Il settore della sicurezza rappresenta oggi l’ambito che offre le maggiori opportunità di carriera, di crescita professionale e di lavoro dopo la laurea: 99,4% per la laurea di secondo livello (cfr. Corriere della Sera, 21/03/2018). Alla luce delle attuali esigenze del contesto internazionale, il Corso di laurea magistrale in Investigazione, criminalità e sicurezza internazionale (LM-52) dell’Università degli Studi Internazionali di Roma – UNINT si propone di formare figure professionali in grado di soddisfare le emergenti necessità:

- Dei Dipartimenti, degli Uffici, delle Commissioni, dei Programmi e degli Istituti di Ricerca che si occupano della sicurezza comune, della lotta alla droga e al crimine nell’ambito del sistema delle Nazioni Unite (Commission on Narcotic Drugs, Commission on Crime Prevention and Criminal Justice, UNDCP, UNICRI, NODC, UNHCR)

- Degli Uffici e delle Agenzie della UE (FRONTEX, EUROPOL, EASO, CEPOL, EMCDDA) che si occupano della sicurezza comune e della lotta al terrorismo

- Delle Forze di Polizia e delle altre articolazioni centrali dello Stato impegnate nelle azioni di contrasto al crimine e al terrorismo

- Delle ONG attive nelle emergenze umanitarie in Paesi a rischio

- Delle imprese che intendano insediarsi o effettuare investimenti all’estero in contesti critici



Opportunità professionali

La specializzazione conseguita con il Corso di laurea magistrale in Investigazione, criminalità e sicurezza internazionale (LM-52) della UNINT, che prevede anche l’acquisizione di solide competenze linguistiche, consente di proporsi in ruoli altamente professionali connessi al rafforzamento della sicurezza nazionale e internazionale, all’ideazione, direzione e gestione di attività volte alla prevenzione e al contrasto della criminalità organizzata e del terrorismo di matrice ideologico-religiosa, nonché all’analisi dei quadranti geopolitici caratterizzati da instabilità politica o sociale.

Le competenze specialistiche acquisite sono altresì funzionali allo svolgimento di attività di analisi dei fenomeni criminogeni e di prevenzione delle condotte criminali per enti, istituzioni, centri di ricerca e organizzazioni non governative, nonché alla valutazione dei contesti geopolitici destinati a ospitare attività e interessi economici del nostro Paese.



Materie di studio

Il primo anno è incentrato sull’analisi delle problematiche legate alla sicurezza in chiave storica, economica, giuridica, e sociologica.

Nel secondo anno gli studenti affrontano lo studio dei più diffusi ed efficaci strumenti di contrasto ai fenomeni di criminalità internazionale, con particolare riferimento a quelli resi disponibili dalle innovazioni tecnologiche, sia con insegnamenti di tipo politologico, giuridico ed economico, sia attraverso la partecipazione a laboratori applicativi che prevedono il confronto con qualificati operatori del settore e la simulazione di scenari e di eventi.

Particolare attenzione è inoltre rivolta all’apprendimento linguistico. Il percorso prevede lo studio della lingua inglese a un livello avanzato con particolare riferimento alla terminologia e alla fraseologia utilizzate nelle sedi di cooperazione investigativa e giudiziaria e di una seconda lingua straniera a scelta tra arabo, cinese, francese, portoghese e brasiliano, russo, spagnolo e tedesco per le stesse finalità.

Il percorso formativo è infine caratterizzato da un contatto costante con le realtà operative grazie alla partecipazione a eventi che vedranno coinvolti qualificati esponenti attivi negli ambiti di riferimento.



Laboratori

Il piano di studi prevede attività laboratoriali e di approfondimento incentrate su security management, gestione di eventi critici, intelligence e analisi finalizzate di quadranti geopolitici.

Il laboratorio di Security Management e Intelligence è finalizzato all’acquisizione di specifiche competenze attraverso il coinvolgimento proattivo degli studenti sulle tematiche di security management, intelligence e gestione di eventi critici. Il laboratorio prevede simulazioni di situazioni ed eventi che necessitano di prendere decisioni tempestive e adeguate per garantire la messa in sicurezza di persone e di beni ovvero per limitare e/o circoscrivere danni derivanti da attentati terroristici effettuati anche con strumenti non convenzionali.

Il laboratorio di Analisi di quadranti geopolitici è finalizzato all’individuazione delle più significative aree di instabilità geopolitica e alle analisi di quadranti caratterizzati da parametri sociali, culturali, politici, militari ed etnici comparabili. Per ciascun quadrante saranno definiti gli indicatori applicabili valutandone l’andamento nel recente passato e nella situazione attuale, nonché le prevedibili evoluzioni nel medio termine. Costituiranno infine oggetto di valutazione le possibili conseguenze di tensioni all’interno dei quadranti che possono determinare significativi effetti anche in Italia e negli altri Paesi della UE, tra cui emergenze umanitarie, flussi migratori incontrollati, minacce agli interessi politici, economici o industriali del nostro Paese.

 

Corpo docente

Il corpo docente è composto da Accademici di alto profilo, da Esperti qualificati con concreta esperienza in attività di prevenzione, investigazione e contrasto, da Magistrati, da Membri di commissioni governative sulla radicalizzazione e l’estremismo jihadista, da Criminologi di chiara fama, da Alti Ufficiali delle Forze Armate e da Analisti di Intelligence con esperienza concreta in attività finalizzate alla sicurezza dello Stato.



Scopri di più all’Open Day UNINT. Per partecipare registrati ad una delle prossime date: 15 maggio, 4 luglio, 13 settembre 2018 al seguente link.



Link utili:

Sito web UNINT

Elenco completo corsi e docenti

Pagina di presentazione del corso

 

Contatti

Ufficio Orientamento

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tel: 06 510 777 409



 

a cura di Ruino Martina Pia

Hai da poco ottenuto la laurea e i valori della Dichiarazione di Varsavia ti appassionano? Community of Democracies, un’importante organizzazione internazionale, offre tirocini a neo-laureati per inserirli nel mondo del lavoro. Candidati subito!

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Organizzazioni Internazionali

 

Ente: Basandosi sulla Dichiarazione di Varsavia, la Community of Democracies - CoD, “Comunità delle Democrazie” - supporta la transizione ed il consolidamento delle democrazie in tutto il mondo e aiuta a colmare il divario tra i principi della democrazia e i diritti umani universali con:

- Assistenza alle società nello sviluppo e nel rafforzamento delle istituzioni e dei valori democratici

- Identificazione, avvisi e risposte coerenti con la UN Charter e la Dichiarazione di Varsavia a minacce alla democrazia

- Supporto e difesa della società civile in tutti gli stati

- Partecipazione non invasiva nei governi democratici

La CoD mira a raggiungere tali obiettivi con i seguenti mezzi:

- Creando un network globale di rappresentanti governativi, membri di corpi legislativi, società civili e altri stakeholders decisi a raggiungere gli obiettivi

- Condivisione di idee, consigli e pratiche

- Garantendo opportunità per coordinare le attività di supporto alla democrazia

- Lavorare verso un obiettivo comune, ovvero un’unica voce democratica comune a tutte le organizzazioni internazionali.

 

Dove: Varsavia, Polonia

 

Destinatari: Laureati con ottima conoscenza dell’inglese che soddisfano i requisiti

 

Quando:

- Periodo primaverile: marzo-giugno 2018

- Periodo estivo: giugno-settembre 2018

- Periodo autunnale: settembre-dicembre 2018

 

Scadenza:

Periodo primaverile: 15 febbraio 2018

- Periodo estivo: 1 maggio 2018

- Periodo autunnale: 1 agosto 2018

 

Descrizione dell’offerta: La Community of Democracies offre a studenti universitari e giovani neo-laureati l’opportunità di fare tirocinio, per minimo 3 mesi e massimo 6, laqvorando su progetti reali per l’innovazione della democrazia, dei diritti umani e della diplomazia del Segretariato Permanente della Community of Democracies a Varsavia, in Polonia.

Come tirocinante, sarai parte di un team diversificato e multiculturale che pianifica ed implementa attività collegate alle democrazie in transizione e agli attori che ne difendono i diritti. Durante il tirocinio, gli stagisti saranno alle prese con il lavoro della Community, supportando gli esperti e aiutando nella gestione di progetti internazionali.

I tuoi compiti come tirocinante saranno:

- Condurre ricerche ed analizzare le questioni correlate alla democrazia e ai diritti umani

- Revisione e correzione di documenti e di appunti diplomatici

- Contribuzione allo sviluppo di piani strategici, appunti di concetti o proposte di progetti

- Organizzazione di conferenze

- Monitoraggio dei social media ed elaborazione di contenuti per Twitter e Facebook

-Partecipazione ad eventi per conto del Segretariato Permanente

 

Requisiti:

- Passione per i valori contenuti nella Dichiarazione di Varsavia e dedicazione nel supportare la democrazia e proteggere i diritti umani nel mondo

- Essere uno studente prossimo alla laurea o già laureato con ottimi voti

- Essere particolarmente interessato a democrazia, diplomazia, relazioni internazionali, diritti umani, uguaglianza di genere, diversità, diritti delle donne e politica

- Ottima conoscenza professionale dell’inglese; la conoscenza di altre lingue è un vantaggio

 

Retribuzioni:  Non previste

 

Guida all’application: Per candidarti al tirocinio, devi mandare una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., indicare nell’oggetto della mail “periodo + INTERNSHIP”, esclusivamente in inglese. Dovrai inoltre allegare il tuo CV aggiornato senza foto e una lettera di presentazione di una pagina.

 

Informazioni utili: I CV completi di foto non saranno presi in considerazione

 

Link utili:

Link all’offerta

Sito web Community of Democracies

Pagina dei contatti CoD

Dichiarazione di Varsavia

 

Contatti Utili:

Aleje Ujazdowskie 41

00-540 Varsavia, Polonia

Tel: +48-22-375-90-00

Fax: +48-22-3195628

Informazioni generali: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Informazioni per i media: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

a cura di Ruino Martina Pia

 

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE




“Do we do wars for ideological reasons?”

Il Dr. Guillaume Lasconjarias, rappresentante del consiglio di difesa della Nato, apre il suo intervento al Festival delle Carriere Internazionali di Roma con questo dubbio irrisolto, chiedendosi se veramente lo scontro d’ideologie tra occidente e oriente si sia ultimato con la fine della guerra fredda e se si sia ancora disposti a morire per un’idea. O se lo si sia mai stati.

Inizia subito con un’attenta analisi della recente storia dell’Organizzazione.

Racconta del 2012, un anno importante per la Nato, segnato dal termine della missione in Asia per la stabilizzazione e la ricostruzione del territorio afghano.

Più di 150 000 soldati erano stati impiegati per questa missione senza però vedere risultati efficaci. Il vento europeo stava cambiando e ogni nazione cercava di ritirare i propri contingenti il più rapidamente possibile.

Una mancanza di coesione strategica tra le nazioni del Patto Atlantico è ciò che non ha permesso non solo la definizione di un obiettivo comune, ma soprattutto un modus operandi cooperativo per raggiungerlo.

Il Dr. Lasconjarias continuerà a ripetere questo concetto applicandolo alle varie sfide accolte dalla Nato negli ultimi 6 anni, ovvero da quando è diventato Research Adviser per il NATO Defense College.

Nel settembre 2014 durante il Wales summit sono state prese misure per assicurare un proseguimento della collaborazione degli alleati senza mettere sull’attenti la potenza russa, la maggior investitrice nel proprio settore militare, con la quale erano iniziate relazioni delicate e controverse data la precaria situazione balcanica.

In quel preciso momento, paesi come la Crimea e l’Ucraina, rappresentavano infatti la linea di fuoco che la Nato non avrebbe dovuto pestare.

Una volta passato il Rubicone, la Nato avrebbe pronunciato l’ Alea iacta est internazionale, rompendo definitivamente il già precario rapporto con la Russia.

La delicatissima situazione non è cambiata nel corso di questi quattro anni.

Queste simultanee e costanti crisi possono minare lo stesso concetto di Alleanza, in un momento in cui risulta molto difficile per ogni nazione fidarsi del proprio vicino.

La stessa alleanza, per essere mantenuta, ha bisogno di continuo coinvolgimento e di politiche comuni volte stabilità.

Rotture interne all’Alleanza porterebbero non solo ad una Russia più aggressiva, ma anche alla destabilizzazione dell’intero sistema internazionale.

Ciò che però il nostro ospite ribadisce è che i progetti e le politiche intraprese dalla Nato sono investimenti a medio-lungo termine.

Il dialogo e il negoziato sono processi che danno frutti con pazienza, e difficilmente l’organizzazione si è prestata a soluzioni con effetto immediato.

In questo senso, misure per aumentare e mantenere una stabilità internazionale, anche nelle zone più critiche, sono state prese durante il summit di Varsavia nel luglio 2016.

 

Il Dr. Guillaume Lasconjarias chiarisce che la Nato aborra l’idea di un ritorno alla Guerra Fredda, ma che negli ultimi anni si è tornato a considerare l’impensabile, data la radicalizzazione delle posizioni di Mosca e la rinascita di dialettiche autoritarie e nazionaliste in tutto il mondo.

Anche i rapporti con il neo presidente degli Stati Uniti non sono iniziati con tè e biscotti al burro; il Dr. Lasconjarias ammette anche che la propaganda politica non è del tutto una cartina tornasole di ciò che sarà la presidenza e mr. Donald Trump, infatti, ha già fatto marcia indietro sulla sua presunta totale sfiducia nella Nato.

 

Tanti sono gli obiettivi dell’organizzazione, ma il nostro ospite, ormai onesto con la realtà, ammette come non si possa avere una dimensione strategica senza una dimensione di difesa: per questo motivo la Nato si sta adattando al clima di tensione internazionale implementando le spese per la difesa e una più chiara pianificazione strategica per derimere nuove crisi internazionali che purtroppo sono alle porte.

Un chiaro approccio d’indagine sociale su fenomeni che stanno alla base di problemi odierni è ciò che caratterizza il nostro ospite, che con grande schiettezza e onestà intellettuale in 80 minuti riesce a riassumere una gran parte della situazione odierna vissuta con gli occhi del gigante Nato.




Chiara Sandri

Team 5 - Press Game

 

Possiedi buone capacità manuali e vorresti metterle in pratica per aiutare i bisognosi? Habitat for Humanity, organizzazione edile non-profit, è alla ricerca di volontari per aiutarli nella loro missione. Candidati subito!

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Cooperazione

 

Ente: Habitat for Humanity è un’organizzazione edilizia non-profit globale con oltre 40 anni di esperienza. HfH consente alle persone nelle comunità più povere di risolvere la mancanza cronica di un’edilizia conveniente e soprattutto adeguata. Sin dal 1976, HfH ha aiutato oltre 9.8 milioni di persone in più di 70 Paesi. Solo in Europa, Medio Oriente e Africa, hanno aiutato più di un milione di persone dal 2015 ad oggi.

Grazie alla loro esperienza, professionalità e ampia gamma di soluzioni, Habitat for Humanity è un’organizzazione leader nel settore dell’edilizia. Ovviamente, però, Habitat for Humanity non riesce a risolvere da sola “l’emergenza silente” in cui milioni di persone sono ancora soggette a condizioni abitative indecenti. Per questo Habitat for Humanity lavora con benefattori, volontari e partner nei settori pubblici e privati, con società civili e governi per attuare il cambiamento per costruire comunità forti e stabili.

 

Dove: Vari Paesi del mondo

 

Destinatari: Tutti coloro desiderosi di aiutare il prossimo

 

Quando: Periodo di volontariato da stabilire con l’ente

 

Scadenza: Open

 

Descrizione dell’offerta: Habitat for Humanity è sempre lieta di accogliere richieste di volontariato da parte di persone volenterose e disposte ad aiutare il prossimo. Come volontario, offrirai il tuo prezioso contributo nella costruzione di case e nel restauro di immobili a basso costo per i bisognosi, sia nelle aree disastrate che nelle grandi città.

 

Requisiti:

- Passione per il volontariato

- Capacità psico-motorie adatte per la costruzione e il restauro di immobili

- Buone capacità manuali

 

Retribuzioni: Non previste

 

Guida all’application: Per candidarti, devi contattare l’ufficio del tuo Paese presentandoti e parlando della tua passione per il volontariato, parlando di esperienze precedenti, se ne possiedi; contatta l'ufficio all'indirizzo mail appropriato:

- Germania, Svizzera e Austria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

-  Gran bretagna: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

- Paesi Bassi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

- Irlanda del Nord: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

- Irlanda: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

- USA: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

- Canada: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

- Altri Paesi dell’Europa, Medio Oriente e Africa: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Informazioni utili: Una persona su quattro vive ancora in condizioni abitative inaccettabili. In Europa, Medio Oriente e Africa i problemi sono tanti e vari. Habitat for Humanity agisce con soluzioni pensate su misura per ogni diversa problematica, in modo da aiutare gli abitanti locali a costruirsi un futuro migliore. Ad esempio, in Africa HfH garantisce dei piccoli prestiti accessibili per costruire case tramite le loro iniziative microfinanziarie; oppure nell’Europa dell’Est lavorano con associazioni comunitarie per trasformare le abitazioni in malora.

 

Link utili:

Link all’offerta

Habitat for Humanity

FAQs

 

Contatti Utili:

- Habitat for Humanity International - Ufficio di zona in Europa, Medio Oriente e Africa

 

Zochova, 6 – 8,

811 03 Bratislava

Slovacchia

Tel: +421 2 336 690 00

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

 

a cura di Ruino Martina Pia

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE



Sei innamorato del patrimonio paesaggistico e culturale italiano e vorresti fare qualcosa per conservarlo al meglio? FAI - Fondo per l’Ambiente Italiano - è alla ricerca di volontari da inserire nelle sue sedi di Roma e Milano, nelle Delegazioni e nei Beni. Candidati subito!

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Cooperazione

 

Ente: Il FAI - Fondo per l’Ambiente Italiano - è una fondazione senza scopo di lucro nata nel 1975, sul modello del National Trust, con il fine di tutelare e valorizzare il patrimonio storico, artistico e paesaggistico italiano.

FAI lavora per raggiungere 3 obiettivi:

- Prendersi cura dei luoghi speciali dell’Italia per le generazioni di oggi e di domani

- Educare alla conoscenza e all’amore dei beni storici e artistici e dei paesaggi d’Italia

- Vigilare sulla tutela del patrimonio paesaggistico e culturale, traducendo in realtà l’articolo 9 della Costituzione Italiana

FAI collabora con la società civile e le istituzioni, sia a livello locale che nazionale, per essere sempre più presente nei grandi dibattiti sull’ambiente, in difesa del paesaggio e del patrimonio storico-artistico.

 

Dove: Roma e Milano

 

Destinatari: Tutti coloro che desiderano fare volontariato

 

Quando: Periodo di volontariato da stabilire con l’ente

 

Scadenza: Open

 

Descrizione dell’offerta: FAI - Fondo per l’Ambiente Italiano - è sempre alla ricerca da volontari da inserire nelle sue sedi di Roma e di Milano, o presso i Beni e le Delegazioni FAI in tutta Italia.

 

- Presso i Beni FAI

 

In ogni bene FAI aperto al pubblico la collaborazione è fondamentale per offire un servizio impeccabile ai visitatori- Come volontario nei Beni FAI ti occuperai di visite e presidio di sala, accoglienza, attività con bambini e famiglie e lavori manuali.

 

- Presso le Delegazioni FAI

 

Le Delegazioni, costituite interamente da volontari, sono il motore del FAI sul territorio e sono affiancate dai Gruppi FAI, i gruppi del progetto “Arte, un ponte tra culture” e i Gruppi FAI Giovani. Come volontario nelle Delegazioni ti occuperai di garantire supporto durante gli eventi e presidiare al banco FAI.

 

- Presso gli uffici FAI

 

I volontari sono indispensabili anche nelle sedi FAI di Milano e Roma, per aiutare a svolgere semplici mansioni di ufficio.

 

Requisiti:

- Essere appassionati della bellezza artistica e paesaggistica italiana

- Avere passione per il volontariato

- Massimo impegno e serietà

 

Retribuzioni:  Non previste

 

Guida all’application: Per candidarti, invia una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., esprimendo la tua volontà di diventare volontario FAI e parlando delle tue esperienze precedenti di volontariato, se ne possiedi.

 

Informazioni utili: FAI si impegna a ridurre l’impatto energetico dei suoi Beni culturali e a raggiungere gli standard di eccellenza europei.

FAI è anche una app scaricabile per il tuo smartphone, per avere sempre a portata di mano una guida alla bellezza culturale e paesaggistica italiana!

 

Link utili:

Link all’offerta

Sito web FAI

Pagina dei contatti

 

Contatti Utili:

- Sede di Milano

 

La Cavallerizza - Via Carlo Foldi, 2

20135 Milano

Telefono: 02 4676151

Fax: 02 48193631

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- Sede di Roma

 

Via delle Botteghe Oscure, 32

00186 Roma

Telefono: 06 6896752

Fax: 06 96849220

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

a cura di Ruino Martina Pia

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE



Sei un cittadino di un Paese UE/EEA/EFTA? Hai completato almeno il primo ciclo di studi universitari? Non lasciarti sfuggire l’opportunità di fare tirocinio presso una importante Agenzia Europea come l’EIT: candidati subito!

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Europa

 

Ente: L’European Institute of Innovation and Technology - EIT, “Istituto Europeo per l’Innovazione e la Tecnologia” - è un’agenzia europea che mira ad incentivare l’innovazione e l’imprenditorialità in tutta Europa attraverso una singola idea: “grazie alla diversità, c’è forza”. EIT supporta lo sviluppo di partenariati pan-europei dinamici tra università, laboratori di ricerca e aziende varie. Insieme, questi sviluppano prodotti e servizi innovativi, danno vita a nuove aziende e formano nuove generazioni di imprenditori. Importano nuove idee sul mercato, idee soprattutto di innovazione. Queste partnership sono conosciute come Comunità dell’Innovazione di EIT - “EIT Innovation Communities” in inglese.

Il sostegno di EIT aiuta gli innovatori e gli imprenditori di tutta Europa a trasformare le loro idee in prodotti e servizi per il mercato. Questo è un passo cruciale per raggiungere gli obiettivi della missione di EIT: aumentare le opportunità di crescita economica e di lavoro sostenibile in Europa. EIT gioca un ruolo vitale nell’aumento della crescita economica e nella creazione di nuovi lavori.

EIT è parte integrale di Horizon 2020, il  Programma Quadro europeo per la Ricerca e l'Innovazione. Horizon 2020 è un pilastro portante dell’Innovation Union, un’iniziativa faro europea che mira ad incrementare la competitività globale europea.

 

Dove: Budapest

 

Destinatari: Tutti coloro che soddisfano i requisiti

 

Quando: Non specificato

 

Scadenza: Open

 

Descrizione dell’offerta: Le traineeship all’European Institute of Innovation and Technology - EIT, “Istituto Europeo per l’Innovazione e la Tecnologia” - si rivolgono soprattutto a giovani laureati, senza però escludere coloro che hanno di recente terminato i loro studi per ottenere un diploma universitario e stanno per intraprendere una carriera personale.

Gli scopi principali della traineeship di EIT sono:

- Fornire ai tirocinanti una comprensione degli obiettivi e delle attività di EIT

- Consentire ai tirocinanti di acquisire esperienza e conoscenze pratiche utili nel lavoro che svolgeranno negli Headquarters di EIT

- Promuovere l’integrazione europea attraverso la partecipazione attiva per incrementare la consapevolezza della vera cittadinanza europea

- Consentire ai tirocinanti di mettere in pratica le conoscenze acquisite nei loro studi, in particolare nelle specifiche aree di competenza

Attraverso questo schema, EIT beneficia dell’input dei giovani laureati che possono dare un punto di vista fresco, moderno e giovanile e una conoscenza accademica aggiornata, fattori che rafforzeranno il lavoro quotidiano di EIT. Così facendo, EIT crea una rete di giovani persone qualificate con esperienze dirette nelle procedure di EIT, che saranno meglio preparate a collaborare e cooperare con EIT in futuro.

 

Requisiti:

- I candidati devono aver completato almeno il primo ciclo di studi universitari e aver ottenuto una laurea o titolo equivalente

- I candidati cittadini degli Stati membri UE devono avere ottima conoscenza dell’inglese e di un’altra lingua ufficiale UE

- I candidati cittadini dei Paesi Membri EEA/EFTA, degli USA, del Giappone, della Corea del Sud e dei Paesi BRICS devono avere ottime conoscenze della lingua inglese

- I candidati devono tenere un comportamento generale compatibile con i requisiti di sicurezza di EIT e devono essere fisicamente in forma per portare a termine i loro lavori ed obiettivi

 

Retribuzioni: Previste, non specificata la somma

 

Guida all’application: Per candidarti, vai sul sito EIT (vedi Link utili), crea un account e compila la domanda.

 

Informazioni utili: EIT vuole dare a più persone possibili l’opportunità di lavorare per loro. Per questo motivo, le traineeship sono aperte solo ai candidati che NON hanno:

- Beneficiato o stanno beneficiando di traineeship presso istituzioni, agenzie e corpi europei

- Mai ottenuto un impiego presso un’istituzione o un’agenzia europea, inclusi tutti coloro che hanno lavorato come assistenti per membri del Parlamento Europeo

- Beneficiato di traineeship retribuite, impieghi o altre relazioni contrattuali con le CCI - Comunità della Conoscenza e dell’Innovazione

 

Link utili:

Link all’offerta

Opportunità lavorative di EIT

Sito web EIT

 

Contatti Utili:

EIT Headquarters: Infopark - Building E

1 Neumann Janos utca 1117

Budapest, Ungheria

Centralino: +36 14 819 30

 

 

a cura di Ruino Martina Pia

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

Vorresti mettere a disposizione il tuo tempo e le tue energie per essere parte di qualcosa di grandioso? Candidati ora e offri il tuo supporto a Albero della Vita ONLUS!

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Cooperazione

 

Ente: L’Albero della Vita è ONLUS e ONG ed è impegnata ad assicurare benessere ai bambini, proteggere e promuovere i diritti, favorire lo sviluppo dei minori, delle loro famiglie e delle comunità di appartenenza, in Italia e nel mondo. Nei primi anni della sua storia, fino al 2003, L’Albero della Vita si è concentrata principalmente nel creare progetti di accoglienza per minori fuori famiglia per bambini e ragazzi, operando principalmente in Lombardia. Nascono le prime Comunità Educative per minori, “La Bussola”, “ZeroSei” e il centro diurno “Vivi ciò che Sei”. A luglio 2004 si costituisce la Fondazione L’Albero della Vita, con l’intento di promuovere uno sviluppo dell’organizzazione e dei suoi progetti in Italia e nel mondo e l’impegno a implementare la “Pedagogia per il Terzo Millennio” nelle attività e nelle metodologie. Nascono nuove strutture di accoglienza (in Sardegna, Sicilia, Puglia, Campania, Umbria), reti di famiglie affidatarie, progetti di educazione ai diritti e allo sviluppo nelle scuole. Si aprono le prime attività in India e poi in Perù grazie all’importante contributo del Sostegno a Distanza.

Tra il 2008 e il 2009 L’Albero della Vita vive una nuova fase di sviluppo, promossa dal grande impegno nelle campagne e dai tanti sostenitori: privati, istituzioni, fondazioni a livello italiano e internazionale. Si aprono progetti nell’Est Europa e in Africa (Kenya e Congo).

L’idoneità come Organizzazione Non Governativa è rilasciata dal Ministero degli Affari Esteri il 14 dicembre 2009: da allora le progettualità internazionali in tutti i continenti si sviluppano secondo principi e approcci di cooperazione internazionale. Si struttura l’attività di ricerca, advocacy e networking finalizzata a promuovere cambiamenti di sistema positivi, tra gli attori istituzionali e nel settore delle organizzazioni del privato sociale.

 

Dove: Non specificato

 

Destinatari: Tutti coloro che desiderano offrire il loro aiuto

 

Quando: Il candidato potrà concordare con l’ente l’inizio del volontariato

 

Scadenza: Domande sempre aperte

 

Descrizione dell’offerta: Albero della Vita Onlus è sempre pronto a ricevere nuove persone disposte ad aiutare bambini oggi per formare migliori adulti del domani. Le attività di volontariato sono molteplici e orientate in base alle disponibilità e alle esperienze che ciascuno porta con sé. Ad oggi i volontari ed il personale qualificato sono presenti:

- nelle strutture adibite supportando nelle attività ludico/ricreative o svolgendo attività “casalinghe” e di natura logistica (sistemazione guardaroba, donazioni materiali, preparazione pasti)

- negli uffici a supporto del bazar solidale e dell’area sostegno a distanza

- con attività ricreative/laboratori all’interno dei vari progetti e servizi

- sponsorizzando i nostri progetti

- supportando nell’organizzazione di eventi dedicati, punti informazione, attività di sensibilizzazione dei progetti e tanto altro ancora

 

Requisiti:

- Motivazione

- Spirito di gruppo

- Monitoraggio costante

 

Guida all’application: Se vuoi mettere a disposizione un po’ del tuo tempo e delle tue competenze, invia la tua richiesta a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., inserendo una breve presentazione e possibilmente un CV che racconti le tue esperienze professionali e di volontariato precedenti.

 

Informazioni utili: Fondazione L’Albero della Vita, nel corso dei suoi 20 anni di attività in Italia e nel mondo, ha ricevuto importanti riconoscimenti di carattere giuridico:

2005, Ente Morale da parte della Prefettura di Milano

- 2005, Onlus (Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale) dall’Agenzia delle Entrate

- 2009, ONG (Organizzazione Non Governativa) dal Ministero degli Affari Esteri italiano per il valore delle attività realizzate all’estero e l’esperienza maturata nell’ambito della cooperazione internazionale allo sviluppo

Il valore sociale dell’attività svolta dall’Albero della Vita è stato riconosciuto con il conferimento di:

- Patrocini da parte di Ministro per la Cooperazione Internazionale e Integrazione, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Ministro con delega alla Politiche Giovanili, Ministro con delega alle pari opportunità, Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza, Città di Palermo, Milano, Napoli, Oristano, Roma e Bari

- Targa d’argento nel 2002 e nel 2007 dalla Presidenza della Repubblica Italiana per le meritorie attività svolte e per la sua campagna nazionale sui diritti dei bambini

- Alto Patronato da parte del Presidente della Repubblica, del presidente di Regione Lombardia, della Commissione Europea (rappresentanza regionale di Milano)

 

Link utili:

Pagina dell’offerta

Sito Albero della Vita

 

Contatti Utili:

Fondazione L'Albero della Vita onlus

Via Vittor Pisani, 13 - 20124 - Milano

Tel: +39 02 90751517

Fax: +39 02 90751464

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



a cura di Ruino Martina Pia

 

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

Il Budapest Centre for Mass Atrocities Prevention offre un'opportunità di tirocinio su una delle più importanti tematiche di grande rilievo nella politica internazionale. Candidati!

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Europa

 

Ente: Il Budapest Centre for Mass Atrocities Prevention è nato grazie ad una raccomandazione sottoposta dal un comitato direttivo presieduto da David Hamburg, Presidente Emerito della Carnegie Corporation di New York e Presidente del Comitato consultivo delle Nazioni Unite sulla prevenzione del genocidio, e da Javier Solana, Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune dell'Unione europea, per la creazione di un Centro internazionale per la prevenzione del genocidio e dei crimini contro l'umanità in Europa. Il governo ungherese rispose in modo proattivo a questa raccomandazione e venne istituita la Fondazione Internazionale per la Prevenzione del genocidio e delle atrocità di massa, registrata a Budapest il 1 Gennaio 2011. Si tratta di un ente internazionale non governativo con esperienza tecnica e politica unica nel campo della prevenzione dei conflitti, dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale, infatti, svolge un ruolo attivo di informazione e prevenzione in situazioni di violazioni dei diritti umani fondamentali. Collabora con le principali Istituzioni Europee ed Internazionali. In ambito UE ha lanciato la Task Force on the EU Prevention of Mass Atrocities per contribuire agli sforzi dell'Unione Europea per quanto riguarda la protezione dei diritti umani e rendere la prevenzione del genocidio una priorità della politica estera europea.

La Fondazione è aperta, senza alcun tipo di discriminazione in base alla nazionalità e non è soggetta al controllo di nessuna organizzazione internazionale e regionale o nessun governo o stato, ma è sottoposta solo alle regole e agli scopi della Fondazione stessa. Il suo staff è composto da esperti internazionali, ricercatori, avvocati internazionali, analisti, mediatori e diplomatici.

 

Dove: Budapest o Roma

 

Destinatari: Laureati di secondo livello

 

Quando: Non specificato

 

Scadenza: Open

 

Descrizione dell’offerta: Il Budapest Centre offre un numero limitato di tirocini per residenti e non-residenti a studenti laureati. Nel caso in cui tutte le posizioni per il tirocinio da residente siano piene, il centro dà la possibilità di offrire il tirocinio da non residenti a candidati particolarmente forti. Al/alla tirocinante sarà assegnato un progetto specifico di ricerca o all’organizzazione per un evento. Le responsabilità saranno limitate allo scopo del progetto a meno che non sia strettamente necessario un supporto in altre attività.  

 

Requisiti:

- Laurea di secondo livello in un campo attinente

 - Ottima conoscenza di Inglese (Conoscenza di Francese, Spagnolo, Arabo, Russo o Ungherese è un vantaggio)

 - Competenze informatiche

- Interesse per i diritti umani e tematiche riguardanti la prevenzione di genocidi e atrocità

- Conoscenza base delle Organizzazioni Internazionali e Regionali



RetribuzioniNon previste; il supporto economico o il rimborso spese del candidato devono essere previste dalla propria istituzione di nomina o dal proprio governo

 

Guida all’application: Per candidarsi, inviare il CV e la lettera motivazionale a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. In caso il Curriculum sia adatto, prima del colloquio il candidato dovrà mandare 2 lettere di referenza.  



Link utili:

Tirocinio

Budapest Centre

 

Contatti Utili:

Budapest Centre for Mass Atrocities Prevention

1118 Budapest, Villányi út 47

Ungheria

Tel e Fax : +36 21 252 4525, +36 21 252 4525

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 





a cura di Ruino Martina Pia

 

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE 

La fondazione CRUI offre la possibilità agli studenti delle università italiane di partecipare a un bando di selezione per 349 tirocini curriculari presso le sedi diplomatiche d’Italia all’estero. Se sei interessato, invia il tuo curriculum!

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Formazione

 

Ente: Fondazione CRUI si occupa della promozione di tirocini formativi e di orientamento per studenti universitari e neolaureati rappresenta un’attività che la Fondazione gestisce dal 2001, garantendo alti standard di qualità tanto nell’offerta quanto nei tirocinanti selezionati, grazie alla collaborazione con prestigiosi enti pubblici e privati e ad un sistema di gestione e selezione avanzato a cui partecipano le stesse Università di appartenenza dei candidati. La Fondazione CRUI, in quanto soggetto di riferimento dell’intero sistema universitario, individua partner strategici presso cui attivare i tirocini con l’obiettivo di assicurare alle Università e ai giovani un’esperienza altamente formativa e funzionale allo sviluppo di un approccio consapevole con il mondo del lavoro, offrendo al contempo agli enti ospitanti l’opportunità di selezionare i propri tirocinanti tra l’eccellenza presente nell’intero sistema universitario nazionale.

 

Dove: Per le sedi di destinazione si rimanda ai dettagli relativi al bando (vedi Link utili)

 

Destinatari: Studenti di tutte le Università italiane aderenti alla Convenzione che risultino iscritti ad uno dei corsi di laurea indicati nel bando

 

Quando: 10 settembre – 7 dicembre 2018

 

Scadenza: 4 giugno 2018, ore 17.00

 

Descrizione dell’offerta: La Fondazione CRUI in collaborazione con il MIUR e con le Università italiane offre la possibilità agli studenti di partecipare a 348 tirocini curriculari presso le seguenti tipologie di Sedi all’estero del MAECI: Ambasciate, Rappresentanze permanenti presso le OO.II., Consolati, Istituti italiani di Cultura (IIC). I tirocinanti saranno impegnati nella realizzazione di ricerche, studi, analisi ed elaborazione di dati utili all'approfondimento dei dossier trattati da ciascuna Sede. Gli studenti potranno essere anche coinvolti nell'organizzazione di eventi ed assistere il personale del MAECI nelle attività di proiezione esterna. I tirocini sono disciplinati dalla Convenzione

 

Requisiti:

- Cittadinanza italiana

- Nel caso di tirocini presso le Rappresentanze diplomatiche (Ambasciate e Rappresentanze permanenti presso le Organizzazioni Internazionali) o presso i Consolati, di essere iscritti a uno dei corsi di laurea magistrale o a ciclo unico che consentono l’accesso alla carriera diplomatica, secondo quanto disposto dall’articolo 3, comma 1, lettera c) del DPCM del 1 aprile 2008, n. 72 e il Decreto Interministeriale del 9 luglio del 2009 (per la lista dei corsi di laurea fare riferimento al bando)

- Avere acquisito almeno 60 CFU nel caso delle lauree specialistiche o magistrali e almeno 230 CFU nel caso delle lauree magistrali a ciclo unico

- Avere una conoscenza, certificata dall’Università o da organismo ufficiale di certificazione, della lingua inglese a livello B2 del quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER) e, a titolo preferenziale, se richiesto dalla Sede all’estero ospitante, di una seconda lingua straniera

- Avere riportato una media delle votazioni finali degli esami non inferiore a 27/30

- Avere un’età non superiore ai 28 anni  

 

Retribuzioni: Rimborso forfettario delle spese sostenute nella misura minima di 300 euro mensili, pagati dall’Università di appartenenza

 

Guida all’application: Le candidature possono essere inviate esclusivamente per via telematica al link per l’iscrizione online. Per la compilazione dell’applicativo online vedere la sezione “modalità di candidatura” del bando

 

Informazioni utili: I tirocini curriculari hanno la durata di tre mesi e nel periodo di svolgimento del tirocinio l’impegno richiesto è a tempo pieno. Il tirocinante può assentarsi per non più di 6 giorni lavorativi a trimestre, con l’accordo del tutor in loco. I tirocini comportano il riconoscimento di almeno 1 credito formativo universitario (CFU) per ciascun mese di attività effettiva, ferma restando la valutazione del periodo formativo di competenza degli Atenei di riferimento

 

Link utili:

Sito dell’offerta

Link del bando

Sito Fondazione CRUI

 

Contatti Utili:

Fondazione CRUI

Piazza Rondanini, 48

00186 Roma

Tel: +39 06684411

Fax: +39 0668441399

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 



 

a cura di Ruino Martina Pia

 

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.