L’International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology (ICGEB) è alla ricerca di un Responsabile delle risorse umane e del personale per il loro ufficio di Trieste. Non perdere l'occasione di far parte di una rinomata organizzazione internazionale all'interno della cornice delle Nazioni Unite. Candidati ora e metti la tua esperienza professionale a disposizione

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Organizzazioni Internazionali

 

Ente:  il Centro internazionale per l'ingegneria genetica e la biotecnologia (ICGEB), istituito nel 1983, è un'organizzazione internazionale intergovernativa concepita come centro di eccellenza per la ricerca, la formazione e il trasferimento tecnologico all'industria nel campo delle biotecnologie per promuovere uno sviluppo globale sostenibile. Il Centro conduce ricerche innovative nelle scienze naturali e rafforza la capacità di ricerca dei suoi oltre 60 Stati membri attraverso la formazione, i programmi di finanziamento e i servizi di consulenza. Situati a Trieste (Italia), Nuova Delhi (India) e Città del Capo (Sud Africa), e in collaborazione con oltre 40 Centri affiliati in tutto il mondo, i tre componenti ICGEB forniscono un ambiente scientifico ed educativo ai massimi standard internazionali.

 

Dove: Trieste, Italia

 

Quando: il prima possibile. Periodo iniziale di tre mesi, con possibilità di proroga a un anno

 

Destinatari: tutti coloro che hanno completato l'istruzione secondaria con formazione / certificazione post-secondaria in:

- risorse umane,

- gestione ufficio,

- amministrazione aziendale o settore correlato

 

Scadenza:  15/05/2019

 

Descrizione dell’offerta: Le mansioni principali svolte dal Responsabile delle risorse umane e del personale includono, ma non si limitano, ai seguenti servizi e compiti:

- gestione, processi e amministrazione quotidiana relativa al personale dell'ICGEB, che include assunzioni, classifiche di lavoro, separazioni, contratti e documentazione finanziaria pertinente, gestione della performance, stipendi e diritti alle prestazioni ecc .;

- coordinamento con l'amministrazione di New Delhi e Cape Town Components per le questioni relative al personale nel quadro dell'applicazione delle norme, dei regolamenti, delle politiche e delle linee guida dell'ICGEB;

- supervisione del consulente previdenziale incaricato dell'amministrazione dell'assicurazione malattia (CIGNA), assicurazione sulla vita (AETNA), fondo pensionistico delle Nazioni Unite (UNJSPF), assicurazioni relative a decessi o lesioni imputabili all'esercizio delle funzioni;

- preparazione, revisione e attuazione di modifiche delle norme e dei regolamenti del personale, aggiornamento o elaborazione di nuovi documenti strategici, mantenimento delle statistiche e preparazione di relazioni e altri documenti relativi alle risorse umane;

- Informazioni e consulenza per le risorse umane alla direzione e al personale; - gestione della ricezione dell'ICGEB; - altri incarichi e progetti speciali come richiest

 

Requisiti: I requisiti necessari per candidarsi alla posizione di Responsabile delle risorse umane sono:

- Un minimo di 7 anni di esperienza professionale in una posizione analoga

- La conoscenza delle procedure amministrative delle Nazioni Unite o di altre organizzazioni internazionali è un vantaggio

- Ottima conoscenza della gestione e amministrazione delle risorse umane

- La precedente esperienza in materia di separazione e gestione delle prestazioni è un vantaggio;

- Capacità di guidare e supervisionare lo staff e i team;

- Dimostrate capacità analitiche e di problem solving;

- Capacità di interpretare regole e linee guida amministrative e di risolvere problemi di routine e non di routine nel campo delle risorse umane;

- Ottime capacità comunicative con capacità di redazione chiara e concisa;

- Approccio orientato ai risultati forte;

- Dimostrata capacità di lavorare in gruppo e stabilire e mantenere rapporti di lavoro efficaci con partner esterni e interni in un ambiente multiculturale;

- Forti competenze IT

- Ottima conoscenza dell'inglese (scritto e parlato). La conoscenza dell'italiano è un vantaggio.

 

Retribuzioni: Livello G6/G7 della scala di retribuzione delle Nazioni Unite

 

Guida all’application: Per candidarsi alla posizione di Responsabile delle Risorse umane è necessario allegare un CV compilando il Modulo dell'ICGEB disponibile online all'indirizzo: https://www.icgeb.org/about-us/work-with-us /, con:

- una lettera di accompagnamento che illustri la motivazione per la candidatura

- dati di contatto completi di tre referenti.

Le domande devono essere inviate via e-mail a:

Risorse umane e personale - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  citando il riferimento PU / TS / 04-18

 

Informazioni utili: ICGEB è un datore di lavoro per le pari opportunità e accoglie le richieste di tutte le persone adeguatamente qualificate indipendentemente dalla razza, sesso, disabilità, religione / credo, orientamento sessuale o età.

 

Link utili:

Link all'offerta

ICGEB Vacancy portal

ICGEB

 

Contatti Utili:  

Science Park

Padriciano 99

34149 Trieste, ITALY

Tel: +39-040-37571

Fax: +39-040-226555

HR & Personnel Unit: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

a cura di Ludovica Mango

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org




 L’Associazione Joint cerca un assistente di progetto per “GloCal Recognition”, un progetto approvato all’interno del Programma “Unione Europea – Turchia Dialogo della Società Civile – V Schema di finanziamento della Società Civile” finanziato dal Ministero degli Affari Europei turco e dall’Unione Europea. Vuoi perdere questa incredibile opportunità? No? Allora invia la tua candidatura adesso!

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Cooperazione

 

Ente:  L’associazione Joint è un ente non-profit che opera sul campo del volontariato e nella promozione sociale. L’associazione si rivolge ai giovani - età compresa tra i 18 e i 30- e promuove un’educazione non formale e l’apprendimento interculturale. Fondata nel 2003 a Milano da un gruppo di giovani amici che condividevano gli stessi interessi nell’ambito sociale, è tra le più importanti associazioni in Italia che promuove la mobilità internazionale e gli scambi europei. Joint è un'organizzazione attiva anche nella realizzazione di progetti Erasmus Plus nell'Azione Youth in Action

 

Dove: Milano

 

Quando: periodo di prova di 1 mese e la successiva assunzione tramite apprendistato

 

Destinatari: tutti coloro che rispondano ai requisiti e che non abbiano compiuto 30 anni alla firma del contratto

 

Scadenza:  il prima possibile

 

Descrizione dell’offerta: Le mansioni specifiche, sia in supporto a un referente sia in autonomia per la posizione come Assistente di Progetto, saranno:

- aiuto nello sviluppo degli intellectual outputs seguendo le indicazioni degli esperti

- traduzione dall’italiano all’inglese e viceversa di tutto il materiale prodotto nel progetto

- redazione report qualitativi e rendicontazione delle spese

- comunicazione con i partner del progetto e enti locali: creazione infopack, documenti divulgativi, form di valutazione, controllo scadenze

- preparazione e gestione logistica degli incontri internazionali

- acquisto ed organizzazione di viaggi internazionali.

 

Requisiti: I requisiti per candidarsi alla posizione come assistente di progetto con Joint sono i seguenti:

- esperienza nella gestione, anche come assistente, di almeno un progetto Erasmus+ (anche KA1) o di cooperazione internazionale o di altri progetti complessi (anche nel settore privato o del no profit a livello locale);

- buon livello nell’uso dell’inglese parlato e scritto (minimo C1 parlato e scritto, auto-certificato);

- buona dimestichezza nell’uso del computer e nel lavoro d’ufficio;

- disponibilità ad aiutare in altre mansioni, anche “umili” come pulire l’ufficio (una volta al mese), ritirare la posta e piccole commissioni;

- disponibilità a lavorare nel fine settimana e a partecipare ad incontri all’estero;

- esperienza personale e forte motivazione rispetto al progetto e al tema del volontariato e del riconoscimento delle competenze.

Costituisce titolo preferenziale (ma non è un criterio di selezione) avere un computer funzionante e mediamente veloce con cui poter lavorare in ufficio.

 

Retribuzioni: Il compenso per i primi 6 mesi è previsto in 720€ al mese per un impegno di 30 ore a settimana circa distribuiti su almeno 4 giorni lavorativi

 

Guida all’application: Per candidarsi alla posizione come Assistente di Progetto è necessario inviare il CV e l’eventuale lettera di motivazione in italiano tramite il modulo apposito, cliccando sul pulsante “Candidati” direttamente dalla pagina dell’offerta

 

Informazioni utili: Le selezioni sono previste fra il 20 Aprile e il 5 di Maggio con inizio immediato. Sarà data la precedenza a chi potrà partecipare al colloquio di persona (a Milano). Obiettivo della Joint è individuare una persona che entri in pianta stabile nello staff.

 

Link utili:

Link all’offerta

Associazione JOINT

Global Recognition

 

Contatti Utili:  

Sede Legale:

Via Giovanola 25C – 20142 Milano

Tel: 02 4547 2364

Fax: 02 4507 0956

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Operativa:

Via San Giacomo 9 – 20142 Milano

Tel: 02 4547 2364

Fax: 02 4507 0956

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

a cura di Ludovica Mango

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org




 La Corte Permanente di arbitrato offre un’imperdibile Fellowship Program a laureati in giurisprudenza e giovani professionisti legali che lavoreranno presso un istituto arbitrale internazionale per un anno intero. Era questa l’occasione che stavi cercando da tempo? Allora corri ad inviare la tua candidatura!

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Organizzazioni Internazionali

 

Ente: La Corte permanente di arbitrato è un'organizzazione internazionale fondata nel 1899 per facilitare la risoluzione delle controversie fra gli stati membri. La Corte si è trasformata in un'istituzione arbitrale moderna e multiforme, in una posizione perfetta per soddisfare le esigenze in continua evoluzione della risoluzione delle controversie della comunità internazionale.

 

Dove: L’Aia - Paesi Bassi

 

Quando: le borse di studio durano dodici mesi e iniziano a settembre o gennaio.

 

Destinatari: laureati in giurisprudenza e giovani professionisti legali

 

Scadenza:  le domande devono essere presentate entro il 1 ° maggio per borse a partire da settembre o entro il 1 ° settembre per borse di studio a partire da gennaio.

 

Descrizione dell’offerta: nel corso dell'anno, i Fellows acquisiranno esperienza nelle operazioni dell'Ufficio internazionale della PCA, con particolare attenzione agli aspetti pratici e legali dell'arbitrato internazionale. I borsisti hanno il titolo di Assistente legale per il periodo della Fellowship.

 

Requisiti: i requiaiti necessari per poter inviare la propria candiadatura per il fellowship program della Corte Permanente di arbitrato sono:

- laurea in giurisprudenza che qualifichi il richiedente per l'ammissione nella propria giurisdizione di appartenenza (tramite esame, tirocinio o altro) è un requisito minimo. Il programma è aperto ai candidati le cui qualifiche superano questo requisito minimo (ad esempio, candidati e laureati in giurisprudenza, praticanti avvocati e altri professionisti legali).
- padronanza dell'inglese o del francese è essenziale. Ulteriori competenze linguistiche sono un considerate un vantaggio, in particolare arabo, cinese, russo e spagnolo.
- specializzazione in risoluzione delle controversie internazionali o diritto pubblico internazionale è un vantaggio.

 

Retribuzione:  i fellowship sono autofinanziati. I partecipanti devono disporre di risorse finanziarie e assicurazioni sanitarie adeguate per l'anno per essere idoneo

 

Guida all’application: per candidarsi al Fellowship Program della Corte è necessario inviare  una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  indicando la data di inizio desiderata nella riga dell'oggetto e allegando un singolo PDF comprendente un pacchetto di candidatura con i seguenti documenti:
- una cover letter accuratamente scritta che indichi
(a) come ti aspetti di beneficiare del programma;
(b) come puoi contribuire alla PCA;
(c) una breve descrizione delle aree di interesse e conoscenza del diritto.
- un curriculum vitae;
- una lettera di raccomandazione di un professore o di un professionista senior;
- copie di trascrizioni accademiche (scansioni o foto sono sufficienti);
- prova di competenza in inglese o francese (per non madrelingua).

 

Informazioni utili: se selezionati e si necessita di un visto di viaggio per poter usufruire della borsa, il PCA fornirà la documentazione a sostegno della domanda

 

Link utili:

About PCA

link all’offerta

 

Contatti Utili:  

Permanent Court of Arbitration

Peace Palace

Carnegieplein 2

2517 KJ The Hague

The Netherlands

T: +31 70 302 4165

F: +31 70 302 4167

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contact us

 

a cura di Ludovica Mango

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org




 L’Investment Center Division (DPI) della FAO è alla ricerca di un Investment Operation Specialists. Lo scopo di questa call è di fornire al DPI della FAO un elenco di candidati qualificati per un numero di profili con specializzazioni differenti. Dai un'occhiata all'offerta e non perdere questa grande opportunità!

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Organizzazioni Internazionali

 

Ente: L’Investment Center Division (DPI) promuove investimenti in sicurezza alimentare, agricoltura, sviluppo rurale, gestione delle risorse naturali e agro-trasformazione nei paesi in via di sviluppo e in transizione, assistendo governi e parti interessate del paese, principali partner di sviluppo, in particolare istituzioni finanziarie internazionali con pianificazione strategica e attuazione dei loro investimenti per raggiungere la sicurezza alimentare e la nutrizione, rendere l'agricoltura, la silvicoltura e la pesca più sostenibili e produttive, ridurre la povertà rurale, rendere più efficienti e inclusive le catene di valore alimentare e promuovere l'adattamento e / o la mitigazione dei cambiamenti climatici.

 

Dove: varie località

 

Quando: incarichi da due a sei settimane o fino a 11 mesi se applicabile

 

Destinatari: tutti coloro che hanno una laurea universitaria in:

- economia,
- economia agricola,
- scienze agricole,
- Scienze Ambientali,
- gestione dell'agrobusiness,
- gestione delle risorse naturali,
- ingegneria dell'irrigazione e del drenaggio,
- ingegneria delle infrastrutture rurali,
- comunicazione e scienze sociali,
- relazioni internazionali o un campo correlato appropriato al profilo

 

Scadenza:  30/06/2019

 

Descrizione dell’offerta: le mansioni principali svolte dall’Investement Operation Specialists sono:

- guidare o partecipare a gruppi multidisciplinari per assistere i governi nell'individuazione, valutazione e preparazione di operazioni di investimento nei settori della sicurezza alimentare, nutrizione, agricoltura, sviluppo rurale, gestione delle risorse naturali e adattamento e / o mitigazione dei cambiamenti climatici e partecipare nelle missioni di pre-valutazione e valutazione;
- guidare o partecipare a gruppi multidisciplinari per il supporto all'implementazione e la preparazione della valutazione finale delle operazioni di investimento
- consigliare i governi o fornire consulenza tecnica nella preparazione della sicurezza alimentare, nutrizione, agricoltura, sviluppo rurale, gestione delle risorse naturali e adattamento ai cambiamenti climatici e / o studi e strategie di mitigazione e nella formulazione del settore nazionale e / o piani e programmi di investimenti settoriali. (solo per consulenti)
- consigliare di sviluppare o sostenere lo sviluppo di sistemi alimentari inclusivi e sostenibili che coinvolgano i produttori, le loro organizzazioni, altri attori del settore privato, organizzazioni della società civile e governo
- guidare la formulazione o formulare e fornire strategie e attività di monitoraggio e valutazione, comunicazione e sviluppo della capacità nei settori della sicurezza alimentare, nutrizione, agricoltura, sviluppo rurale, gestione delle risorse naturali e adattamento e / o mitigazione dei cambiamenti climatici, sostegno agli investimenti per personale governativo, attori non statali e organizzazioni del settore privato
- preparare relazioni conformemente ai requisiti dei governi e dei partner finanziari
- promuovere la cooperazione e la collaborazione internazionali che portano a nuove opportunità di investimento e accordi di cooperazione, sostenere le pratiche migliori e un dialogo politico efficace. Fornisce competenze tecniche negli incontri internazionali
- svolgere altri compiti correlati come richiesto

 

Requisiti: i requisiti generali per poter inviare la propria candidatura sono:

- da uno a quindici anni di esperienza rilevante nella conduzione di studi analitici di settore agricolo / rurale / sottosettore e / o nella pianificazione, progettazione, supervisione di operazioni di investimento agricole e rurali, compresa l'elaborazione di studi di fattibilità e l'attuazione di operazioni di investimento agricolo e rurale nello sviluppo paesi e / o paesi in transizione
- conoscenza operativa dell'inglese, francese o spagnolo e conoscenza limitata di uno degli altri due o arabo, cinese, russo (per consulenti). Conoscenza operativa dell'inglese, francese, spagnolo, arabo o russo (per i PSA).

- esperienza nel guidare o partecipare a gruppi multidisciplinari per la preparazione di strategie e studi settoriali nonché formulazione, sostegno all'implementazione o valutazione della sicurezza alimentare, alimentazione, agricoltura, sviluppo rurale, gestione delle risorse naturali e adattamento ai cambiamenti climatici e / o operazioni di investimento di mitigazione
- esperienza in materia di sicurezza alimentare, alimentazione, agricoltura, sviluppo rurale, gestione delle risorse naturali e adattamento ai cambiamenti climatici e / o studi di analisi della mitigazione e valutazione del programma
- esperienza nella progettazione degli investimenti, sostegno all'attuazione e procedure di valutazione dei principali partner di sviluppo della FAO, in particolare la Banca mondiale, i fondi internazionali per l'agricoltura e lo sviluppo (IFAD), la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS)
- esperienza nello sviluppo delle capacità per la progettazione e l'attuazione della sicurezza alimentare, nutrizione, agricoltura, sviluppo rurale, gestione delle risorse naturali e adattamento ai cambiamenti climatici e / o investimenti di mitigazione
- esperienza dimostrata nel trattare con funzionari governativi, partner di sviluppo e altre parti interessate a livello nazionale;
- rilevanza dell'esperienza in diverse aree geografiche;

- abilità tecniche avanzate di scrittura in lingue ufficiali delle Nazioni Unite;
- capacità di lavorare sotto pressione e volontà di viaggiare frequentemente nei paesi in via di sviluppo o in transizione

 

Retribuzione: la posizione è retribuita

 

Guida all’application: per inviare la propria candidatura per la posizione di Investement Operations Specialist per la FAO è necessario fare click sul pulsante Apply Online dalla pagina dell’offerta e seguire le indicazioni

 

Informazioni utili: Si prega di notare che tutti i candidati devono aderire ai Valori di Impegno FAO per la FAO:

- Rispetto per tutti,

- Integrità

- Trasparenza

 

Link utili:

About FAO

link all’offerta

Apply Online

 

Contatti Utili:  

Viale delle Terme di Caracalla

00153 Rome, Italy

Tel:(+39) 06 57051

e-mail:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

a cura di Ludovica Mango

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org




Mondo Internazionale preferisce lasciar parlare i suoi associati e collaboratori, per spiegare più direttamente ciò che esso è e potrà essere. Dell’idea che senza di loro, nulla possa esistere oggi, vi presentiamo Stefano Cavallari, responsabile del progetto “Tra Scienza e Conoscenza”, Francesca Locatelli, responsabile del progetto “MIND-Nutrition Deal” e Isabella Poretti, responsabile del progetto “TrattaMI Bene”.

Stefano: Sono uno studente al secondo anno di Scienze politiche e delle Relazioni Internazionali. Attualmente sono un associato e copro la figura di responsabile per il progetto “Tra Scienza e Conoscenza”, occupandomi principalmente dell’organizzazione e delle attività di pubblicizzazione del progetto, tra cui la stesura di articoli e post che vengono poi caricati sui nostri canali social network. Da tempo sostengo che il cambiamento possa, e anzi debba partire dai giovani, in quanto futura classe dirigente e sono inoltre sempre più convinto che Mondo Internazionale mi stia dando questa possibilità. Si tratta infatti di un’Associazione giovane creata per i giovani, che ha come scopo principale quello di diffondere informazioni e promuovere attività formative per mezzo di articoli giornalistici, iniziative degli associati, conferenze, eventi e così via. Ho deciso di entrare a far parte dell’Associazione proprio per queste peculiarità e, infine, mi sono ritrovato a lavorare in un ambiente stimolante e con persone incredibili che mi stanno facendo crescere moltissimo professionalmente e caratterialmente, ma anche umanamente, che non è assolutamente una caratteristica da sottovalutare. love-models.net

Francesca: La fusione di culture alimentari differenti in un contesto di globalizzazione e l’importanza della sensibilizzazione ad una sana alimentazione, unitariamente all’attenzione che ai giorni nostri viene sempre più data all’ambito nutrizionale, è ciò che ha portato alla nascita del progetto MIND-Nutrition Deal. Con questo progetto, noi tre biologhe nutrizioniste, Dottoresse Maria Parisi, Francesca Locatelli e Federica Mascaretti, ci poniamo come obiettivi quelli di rendere note le peculiarità nutrizionali di altre culture e di sensibilizzare la popolazione ad una sana alimentazione attraverso la trattazione di tematiche differenti: esse sono entrambe indispensabili al fine dell’informazione riguardo ad un ambito spesso caratterizzato da confusione e false credenze. È senza dubbio un’esperienza elettrizzante e coinvolgente, con la quale speriamo di trasmettere, a coloro che seguiranno gli sviluppi del progetto, la passione e l’entusiasmo che ci accomuna nel prendere parte a questa meravigliosa iniziativa!

Isabella: Grazie a Mondo Internazionale io e il mio team abbiamo avuto la possibilità di usufruire di uno spazio attraverso cui sviluppare un progetto importante. Con questa associazione abbiamo trovato qualcuno che desse voce alle nostre idee, una finestra nella vita delle persone. Ci ha dato l'opportunità di essere cittadini del mondo in contatto con la gente. Il progetto di cui sono responsabile, "TrattaMi bene", è stato un ottimo punto di partenza per me e i miei colleghi al fine di dare il nostro piccolo contributo a una problematica che ci sta molto a cuore.

Inoltre scopri i progetti e gli obiettivi dell'associazione Mondo Internazionale

Prendi parte al progetto di volontariato in Brasile con AIESEC, dal 16 Giugno al 27 Agosto, e contribuisci al raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile n 4: “Educazione di Qualità”

 

Ente: AIESEC è il network internazionale di giovani più grande al mondo, presente in più di 120 Paesi e Territori. L’ obiettivo principale è quello di sviluppare una leadership consapevole nei giovani tramite esperienze di volontariato e tirocinio all’estero. Dal 2015, inoltre, AIESEC collabora con le Nazioni Unite per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’agenda 2030: ogni progetto è connesso ad una specifica problematica e permette ai ragazzi di agire, tramite piccole azioni quotidiane, alla risoluzione e sensibilizzazione di questo obiettivo.

 

Dove: Brasile

 

Destinatari: ragazzi dai 18 ai 30 anni

 

Quando: 16 Giugno al 27 Agosto 2019

 

Scadenza: 28 Giugno 2019

 

Descrizione dell’offerta: Il progetto AIESEC  Giramundo contribuisce attivamente al raggiungimento di questo obiettivo in quanto, scopo principale dell’esperienza, è fornire un’educazione improntata non solo sull’insegnamento delle materie tradizionali, ma anche sullo sviluppo sostenibile, i diritti umani e la parità di genere. Valori che possono e devono essere insegnati  per formare dei cittadini consapevoli del mondo che li circonda.

Proprio per questo, le principali attività svolte dal volontario dal 16 Giugno al 27 Agosto 2019 a São Gonçalo do Amarante, Brasile, saranno:

- Tenere workshops interattivi sul tema degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile;

- Tenere  spazi di scambio culturale e attività di ricreazione;

- Creare degli spazi di riflessione sulla situazione attuale della realtà locale in cui vivono questi ragazzi e su come possono agire per migliorarla.

Partecipa al nostro evento il 5 Marzo in una delle principali sedi universitarie in tutta Italia. Per avere maggiori informazioni visita l’evento facebook oppure conferma la tua presenza prenotandoti qui: bit.ly/VolontariatoEventTickets.

 

Requisiti: inglese base, età dai 18 ai 30 anni

 

Guida all’application: Il processo di selezione consiste in una chat nella quale il candidato potrà presentarsi e motivare la scelta del progetto. La quota associativa per partecipare al programma Global Volunteer è di 300 euro. L’alloggio e un pasto al giorno sono inclusi nella quota di partecipazione.

 

Link utili:

bit.ly/Volontariatointernazionale

Pagina del progetto

 

Contatti Utili: Per essere contattato da un nostro responsabile e ricevere maggiori informazioni iscriviti al sito bit.ly/Volontariatointernazionale (non vincolante) oppure scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Se lavori con l’estero o all’interno di una multinazionale, ti capiterà con una certa frequenza di dover presentare progetti in occasioni di riunioni e meeting internazionali. L’inglese in questo caso è ovviamente la lingua franca da conoscere e utilizzare in modo impeccabile, per far sì che tutti i partecipanti possano comprendere al meglio i contenuti esposti e porti eventualmente domande pertinenti.

Ma come puoi prepararti per la presentazione? Di seguito ti spieghiamo come impostare il tuo lavoro al meglio e ti diamo utili consigli per esporre il progetto in modo chiaro ed efficace.

 

Presentazione in inglese: lo schema di base

Generalmente, una presentazione comprende alcune sezioni fondamentali. Di seguito te le elenchiamo, fornendoti anche qualche frase utile per introdurle in inglese:

 

Presentazioni: all’inizio del tuo discorso dovrai prima di tutto dire chi sei e descrivere brevemente il tuo ruolo in azienda. Se hai con te qualche collaboratore (per supportarti con dati o con ausili grafici), ricorda di presentare anche lui/lei al pubblico.

  • Good morning/afternoon/evening, everyone. First, let me introduce myself. I am [name], marketing coordinator at [company] and this is [name], junior marketing specialist.
  • Hi, I’m Max and I am the head of marketing at [company].

 

Introduzione: presenta brevemente il progetto nelle sue caratteristiche fondamentali: di cosa si tratta? Quale scopo si prefigge? In che modo intende raggiungere gli obiettivi?

  • We are here today to discuss…
  • I’ve called this meeting in order to show you…
  • I would like to take this opportunity to talk to you about…
  • I am delighted to be here today to talk about…

 

Parte centrale: la sezione in cui descrivi i contenuti del progetto, evidenziandone costi, risorse e vantaggi. All’inizio di questa parte, riassumi brevemente i punti che tratterai.

  • Firstly I will talk about… / then I will look at … / and finally…
  • The goal of this project is to save 20% of…
  • As you can see from this chart, we will achieve our goal in 3 weeks…

 

Conclusioni: la parte conclusiva, in cui dovrai ribadire in modo sintetico ma efficace i punti trattati nella tua presentazione.

  • To sum up…
  • So to summarise the main points of my talk…
  • Just a quick recap of my main points…

 

Q&A: la sezione che prevede uno spazio per le domande del pubblico e le risposte di chi ha presentato il progetto. È la parte che temi di più, vero? Niente paura, preparandoti al meglio avrai modo di affrontarla nel modo migliore. Intanto, ecco alcune frasi che ti possono essere utili:

  • Thank you for your attention. Now I’d like to invite you to ask any questions concerning the presentation.
  • Now I’ll be happy to answer any questions you might have.
  • We have time for questions now. Would anyone like to ask something?

 

Presentare un progetto in inglese: consigli

Dopo aver visto la struttura fondamentale di una presentazione in inglese, ecco alcuni consigli utili per prepararla ed esporla. Le parole d’ordine sono:

 

Pianificazione

L’improvvisazione è la peggiore nemica di una presentazione di successo. Prenditi del tempo per pensare ai contenuti dei quali devi parlare e per strutturare il discorso. È utile mettere per iscritto una scaletta.

 

Ausili grafici

La tua presentazione deve essere supportata da una serie di slide accattivanti e di immediata comprensione, che avranno l’obiettivo di catalizzare l’attenzione del pubblico e servono a te come guida per l’esposizione. L’ideale è proiettarle in occasione del meeting ed eventualmente avere delle copie stampate da consegnare a conclusione dello stesso. Abbi cura di inserire immagini ed elementi grafici in modo equilibrato: aiutano a memorizzare le informazioni.

 

Semplicità

Cerca di mantenere un linguaggio semplice e chiaramente comprensibile. Evita uno stile sintattico troppo complesso, con eccessive subordinate che potrebbero far perdere il filo del discorso al tuo pubblico.

 

Ritmo!

Chi parla spesso in pubblico lo sa: l’attenzione di una platea tende fisiologicamente a calare dopo i primi minuti. Per evitare di annoiare chi ti ascolta e far sì che le tue parole siano ascoltate e ricordate, devi fare in modo di rendere la tua presentazione in inglese vivace e soprattutto interessante. In che modo? Citazioni, dati numerici, esempi e testimonianze possono essere i tuoi migliori alleati, permettendoti di variare il ritmo dell’esposizione. Cerca poi un dialogo con il tuo pubblico: fai domande a chi ti ascolta, chiedi feedback su quanto hai già detto.

 

Focus sull’audience

Tieni sempre presente chi è il tuo pubblico. A chi devi presentare il progetto? Quali sono gli aspetti che i tuoi interlocutori potrebbero trovare più interessanti? Mantenere il focus sulla tua audience ti aiuta anche a pianificare la tanto temuta fase di Q&A, pensando in anticipo alle domande che potrebbero esserti poste e quindi preparando uno schema di risposta per ognuna.

 

Inglese impeccabile!

Se devi presentare un progetto in un meeting internazionale, ovviamente dovrai possedere un’ottima conoscenza della lingua inglese. In particolare, prima dell’esposizione ripassa i termini tecnici del tuo settore e quelli attinenti al progetto, e ripassa le espressioni fondamentali per introdurre gli argomenti, passare a un topic diverso, rispondere ad obiezioni.

 

Allenamento

L’ultima parola chiave che ti presentiamo è allenamento. Per essere sciolto e naturale nell’esposizione, dovrai esercitarti a lungo e ripetere il discorso che hai preparato più volte. Fai pratica anche per migliorare la tua pronuncia.

Secondo Forbes, il 90% delle persone prova nervoso, paura e ansia prima di esporre una presentazione. Se la lingua da utilizzare non è la nostra lingua madre, questi sentimenti possono essere amplificati, anche perché, nell’esposizione, l’imprevisto è sempre in agguato. Preparandosi bene e allenandosi, però, si può fare molto per arrivare al meeting un po’ meno tesi: con i nostri consigli, siamo sicuri che farai un’ottima figura!

 

Una giusta preparazione permette superare tutte le insicurezze, perché un linguaggio appropriato e un inglese agile e scorrevole può davvero fare la differenza. Un valido aiuto può essere un corso d’inglese focalizzato sugli obiettivi desiderati o un corso che ti permetta di acquisire una certa padronanza del business english, per prepararsi ad affrontare ogni situazione lavorativa. Prova a valutare il tuo business english con un test online per fare la scelta migliore per il tuo futuro!

 

Vieni a trovare Wall Street English alla Fiera delle Carriere Internazionali. Iscriviti gratuitamente compilando il form d'iscrizione. Ti aspettiamo!

Un libro per aspiranti cooperanti, un testo che rappresenta il coronamento di ben 5 anni di Blog sulla cooperazione internazionale nel quale mi sono dedicato all’orientamento gratuito di quanti, italiani e non, hanno deciso di provare a intraprendere questa professione. Il progetto ha avuto il riconoscimento di molti addetti ai lavori, uno su tutti Job4good, dimostrazione che questa guida colma un vuoto che si era creato negli anni tra chi vuole intraprendere la professione del cooperante e il settore della cooperazione.

Diego Battistessa

 

Una guida agile e aggiornata per chi desidera entrare nel mondo della cooperazione internazionale. Tutte le informazioni necessarie per scegliere la formazione più efficace, per orientarsi tra le Ong, per capire a fondo quali siano le prospettive concrete di una professione affascinante e ricca di concrete opportunità di crescita.

"VORREI FARE IL COOPERANTE: come trasformare un sogno in una professione" è il nuovo libro di Diego Battistessa, edito da Graphofeel edizioni (Roma) lanciato a fine novembre 2018. In questo progetto hanno partecipato dure importanti realtà formative settoriali sia a livello italiano che internazionale: si tratta di ONG 2.0 (Torino) e Social Change School (Madrid).

Silvia Pochettino, fondatrice di ONG 2.0, in un recente intervento parla cosi del libro:

Chi è un cooperante? Cosa fa? Che competenze deve avere? Quanto guadagna? Ma soprattutto perché parte? A discapito delle molte polemiche che hanno imperversato negli ultimi mesi riguardo questo settore sono sempre di più i giovani, e meno giovani, interessati a impegnarsi nel settore della cooperazione internazionale. Ma spesso con idee molto confuse. Si ondeggia tra l’immagine favolistica dell’operatore umanitario eroico a quella dissacrante del “buonista” sfigato che – in sostanza – cerca lavoro nei paesi poveri perché qui non lo trova.

Il cooperante non è né l’un né l’altro.

Lo spiega bene Diego Battistessa, docente di Ong 2.0 ed esperto di cooperazione internazionale con molti anni di terreno alle spalle, nel libro “Vorrei fare il cooperante. Come trasformare un sogno in una professione“, una guida dove trovare strumenti, buone pratiche, consigli e riflessioni per dipingere i contorni di una professione tanto bella quanto difficile da spiegare. Il cooperante non è uno che “aiuta”, così come la cooperazione non è “solidarietà”, almeno non nel senso tradizionale del termine, che presuppone ci sia qualcuno in difficoltà e qualcun altro che è solidale con lui. Cooperazione, come in realtà dice il termine stesso, è co-operare, ovvero lavorare insieme per affrontare le sfide del mondo di oggi.

Dal canto suo, Marco Crescenzi, presidente di Social Change School dice:

Il prezioso libro curato da Diego Battistessa, con il supporto della Social Change School e di ONG 2.0, è uno degli sforzi più seri tra quelli fatti dalla Cooperazione Internazionale per rendersi più trasparente – nei pregi e difetti – e comunicarsi ad un più ampio pubblico. Un “pieno” di istruzioni concrete e “field based”, per chi si avvia alla cooperazione internazionale.  Informazioni di solito esclusivamente disponibili nell’”ambiente” o in chi segue percorsi “interni” di professionalizzazione, come quelli nelle ONG o nella Social Change School. Centinaia di migliaia di giovani, scandalosamente,  non trovano queste  informazioni nelle Università che pur dovrebbero prepararli con grande responsabilità ad un mestiere tanto complesso. La Scuola riceve decine di migliaia di richieste di informazioni su questi temi, e “Vorrei fare il cooperante” è una miniera di “diritte” per dare un’idea strutturata di cosa può aspettarsi – di bello e di difficile – chi vuol intraprendere le professioni della cooperazione.

L’Autore del libro, Diego Battistessa, che ha collezionato esperienze di cooperazione in Asia, Africa, Europa e sopratutto America Latina, intervistato sul progetto editoriale racconta che:

“Questo libro per me rappresenta un atto dovuto verso un settore professionale meraviglioso che però spesso non riesce a comunicarsi in modo chiaro con chi a questo settore si vuole avvicinare. Questo libro non l’ho scritto da solo, è stato scritto da migliaia di persone che in questi ultimi 5 anni hanno bussato alla porta del mio blog per chiedere consigli, per risolvere dubbi e cercare informazioni. È un libro che avrei voluto leggere anche io 10 anni fa quando decisi di cambiare vita e dedicarmi alla cooperazione internazionale. È un testo che non può e non deve far nascere la vocazione umanitaria ma che permette, questo si, di trasformare quella vocazione in realtà. 

...Cercare di spiegare chi è un cooperante internazionale risulta essere un compito non facile, sopratutto se partiamo dal presupposto che come amo ripetere, un lavoro nella cooperazione internazionale non è il risultato di un’equazione matematica perfetta, un insieme di fattori che posti nell’ordine adeguato danno sempre lo stesso risultato. In questo settore 2+2 non fa 4 e ogni situazione è soggetta a delle specificità che non possono essere enunciate come vertià universali. Non esiste quini una formula, un’equazione che se applicata correttamente ci permette di stabilire che diventeremo dei cooperanti professionisti, lavorando nella regione del mondo che più amiamo e con l’organizzazione che più rappresenta i nostri valori: però esistono delle buone pratiche e delle regole che se ignorate possono ostacolarci in modo determinante il cammino. Ecco dunque il valore aggiunto di questa guida. Presentare in modo chiaro e dettagliato le regole del “gioco” e far capire a chiunque si voglia avvicinare a questa professione quali sono le competenze necessarie, dove e come acquisirle e sopratutto come porle in valore nel Cv e in un ipotetico colloquio di lavoro. Nella guida si curano aspetti relativi anche alle relazioni personali, alle aspettative salariali, al volontariato e alla formazione...

 

- Il libro in versione Ebook si può acquistare (in formato E-Pub o Mobi) sul sito di Graphofeel edizioni  al prezzo 6,99 euro.

- Controlla qui le recensioni su Amazon

 

Vieni a trovare Diego Battistessa alla Fiera delle Carriere Internazionali. Iscriviti gratuitamente compilando il form d'iscrizione. Ti aspettiamo!

 

Scopri il programma e gli espositori della Fiera delle Carriere Internazionali ormai giunta alla sua decima edizione. Non perdere l'opportunità. Iscriviti subito e gratuitamente compilando il form d'iscrizione e soprattutto non dimenticare che Tutte le carriere passano per Roma!

Per info sulla Fiera: Iscriviti e partecipa alla Fiera delle Carriere Internazionali l'11 e il 12 marzo 2019 a Roma!

Non perdere l’evento dell'anno organizzato dall’Associazione Giovani Nel Mondo, che si svolgerà i giorni 11 e 12 marzo 2019 nell'elegante Sheraton Parco de' Medici Rome Hotel sito in via Salvatore Rebecchini, 39 - BUILDING 1 - Roma. Sarà messo a disposizione dei partecipanti interessati un servizio navetta dalla stazione ferroviaria più vicina.

Scopri gli espositori:

- AFSAI
- Amnesty International Sezione Italiana
- ASERI
- Au Pair America
- Comitato Italiano per l'UNICEF Onlus
- COMMISSIONE FULBRIGHT
- COSPE
- Costa Crociere
- CRCC ASIA
- EF
- ENGIM - Ente Nazionale Giuseppini del Murialdo
- EPSO/EU CAREERS
- ESL soggiorni linguistici
- Giovani nel mondo
- Hertie School of Government
- IMI Switzerland
- Inapp - Istituto Nazionale per l'Analisi delle Politiche Pubbliche/stage4EU
- ISPI
- John Cabot
- Kaplan
- Lunaria
- Medici Senza Frontiere Onlus
- Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
- Mondo Internazionale
- MyMUN
- Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale
- Roma Tre
- Save the Children Italia Onlus
- Serving People Group
- Street Child Italia ONLUS
- The ONE Campaign
- UN Oslo
- UNHCR (The UN Refugee Agency)
- UNICRI -United Nations Interregional Crime and Justice Research Institute
- UNIDO Itpo Italy
- Uninsubria
- UNINT - Università degli Studi Internazionali di Roma
- Università degli studi di Messina
- Università degli Studi di Trento
- Wall Street English
Trusted and regulated binary options broker Finmax - read review.

E ora consulta il programma delle due giornate:

- Lunedì 11 marzo 2019 -

10:00 A.M. – 5:00 P.M. : Exhibition area open to the public

Room Loggia dei Signori

10.30 A.M. - 1.30 P.M.

Room Baglioni

Simulazioni di colloquio - Servizio Civile Universale/COSPE

11:30 A.M. – 1:30 P.M.

Room Guinigi

Programma scolastico all'estero e dei programmi estivi - AFSAI

11:30 A.M. – 1:30 P.M.

Room Estensi

Lavorare in Europa - Orientamento CV e colloqui di lavoro - STAGE4EU

11:30 A.M. - 1.30 P.M.

Room Gonzaga

Professione Cooperante - Diego Battistessa

2:00 P.M. – 4:00 P.M.

Room Estensi

Volontariato Internazionale con Lunaria: Un mondo in movimento (presentazione e colloqui di orientamento)- Lunaria

2:00 P.M. - 4:00 P.M

Room Guinigi

Il concorso diplomatico - ISPI

2:00 P.M - 4.00 P.M

Room Gonzaga

Studiare e lavorare all’estero - Serving People Group - IMI - AU Pair America

2.30 P.M - 5:00 P.M.

Room Baglioni

Tavola rotonda Carriere Internazionali: Una Sfida per le nuove generazioni

- Martedì 12 marzo 2019 -

10:00 A.M. – 5:00 P.M. : Exhibition area open to the public

Room Sala Visconti 2 and Terrazza Borgia

11:00 A.M. – 1:00 P.M.

Room Guinigi

Programma scolastico all'estero e dei programmi estivi - AFSAI

11:30 A.M. – 1:30 P.M.

Room Estensi

Volontariato internazionale come orientamento nel proprio progetto di vita- ENGIM

11:30 A.M. – 1:30 P.M.

Room Baglioni

Lavorare in Europa - Orientamento CV e colloqui di lavoro - STAGE4EU

12:00 A.M. – 1:30 P.M.

Room Gonzaga

Workshop di presentazione - Servizio Civile Nazionale

1:00 P.M. - 2:00 P.M.

Room Guinigi

Orientamento al mondo universitario - Università Insubria

2:00 P.M. – 4:00 P.M.

Room Estensi

Volontariato Internazionale con Lunaria: Un mondo in movimento (presentazione e colloqui di orientamento) - Lunaria

2:00 P.M. - 4:00 P.M

Room Guinigi

Il concorso diplomatico - ISPI

2:00 P.M - 4.00 P.M

Room Gonzaga

Studiare e lavorare all’estero - Serving People Group - AU Pair America

2:00 P.M. - 5:00 P.M

Room Baglioni

Colloqui e simulazioni di colloqui - Street Child - ENGIM

Iscriviti ora e gratuitamente compilando l'apposito form. Ti aspettiamo!

Info e Contatti:

Giovani nel Mondo Association

Via Policarpo Petrocchi 10

00137 Roma – Italia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

+390689019538

Tra Scienza e Conoscenza

“Gli Stati Uniti, più precisamente Filadelfia, e l’Italia, con Lombardia, Roma e Napoli, si uniscono per la prima volta dando il via ad una rete internazionale per la ricerca tra Virtual Reality ed Impairment Cognitivo. Una sfida per debellare le paure e aprire nuove porte ai giovani” - Angela Romano, presidente di Scuola Impresa e Referente per il progetto.

Malattie neurologiche e disturbi cognitivi sono causa di malessere non solo per le moltissime persone colpite ma anche per chi sta loro vicino; si tratta di situazioni quotidiane vicine alla realtà familiare di molti di noi, per questo Mondo Internazionale ha deciso di collaborare con ScuolaImpresa, S.H.R.O e CNR-ICAR per dare la possibilità a giovani studenti universitari di collaborare con professionisti del settore, sia negli Stati Uniti che in Italia.

La partecipazione al progetto permette di lavorare per un periodo di due settimane presso i laboratori di ricerca di S.H.R.O, presso il College of Science and Technology della Temple University di Philadelphia. I partecipanti vengono inseriti in un team di ricerca composto da 10 studenti universitari che affiancheranno un team di ricercatori del centro di ricerca, sotto la guida esperta del Professore Antonio Giordano.

Gli ambiti di ricerca interessati sono la Genetica, la ricerca sul cancro, la Bioinnovazione, le Biotecnologie, la Bioinformatica, l’Epigenetica la psicologia e la Virtual Reality. Per i partecipanti vengono creati progetti di ricerca ad hoc che permettono di guidare gli studenti alla scoperta del mondo della ricerca.

Il progetto offre grandi possibilità di crescita formativa e professionale soprattutto perché dagli Stati Uniti si tornerà in Italia dove verranno sviluppate nuove fasi di studio e ricerca per continuare il progetto iniziato a Philadelphia. 

 

MIND-Nutritional Deal

“Il progetto MIND – Nutrition Deal nasce in dicembre 2018, in concomitanza con la promozione di diete e stili di vita salutari da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite la quale si pone l’obiettivo di affrontare il problema dilagante della malnutrizione. Partendo da questo presupposto gli obiettivi principali del progetto MIND sono quelli di sensibilizzare la popolazione ad una sana alimentazione e divulgare le peculiarità nutrizionali appartenenti alle culture di altri paesi.” – Maria Parisi, Dott.ssa Nutrizionista, Referente del progetto.

Questi obiettivi saranno raggiunti grazie al supporto di tre Nutrizioniste che, grazie alle loro competenze in ambito alimentare, daranno vita ad attività e conferenze con lo scopo di educare e coinvolgere i partecipanti e non solo.

La sensibilizzazione della popolazione ad una sana alimentazione avviene attraverso incontri e video divulgativi di diverse tematiche, articoli scientifici, post con immagini ed interviste a soggetti che desiderano condividere la propria esperienza in ambito nutrizionale. Le peculiarità nutrizionali di altre culture, invece, vengono rese note attraverso incontri divulgativi, interviste multiculturali, video inerenti alle tradizioni di vari Paesi del mondo e post con immagini e didascalie. Inoltre, sono organizzati aperitivi in cui sono proposti piatti tipici di altre culture, scegliendo per ogni evento un Paese differente.

 

TrattaMI Bene

“Violenza domestica, sfruttamento di esseri umani, stereotipi sessisti e molti altri argomenti costituiscono il tema di “TrattaMI Bene”, un progetto che intende promuovere la sensibilizzazione sulla violenza contro le donne e mettere in luce alcuni suoi aspetti spesso trascurati.” – Isabella Poretti, d.ssa in Lettere e Referente per il progetto.

Mondo Internazionale ha deciso di dar vita ad un progetto con l’obiettivo di comunicare il grave sistema sociale che vede al centro la violenza e il sopruso nei confronti delle donne in quanto soggetti maggiormente colpiti e anche degli uomini, in quanto il più delle volte vittime silenti di un’altra forma di intimidazione e violenza.

Questo certamente al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla tematica, attraverso la redazione di contenuti scritti, contenuti multimediali e incontri pubblici ma il suo obiettivo non termina qui. Quello che Mondo Internazionale vuole qui creare è uno spazio di confronto ed informazione, di riflessione e interscambio ma soprattutto anche una possibilità per permettere a dei giovani ragazzi competenti di trattare un tema tanto delicato quanto essenziale per lo sviluppo dell’uomo in quanto tale.

Il progetto si articola in tre fasi principali che vedono la cooperazione di un team di ragazzi che ha ideato e curato tutte le fasi dell’iniziativa fin dal principio. La figura dell’aggressore è il primo soggetto che viene analizzato, attraverso diverse lenti di ingrandimento quali quella del machismo e maschilismo, del maschilismo interiorizzato e della violenza come maltrattamento fisico. La seconda fase dell’iniziativa riguarda la donna vittima della tratta e di violenza, raccontando anche le realtà sul territorio che si occupano del recupero di soggetti in essa coinvolti. La terza fase, quella che viene definita della “psicologia della normativa”, si orienta in particolare sulla comparazione delle normative sul tema in ambito internazionale, sul confronto generazionale in merito al tema per quanto riguarda la situazione italiana e sulla concezione del femminismo quale rivoluzione del nostro secolo.

 

Vuoi conoscere Mondo Internazionale e tante altre associazioni di persona? Allora leggi Scopri gli obiettivi dell'associazione "Mondo Internazionale" e iscriviti gratuitamente alla Fiera delle Carriere Internazionali compilando l'apposito  form

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.