Il Carriere Internazionali in Tour continua con successo il suo viaggio attraverso l’Italia.

Questa volta saremo a Messina alle ore 10.00 presso l'aula Cannizzaro del Rettorato dell'Università degli studi di Messina, Piazza Pugliatti Salvatore, 1.

Il tema di questo sesto  incontro, riservato a studenti e neo-laureati, è : Lavorare nella Diplomazia e nelle ONG.

Il Carriere Internazionali in Tour toccherà nelle prossime settimane le principali

università d’Italia, per orientare tutti gli studenti che vorrebbero iniziare una carriera internazionale.

Durante il tour, gli studenti avranno la possibilità di conoscere le concrete opportunità di accesso all’ambito mondo delle carriere internazionali,

incontrando da vicino figure diplomatiche e rappresentanti di grandi organizzazioni internazionali. Iscriviti qui!

 

L’evento sarà un’occasione per presentare il Festival delle Carriere Internazionali.

All'evento del 27 novembre sarà possibile reperire informazioni in più sul Festival e sui progetti che ne fanno parte, ovvero RomeMUN – Rome Business Game – Rome Press Game – International Careers Course, nonché sul bando riguardo le 250 borse di studio disponibili per la partecipazione.

 

La partecipazione all’evento è gratuita previa registrazione. Per iscriversi a questa tappa o alle successive si prega di compilare questo form!

 

L’evento si svolgerà secondo il seguente programma:

 

09:30 Registrazione dei partecipanti

 

10:00 Prorettore all'Internazionalizzazione UNIME Prof. Germanà - Università degli Studi di Messina - saluti Istituzionali

 

10:30 Avv. Debora Buda - Festival delle Carriere Internazionali

 

11:00 Prof.  Dario Caroniti – COP di Messina - L'importanza dell'orientamento per i Giovani

 

11:30 Prof. Ciro Sbailo – UNINT - Le competenze richieste per una carriera internazionale

 

12:00 Dott.ssa Marta Palazzo – Amnesty International - Lavorare nelle Ong

 

12:30 Dott. Aldo Canuti / Dott.ssa Alice Cassia - Wall Street English Italy - Gli strumenti per una carriera internazionale di successo 

 

Il Tour nelle prossime settimane toccherà le seguenti città:

Perugia

Bari

Roma

 

Per iscriversi a una di queste tappe compilare il form disponibile qui

 

INFO E CONTATTI

Giovani nel Mondo Association

 

Via Policarpo Petrocchi 10

00137 Roma – Italia

0686767305

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.internationalcareersfestival.org

www.carriereinternazionali.com

Il Carriere Internazionali in Tour per la sua seconda tappa sbarcherà per la prima volta a Firenze, grazie alla cooperazione bilaterale con l’Università degli Studi di Firenze! Il tema di questo secondo incontro riservato a studenti e neo-laureati è: Lavorare in Diplomazia e nel mondo delle ONG – strumenti e consigli utili.

Il Carriere Internazionali in Tour toccherà nelle prossime settimane le principali università d’Italia per orientare tutti gli studenti che vorrebbero iniziare una carriera internazionale. Durante il tour gli studenti avranno la possibilità di conoscere le concrete opportunità di accesso all’ambito mondo delle carriere internazionali, incontrando da vicino figure diplomatiche e rappresentanti di grandi organizzazioni internazionali. Iscriviti qui !

La seconda tappa si svolgerà il 25 Ottobre nell’Aula Tesi 0.05 - Edificio D15 - Polo delle Scienze Sociali, in Via delle Pandette a Novoli ore 14.00.

L’evento sarà occasione per presentare il Festival delle Carriere Internazionali e per parlare nel dettaglio di due ambiti percorsi lavorativi: il concorso diplomatico da un lato e una carriera nel mondo del no-profit dall’altro con uno sguardo all’ articolato settore delle Organizzazioni Non Governative. Un’occasione preziosa di networking con esperti che lavorano nel settore e che possono dare una visione concreta e pratica ai giovani interessati,  nell’ottica di favorire la creazione di un ponte diretto tra il mondo delle opportunità e quello dei giovani talenti.

Questo evento di orientamento alle carriere internazionali è un’ottima opportunità per conoscere dal vivo questo ambito lavorativo ed avere una visione lineare di quali siano i passi da compiere per poter accedervi a pieno titolo.

La partecipazione all’evento è gratuita previa registrazione. Per iscriversi a questa tappa o alle successive si prega di compilare questo form

L’evento si svolgerà secondo il seguente programma:

 

14:00: Registrazione dei partecipanti


14:30: Quando il Talento incontra l'Opportunità - Festival delle Carriere Internazionali


Saluti Istituzionali dell'Università degli Studi di Firenze -  Prorettore alle Relazioni Internazionali Prof.ssa Giorgia Giovanetti


Dott. Luca Marco Giraldin Von Lahnstein - Director del Business Game- Festival delle Carriere Internazionali - Come avviare una carriera di successo


Consigliere Eva Alvino – Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – Il concorso Diplomatico

 

Dott.ssa Caterina Sironi / Dott.ssa Laura Garrett - Wall Street English - Gli strumenti per riuscire all'estero 


Prof. Antonio Magliulo – UNINT – Le competenze economiche richieste nelle ONG internazionali

 

Dott.ssa Roberta Masciandaro - COSPE – Lavorare nelle ONG


Dott.ssa Klaudzya Haponava – BHMS – Una Carriera internazionale che parte dalla
Svizzera

 

Il Tour nelle prossime settimane toccherà le seguenti città:

Venezia

Pisa

Milano

Napoli

Messina

Bari 

Per iscriversi a una di queste tappe compilare il form disponibile qui 

 

INFO E CONTATTI

Giovani nel Mondo Association

Via Policarpo Petrocchi 10

00137 Roma – Italia

0686767305

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.internationalcareersfestival.org

www.carriereinternazionali.com

 

IBDE recluta regolarmente giovani entusiasti, positivi e con una forte etica del lavoro, che si rivelano interessati a perseguire una carriera nel commercio internazionale, nel settore della diplomazia, dei media e della politica.

 

Per opportunità simili visita la sezione Europa del nostro sito

 

Ente: L’international Business and Diplomatic Exchange (IBDE) è un’organizzazione no-profit con sede a Londra. Fornisce una buona leadership nella promozione dei flussi commerciali e di investimento, servizi finanziari e professionali, energia, infrastrutture e sostiene la diplomazia nei settori societario, commerciale e del commercio. Attraverso la diplomazia commerciale e gli eventi di selezione di alto profilo come i forum di investimento, le tavole rotonde, i workshop, le conferenze, i seminari e le opportunità di networking, IBDE supporta  le aziende internazionali di media e le missioni diplomatiche ad identificare chiave le opportunità di investimento e le strategie nel contesto attuale politico ed economico di respiro internazionale

 

Dove: Londra

 

Destinatari: Non specificato

 

Quando: Non specificato, dura minimo tre mesi

 

Scadenza: Open

 

Descrizione dell’offerta: Uno stage a IBDE dà l'opportunità di acquisire esperienza preziosa all'interno di un'organizzazione no-profit in crescita nel settore degli affari e della diplomazia internazionale.

Durante l’internship da IBDE sarà trasmessa agli stagisti la consapevolezza sulle attività dell’organizzazione conducendo ricerche rilevanti per particolari progetti e contribuendo a sviluppare e a mantenere i suoi programmi.

Durante i forum di investimento, gli incontri e i seminari di IBDE si avrà l'opportunità di costruirsi la propria rete mediante la conoscenza di figure importanti del business internazionale, della diplomazia e del mondo accademico.

 

A causa delle esigenze di lavoro in un'organizzazione senza scopo di lucro e gli eventi IBDE preme molto sulla flessibilità dei propri stagisti chiedendo impegno, atteggiamento positivo e la capacità di lavorare in modo indipendente e in squadra.

Le responsabilità tipiche durante il tirocinio IBDE includono:

- Attività di Marketing - esplorare potenziali sponsor e relatori per eventi IBDE

- Ricerca basata sui forum per gli argomenti rilevanti ai fini degli obiettivi di IBDE

- La ricerca di potenziali partecipanti al programma

- Sostenere la pianificazione e la gestione di tavole rotonde, dei convegni di investimento, dei seminari, dei workshop e delle attività sociali

- A seconda della durata del tirocinio e delle opportunità disponibili, gli stagisti possono avere l'opportunità di assumere responsabilità in più

 

Requisiti:

- Eccellente inglese parlato e scritto

- Ottima capacità di comunicazione e interpersonali

- Buone capacità amministrative e informatiche

- Esperienza nella manutenzione del database

- Esperienza di gestione degli eventi

 

Documenti richiesti: Curriculum vitae, dichiarazione di interesse e due referenze

 

Retribuzione: Non è retribuito

 

Guida all’application: Inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. esprimendo l’interesse per partecipare all’internship allegando una copia del tuo CV e due referenze.

In alternativa, è possibile inviare una lettera di accompagnamento e allegare il proprio CV con due referenze al seguente indirizzo:  Stage, International Business and Exchange diplomatica, 1 Northumberland Avenue, Trafalgar Square, Londra WC2N 5BW

 

Informazioni utili: Gli stagisti devono essere in grado di impegnarsi per uno stage non retribuito per un minimo di 3 mesi

 

Link utili:

Sito web IBDE

Link all’offerta

 

Contatti utili:

Indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Indirizzo: Stage, International Business and Exchange diplomatica, 1

Northumberland Avenue,

Trafalgar Square,

Londra WC2N 5BW

 

A cura di Sara Candido

 

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente

 

LA REDAZIONE

Pubblicato in Europa.
Preside Ercolani, quali sono a suo parere i punti di forza del Corso di preparazione alla Carriera Diplomatica proposto dall’Università UNINT di Roma?
 
A mio avviso ce ne sono diversi. Sicuramente, il numero ristretto di partecipanti – massimo 15 – favorisce l’instaurarsi di un ottimo rapporto discente-docente. Ciò consente ai docenti di seguire al meglio la formazione e la preparazione degli studenti, e a quest’ultimi di studiare in un clima disteso e stimolante con la certezza di avere punti di riferimento costanti. Inoltre, i partecipanti hanno la possibilità di apprendere una terza lingua potendo frequentare le lezioni di lingua straniera della Facoltà di Interpretariato e Traduzione, punta di diamante dell’Ateneo.
 
Dunque, perché un giovane aspirante diplomatico dovrebbe scegliere di frequentare il Corso di preparazione alla carriera diplomatica dell’UNINT?
 
Perché, a differenza di molti altri corsi di preparazione, il Corso proposto dall’UNINT è un titolo accademico a tutti gli effetti e, in quanto tale, prevede il rilascio di crediti formativi che sono spendibili nella formazione universitaria. E’ infatti possibile, durante il secondo anno di corso della laurea magistrale presso l’UNINT, frequentare il Corso di preparazione alla Carriera Diplomatica con un percorso che si svolge contemporaneamente  al conseguimento del titolo di laurea, con un grosso vantaggio in termini di risparmio di tempo e di risorse. Inoltre, tutto il corpo docente del Corso di Preparazione è composto sia da accademici che da funzionari ed esperti del mondo diplomatico. La coordinatrice del Corso, la Prof.ssa Olga Marzovilla, è stata in più occasioni membro della Commissione esaminatrice di Concorso diplomatico e questo è una garanzia per il programma e la gestione del Corso che, naturalmente, sia in termini di contenuti, sia in termini di ore, risponde in pieno agli standards posti dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.
 
 
Il Corso è inserito all’interno della magistrale in Relazioni Internazionali, curriculum della laurea in Economia e Management Internazionale. Qual è la logica che è alla base?
 
Il Corso in Relazioni Internazionali, curriculum della Laurea Magistrale in Economia e Management Internazionale nasce dall’esigenza di formare esperti che siano in grado di lavorare a 360° in contesti internazionali e, nello specifico, in Organismi Internazionali. Nel XXI secolo, Il diplomatico, il funzionario internazionale, l’esperto di relazioni internazionali sono tutte professionalità che sempre più richiedono una perfetta mescolanza di competenze socio-politiche, relazionali e manageriali in campo internazionale. Questo è ciò a cui puntiamo sia con il curriculum in Relazioni Internazionali della Laurea Magistrale in “Economia e Management Internazionale” (LM-77) che e con in Corso di Preparazione alle carriere Internazionali in essa inserito.
 
Vieni a conoscere l'UNINT il 4 Maggio in occasione del seminario organizzato in collaborazione con Carriere Internazionali La Carriera Diplomatica e le Professione presso le Organizzazioni Internazionali accesso gratuito previa registrazione qui
 
 
Leggi anche:
Pubblicato in Rubrica
Sogni la carriera diplomatica e non sai come cominciare? Il dipartimento di stato Americano offre tirocini curriculari non retribuiti a studenti iscritti negli atenei italiani e volenterosi di guadagnare esperienza sul campo nelle sue missioni in Italia, alla Santa Sede e alla Nazioni Unite!
 
Per simili occasioni clicca quie non perdere l’opportunità di partecipare al Model United Nations a Roma, visita Romemun.org
 
Ente: La missione diplomatica USA in Italia si divide in tre rami principali: L’Ambasciata USA in Italia, l’ambasciata USA alla santa sede e la missione USA alle agenzie ONU con sede a Roma. A capo di tutto troviamo John Phillips, ambasciatore USA, appuntato da Obama solo nel 2013. All’interno di esse vengono svolte tutte le funzioni politiche e i servizi consolari che caratterizzano la vita della diplomazia.
 
Dove: Roma
 
Destinatari: Studenti iscritti in qualsiasi ateneo italiano
 
Durata: Dai 3 ai 6 mesi con orari flessibili a seconda degli impegni curriculari
 
Scadenza: Non specificata
 
Descrizione dell’offerta: I tirocinanti saranno inseriti nei vari dipartimenti delle missioni diplomatiche secondo la necessità degli uffici e la disponibilità di posti.
 
Requisiti:
- Non essere cittadini Statunitensi
- Essere iscritti ad una università italiana
- Conoscenza della lingua inglese molto consigliata
 
Guida all’application: Gli studenti interessati devono
- Contattare l’Ufficio Tirocini della propria università o il professore incaricato dei programmi di tirocinio curriculare
- Fare  domanda alle posizioni disponibili tramite la propria università
- Esprimere il proprio interesse tramite una Lettera di presentazione e un curriculum aggiornato
 
Informazioni utili: L’Ambasciata U.S.A. in Italia è situata in uno dei quartieri più vivaci di Roma, in un palazzo monumentale, Palazzo Margherita, a Via Veneto 121, di fronte al famoso hotel Excelsior. Sin dalla fondazione del Regno d’Italia, i rapporti diplomatici tra i due paesi sono ottimi con l’unica eccezione dell’interruzione tout court della relazione dal 6 ottobre 1941, durata fino all’8 gennaio 1945.
 
Link utili:
 
A cura di Alessandra Marsico
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
 
LA REDAZIONE
Cogli l'occasione giusta per vivere la tua esperienza nella delegazione diplomatica dell'Unione Europea negli Stati Uniti d'America
 
Ente: L'Unione Europea è rappresentata negli Stati Uniti d'america dalla Washington, DC  Delegation of the European Union che svolge la propria attività in stretto coordinamento con le ambasciate ed i consolati dei 28 Stati Membri. Dal 1964 L'UE ha inoltre stabilito un ufficio a New York, ora diventato parte degli uffici della delegazione europea
 
Per altre opportunità simili visitare la sezione Europa
 
Dove: Bruxelles, Belgio
 
Destinatari: Laureati almeno di primo livello
 
Durata: 3 mesi
 
Scadenza:
  • - 15 Febbraio per il semestre estivo (Giugno-Agosto)
  • - 15 Maggio per il semestre autunnale (Settembre-Dicembre)
  • - 15 Settembre per il semestre primaverile (Gennaio-Maggio)
 
Descrizione dell'offerta:  Il programma di internship offre l'opportunità al tirocinate di svolgere un'esperienza in una delle missioni diplomatiche più attive, comprendendo le relazioni tra Unione Europea e Stati Uniti d'America.
L'internship può essere svolta in uno dei seguenti settori
  • - Economia e Finanza
  • - Energia, Ambiente e Trasporto
  • - Sicurezza alimentare, Salute e Consumer Affairs
  • - Politica, Sviluppo e Sicurezza
  • - Stampa e Public Diplomacy
  • - Scienza, Tecnologia e Innovazione
  • - Commercio
 
Requisiti:
  • - Essere titolari almeno di una laurea di primo livello, preferibilmente in scienze politiche, giurisprudenaza, economia, scienze dello sviluppo, diritti umani/umanitari o comunicazione
  • - Consolidata conoscenza della lingua Inglese
  • - La conoscenza delle dinamiche dell'Unione Europea costituisce un vantaggio
  • - Abilità informatiche
  • - Se selezionati per l'internship, bisogna provedere alla propria copertura assicurativa, valida negli USA per tutto il periodo di internship
  • - Non aver avuto passate esperienze presso le istituzioni europee
 
Documenti richiesti: L'Application packet include
  • - Application form (disponibile online)
  • - CV
  • - Lettera motivazionale
  • - Almeno una lettera di referenze da un professore o datore di lavoro
 
Retribuzioni: Non prevista
 
Guida all'application: Inviare i documenti richiesti a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Informazioni utili: I candidati ritenuti idonei sono selezioni secondo un esame comparativo delle candidature pervenute per ogni ciclo di internship. La notifica di idoneità viene inviata almeno tre mesi prima dell'inizio dell'internahip
 
Link utili:
 
Contatti utili:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
A cura di Annamaria Abbafati
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente. LA REDAZIONE
Pubblicato in Europa.
"Partecipare ad una simulazione diplomatica delle Nazioni Unite può davvero farti comprendere come tale esperienza riesca a rappresentare uno starting-point dal quale sembra poi impossibile tornare indietro. Il mondo che si schiude davanti ai partecipanti è spesso sconosciuto ai più o noto solo  in via indiretta da libri e formazione teorica.  Quando si comprende che si può entrare davvero entrare nel mondo delle organizzazioni internazionali, il primo cambiamento di approccio deriva proprio da una nuova energia capace di spingerti verso nuove sfide e traguardi..."

 

Ok, ok, proseguire così potrebbe risultare alquanto scontato e a tratti anche noioso. Non ci basta adottare il punto di vista dell'osservatore esterno. Andiamo a mettere le mani nella pasta delle simulazioni diplomatiche ed in particolare del RomeMUN, leggendo la sua storia in queste sette edizioni e applicando uno zoom ad alta risoluzione sul fenomeno e puntando il nostro occhio di bue su degli intervistati niente affatto soliti, con consolidate esperienze nelle simulazioni diplomatiche, tanto che proprio loro hanno adottato vero e proprio MUNing-life-style.
Questa settimana per Carriereinternazionali.com hanno risposto alle nostre domande
César Eduardo Briceño Atencio,RomeMUN 2016 Secretary General
Ebenezer Essilfie Nyame,Chair in molteplici edizioni RomeMUN, Coordinatore, selezionato per un'internship ONU in Ghana
Carlo Moretti, Best delegate RomeMUN 2015
Non perdiamo altro tempo, Let's go MUNing! 

 

César perché hai deciso di partecipare ad una simulazione delle Nazioni Unite? Qualcuno ti ha suggerito questa esperienza o hai ricercato questo tipo di opportunità da solo?
Ero uno studente al secondo anno della facoltà di medicina quando ho sentito parlare di MUN. Un mio amico, anche lui studente della stessa facoltà, aveva partecipato in alcune edizioni durante il liceo e sembrava molto entusiasta all'idea di vivere di nuovo questa esperienza. Ho preso il coraggio che mi ha portato a dirmi che sarebbe stata una grande occasione quella di prendere parte ad una simulazione ed ho scelto di rappresentare la Germania al comitato del Consiglio di sicurezza, questa esperienza ha cambiato la mia vita.

 

In che modo sei venuto a conoscenza del RomeMUN?
Ho ricevuto una e-mail dai vari contatti MUN che indicava tutte le informazioni riguardanti questa grande conferenza. Devo confessare che ero un po' intimorito in un primo momento, ma poi ho deciso che sarebbe stato interessante condividere la mia esperienza latino-americana di approccio ai MUNs, in Europa e mi sono chiesto: perché non cominciare proprio da Roma?

 

Potresti descrivere le tue precedenti esperienze come partecipante?
Ogni esperienza è diversa dall'altra. Sono tutte uniche perché gli argomenti che discussi, le persone incontrate ed il contesto generale sono sempre diversi. Una cosa che ritengo comune è l'emozione, l'emozione di aver osato di pensare che si stia facendo qualcosa che potrebbe avere un impatto su noi stessi, che si stiano dando idee per risolvere dei problemi su scala mondiale e che queste idee, un giorno, potrebbero essere prese in conto.

 

Quali competenze pensi sia possibile acquisire partecipando ad una simulazione diplomatica?
In un primo momento direi parlare in pubblico secondo un approccio diplomatico, ma poi mi rendo conto che questo si acquisiste con il tempo e soprattutto con la pratica. Tutto ciò che comincia a manifestarsi è la volontà, la volontà di fare qualcosa di nuovo, la volontà di immergersi in una prospettiva completamente nuova e in un approccio che sarebbe difficile incontrare in altre conferenze o esperienze.

 

Al giorno d'oggi consideri un'esperienza come questa fondamentale per gli studenti? Perché?
Senza dubbio. Prima di partecipare ad una simulazione delle Nazioni Unite, non avevo idea di quello che avrei voluto fare della mia vita professionale, poi ho capito quello che era il mio obiettino nella vita; attraverso ogni nuova esperienza MUN, attraverso l’approccio di altre persone con prospettive e backgrounds diversi dal mio, mi sono reso conto sempre di più dell'importanza di questo tipo di esperienza, e io non la cambierei per nulla.

 

Secondo te qual è il valore aggiunto derivante dal RomeMUN per le capacità e le competenze degli studenti? Perché consigli di partecipare al RomeMUN?
Come ogni altro MUN, RomeMUN vi darà l'opportunità di discutere, dibattere, negoziare e anche conciliare le differenze. Una delle cose che rende il RomeMUN diverso è il contesto. Dal momento in cui si prende l'aereo, il treno, il bus o qualunque mezzo di trasporto per raggiungere l'evento, si può sentire la forza che una città storica come Roma ha, come se ti sentissi lì anche per fare la storia, comprendi che stai incontrando persone meravigliose ed intelligenti che potrebbero cambiare la tua vita o viceversa, ma soprattutto sai che, mentre si lavora anche duramente alle attività di simulazione ci si diverte. Come Segretario Generale del RomeMUN 2016 posso personalmente assicurarvi che i vostri Chairs sono tra i migliori sulla scena mondiale dei MUNs e credetemi, non ve ne pentirete di partecipare al RomeMUN!

 

Ebenezer perché hai deciso di partecipare ad una simulazione delle Nazioni Unite? Qualcuno ti ha suggerito questa esperienza?
Ho partecipato al primo MUN durante il mio secondo anno di liceo, nel 2006. La simulazione era stata organizzata da Life-Link Friendship Schools in Ghana. Anche se ero uno studente di General Science, ero un membro del debate team della mia scuola. Un mio collega mi si è avvicinato in un momento di pausa per parlarmi di un avviso affisso a scuola riguardante una simulazione delle Nazioni Unite riservata agli studenti. Eravamo interessati e abbiamo pensato di informarci. Così ho proposto di incontrare l'insegnante di riferimento per discutere il nostro interesse a partecipare al programma. Al primo incontro la sua dichiarazione è stata molto deludente per noi: "... il processo di selezione è chiuso e gli studenti hanno già partecipato a due sessioni di formazione." Ciò nonostante l'insegnante ha dato uno sguardo al programma e dopo vari tentativi si è offerto di includere i nostri nomi nella lista finale degli studenti partecipanti da presentare all'istituzione organizzatrice. Questo è come ho guadagnato la mia prima partecipazione ad un MUN e da lì ho preso parte a molte altre simulazioni.

 

Come hai avuto l'opportunità di conoscere il RomeMUN?
Ho sentito parlare del RomeMUN quando ho partecipato al Global Model UN (GMUN), convegno organizzato dalla Education Outreach division delle Nazioni Unite, e tenuto a Incheon, Corea del Sud nel 2011. Lì mi è capitato di avere una conversazione generale sui MUNs con una delle delegate durante la colazione prima delle sessioni del comitato. Lei era un membro di RomeMUN e mi ha lasciato un volantino dicendomi di cercare lì altre informazioni riguardanti il RomeMUN. Dopo il GMUN, sono andato a visitare il sito web RomeMUN e feci l'application.

 

La tua ultima esperienza nel RomeMUN è stata come Chair nel comitato del Consiglio dell'Unione Europea, potresti raccontarci questa esperienza e descrivere il tuo rapporto con gli studenti di questo comitato?
A dire il vero, anche la mia prima esperienza in RomeMUN è stata come Chair nell'edizione del 2012. Da lì ho ricoperto altri incarichi nelle simulazioni RomeMUN e la mia ultima esperienza è stata proprio nello stesso ruolo della prima partecipazione. Mi sono sentito a mio agio come Chair, solo che non ho potuto impegnarmi completamente nei preparativi pre-conferenza con i delegati e il personale poiché ero molto occupato nei lavori dell' UN Mission for Ebola Emergency Response (UNMEER). Una tra le più importanti opportunità che offre il RomeMUN è quella di incontrare e mettersi in contatto con i giovani provenienti da tutte le parti del mondo e desiderosi di imparare e condividere. Come Chair ho mantenuto un rapporto professionale ma entusiasmante con i delegati. Noi (il mio direttore, gli esperti di supporto nei comitati ed io) abbiamo fatto in modo che ogni delegato si sentisse a proprio agio nel partecipare ai dibattiti del comitato e alle attività. E' stato un meraviglioso lavoro in team e la maggior parte loro mi si avvicinava per pormi domande e chiedermi chiarimenti. Ho anche avuto l'opportunità di ispirare ed offrire consigli di carriera nelle mie interazioni con i delegati ed i membri del personale.

 

Ora stai realizzando il tuo obbiettivo più frande, lavorare presso un’agenzia UN. Pensi che la partecipazione, di anno in anno, a queste simulazioni abbia contribuito a formare il tuo profilo professionale per poi poter essere scelto per un'internship nell'ONU come è successo?
Naturalmente, le attività MUN sono state una grande scoperta. Ho sviluppato importanti competenze di vita professionale, ho compreso meglio le sfide affrontate dalle comunità di tutto il mondo, ho incontrato moltissime persone in tutto il mondo, e mi ha spinto a mettere in pratica varie azioni anche esercitando abilità di leadership. In realtà, è stato proprio attraverso le esperienze MUN che ho incontrato ed interagito con il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon. Quando di recente l'ho incontrato durante un meeting per il personale UNMEER, ho avuto l’opportunità di raccontargli come averlo incontrato in una conferenza MUN mi avesse motivato al prendere parte in iniziative volontarie e umanitarie. In realtà, oltre all'acquisire delle competenze in ambito diplomatico, la mia intenzione nel partecipare a conferenze MUN non è incontrare gli attuali leader mondiali ma interagire e connettermi con i futuri leader. Con la maggior parte dei giovani incontrati nelle conferenze MUN riusciamo a tenerci in contatto per condividere regolarmente opportunità ed invitarci a partecipare a vari progetti. L'essere parte del RomeMUN del 2012, mi ha ispirato a candidarmi per uno stage con le Nazioni Unite, e tuttora sono impegnato nelle loro attività.

 

Carlo come sei venuto a conoscenza del RomeMUN? E' stata la tua prima UN simulation o avevi partecipato ad altre in precedenza?
Tanto per cominciare sono arrivato a conoscenza del RomeMUN attraverso la mia Università. Essendo un studente del Primo anno ero alla ricerca di nuove esperienze che mi permettessero di vivere a pieno il percorso universitario e così mi sono informato sul progetto presentatomi da Martina, una ragazza con cui oggi mi trovo a collaborare per la promotion del Festival delle Carriere Internazionali nella accogliente Trento. E’ stata la mia prima partecipazione, la mia scuola superiore non offriva questa opportunità e per me si è rivelato sin da subito un progetto molto interessante.

 

Sei stato riconosciuto come Best Delegate, ci racconti la tua esperienza? Quale era il comitato in cui hai preso parte? Quale paese rappresentavi?
Per quanto riguarda la mia premazione come "Best Delegate" credo dipenda essezialmete dal modo in cui affrontato la mia partecipazione all'evento. Seguendo un corso di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali ed essendo fortemente interessato alle tematiche di attualità, ho fin da subito dedicato molto tempo ad attività di ricerca che mi permettessero di arrivare quanto più preparato alle negoziazioni. Inoltre rappresentare la Federazione Russa mi ha infuso molto coraggio, ho deciso di giocare il ruolo di un Delegato fortemente deciso sulla propria posizione, fin dal primo intervento pronto a mettersi in gioco e che avrebbe lasciato poco spazio ad opinioni di netto contrasto con la propria. L'Economic and Social Council, comitato di cui facevo parte, era composto da 70 delegati per un totale di 37 paesi.
Questa divisione necessitava di un'elevata concentrazione, richiedeva attenzione per gli interventi altrui e abilità nel tessere legami di fiducia con gli altri paesi. Attraverso l'esperienza da me acquisita nell'ambito dei Model, ho capito quanto sia essenziale rispettare la parola data. Non portare a termire gli obbiettivi, non rispettare gli impegni presi con terzi o anche solo semplicemente ritardare in una consegna può comportare rischi per il team con il quale si collabora o peggio ancora avere conseguenze nefaste per se stessi.

 

Quali pensi siano state le qualità che ti hanno permesso di essere risconosciuto come best delegate?
Cercando di essere quanto più obbiettivo possibile, credo che le caratteristiche personali che maggiormente mi hanno permesso di ottenere il ricoscimento del premio di "Best Delegate" siano state la mia voglia di mettermi in gioco, la mia capacità di lavorare in gruppo e di emergere come leader, il mio interesse per la opinione altrui e il mio impegno nell'acquisire il più possibile dalle esperienze delle persone con le quali collaboro. Devo riconoscere di non essere stato il delegato più preparato o in assoluto il migliore, sono convinto che altri ragazzi spiccassero come leaders dalle ottime qualità ma credo che ciò che mi abbia distinto sia stata la mia capacità di accumunare le idee e le opinioni anche laddove i rapporti tra paesi, sia per cause di divergenza storica, che anche per altre contingenti all'argomento preso in analisi, non permettessero apparentemente di trovare una soluzione esaustiva al problema.

 

Quali pensi siano le opportunità che sono seguite alla tua esperienza RomeMUN?
Suggeriresti questa esperienza agli studenti e per quali motivi in particolare?
Considerato il piano internazionale, col quale i giovani di oggi sono sempre maggiormente chiamati a confrontarsi, sono convinto che partecipare a un Model United Nations non solo permetta di comprendere dall'interno l'attività dell'ONU e di ogni suo organo, ma soprattuto di sviluppare un'identità e una consapevolezza internazionale che saranno essenziali sul piano lavorativo. Tessere una rete di relazioni e di amicizia con ragazzi provenienti da ogni parte del mondo, condividere i proprio interessi con persone che realmente ti capiscono, aumentare le proprie possibilità di viaggiare e di scoprire il mondo nonché di acquisire capacità essenziali per entrare nel mondo del lavoro, sono solo alcuni dei motivi per i quali consiglierei vivamente a ciascuna persona di partecipare a questo fantastico evento.

 

Sono solo tre le interviste raccolte in questo articolo e già da queste è evidente la ricchezza di esperienze che possono derivare da un evento unico come il Rome Model United Nations. Proviamo ad immaginare di poter collezionare le interviste dei 2000 partecipanti attesi per l'edizione del 2016, ne risulterebbe una varietà di punti di vista, approcci, emozioni, racconti incredibile, il tutto concentrato nelle giornate dal 5 all' 8 Marzo del prossimo anno.
Ognuno avrà una storia da raccontare, quale sarà la tua?


 

Annamaria Abbafati
Interamente  dedicato al mondo della diplomazia, delle Nazioni Unite e delle organizzazioni internazionali è il ROME MODEL UNITED NATIONS, progetto di punta dell'Associazione Giovani nel Mondo e di Carriere Internazionali all'interno del Festival delle Carriere Internazionali.
 
Il RomeMUN è la più grande simulazione d' Europa per studenti universitari e l'alto prestigio dell'evento è garantito anche degli importanti enti istituzionali che lo patrocinano come il Ministero Affari Esteri, le agenzie ONU del World Food Programme e dell'IFAD, la Rappresentaza Italiana della Commissione Europea e il Comune di Roma. Il RomeMUN è un'occasione unica di vivere quattro giorni come veri delegati delle Nazioni Unite e dunque mettersi alla prova con migliaia studenti da tutto il mondo che vengono a Roma appositamente per partecipare a questo grande evento. Durante le giornate di lavoro gli studenti partecipanti hanno anche l'occasione di incontrare esperti delle Nazioni Unite, diplomatici e funzionari delle più importanti ONG internazionali per comprendere come avviare la propria carriera nel mondo delle organizzazioni internazionali.
 
SVOLGIMENTO DEL PROGETTO: Ai partecipanti verrà assegnato un Paese da rappresentare e un Comitato in cui lavorare. Ognuna delle 193 delegazioni sarà composta da un minimo di due ad un massimo di quattordici delegati in base alla presenza o meno della delegazione in tutti e sette i Comitati riprodotti. Nella fase di preparazione didattica pre-conferenza i delegati avranno accesso al materiale didattico in lingua inglese: la Guida del Delegato; la Guida del Comitato; i Video di preparazione che aiuteranno a comprendere il funzionamento di un model UN e del lavoro delle Nazioni Unite in generale. Vi sarà, inoltre, per tutti i delegati la possibilità unica di interagire con i propri colleghi e con gli officials della conferenza tramite il forum online, mentre per i delegati iscritti presso Università con sede in Italia GnM organizzerà nel mese di febbraio anche una giornata di formazione sugli aspetti essenziali della simulazione: regole di procedura, topic in Agenda, speech and public speaking. Le giornate di formazione si svolgeranno presso le principali città italiane. Workshop sulle regole di procedura si svolgeranno anche durante i primi giorni della Simulazione. I lavori e i Comitati della 7a edizione del Rome Model United Nations saranno ispirati dal tema guida “YOUTH AND FUTURE GLOBAL CHALLENGES” e per 4 giorni di intenso lavoro 2000 tra i migliori studenti italiani ed internazionali rappresenteranno il Paese loro assegnato in uno dei seguenti Comitati: DISEC–GENERAL ASSEMBLY-Disarmament and International Security; UNHCR–United Nations High Commissioner for Refugees; FAO–Food and Agriculture Organization; SC–Security Council; ECOSOC –Economic and Social Council; UN Women-United Nations Entity for Gender Equality and the Empowerment of Women; CPCCJ–Commission on Crime Prevention and Criminal Justice.
 
POSTI DISPONIBILI: 2000        
 
BORSE DI STUDIO:100
                               
LINGUA DI LAVORO: INGLESE  
 
DOVE E QUANDO: Roma- 5/8 Marzo 2016

CONSIGLIATO PER STUDENTI PROVENIENTI DA: relazioni internazionali, scienze politiche, giurisprudenza, cooperazione e sviluppo

COMPETENZE ACQUISITE: la simulazione avviene in modalità learning by doing e dunque consente di acquisire numerose competenze pratiche, come il public speaking grazie ai numerosi discorsi ufficiali che i delegati devono tenere in pubblico, la capacità di redigere documenti ufficiali internazionali come i position paper e le risoluzioni delle Nazioni Unite, il team building dovendo lavorare in gruppo con gli altri delegati per trovare delle soluzioni comuni, la capacità di leadership nel guidare blocchi di nazioni su una posizione comune e condivisa, capacità di ricerca sia nella fase preparatoria che in corso durante la simulazione; adattamento in un contesto multiculturale data l’elevata varietà dei partecipanti che provengono da circa 100 diversi paesi al mondo.    

POSSIBILI SVILUPPI LAVORATIVI: carriera diplomatica, funzionari organismi ONU o altri organismi internazionali e istituzioni europee, cooperanti, esperti e ricercatori di politica internazionale   .

MODALITA’ DI ISCRIZIONE E SELEZIONE: Possono candidarsi come delegati per il RomeMUN 2016 tutti gli studenti iscritti a corsi di laurea triennali, corsi di laurea magistrali; Master di I o II livello; studenti laureati (non oltre un anno dal conseguimento del titolo); Dottorandi; Studenti iscritti agli ultimi due anni delle scuole secondarie superiori. Tutti gli studenti interessati dovranno creare il proprio ID del festival delle carriere internazionali sul portale dedicato e superare un test di selezione online di conoscenza della lingua inglese. Le iscrizioni sono aperte fino al 19 gennaio 2016. Il progetto è ad esaurimento posti è dunque consigliabile iscriversi il prima possibile. Durante la preparazione i partecipanti riceveranno del materiale didattico riguardante la loro assegnazione, nonché degli approfondimenti legati alle regole di procedura e ai topic in agenda.
 
 
PRECEDENTI EDIZIONI: Sin dalla prima edizione del 2010 il RomeMUN si è distinto per l’idea di portare migliaia di studenti da tutto il mondo nella culla della democrazia occidentale, per il suo approccio innovativo e per favorire un rapporto sempre più stretto tra la società civile e le istituzioni internazionali nonché un maggiore coinvolgimento dei giovani su temi di rilevanza globale. Nel corso delle edizioni precedenti migliaia di giovani provenienti da tutto il mondo hanno dibattuto sui temi più pressanti delle odierne relazioni internazionali nella veste di “ambasciatori”, ergendosi a portatori di interessi e valori diversi ma condivisi.
INFO E CONTATTI: www.romemun.org www.festivaldellecarriereinternazionali.org  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
La diplomazia che sposa un approccio culturale, questa è la mission dell'Istituto per la Diplomazia Culturale e per portarla avanti ogni anno si aprono le porte a studenti stagisti che si ritrovano a vivere un'esperienza unica
 
Ente: Fondato nel 1999, l'Istituto per la Diplomazia Culturale (ICD) è un'organizzazione internazionale non-profit e non governativa, con sede a Berlino (dal 2003), e negli Stati Uniti. L'obiettivo finale è quello dell' ICD è quello di promuovere la pace e la stabilità globale e di rafforzare e sostenere le relazioni interculturali a tutti i livelli. Negli ultimi dieci anni l'ICD è cresciuto fino a diventare una delle più grandi organizzazioni di scambio culturale indipendente in Europa, promuovendo programmi che facilitano l'interazione tra gli individui di ogni estrazione culturale, accademica, professionale, provenienti da tutto il mondo
 
Dove: Berlino
 
Destinatari: Studenti universitari
 
Durata: 3 mesi, tempo pieno
 
Scadenza: Open
 
Descrizione dell'offerta: Il Progetto di stage volontario ICD (2008-17) è un programma di 10 anni con lo scopo principale di consentire agli studenti che hanno bisogno di uno stage come una parte obbligatoria dei loro studi universitari laurea o di impegnarsi in diplomazia culturale e, così facendo, di promuovere il multiculturalismo in tutto il mondo.
Come stagista ti occuperai delle seguenti attività:
- Conferenze Internazionali
- Campagne di sensibilizzazione e il marketing
- Acquisizione di relatori e partner
- Assistenza per Congressi ed Eventi ICD
- Media, Press & PR
- Documentazione degli eventi
- Interviste e scrittura articoli per la www.berlinglobal.org
- Ricerca nella Diplomazia Culturale
- Sostenere il progetto www.i-c-d.de
- Volontariato
L'ICD invita a presentare le candidature da persone provenienti dai seguenti campi:
- Film, Fotografia e Arti Visive
- Arte e Cultura
- Relazioni internazionali e politica
- Marketing e Relazioni Pubbliche
- Storia e filosofia
- Economia e Commercio
- Communication & Journalism
- Amministrazione aziendale
 
Requisiti:
  • - Studenti attualmente iscritti che hanno bisogno di questo stage come una componente obbligatoria dei loro studi accademici o partecipanti al programma ERASMUS
  • - Buon inglese parlato e scritto, (conoscenza della lingua tedesca e spagnola sono considerate un vantaggio e altre competenze linguistiche sono un bene)
  • - Flessibilità, atteggiamento positivo, forte etica del lavoro e capacità di lavorare in team
  • - Accesso ad un computer portatile personale, da portare in ufficio quotidianamente
 
 
Documenti richiesti:
  • - Applicazione online
  • - CV da inserire nell'applicazione online
 
Retribuzioni: Non prevista
 
Guida all'application: Nella pagina di presentazione dello stage procedere su apply now e completare l'applicazione online
 
Informazioni utili:Le attività dell' ICD sono implementate ed eseguite dalle sue quattro principali istituzioni
  • - Academy for Cultural Diplomacy
  • - Organization for Youth Education & Development (OYED)
  • - Inter Parliamentary Alliance for Human Rights & Global Peace (IPAHP)
  • I- CD House of Arts & Culture
 
Link utili:
 
Contatti utili: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Per altre opportunità simili visitare la sezione Nazioni Unite e Organizzazioni internazionali
 
A cura di Annamaria Abbafati
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente. LA REDAZIONE
Il ruolo del diplomatico è quello di rappresentare il proprio Paese, è il “porta bandiera” dell’Italia nel Mondo. Ma quale migliore “bandiera” può rappresentare l’Italia se non la nostra arte culinaria?
 
Se è vero che “siamo ciò che mangiamo” , una bella pizza “ca pummarola n’ coppa“ (pizza col pomodoro) renderebbe al meglio l’immagine del Bel Paese. Le nostre abitudini alimentari dicono molto sulla nostra personalità, parlano di noi stessi e del nostro stile di vita. La food diplomacy è sempre più un “soft power”, che mette al centro il cibo come mezzo per comunicare l’identità e la cultura di una nazione al pubblico[1].
Perché non sfruttare questo potere e far sì che l’arte culinaria italiana, il nostro “fiore all’occhiello”, sia il trampolino di lancio per la tua carriera internazionale? I corsi di AssoApi possono essere il primo step verso il successo.
 
CHIEDI MAGGIORI INFO COMPILANDO IL FORM
 
La scuola: L’Associazione Nazionale Artigiani Piccoli Imprenditori (in sigla AssoAPI) ha sede a Roma. La Divisione Formazione si occupa di organizzare, per conto di AssoAPI, corsi di formazione professionale, su tutto il territorio nazionale e all’estero, per panificatori, pasticcieri, pizzaioli, gelatieri, barman, camerieri di sala, cuochi e per altre figure professionali del settore eno-gastronomico e culinario.
 
Formazione 3.0 : l’avanguardia nel settore
Per poter soddisfare le esigenze di allievi presenti su tutto il territorio nazionale AssoAPI ha messo a punto dei corsi di formazione a distanza che, attraverso l’uso delle più moderne tecnologie, facilitano l’apprendimento e conciliano anche le esigenze di chi lavora o ha altri impegni.L’apprendimento a distanza permette di studiare ed esercitarsi da casa con la guida di un docente: tutto si svolge attraverso internet quindi comodamente da casa, senza spostamenti e con un notevole risparmio di tempo.
 
L’insegnamento su misura: Ogni allievo riceve un’assistenza personalizzata da un tutor ed è seguito in tutte le fasi del suo percorso da un team di docenti altamente qualificati ai quali può fare riferimento per ogni esigenza formativa.
 
Dalla teoria alla pratica
Lo stage: L’allievo svolge un periodo di stage presso un’azienda convenzionata AssoAPI. E’ l’occasione per mettere in pratica quanto appreso e per vivere un’esperienza unica a contatto con chi pratica da tempo quel mestiere. L’allievo può scegliere l’azienda ospitante in base alle proprie esigenze sia formative che logistiche.
Il lavoro: Al termine del corso, in collaborazione con Adecco e altre aziende leader nel settore, AssoAPI fornisce ai propri allievi un supporto per facilitare il loro inserimento nel mondo lavorativo. Grazie ad accordi con partner internazionali AssoAPI aiuta i propri allievi nella ricerca del lavoro anche all’estero. Per gli allievi che desiderano avviare una propria attività, AssoAPI mette a disposizione i propri consulenti per accompagnare la nuova impresa nella fase di avvio.
 
SCEGLI IL CORSO PIU’ ADATTO A TE
PIZZAIOLO     CUOCO     PASTICCIERE    PANETTIERE
CHIEDI MAGGIORI INFO COMPILANDO IL FORM

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.