Sei uno studente universitario o stai seguendo un master post-laurea? iscriviti al concorso, presenta la tue idee innovative ed entra a far parte del mondo delle industrie nel wellness!

 

Per altre opportunità simili visita la sezione  Formazione

 

Ente: Il Global Wellness Summit è nato nel 2000 quando un gruppo di leader nel settore ha deciso di creare nonché finanziare una conferenza in cui tutti i leader mondiale potessero risolvere i problemi comuni. Il Global Wellness Summit è una organizzazione internazionale che ha il compito di creare un futuro migliore nell’ambito del wellness globale. I principali obiettivi del Summit consistono nel creare uno spirito di collaborazione tra i leader mondiali non solo per risolvere problemi comuni, ma anche di facilitare la crescita sana di industrie e delle loro attività, sostenendo la ricerca. Nel 2015 la famiglia Ellis e i co-fondatori del Global Wellness Summit hanno costituito il Global Wellness Institute, una entità separata e senza scopo di lucro, la cui missione è quella di potenziare il benessere globale educando sia il settore pubblico che il privato sulla salute e sul benessere. Il Global Wellness Summit si tiene ogni anno ed ogni anno e si sviluppa su temi attuali, rendendo la conferenza stimolante e allo stesso tempo interessante.

 

Dove: La fase finale del concorso si terrà a Cesena

 

Destinatari: Gruppi di studenti o studenti singoli provenienti da ogni parte del mondo che abbiano superato i 18 anni  

 

Quando: 15/08/2018 proclamazione dei 3 migliori lavori

               08/10/2018 premiazione dei 3 finalisti

              

Scadenza: 01/06/2018

 

Descrizione dell’offerta: Il Global Wellness Summit indice un concorso intitolato Shark Tank of Wellness. Il concorso si rivolge agli studenti universitari che devono presentare idee innovative per l’industria del benessere. Il benessere viene inteso in maniera generale in vari ambiti, quali architettura/design, bellezza, istruzione, fitness, tecnologia, medicina, nutrizione, viaggi, turismo e altro ancora. Gli studenti devono presentare un progetto che illustri la loro idea di benessere accompagnata da una breve presentazione video della durata di 1-2 minuti. I primi 3 finalisti verranno portati insieme ai loro professori al Technogym Village di Cesena, dove presenteranno la loro idea ad una commissione di delegati, rispondendo alle loro domande sul progetto.  



Requisiti: I concorrenti devono rispettare i seguenti requisiti:

-essere studenti universitari a tempo pieno o part-time

-essere studenti laureati che lavorino per un master

-essere accompagnati da un professore si riferimento che faccia loro da mentore



Costi o Retribuzioni: Il primo premio sarà di $5,000, il secondo di $3,000 e il terzo di $2,000

 

Guida all’application: Tutti gli studenti interessati devono registrarsi online al modulo di iscrizione ed inviare la propria idea innovativa. Gli studenti verranno contattati tramite l’indirizzo mail fornito durante la registrazione

 

Informazioni utili: Ulteriori premi non in denaro comprendono voli e alloggi a Cesena, sia per gli studenti che per i professori, nonché l’accesso al Summit, che ha un valore di $3,500, eventi sociali e la partecipazione al gala della serata finale

 

Link utili:

link all'offerta

 

Global Wellness Summit

 

Contatti Utili:

Global Wellness Summit Headquarters

333 S.E. 2nd Avenue, Suite 2048

Miami, Florida 33131

United States

 

per domande generali contattare

Beatrice Hochegger

Manager, Events and Operations

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

+1.212.716.1199



 

 

 

a cura di Ilaria Tosches

 

 

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

La pace percorre la stessa strada dei giovani e non conosce discriminazione.
 
La pace è il premio di una battaglia intrinsecamente legata alla quotidianità. Lo diceva Eleanor Roosvelt mentre lamentava ancora lo scarso peso giuridico che avevano i diritti umani all'interno dei trattati internazionali, è possibile riaffermarlo oggi facendo esperienza del mondo e dei premi Nobel che hanno arricchito la storia della pace.
Il "World Summit of the Nobel Peace Prize Laureates" è una bellissima iniziativa che giunge quest'anno alla sua quindicesima edizione, in giro per il mondo e coinvolge un sempre più alto numero di giovani ogni anno.
Quest'anno studenti provenienti da ogni parte del globo sono attesi a Barcellona, capitale della Catalogna in Spagna. La delegazione italiana è sempre più parte di questa iniziativa, con studenti provenienti in buona parte dalla LUISS Guido Carli di Roma.
Per capire di cosa esattamente si tratta, basti chiarire che i premi Nobel per la pace si incontrano da svariati anni, ma fino a poco tempo fa poco seriamente era stata presa in considerazione la partecipazione dei giovani all'interno di un programma formativo per la costituzione di workshop in merito ai più nobili intenti di sviluppo umano e alla possibilità di mettersi all'opera come giovani reporter intenti a non perdersi neanche una parola di persone che hanno fatto della propria vita una conquista.
Una sontuosa vittoria solidale quella di ogni singolo premio Nobel attraverso la propria storia, se prendiamo in considerazione la violenza, la cattiveria e l'indifferenza che ancora oggi il mondo sa esprimere in una società fatta di consumismo, materialismo ed egoismo.
Dal 13 al 15 novembre, migliaia di ragazzi provenienti da tutto il mondo incontreranno, intervisteranno dai premi Nobel cui potranno presentare le loro in merito allo sviluppo della pace.
Quest'anno saranno presenti figure del calibro di Lech Walesa, Jody Williams, Shirin Ebadi, Tawakkol Karman, Oscar Arias Sanchez, ma anche i rappresentanti di diverse entità collettive che hanno vinto a seguito del loro lavoro di squadra come Medici Senza Frontiere, l'Unione Europea, l'organizzazione internazionale contro l'uso delle armi chimiche, la Croce Rossa e la "Pugwash Conferences" solo per citarne alcune.
Magari non tutti ricoprono le prime pagine della cronaca delle testate internazionali ma sicuramente la loro storia merita di essere conosciuta, soprattutto dai giovani, non solo come percorso formativo e culturale in sé, ma anche per trasformare una volta per tutte la retorica sulla pace in pragmatismo.
Ciò che conta è che ogni iniziativa provenga dal basso e sia frutto dell'impegno diretto dei giovani, sebbene ci sia ogni sorta di appoggio istituzionale, che tuttavia non è sempre facile da trovare.
Da quando il professore LUISS Enzo Le Fevre Cervini propose agli studenti di partecipare al World Summit dello scorso anno a Roma la giovane macchina organizzativa non solo non si è fermata, ma sta crescendo in maniera esponenziale, sia nell'ambito della comunicazione e dei progetti legati al giornalismo sia nell'ambito dei Workshop.
Ad esempio la delegazione italiana, cercando di coinvolgere il maggiore numero di enti istituzionali possibili ha proposto una "Youth Declaration", in merito agli obiettivi da conseguire nel campo della pace e anche come sviluppo futuro di guidelines precise per i prossimi World Summit.
Lo scorso anno sono state proprio le parole del Dalai Lama, star indiscussa del Summit fra tanti premi nobel, a incoraggiare e motivare gli studenti nel convincersi di poter essere veramente la chiave di volta per fare la differenza.
In tutto questo inutile aggiungere che nell'impianto organizzativo sia indispensabile il coinvolgimento delle persone anche attraverso le piattaforme 2.0.
La delegazione italiana si sta preparando con fervore al prossimo Summit e lo fa senza risparmiarsi nella comunicazione attraverso la pagina Facebook, l'account Twitter e diversi articoli scritti su Medium, un'innovativa piattaforma dove ciascuno avrà l'opportunità di dire la propria, attivando quel virtuoso circolo della condivisione e della "viralità" positiva che solo internet sa mettere in moto.
Così, senza alcuna discriminazione e indipendentemente dal Paese di provenienza, la delegazione italiana come tutte le altre partecipanti al World Summit di Barcellona sono pronte a iniziare il proprio percorso di giovani intenti ad incrociare la strada della pace, che via che in fondo risulta anche la medesima.
Lorenzo Nicolao (Twitter: @LolloNicolao)

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.