Se vuoi fare la differenza nella protezione dell'ambiente, dai un'occhiata a questa offerta. Farai parte a “The 12thEco-generation Environmental Essay Competition” e presenta il tuo elaborato sull'argomento "Beat Air Pollution". Esponendo le tue idee creative sul perché è necessario ridurre l’inquinamento, puoi davvero essere un protagonista del cambiamento. Salva il mondo ora!

 

Per opportunità simili visita la sezione: Formazione

 

Ente: Nel febbraio 2013 il Consiglio dell'UNEP ha adottato una strategia a lungo termine per coinvolgere i giovani nelle attività ambientali e nel lavoro dell'UNEP. La strategia era intitolata Strategia giovanile Tunza. La parola "TUNZA" significa trattare con cura o affetto in Kiswahili (una lingua sub-regionale dell'Africa orientale), il concetto generale di Tunza, quindi, è costruito attorno a questo tema, un'iniziativa destinata a sviluppare attività in le aree di sviluppo delle capacità, consapevolezza ambientale e scambio di informazioni, con una visione per promuovere una generazione di cittadini attenti all'ambiente, in grado di agire positivamente. Tra i risultati più importanti di questa strategia figurano l'annuale Tunza International Youth Conference, il Tunza Advisory Council e un rivista trimestrale Tunza.



Dove: online

 

Quando: non specificato

 

Destinatari: Membri della Tunza Eco-generation tra i 14 ei 24 anni di età

 

Scadenza:  2 settembre 2019

 

Descrizione dell’offerta

- per celebrare il World Environment Day,  l’ente incoraggia i membri della Tunza Eco-generation in tutto il mondo a mostrare la loro volontà di agire sul tema "Beat Air Pollution" attraverso la scrittura di un saggio;

- la competizione si pone l’obiettivo di accogliere idee stimolanti e creative sul perché ridurre l'inquinamento atmosferico, chiedendo ai giovani di pensare a diversi modi in cui possiamo contribuire a combatterlo.



Requisiti

- tutte i saggi devono essere originali, in inglese;

- ogni partecipante può presentare un solo saggio;

- i saggi non dovrebbero essere stati precedentemente pubblicati su supporti professionali;

- la lunghezza deve essere dalle 800 alle 1000 parole. Questo requisito non include riferimenti come note a piè di pagina e bibliografia;

- i saggi devono avere una doppia spaziatura in Times New Roman 12pt, con pagine numerate in uno dei seguenti formati, MS Word e World Perfect.

 

Retribuzione: non è richiesta alcuna tassa per la partecipazione

 

Guida all’application: prima di fare domanda, i candidati devono creare il loro account personale e unirsi alla comunità Tunza. Successivamente possono scrivere una "motivazione per partecipare alla competizione" (massimo 50 parole) nella casella "Content" e allegare il loro file del saggio nella colonna degli allegati.

 

Link utili

Descrizione dell'offerta

Creazione dell'account

 

Contatti Utili:  

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

a cura di Valentina Murace

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org

 

Cinedanza Festival è il primo concorso internazionale in Emilia-Romagna che punta a promuovere l’arte della videodanza. Si tratta di un’iniziativa nata dalla collaborazione tra il  Drama Teatro il Supercinema Estivo e il circolo La Ribalta di Modena.

 

Per opportunità simili visita la sezione: Formazione

 

Ente: L’Associazione Artisti Drama (già Cooperativa Drama Teatri) svolge attività di organizzazione e produzione teatrale e culturale dal 2010, collaborando con diverse istituzioni cittadine ed enti privati del territorio. Si tratta di un luogo dedicato alla formazione e alla ricerca teatrale, un luogo che fosse un punto di riferimento per la cultura, un rifugio dove attuare lo scambio tra generazioni, il confronto, il lavoro di squadra,

 

Dove: Modena

 

Quando: I film selezionati verranno proiettati durante il festival di 2 giorni al Drama Teatro di Modena (26 e 27 ottobre 2019).

 

Destinatari: Il contest è aperto a chiunque sia appassionato di danza.

 

Scadenza:  26 agosto 2019

 

Descrizione dell’offerta

Il concorso si articola in: 

- registrazione dei concorrenti e invio del videodanza attraverso la piattaforma FilmFreeway entro e non oltre il 26 agosto 2019;

- selezione dei video pervenuti da parte del Comitato Artistico;

- festival e premiazione 26 e 27 ottobre 2019 presso il Drama Teatro di Modena.

 

Requisiti: I videodanza dovranno avere durata massima di 10 minuti. Non ci sono limiti tematici, ma l’opera dovrà essere di recente produzione cioè conclusa dopo il 1 gennaio 2018 e il filmato avere i sottotitoli in italiano e/o in inglese. 

 

Retribuzione: 

  • premio in denaro di € 800 + proiezione pubblica all’interno della rassegna dell’estate 2020 del Supercinema Estivo; 
  • utilizzo del Tilt Brush presso il Laboratorio Urbano Aperto1 + proiezione pubblica all’interno della rassegna dell’estate 2020 del Supercinema Estivo; 
  • proiezione pubblica all’interno della rassegna dell’estate 2020 del Supercinema Estivo. 

 

Guida all’application: Per favore completare l’application e caricare il proprio filmato in questa pagina.

 

Link utili

Regolamento

Cinedanza Festival 

 

Contatti Utili:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

a cura di Sara Crepaldi

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org

La Banca d’Italia indice un concorso pubblico per l’assunzione di 5 Assistenti – profilo tecnico con esperienza nel campo della supervisione e/o manutenzione di apparati produttivi industriali.

 

Per opportunità simili visita la sezione: Altre Opportunità 

 

Ente: La Banca d'Italia è la banca centrale della Repubblica italiana; è un istituto di diritto pubblico, regolato da norme nazionali ed europee. È parte integrante dell'Eurosistema, composto dalle banche centrali nazionali dell’area dell’euro e dalla Banca centrale europea. L’Eurosistema e le banche centrali degli Stati membri dell’Unione europea che non hanno adottato l’euro compongono il Sistema europeo di banche centrali.

 

Dove: Roma 

 

Quando: all’esito del concorso

 

Destinatari: diplomati o lavoratori in possesso dei requisiti 

 

Scadenza:  entro le ore 16:00 del 30 Luglio 2019

 

Descrizione dell’offerta: I vincitori lavoreranno a Roma presso il Servizio Banconote, struttura caratterizzata da una spiccata specificità industriale, connessa con la produzione delle banconote in euro, e da una elevata proiezione internazionale. Per ulteriori informazioni sullo svolgimento del concorso vedi il Bando nella sezione Link Utili. 

 

Requisiti:

  • Diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quinquennale conseguito con un voto di almeno 80/100 o 48/60
  • Diploma di Istituto tecnico superiore conseguito successivamente al diploma di istruzione secondaria di secondo grado o, 

in alternativa

  • esperienza lavorativa documentabile della durata di almeno 2 anni, maturata dopo il conseguimento del diploma di cui al punto 1 e comunque successivamente al 31 dicembre 2013, in attività di lavoro dipendente o autonomo nel campo della supervisione e/o manutenzione di apparati produttivi industriali.

E’ consentita la partecipazione ai possessori di titoli di studio conseguiti all’estero o di titoli esteri conseguiti in Italia riconosciuti equivalenti ai diplomi sopraindicati ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi. 

  • età non inferiore agli anni 18.
  • Cittadinanza italiana, di altro Stato membro dell’Unione Europea o altra cittadinanza. Ai cittadini di uno Stato estero è richiesto l’ulteriore requisito di un’adeguata conoscenza della lingua italiana, che sarà verificata durante le prove di concorso
  • Idoneità fisica alle mansioni. 
  • Godimento dei diritti civili e politici
  • Non aver tenuto comportamenti incompatibili con le funzioni da svolgere in Banca d’Italia

 

Retribuzione: prevista ma non specificata

 

Guida all’application: La domanda deve essere presentata entro il termine perentorio delle ore 16:00 del 30 luglio 2019 (ora italiana), utilizzando esclusivamente l’applicazione disponibile sul sito internet della Banca d’Italia.

Non sono ammesse altre forme di presentazione della domanda di partecipazione al concorso.



Link utili: Bando di concorso 

Banca d’Italia

Pagina dell’offerta

Application 

Locandina 

 

Contatti Utili:  

via Nazionale 91

00184 Roma

Tel: +39 06 47921

PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 



a cura di Giulia Ibba 

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE


Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org

Pubblicato in Altre opportunità.

Dopo oltre un anno di attesa, EPSO (European Personnel Selection Office) ha finalmente pubblicato il concorso generale per amministratori laureati (AD) EPSO/AD/338/17.

Nel corso dell’ultimo anno, anche a seguito di vari reclami e ricorsi da parte degli Stati membri, il regime linguistico e le modalità di candidatura sono stati modificati a vantaggio di nuove modalità, intese a garantire ai candidati un ambiente linguistico più aperto possibile e, nel contempo, economicamente sostenibile. Anche il sito dell’EPSO, per una maggior trasparenza, è stato rinnovato ed è ora disponibile in 24 lingue

 

Perché iscriversi a questo corso?

Le modalità concorsuali operative ormai dal 2010, richiedono da parte dei candidati competenze ed abilità che spaziano dai più noti test psicometrici alle competenze trasversali (le cd. soft skills).

Tutti coloro che vogliono affrontare tali concorsi debbono pertanto prepararsi con costanza e determinazione, esercitandosi molto sui test e sul tipo di prove che dovranno affrontare. 

In tal senso il corso offerto dallo IUSE (che è uno dei pochi enti italiani riconosciuti dalla Farnesina per i corsi di preparazione alle selezioni EPSO), può essere un’opportunità per comprendere tecniche e metodologie da utilizzare per la propria preparazione. 

Inoltre, poiché la valutazione delle competenze comportamentali e trasversali, è ormai considerata strumento essenziale per valutare l’adeguatezza di un candidato in ogni ambito lavorativo, la formazione offerta dal corso è utile anche per tutti coloro che intendono utilizzare questi strumenti per entrare nel mondo del lavoro oppure per migliorare la propria posizione professionale

 

A chi si rivolge il corso

Il corso si rivolge a studenti, laureati, ricercatori e giovani professionisti interessati a lavorare all’UE o in organizzazioni nazionali o internazionali che utilizzino analoghe procedure di selezione.

Inoltre, poiché il training e le competenze acquisite nel corso sono facilmente spendibili anche in altri contesti lavorativi, il corso risulta molto utile anche per affrontare la selezione in altri ambiti professionali (ad es. grandi aziende).

 

Chi sono i docenti

I docenti coinvolti sono professionisti altamente qualificati. In particolare:

docenti di analisi matematica e di linguistica che dal 2010 collaborano ai corsi EPSO dell’Istituto

- ex presidente di commissione di selezione EPSO, attualmente personal coach nella

- preparazione specifica per l’Assessment Centre EPSO

 

Ente organizzatore

L’Istituto Universitario di Studi Europei (IUSE), è stato fondato nel 1952 grazie alle sinergie tra l'Università di Torino, il Comune e la Provincia.

Fin dal 1952 è stato ufficialmente riconosciuto dall’UE quale Centro di Documentazione Europea.

Da allora svolge una fondamentale funzione di promotore e organizzatore di attività formative di eccellenza, di ricerca, documentazione e informazione specialistica rivolta a soggetti pubblici e privati, prestando particolare attenzione all’approfondimento di tematiche di attualità per il panorama europeo ed internazionale.

Lo IUSE vanta una lunga e storica tradizione nel settore della preparazione dei futuri funzionari italiani nelle istituzioni internazionali ed europee (corso di preparazione al concorso diplomatico dal 1990 al 2009 – corso di preparazione ai concorsi europei dal 2010 al 2016). L’Istituto è il primo dei tre enti italiani riconosciuti dalla Farnesina per la preparazione ai concorsi EPSO e l’unica scuola situata nel Nord Italia.

 

 Programma, orari e sede

Il corso si terrà a Torino, presso il Campus Luigi Einaudi (Lungo Dora Siena, 100) nei giorni 22-25 maggio 2017 (prima parte – CBT test) e 29-31 maggio 2017 (seconda parte – Assessment centre) per un totale di circa 40 ore

I principali argomenti trattati saranno:

- preparazione ai test di ragionamento numerico, astratto e verbale (in italiano): metodologie, tecniche di analisi e calcolo, deduzioni, comprensione del testo)

- preparazione per l’assessment (in inglese): preparazione alle prove di e-tray, case study, colloquio e prova di gruppo

 

Modalità di Partecipazione

Le iscrizioni sono aperte e si chiuderanno non appena raggiunto il numero massimo di 25 iscritti

(secondo la formula first come, first served).

Si consigliano gli interessati ad affrettarsi ad iscriversi cliccando qui

Grazie al contributo della Compagnia di San Paolo, è possibile partecipare al corso con quote di

iscrizione molto basse (soprattutto per laureandi e laureati da non oltre due anni). Maggiori informazioni

disponibili qui

 

Informazioni dettagliate, formulario e quota d’iscrizione:

Consultare la pagina dedicata

o inviare una email a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Se aspiri ad una carriera diplomatica e internazionale, leggi l’intervista ad uno studente del Corso di preparazione al concorso per la carriera diplomatica all’UNINT: molti consigli per te! Il corso di preparazione per la carriera diplomatica, secondo la Preside del Corso (leggi qui una sua intervista dedidacata) ha numerosi punti di forza, tra cui, sicuramente, il numero ristretto di partecipanti – massimo 15 –, che favorisce l’instaurarsi di un ottimo rapporto discente-docente. Ciò consente ai docenti di seguire al meglio la formazione e la preparazione degli studenti. Il Corso proposto dall’UNINT è un titolo accademico a tutti gli effetti e, in quanto tale, prevede il rilascio di crediti formativi spendibili nella formazione universitaria. E’ infatti possibile, durante il secondo anno di corso della laurea magistrale presso l’UNINT, frequentare il Corso di preparazione alla Carriera Diplomatica con un percorso che si svolge contemporaneamente  al conseguimento del titolo di laurea, con un grosso vantaggio in termini di risparmio di tempo e di risorse.


Per capire meglio quali sono i punti di forza del Corso di preparazione ai concorsi per la carriera diplomatica, abbiamo incontrato Nazario, uno studente di 28 anni che attualmente frequenta il corso. 

 

Come sei venuto a conoscenza di questo corso e come mai hai scelto di frequentarlo proprio qui all’UNINT?
Sono venuto a conoscenza del corso di preparazione alla carriera diplomatica tramite internet, proprio attraverso il sito di Carriere Internazionali. Avevo già intenzione di trasferirmi a Roma con l’intento di preparare il concorso, e da li è cominciata la ricerca. Mi sono laureato in giurisprudenza, e subito ho capito che il diritto internazionale e le carriere internazionalistiche erano il mio vero interesse.

Dopo il colloquio su skype e l’introduzione al corpo docenti con la Preside Ercolani, ho capito che l’Unint avrebbe potuto rappresentare una validissima alternativa dove formarmi. E’ stato un ambiente in cui mi sono sentito velocemente a casa, e questo sicuramente ha influito sulla scelta di partecipare, oltre all’offerta formativa ampia e a prezzi ragionevoli.

 

Il corso, avendo un’offerta formativa ampia, apre una vasta gamma di opportunità: quali sono quelle a cui aspiri tu?
Il corso in realtà è strettamente fine alla preparazione del concorso diplomatico, vista la complessità e la mole di lavoro necessario ad affrontarlo. Ciò non toglie che proprio questa complessa vastità apra un orizzonte di conoscenze di non poco conto. Affrontato nella giusta maniera forma all’analisi storico scientifica di fenomeni geopolitici di ampia portata e respiro, quindi potenzialmente utile a qualsiasi carriera internazionalistica che necessiti di competenze di questo tipo. La mia ambizione è sicuramente la diplomazia, nei suoi vari ambiti. Di sicuro anche il profilo delle organizzazioni internazionali e della cooperazione hanno il suo fascino, per questo non sono prospettive che escludo.

 

     Quali sono i punti di forza del corso e perché consiglieresti di partecipare? 

     A mio parere i punti di forza del corso sono senza dubbio il corpo docente e il numero limitato di iscritti che permette un rapporto diretto e efficace. Anche il materiale

     messo a disposizione e l’accesso alle facilitazioni e opportunità dell’università rappresentano un asset positivo. Consiglio, poi, di partecipare solo a chi davvero nutre una grande passione, la strada per raggiungere l’obiettivo richiede determinazione, costanza e tanto, tantissimo impegno.

 

     Come pensi che la formazione ricevuta all’UNINT possa incidere sul tuo futuro professionale?

    Su come il corso possa incidere nella mia formazione professionale, penso che la formazione ricevuta, oltre alle offerte trasversali aperte agli iscritti (vedasi la scuola della  scienza politica), rappresenti un buon punto di partenza per potermi proporre a realtà di buon livello nel caso in cui non si riesca nel concorso. Al di la di questo, sento che le chiavi di lettura apprese torneranno molto utili nell’ambito di quelle che possono essere le sue aspirazioni lavorative internazionalistiche, considerando inoltre il buon network di conoscenze e amicizie con il quale sono entrato in contatto e che rappresentano costante ragione di stimolo e scoperta.

 

Quali lingue hai studiato e quale metodo hai usato?
Ho sempre dato molta importanza alle lingue, studio l’inglese fin da ragazzino, ma ho anche avuto la fortuna di crescere a strettissimo contatto con una famiglia americana, e questo senza dubbio mi ha agevolato. Oltre allo studio scolastico e ai corsi di preparazione, ho viaggiato molto negli ultimi anni, anche negli Stati Uniti, e questo mi ha fatto progredire nel livello. Conosco anche lo spagnolo, proprio in ragione dell’esperienza sudamericana che ho vissuto in Perù, con un progetto di servizio civile internazionale. Ho frequentato anche in questo caso qualche corso di perfezionamento, ma la presenza in loco e la curiosità hanno fatto la gran parte.

 

Nazario, raccontandoci la sua esperienza, ci ha potuto dimostrare come il Corso di preparazione per il concorso diplomatico presso l’Unint sia un ottimo trampolino di lancio per chiunque voglia intraprendere una carriera diplomatica.

 

Link utili:

Intervista alla Preside Ercolani

Pubblicato in Rubrica
CARRIERA DIPLOMATICA, NAZIONI UNITE E NO-PROFIT
I giusti consigli per una Carriera Internazionale di successo
 
Mercoledì 15 aprile, ore 9.30 – 12.30
Aula Magna, Università degli Studi Internazionali di Roma – UNINT
Via delle Sette Chiese, 139 Roma
 
Intraprendere una carriera internazionale non è mai stato così semplice. Carriere Internazionali ti offre tutti gli strumenti utili per conoscere i percorsi e i protagonisti dei diversi ambiti come diplomatici, funzionari ONU ed esperti della cooperazione internazionale.
 
Tutto questo diventa realtà mercoledì 15 aprile 2015 presso la prestigiosa Università degli Studi Internazionali di Roma dove, in presenza di illustri rappresentanti di Unicef, Ifad e Ministero degli Affari Esteri, si parlerà di carriera diplomatica e carriera presso le Nazioni Unite e nel settore del No-profit.
 
Il seminario mira ad informare gli studenti su quali siano le opportunità in ambito internazionale e sui possibili percorsi da intraprendere, ragionando sia sulla giusta preparazione accademica, sia sui requisiti e sulle competenze richieste per operare in tale contesto.
 
Programma:
  • 09:30 Saluti istituzionali - Prof.ssa Ercolani Antonella, Preside Facoltà di Scienze Politiche UNINT
  • 09.45 Carriere Internazionali
  • 10.00 La Carriera Diplomatica
  • 10.40 Lavorare alle Nazioni Unite
  • 11.30 Lavorare nel No-profit
  • 12.15 Q&A
  •  
Per ulteriori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per registrarsi all’evento CLICCA QUI
Pubblicato in Eventi
Il tuo sogno è intraprendere la carriera diplomatica?UNINT ti aiuta a realizzarlo! Ultime 3 BORSE DI STUDIO disponibili, iscriviti alle preselezioni entro il 4 Ottobre 2015. Per ricevere maggiori informazioni compila il FORM
 
“Per altre opportunità simili, andate alla sezione “Formazione per le Carriere Internazionali
 
Ente: L'Università degli Studi Internazionali di Roma (UNINT) – già «LUSPIO» - è un Ateneo non statale fondato a Roma nel 1996.
UNINT offre corsi di laurea in Interpretariato e Traduzione, Economia e Scienze Politiche rispondenti alla crescente domanda di professionalità del mercato del lavoro. Solido è il servizio che collega i laureati alle imprese.
UNINT è un passaporto sicuro per la carriera internazionale. Le lingue straniere sono studiate in tutti i corsi di laurea e molti insegnamenti sono erogati anche in inglese. Numerose sono anche le opportunità di formazione e tirocinio all'estero, grazie alla partecipazione dell’Università a prestigiosi programmi di scambio linguistico e culturale con i Paesi esteri
UNINT è una realtà a  misura di studente, nella quale puoi studiare con docenti e tutor qualificati, in un contesto piacevole e familiare.  

Per maggiori informazioni sull'Università, leggi l'intervista alla  Preside Antonella Ercolani e la testimonianza di una ex studentessa dell'UNINT.

Dove: Via Cristoforo Colombo 200, Via Delle Sette Chiese 139 – 00147 Roma.

Destinatari: Laureati e laureandi che conseguiranno il titolo entro il mese di aprile 2016 in una delle lauree magistrali afferenti alle seguenti classi, di cui al decreto del Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, 28 novembre 2000 finanza (classe n. 19/S), giurisprudenza (classe n. 22/S), relazioni internazionali (classe n. 60/S), scienze dell’economia (classe n. 64/S), scienze della politica (classe n. 70/S), scienze delle pubbliche amministrazioni (classe n. 71/S), scienze economiche per l’ambiente e la cultura (classe n. 83/S), scienze economico-aziendali (classe n. 84/S), scienze per la cooperazione allo sviluppo (classe n. 88/S), studi europei (classe n. 99/S), nonché la laurea magistrale a ciclo unico in giurisprudenza (classe n. LMG/01) e ogni altra equiparata a norma di legge; oppure un diploma di laurea in: giurisprudenza, scienze politiche, scienze internazionali e diplomatiche, economia e commercio, di cui all’articolo 1 della legge 19 novembre 1990, n. 341, e ogni altro equiparato a norma di legge, conseguito presso università o istituti di istruzione universitaria. In tutti i casi in cui sia intervenuto un decreto di equiparazione o equipollenza, è cura del candidato specificarne gli estremi nella domanda di partecipazione alla selezione. Ai laureandi che non dovessero conseguire il titolo entro il mese di aprile 2016, sarà comunque rilasciato il certificato di partecipazione e relativi CFU. 
Il Corso è destinato anche agli studenti iscritti al Corso di Laurea Magistrale Scienze Politiche per le Istituzioni e le Organizzazioni Internazionali (LM-52) dell’UNINT.

Quando: 5 Ottobre 2015.

Scadenza:  Entro il 4 Ottobre 2015.

Descrizione dell’offerta:
Il Corso mira a fornire una preparazione specifica con finalità professionalizzanti nelle discipline che caratterizzano i concorsi per la carriera diplomatica e le Organizzazioni internazionali, indetti dal Ministero degli Affari Esteri. Il Corso è articolato in quattro aree tematiche (storica, giuridica, economica e linguistica). Il programma didattico verte sulle discipline previste dal Ministero degli Affari Esteri per le prove scritte del concorso per l’accesso alla carriera diplomatica.
Agli iscritti è consentita anche la frequenza dei corsi di altre lingue attive nell’Ateneo. Sono previste esercitazioni volte al superamento della prova attitudinale richiesta dal concorso per la carriera diplomatica. 
 
Requisiti: Sono indicati alla voce destinatari.

Costi:  La quota di partecipazione è di 4000 euro.
Sono previste n. 3 borse di studio del valore di 1.000 euro a copertura della terza e ultima rata di iscrizione. Saranno assegnate sulla base del merito.
Per gli studenti UNINT iscritti al Corso di Laurea Magistrale in Scienze Politiche per le Istituzioni e le Organizzazioni Internazionali della Facoltà di Scienze politiche dell’UNINT, la quota di partecipazione è di Euro 1.500.
 

Guida all’application: Le selezioni si svolgeranno il 5 Ottobre 2015, anche in collegamento Skype per coloro che ne faranno richiesta. La partecipazione alle prove di selezione ègratuitaPer prenotarsi, è necessario compilare l’apposito form online

Informazioni utili: Per ricevere maggiori informazioni compila il FORM

Link utili:

Informazioni:
Tel. 06. 510777401
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
 
“Diplomazia e Dintorni” è un programma radiofonico in onda su http://www.radioluiss.it il martedì dalle 21 alle 22 per sapere tutto sui diplomatici e sulle attività di politica internazionale.
 
Ospiti, interviste, libri, rubriche e Jazz
Nel corso del programma, ideato a condotto dal diplomatico Stefano Baldi, attraverso ospiti, interviste, libri e altre rubriche verranno affrontati temi legati alle attività svolte da diplomatici e da funzionari internazionali. La diplomazia si lega spesso con la cultura e non può mancare in questo programma la buona musica. Le selezioni musicali saranno legate ad un tema diverso per ogni puntata, ma con un fil rouge: il Jazz in tutte le sue molteplici espressioni.
 
Tutte le precedenti puntate di Diplomazia e Dintorni possono essere riascoltate al sitohttp://www.stefanobaldi.org/radio
 
Per inviare domande al programma scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
26 puntata - 6.5.2014 - Il Concorso diplomatico: cosa fare e come fare? - Fabrizio Lobasso
 
25 puntata - 29.4.2014 - Consigli per giovani interessati alle carriere internazionali - Roberto Toscano
24 puntata - 22.4.2014 - Diplomazia e OSCE - Piero Vaira
23 puntata - 15.4.2014 - Diplomazia per la crescita - Livio Spadavecchia
 22 puntata - 8.4.2014 - Diplomatici e Rapporto con la stampa - Ospiti Aldo Amati e Pierangelo Cammarota
21 puntata - 2.4.2014 - Diplomazia Globale: la Cooperazione allo sviluppo - ospite Paolo Palminteri.
20 puntata - 25.3.2014 - Diplomazia culturale. Le scuole italiane all'estero - ospite Roberto Nocella.
19 puntata - 11.3.2014 - Diplomazia scientifica - ospite Alessandra Pastorelli.
18 puntata - 4.3.2014 - Diplomazia e lotta al terrorismo internazionale - ospite Thomas Botzios.
17 puntata - 25.2.2014 - Diplomatico in Africa - ospite Giuseppe Mistretta.
16 puntata - 18.2.2014 - Il lavoro del Console - ospiti Caterina Gioiella e Luca Fraticelli.
15 puntata - 11.2.2014 - Sillabario diplomatico - ospite Alessandro Prunas. Letture di Gea Lionello.
14 puntata - 4.2.2014 - Come negoziano i diplomatici all'Unione europea? - ospite Andrea Samà
13 puntata - 28.1.2014 - Diplomatici e diritto internazionale - ospiti Mirta Gentile e Tiziana Di Molfetta. Ospite telefonico Giuseppe Nesi
12 puntata - 21.1.2014 - Diplomazia Digitale - ospite Antonio Deruda
11 puntata - 14.1.2014 - Fare l'Ambasciatore. Testimonianze dall'Europa - ospiti telefonici Giorgio Marrapodi e Renato Varriale
10 puntata - 10.12.2013 - Come funziona il Ministero degli Affari Esteri - ospite in studio: Roberto Mengoni
9 puntata - 3.12.2013 - Diplomatici all’ONU. L’arte del negoziato multilaterale - ospiti in studio: Jessica Laganà e Antonio Bernardini
8 puntata - 26.11.2013 - Protocollo e cerimoniale. Quando la forma è sostanza - ospite in studio: Pietro Vacanti Perco
7 puntata - 19.11.2013 - Entrare in Diplomazia. Istruzioni per l’uso - ospiti in studio: Cristina Caputo e Fabrizio Lobasso
6 puntata - 12.11.2013 - La diplomazia in Paesi difficili - ospite in studio: Andreina Marsella; ospite telefonico Nicola Minasi
5 puntata - 5.11.2013 - Una professione molti mestieri - ospite in studio: Paolo Toschi
4 puntata - 29.10.2013 - La figura di Amedeo Guillet - ospite in studio: Roberto Mengoni; ospite telefonico: Domenico Vecchioni
3 puntata - 22.10.2013 - Diplomatici italiani ed il golpe in Cile del 1973 ospiti in studio: Piero De Masi e Roberto Toscano
2 puntata - 15.10.2013 - Giovani diplomatici- ospiti in studio: Alessandra Crimi, Elisabetta Martini e Lorenzo Pinelli
1 Puntata - 8.10.2013 - La comunicazione in diplomaziaospiti in studio: Paolo Toschi e Enrico Vattani
 
Se il tuo sogno è intraprendere la carriera diplomatica, hai tutte le carte in regola per farlo e la giusta preparazione accademica per affrontare le "temutissime" prove concorsuali, allora informati sulle modalità di accesso!
 
Ente: Il Ministero degli Affari Esteri (MAE)svolge funzioni e compiti spettanti allo Stato in materia di rapporti politici, economici, sociali e culturali con l'estero; rappresentanza, coordinamento e tutela degli interessi italiani in sede internazionale; analisi, definizione e attuazione dell‘azione italiana in materia di politica internazionale. La sede centrale del MAE è a Roma - Palazzo della Farnesina. La rete del MAE nel mondo è composta da circa: 126 ambasciate, 97 consolati, 9 rappresentanze permanenti, 92 istituti italiani di cultura, 388 consolati onorari.
Alla Carriera Diplomatica si accede esclusivamente dal grado iniziale tramite concorso pubblico per titoli ed esami. Essa si articola secondo i seguenti gradi (a partire da quello di accesso): Segretario di Legazione; Consigliere di Legazione; Consigliere d'Ambasciata, Ministro Plenipotenziario; Ambasciatore
 
IL CONCORSO DIPLOMATICO
 
Requisiti:
I requisiti per poter essere ammessi a partecipare al concorso per la carriera diplomatica sono:
·         cittadinanza italiana; 
·         età non superiore ai  trentacinque anni compiuti. Il limite di età può essere innalzato per un massimo complessivo di tre anni in alcune ipotesi specificamente previste dal regolamento. 
·         uno dei titoli accademici disposti dal regolamento (lauree specialistiche/lauree magistrali o diplomi di laurea del previgente ordinamento universitario nei tre grandi filoni delle scienze politiche/relazioni internazionali, giurisprudenza, economia) e ogni altro equiparato a norma di legge, conseguito in Italia presso università o istituti di istruzione universitaria. I candidati in possesso di titolo accademico rilasciato da un Paese dell'Unione Europea sono ammessi alle prove concorsuali, purché sia stato equiparato ad uno di quelli indicati dal regolamento.
·         idoneità psico-fisica tale da permettere di svolgere l'attività diplomatica sia presso l'Amministrazione centrale che in sedi estere, ed in particolare in quelle con caratteristiche di disagio. 
·         godimento dei diritti politici.
I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di ammissione alle prove concorsuali.
 
Non sono ammessi alle prove concorsuali i candidati che, nei concorsi banditi dopo il 1° gennaio 2003, abbiano già portato a termine per tre volte, senza superarle, le prove scritte d'esame. Ad esempio, la partecipazione alla prova attitudinale e il suo mancato superamento non rappresentano un tentativo a questo fine; nemmeno rappresenta un tentativo il superamento delle prove scritte e l’insuccesso alla prova orale.
 

PROVE:
Il concorso si articola in:
a) prova attitudinale;
b) valutazione dei titoli;
c) prove d’esame scritte e orali, ed eventuali prove facoltative di lingua.
 
La Prova attitudinale
La prova attitudinale è volta ad accertare la capacità del candidato di svolgere l’attività diplomatica, con particolare riferimento alla conoscenza delle materie oggetto di concorso inclusa la lingua inglese e alla capacità di logicità del ragionamento. La prova attitudinale non concorre alla formazione del voto finale di merito. La prova attitudinale consiste in un questionario composto da 60 quesiti a risposta multipla, della durata di 60 minuti, riguardanti:
a) storia delle relazioni internazionali a partire dal congresso di Vienna;
b) diritto internazionale pubblico e dell’Unione Europea;
c) politica economica e cooperazione economica, commerciale e finanziaria multilaterale;
d) lingua inglese, senza l’uso di alcun dizionario, su tematiche di attualità internazionale;
e) test psico-attitudinali.
Sono ammessi alle successive prove scritte d’esame i candidati che abbiano risposto correttamente ad almeno due terzi delle domande incluse nel questionario a risposta multipla della prova attitudinale.
 
PROVE SCRITTE D'ESAME
La sede, il giorno e l’orario delle prove d’esame scritte sono resi noti con avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e, contestualmente, sul sito internet del Ministero degli affari esteri, oltre che nella bacheca dell’Ufficio V della Direzione Generale per le Risorse e l’Innovazione. Con lo stesso avviso è resa nota la data di pubblicazione sul sito internet del Ministero degli affari esteri, oltre che nella bacheca dell’Ufficio V della Direzione Generale per le Risorse e l’Innovazione, dell’elenco dei candidati ammessi a sostenere le prove scritte.
Le prove d’esame, scritte ed orali, sono dirette ad accertare la cultura, le conoscenze accademiche e la preparazione linguistica dei candidati. Esse vertono sulle seguenti materie:
-  storia delle relazioni internazionali a partire dal congresso di Vienna (5h);
-   diritto internazionale pubblico e dell’Unione Europea (5h);
-   politica economica e cooperazione economica, commerciale e finanziaria multilaterale (5h);
-   lingua inglese (3h);
-   seconda lingua obbligatoria a scelta tra francese, tedesco e spagnolo (3h).
 
VALUTAZIONE DEI TITOLI
La commissione esaminatrice, dopo le prove scritte d'esame e prima della correzione dei relativi elaborati, assegna ai candidati - sulla base delle dichiarazioni inserite nella domanda - i punteggi previsti dal bando di concorso per i titoli previsti dal regolamento sul concorso diplomatico:
a)  titoli universitari post-laurea anche stranieri (master, dottorati, diplomi di specializzazione); 
b) attività lavorativa a livello di funzionario nelle organizzazioni internazionali per almeno due anni.
La partecipazione a corsi di preparazione al concorso per la carriera diplomatica non costituisce titolo aggiuntivo.
 
PROVA ORALE
Sono ammessi alla prova d’esame orale i candidati che abbiano riportato una media di almeno 70 centesimi nelle cinque prove scritte, non meno di 70 centesimi nella composizione in lingua inglese e non meno di 60 centesimi in ciascuna delle restanti prove. La prova d’esame orale verte sulle materie che hanno formato oggetto delle prove scritte, nonché sulle seguenti materie:
a) diritto pubblico italiano (costituzionale e amministrativo);
b) contabilità di Stato;
c) nozioni istituzionali di diritto civile e diritto internazionale privato;
d) geografia politica ed economica.
Per la lingua inglese e l’altra lingua straniera scelta, il candidato sostiene una conversazione su tematiche di attualità internazionale.
Nel quadro della prova d’esame orale, il candidato è chiamato ad esprimere le proprie valutazioni su un tema dell’attualità internazionale, indicato dal Presidente della Commissione, al fine di accertare le sue attitudini ad esprimersi in maniera chiara e sintetica, ad argomentare in modo persuasivo il proprio punto di vista e a parlare in pubblico. La suddetta prova è valutata insieme con le altre materie su cui verte la prova orale. La prova orale, comprensiva altresì di una prova pratica di informatica, è oggetto di una valutazione unica.
Per superare la prova d'esame orale, il candidato deve riportare un punteggio di almeno 60 centesimi.
 
PROVE FACOLTATIVE ORALI
I candidati possono chiedere nella domanda di ammissione al concorso di sostenere prove facoltative orali in una o più lingue ufficiali dei Paesi europei (fatta eccezione per la lingua inglese e per la lingua prescelta per la prova scritta) o extraeuropei. I candidati sostengono una conversazione su tematiche di attualità internazionale.
 
COME PRESENTARE DOMANDA?
La domanda di partecipazione al concorso deve essere trasmessa al Ministero degli Affari Esteri – DGRI – Ufficio V – secondo le modalità indicate dal bando. Dal 2010 la procedura di candidatura è telematica e la domanda si effettua compilando il modulo on line all’indirizzo internet.
La data di presentazione on line della domanda di partecipazione al concorso è certificata dal sistema informatico che, allo scadere del termine utile per la sua presentazione, non permette più l’accesso e l’invio del modulo elettronico.
 
LINK UTILI:
Modulo online di domanda disponibile al seguente link;
 
Per info sui corsi di preparazione al concorso e leggi la nostra scheda sul concorso diplomatico 2017.
Pubblicato in Istituzioni

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.