversità biologica e paesaggistica sono necessarie continue azioni concrete. Dopo anni trascorsi a studiare botanica, ecologia e biologia della conservazione, ho sentito il bisogno di passare dalla teoria alla pratica e ho trovato nei programmi di finanziamento dell’UE la giusta risposta. Già in passato avevo avuto l’opportunità di familiarizzare con i progetti dell’Unione come esperto di implementazione, ma solo dopo aver partecipato al programma IMES ho iniziato a capire per davvero come funziona tutto il processo dei finanziamenti. Durante il corso è possibile eleborare un quadro completo del meccanismo di funzionamento dell’UE e gli insegnamenti vengono impartiti da esperti, che, passo dopo passo, conducono all’acquisizione di strumenti e tecniche di Project Management e solide competenze nei più importanti programmi dell’UE, come LIFE, HORIZON 2020, COSME. »

Cosa hai fatto subito dopo la fine dell’IMES? Come hai messo in pratica quello che ha imparato in classe?

VC: « Insieme ad altri colleghi, per più di tre anni, abbiamo cercato delle risorse per finanziare un progetto volto a fermare il declino ecologico di uno degli ultimi boschi rimasti nell’Italia centrale: il bosco di Palo Laziale, 40 km a ovest di Roma. In passato, in tre occasioni la nostra proposta è stata respinta, ma, dopo aver frequentato questo corso e ottenuto il certificato a luglio 2016, ha superato la selezione come progetto LIFE di primo livello. Ecco arrivata quindi la tanto agoniata soddisfazione dopo tutto il lavoro e le settimane trascorse in classe. »

Parlaci del tuo progetto.

VC: « Il progetto LIFE PRIMED – Il ripristino ecologico delle aree costiere del Mediterraneo ha lo scopo di migliorare lo stato di conservazione degli habitat e delle specie che vivono nelle aree protette del bosco di Palo Laziale e del Delta del Nestos, siti che si trovano rispettivamente in Italia e in Grecia. Stiamo lavorando per sviluppare e potenziare soluzioni innovative di ingegneria ambientale e promuovere l’impegno della comunità e il turismo basato sulla natura. Io sono il Project Manager di questo progetto, un ruolo di grande responsabilità ma che mi rende anche molto orgoglioso. »

 Come pensi che il master IMES ti abbia aiutato a fare il salto di qualità per la tua carriera?

VC: « Sicuramente le settimane a Bruxelles mi hanno aiutato ad acquisire capacità gestionali che difficilmente avrei ottenuto altrove. Durante il corso ho ricevuto molti consigli utili e appreso strumenti e metodi necessari per elevare il mio background scientifico in competenze di progettazione di alto livello. Ho imparato come procedere con ordine nella strutturazione di un’idea progettuale e ho acquisito familiarità con il linguaggio e la terminologia corretti: strategia a lungo termine, sostenibilità e replicablità. Queste espressioni sono diventate quasi i miei motti. »

Consiglieresti a qualcuno di partecipare alla prossima edizione del Master?

VC: « Raccomando sicuramente il master IMES a tutti coloro che vogliono diventare Project Manager di successo. Le persone che organizzano il corso sono tra le miglior che io abbia mai incrontrato nella mia vita. Il programma è strutturato molto bene e il carico di lavoro è abbastanza accessibile e in linea con il flusso delle lezioni. Inoltre, generalmente le aule sono multiculturali.

Se vuoi realmente capire come funziona la macchina dell’UE, devi prima entrare in contatto con la bolla di Bruxelles, camminare tra gli edifici delle Istituzioni Europee e respirare le politiche dell’Unione. Per farlo hai due possibilità: autonomamente o, come ho fatto io, affidandoti a uno dei migliori Cicerone dell’Europa. »

Scopri di più sulla prossima edizione dell’International Master in European Studies – Day Programme.

 

 

Prosegue il Rock in Roma con uno dei nomi più acclamati della musica italiana:Loredana Bertè.

Appuntamento da non perdere per sabato 27 luglio ore 21.00 al Teatro Romano di Ostia Antica.

La Bertè presenterà i suoi brani più famosi ma anche i più recenti successi come "Cosa ti Aspetti da Me" il brano che la cantante ha presentato a Sanremo lo scorso febbraio.

L'estate romana e non solo vede in classifica e nelle radio ben due brani della cantante "Tequila e San Miguel" e "Senza Pensieri".

Loredana Bertè ha sempre dimostrato negli anni di essere un'artista eclettica e in grado di interpretare con intensità e intelligenza una scena musicale sempre in cambiamento, lo dimostrano per l'appunto le sue ultime collaborazioni con J-AX, Rovazzi, Tommaso Paradiso, nonché il suo successo televisivo come giudice di Amici di Maria De Filippi.

Appuntamento imperdibile sabato 27 luglio ore 21.00 presso il Teatro Romano di Ostia Antica...Noi di carriere internazionali ci saremo e tu?

Per info e biglietti

wwwrockinroma.com

Chi sono? Semplicemente una ragazza che come tanti altri sta cercando di realizzare nel suo piccolo il proprio sogno…La risposta alla fatidica domanda: “Cosa vorresti fare da grande?”… E sono convinta che magari non domani, e nemmeno dopo domani, magari nemmeno il giorno dopo, ma comunque nel mio piccolo ce la farò! Diciamo che non sono abituata a strade dritte, spianate, comode, tutto l’opposto! Ma probabilmente il bello sta proprio in questo!

Mi chiamo Michela e ho 29 anni, mi sono laureata in “Scienze politiche e delle Relazioni Internazionali”, attualmente sto ultimando la magistrale in “Cooperazione Internazionale allo sviluppo”, nel frattempo ho vinto un Master in ”Global Marketing, Comunicazione e Made in Italy” che sto cercando di portare avanti di pari passo alla magistrale, sono da poco rientrata da una Summer School di due settimane a Bruxelles, ho in gestione un bar e faccio parte della redazione di Carriereinternazionali.com. Si, diciamo che non mi annoio! Ma torniamo alle cose importanti… Il mio sogno? Facile la domanda, la risposta un po’ meno! Quando inizi un viaggio, puoi anche sapere la destinazione, ma le strade sono molteplici, non sempre si segue la tabella di marcia ed è proprio quello a fare la differenza… Un bivio: strade spianate, ben assestate, facilmente percorribili da un lato; strade in salita, tortuose, dissestate, piene di buche dall’altro. Poi dipende sempre dalla prospettiva dalla quale si guarda. Mi piace mettermi in gioco, in discussione, testare e testarmi sul campo, ma le opportunità non sempre arrivano, spesso te le devi cercare, in ogni caso vanno colte al volo! Avevo fame di esperienza, si, un bagaglio di esperienza mancante che fosse inerente al mio mondo, le relazioni internazionali. Questo il motivo del mio approdo alla redazione di Carriereinternazionali.com . Leggevo e rileggevo gli articoli pubblicati, e senza saperlo il mio viaggio era già iniziato. Decido di iscrivermi al Festival delle Carriere Internazionali e scopro che sono aperte le candidature per lavorare in redazione, non ci penso due volte e mi candido. L’esperienza in redazione mi sta insegnando molto, una crescita su tutti i fronti, di competenze, umana, personale, e al contempo offrendomi opportunità uniche. Ritornando al  sogno?

Stay hungry, stay foolish! 

Io lo sono… e voi?

 

Carriere internazionali fa tappa al Rock in Roma per gli ultimi tre eventi della famosa manifestazione che ogni estate porta i sound più attuali del momento a movimentare l'estate romana.

Stasera non perdete il concerto del duo The Blaze, i due cugini francesi in attivo dal 2016 hanno scalato le classifiche europee con un genere musicale che unisce l'house, all'elettronica e alla dance.

La forza del duo sta nell'unire musica e immagini in maniera forte ed alternativa, non a caso Jonathan frequentava una scuola di film a Bruxelles quando convinse il cugino Guillaume a creare un video musicale da cui poi è nato il duo The Blaze.

Il loro album completo di debutto Dancehall risale alla fine del 2018 e da allora The Blaze stanno infiammando le principali città europee.

L' appuntamento è stasera alle 21.45 all'Ippodromo delle Capannelle, noi di carriere internazionali ci saremo.

Per informazioni e biglietti

www.rockinroma.com

 

 

Carriere Internazionali ha deciso di lanciare una nuova sezione dedicata ai temi di attualità, non scriveremo report o articoli non faremo interviste a personaggi blasonati, il nostro intento è piuttosto quello di tastare con mano le opinioni della gente comune per aprire un dibattito o un momento di riflessione su alcuni dei temi caldi dell'attualità non solo italiana ma internazionale.

Oggi abbiamo provato a chiamare un cittadino comune fingendoci collaboratori di Carola Rackete GUARDATE QUESTO VIDEO per scoprire cosa ci ha detto...

 

Se vuoi dire la tua scrivici su Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

La redazione

 

 

23 giugno 2019, Roma - Il cinese Qu Dongyu è stato eletto oggi Direttore Generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO).

Qu Dongyu ha ottenuto 108 voti sui 191 espressi, il che ha costituito la maggioranza al primo turno.  

L'elezione si è svolta nel corso della 41ma sessione della Conferenza della FAO (22-29 giugno 2019), il massimo organo di governo dell'Organizzazione. 

Qu Dong Yu, nato nel 1963, è attualmente Viceministro dell'Agricoltura e degli affari rurali in Cina. 

Il suo curriculum completo è disponibile qui (pagina 15). 

Qu Dongyu sarà il nono Direttore Generale della FAO dalla fondazione dell'Organizzazione, il 16 ottobre 1945. 

Il mandato del nuovo Direttore Generale, che subentra al brasiliano José Graziano da Silva, inizierà il 1° agosto 2019 e terminerà il 31 luglio 2023. 

Direttori Generali della FAO

Dall'istituzione della FAO nel 1945 si sono succeduti otto Direttori Generali:

  • Sir John Boyd Orr, Regno Unito, 1945-1948
  • Norris E. Dodd, Stati Uniti, 1948-1954
  • Philip Vincent Cardon, Stati Uniti, 1954-1956
  • Binay Ranjan Sen, India, 1956-1967
  • Addeke Hendrik Boerma, Olanda, 1968-1975
  • Edouard Saouma, Libano, 1976-1993
  • Jacques Diouf, Senegal, 1994-2011
  • José Graziano da Silva, Brasile, 2011-2019

 

dal sito ufficiale fao.org

 

Hello! My name Maija Lepistö, and from October 2018 to March 2019 I have been an intern at the Giovani nel Mondo Association; within this article, I try to summarize my experience in these months as preparing an international-scale event, organized by a small-scale association with a team full of passion.

First of all, it was an amazing experience to carry out this 4-day-event with over 800 participants and 50 staff members.

The basis of the successful outcome of the event is to rely on people who give so much of themselves to make the best out of the International Careers Festival.

It was interesting to get to know more and more people who were pulling the logistical strings behind the festival.

The event seemed far away when I started, and even one week before the festival there were still things to be done, but one week seemed long enough to do everything.

My internship started right away. I got my own email address and was asked right away to dive into getting more collaborators and supporters for our event.

When I started working, I found it interesting to see how I worked in a day-to-day job when “always doing the same”, meaning working on a pc and in a virtual world from 10AM to 6PM every day.

But it was not monotone, because the tasks changed a lot during the whole internship.

First it was important to get more sponsors and supporters for our event, so I started to get in touch with universities and other supporters which helped me becoming more demanding and more confident to promote our event.  

During the festival, I received some feedback that me having sent out information about our event was a fruitful activity. In fact, some participants told me that they heard about the event by an ad, initiated by me.

The amount and content of my work changed a lot during the six months I was preparing the event from being proactive in contacting collaborators to theoretical and mechanical work to structure the participants.

Additionally, I really enjoyed the small moments of being active at events (promotion events at universities) to spend time with colleagues and to work “on the field”.

I learned to manage multiple tasks, see which ones were really urgent and which ones could be managed later.

Also, I was able to see that my tasks were of the same importance as any other tasks of anyone else. That gave me confidence in what I was doing.

During the preparation phase I was in charge of helping participants with the registration, sending out a bunch of emails, being in contact with the tutors and officials of each project making sure, everyone had all the necessary documents to apply for the visa. But moreover, I also learned something new every day by the participants who had a lot of questions and also concerns. I supported them with information about simple things like the dress code or the weather forecast, but also I prepared different documents and tried to give them support on every possible subject.

Even though I felt well-prepared for the festival that lasted only 4 days, it was nothing like I expected. I did everything where I could help. From finding lost phones, helping lost participants, hosting ambassadors, to sewing on buttons and negotiating with taxi drivers. I met in person many people with whom I have been in touch for several months via email and messages, and it was a huge pleasure on both sides. .

Despite having really busy days during the festival, I managed to make a lot of new friends.

Many people showed me their appreciation of my work for the past months. An important skill that I deepened during the festival was flexibility. Even though we had plans and lists, there were a lot of things that weren’t to be expected and needed to be dealt with on the spot.

Patience is also a big word that I can appreciate more now. In combination with stamina.

 

In retrospective, I have to say, that a little more concrete time scale would have been helpful to know better how to manage the many tasks or when it was time to finalize the documents that were needed. But in the end, the festival turned out great and me and my colleagues were happy to have spent time in the magical city of Rome! We were already planning on how to prepare the next edition. I have the feeling, that if you become part of the Giovani nel Mondo family, you are in it to stay.



Unisciti a Maximo Nivel per un interessante stage sui diritti umani in America Latina incentrato sulla emancipazione umana e sulla giustizia sociale, dando la possibilità di immergerti in un ambiente internazionale grazie alla conoscenza di una nuova cultura, valori sociali, di generi ed etnici.

 

Per opportunità simili visita la sezione: Cooperazione

Ente: Maximo Nivel è una organizzazione nata nel 2003, leader nello studio all’estero e nei viaggi educativi in America Latina. Si tratta di un’organizzazione accreditata a livello internazionale con 4 istituti locali situati nei 3 paesi più belli del mondo: Costa Rica, Guatemala e Perù.

Lavora con più di 5.000 studenti, volontari, clienti e viaggiatori ogni anno e la loro chiave di successo si basa sull’impegno nel mantenere un alto livello qualitativo di assistenza ai clienti.

Inoltre, Maximo Nivel per assicurare una esperienza indimenticabile, mette sempre a disposizione personale ben qualificato e strutture di ottima qualità.

Essi seguono pratiche standardizzate secondo il Forum sull’Istruzione all’Estero e del Forum del  Code of Ethics for Education Abroad.



Dove: Costa Rica, Guatemala, Perù

 

Quando: aperto tutto l’anno

 

Destinatari: per tutti i giovani appassionati del settore sociale e della cooperazione internazionale, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo, uguaglianza, diritti umani e giustizia sociale.

 

Scadenza:  non specificata

 

Descrizione dell’offerta: lo stagista contribuirà a lavorare con rappresentanti del cambiamento ed altri operatori sociali attraverso l’impegno sociale, istruzione, ricerca e raccolta fondi.

 

Requisiti:

  • età minima 18 anni;
  • essere iscritto ad una Triennale o Magistrale in Servizi Sociali, Antropologia o altre discipline correlate;
  • richieste competenze linguistiche intermedie di lingua spagnola (se non in possesso di queste ultime, è possibile seguire un corso intermedio  di lingua spagnola direttamente offerto dall’organizzazione);
  • richiesto progetto finale;
  • creatività anche in presenza di risorse limitate;
  • flessibilità lavorativa ed essere ottimisti.



Retribuzione: Non è presente alcuna retribuzione. Le tariffe di partecipazione variano a seconda del programma di interesse delle tre differenti destinazioni Costa Rica, Guatemala e Perù.

 

Guida all’application: se si desiderano solo informazioni riguardanti l’application, è possibile utilizzare il “Contact Form” che appare sulla sezione Application o è possibile programmare una chiamata in diretta con un consulente del programma. Per candidarti, quindi, è necessario compilare il modulo di registrazione a questo link: Application Form



Informazioni utili: se le vostre abilità linguistiche nella lingua spagnola non raggiungono il livello richiesto, l’organizzazione impartisce lezioni di spagnolo online ai fini di una maggiore acquisizione della lingua tale da portare le vostre abilità al livello richiesto e poter garantire il vostro successo. Il sito mette a disposizione anche altre opportunità di stage in ulteriori settori: istruzione, ospitalità e turismo medicale, micro -business, scienze veterinarie e stage personalizzati. Inoltre, è possibile richiedere programmi di volontariato riguardanti l’eco-agricoltura, la cura degli animali, medicina e sanità, conservazione delle tartarughe marine e tanto altro.

 

Link utili:

Link to the Human Rights Internship



Contatti Utili:   

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sul sito sono presenti i contatti delle tre destinazioni.




a cura di Federica Poli

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org








Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.