Il colloquio in inglese: le domande più importanti.
 
Ottenere un colloquio in azienda è sempre un ottimo risultato, ma trattandosi di un importante passo può mettere agitazione, specialmente se  lo si deve sostenere in inglese. Potresti avere una buona conoscenza grammaticale, ma un’esperienza in un paese madrelingua per un periodo, ad esempio a soggiorni studio come quelli proposti da Kaplan International, potresti fare una full immersion nella pratica della lingua e superare le tue paure durante i colloqui.
Intanto però potete prepararvi al colloquio anche grazie ai nostri consigli dedicati alle domande che di solito i recruiter non vi risparmieranno.
 
Domanda introduttiva
 
“Welcome. Please, introduce yourself/Tell us something about yourself”. Questa è la prima domanda e anche se sembra banale è quella che determinerà l’interesse nei tuoi confronti. Sii positivo, spiega perché ti trovi li, dimostra dinamicità usando espressioni del tipo “I gained experience in marketing working as a Marketing Executive in (name of the company). I recently moved to Milan from Rome because...”
 
Domanda tecnica/caratteriale
 
“Which are your strengths (and weaknesses)?” Qui dimostri quanto vali come professionista e all’interno di un ambiente lavorativo. Non fare discorsi dispersivi e focalizzati sulle cose che sai fare bene in un contesto professionale. Usa frasi come “I am a great team player. I work well with other people and I like motivate my team to success.” Per quanto riguarda invece la domanda relativa alle debolezze occorre essere onesti e dire quali competenze mancano nel vostro profilo professionale rispetto al ruolo per cui state facendo il colloquio. Tuttavia qua è importante specificare la vostra attitudine positiva verso queste carenze perché vi state già impegnando con training e specifiche azioni che dovreste sapere elencare.
 
Domanda sul futuro
 
“Where do you see yourself in 5 years’ time?”. La risposta è semplice, hai scelto di vivere in quella città e vorresti crescere nell’azienda con impegno e dedizione. Una buona risposta sarebbe “In five years times I see myself in a managerial marketing role within the company”.
 
Le tue domande
 
“Do you have any questions for me/us?” Dopo che avrai risposto alle loro domande è venuto il tuo turno e dovrai dimostrarti interessato al ruolo chiedendo cose tipo “Do you have examples of the type of work I would be doing in this role?” ma anche informazioni sul processo di selezione con una domanda del tipo “What is the next step of the recruiting process?” .
Esercitati con amici, contatta i tuoi amici internazionali , simula colloqui su Skype e cogli l’occasione per viaggiare migliorando il tuo inglese all’estero. Kaplan International offre soggiorni studio di inglese in oltre 40 scuole nel mondo, scopri di più sui corsi e promozioni.
 
3 consigli per neolaureati alla ricerca di lavoro
 
Ti sei appena laureato e ti senti un po’ perso nella ricerca del cosidetto primo impiego? Non preoccuparti ci siamo passati tutti. Inoltre il mercato del lavoro è sempre più esigente e competitivo e sentirsi confusi è abbastanza normale perché ti trovi davanti mille possibilità. Perciò iniziare con il piede giusto ed essere consapevoli del percorso che ti aspetta è sicuramente un ottimo punto di partenza.
 
1. Continua a studiare e tenerti aggiornato
 
Sii sempre assetato di conoscenza e formazione, non smettere mai di studiare e aggiornarti. Segui corsi di formazione riguardanti sia il tuo ambito di competenza generale sia altre specifiche competenze, perché sono quelle che ti aiuteranno molto nel trovare un lavoro fin da subito.
Ora che hai meno pressioni puoi finalmente migliorare la conoscenza delle lingue e in particolare dell’inglese, conoscenza trasversale ormai imprescindibile in ogni settore.
Partire per un soggiorno studio all’estero immergendoti nella cultura anglofona è sicuramente un’ottima occasione per migliorare l’inglese e inserire in CV un’esperienza internazionale.
 
2. Informati sul mondo del lavoro e sulle specificità del tuo settore
 
Più sai del mondo del lavoro, meglio saprai organizzare la ricerca e affrontare con tranquillità i colloqui. Potresti parlare con qualcuno che lavora nell'ambiente da qualche anno e che possa darti delle dritte per affrontare al meglio sia la ricerca che la formazione.  Se hai le idee chiare sul settore e sull’azienda in cui vorresti lavorare, potresti già cercare un tirocinio o uno stage che ti permettano di prendere confidenza con i compiti che svolgerai in futuro e inserire proprio quella esperienza decisiva nel curriculum.
 
3. Prepara al meglio con CV e lettera di presentazione
 
Prima ancora della canditura per la posizione a cui ambisci dovrai catturare l’attenzione del tuo futuro datore di lavoro facendoti notare per CV e cover letter: organizza il CV per punti, inserisci le esperienze rilevanti, incluso il volontariato, adattandolo di volta in volta al singolo annuncio di lavoro. Anche la cover letter va adattata all’annuncio e bisogna mettere in risalto le competenze richieste. Cerca di impressionare il selezionatore! Se hai delle esperienze all’estero e magari una certificazione di inglese internazionale mettilo bene in evidenza, sottolineando quanto sei aperto ad un ambiente multiculturale.
Se sei pronto a iniziare la tua carriera internazionale e vuoi arrivare preparato con un inglese impeccabile non perdere tempo: con Kaplan International English è possibile studiarlo in 45 scuole nel mondo, alcune delle quali dedicate a studenti di età 25+. Per scoprire di più puoi scaricare il nuovo Catalogo 2016 gratuito con informazioni sulle scuole e prezzi.
 
La lingua più parlata al mondo, l’inglese si sa, è ormai essenziale per iniziare la propria carriera internazionale. Migliaia di giovani ogni anno scelgono infatti di partire per una vacanza studio all’estero, un’esperienza formativa che permette di immergersi nella cultura anglosassone e di consolidare le proprie competenze linguistiche.
 
Un numero sempre più in crescita quello dei giovani che imparano l’inglese, sempre più importante conoscerlo a un ottimo livello per far parte di quella maggioranza che… think in english and speak to the world.
 
Di seguito 3 motivi per cui è essenziale essere fluenti nella lingua della regina.
 
1. È la lingua del business sempre di più adottata come ufficiale dalle aziende internazionali. Anche se localizzate in Italia, molte aziende useranno l’inglese per comunicazioni interne e meeting, non basterà dunque dimostrare la conoscenza avanzata, ma quella professionale come se ci si trovasse all’estero.
 
2. È la lingua dell’università che stanno migrando verso un’offerta di corsi di laurea completamente in inglese. Si pensi che solo in Italia, da nord a sud, ne sono già attivi 187 e in Europa oltre 4500.
 
3. È la lingua del turismo con oltre 1 miliardo e 75 milioni di persone che lo usano per viaggiare in tutto il mondo (Harvard Business Review). Lingua ufficiale in 53 Paesi, è parlato fluentemente in più di 100. One world, one language.
 
Inoltre le stime prevedono che entro il 2050 oltre metà della popolazione mondiale parlerà fluentemente l’inglese. Non vorrai mica farti trovare impreparato?
 
Kaplan International English è partner ufficiale di Carriere Internazionali e offre il 10% di sconto sui corsi di inglese all’estero per tutti i nostri associati. Scopri di può su Kaplan e su come può aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi linguistici visitando la pagina Think English - Speak to the World.
 

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.