Welcome you, dear future participants of the International Career Course 2020

I'm very excited to invite you to join this opportunity to train yourself as a professional and as a human being. Be part of this experience will give you a new great opportunity to prepare and adequate your professional profile for the challenge of the future international career that is waiting for you. 

Networking hub, softs skills, hard skills, knowledge, intercultural context, out of the box thinkers: all of that and more is what you will found in this young human surge reunited in Rome and committed by an ideal of common better future. 

During the days of the course, you will able to meet with teachers, coachings, and professionals that will allow you to improve your skills and fully understand the dynamics, the rules, and the world labor context to start a gratifying international career. 

The context of the International Careers Festival offers us the possibility to link, build new partnerships and share our feelings, ideas, and path. It is not just an international course, it is not just an international meeting. It is a great opportunity to listen, to learn from others point of view and to imagine ourself in different challenges around the world. 

To start an international career path, commitment and training are needed, also are talent and capacity to adapt yourself to different situations. But this experience will give you more than lessons, more than advice and good practicing. This experience will give you a chance to allow you to imagine a new version of yourself. A better one.

Remember what Ben Herbster said: "The greatest waste in the world is the difference between what we are and what we could become." 

We look forward to meeting all of you in march  2020. 

Lets new path begins!
 

Diego Battistessa
Director, International Career Course 2020

Benvenuti, cari futuri partecipanti all'International Careers Course 2020

Sono molto entusiasta nell' invitarvi a condividere questa opportunità per formarvi come professionisti e come esseri umani. Essere parte di questa esperienza vi darà una nuova grande spinta per preparare e adattare il vostro profilo professionale alle sfide che la vostra futura carriera internazionale ha in serbo per voi. Un nodo cruciale per il networking, soft skills, hard skills, conoscenze multidisciplinari, contesto interculturale, innovazione e  nuovi approcci professionali: tutto questo e molto altro è ciò che troverete in questa  "marea giovane" riunita a Roma e impegnata nella realizzazione di un ideale di un futuro migliore.

Durante i giorni del corso,  incontrerete insegnanti, coach e professionisti che vi permetteranno di migliorare le vostre abilità e comprendere appieno le dinamiche, le regole e il contesto lavorativo mondiale per iniziare una gratificante carriera internazionale.

Il contesto dell'International Careers Festival ci offre la possibilità di connetterci con il mondo, costruire nuove alleanze e condividere i nostri sentimenti, idee e percorsi. Non è solo un corso internazionale, non è solo un incontro internazionale. È una grande opportunità per ascoltare, imparare dal punto di vista degli altri e immaginare noi stessi in diverse sfide in tutto il mondo.

Per iniziare una carriera internazionale  sono necessari impegno e formazione, cosi come lo sono anche talento e capacità di adattarsi alle diverse situazioni. Questa esperienza però vi darà più che semplici lezioni, più che consigli e buone pratiche. Questa esperienza vi darà la possibilità di permettervi di immaginare una nuova versione di voi stessi. Una migliore e proiettata al futuro. 

Ricordate cosa disse Ben Herbster: "Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare".

Non vediamo l'ora di incontrarvi tutti e tutte a marzo 2020.

Iniziamo un nuovo percorso!

Diego Battistessa 
Director, International Career Course 2020

 

Per il 2020, abbiamo ridisegnato

Il Rome Business Game a 360°.

 

Più sfidante.

Più coinvolgente.

Straordinario come sempre.

 

Entra nel nostro team di Official 2.020.

 

-------

 

Cari amici del Festival delle Carriere Internazionali,

 

2020 + 2.0 = 2.020 – L’evoluzione del nostro progetto accademico di punta, sviluppato specificatamente per gli studenti ed i laureati delle discipline economiche, finanziarie e della gestione aziendale.

 

Ridisegnato a 360° - Un modello di simulazione completamente rivisitato e migliorato con 5 divisioni aziendali, obiettivi globali e specifici, un programma di mentoring ed una struttura inter-funzionale più sfidante ed interattiva.

 

Impara. Ridi. Ama. – Traendo ispirazione dal ns. progetto partner del RomeMUN, abbiamo migliorato i processi di gestione dei team e di approvazione dei progetti, spingendo verso la partecipazione attiva dei nostri Official ed aumentando il coinvolgimento emotivo dei partecipanti, dando loro l’opportunità di esprimere al meglio le proprie competenze ed esperienze in un’esperienza educativa e sociale mai vista prima.

 

Cerchiamo voi – Siamo alla ricerca di studenti, laureati e giovani professionisti dinamici e proattivi che vogliano unirsi al nostro staff 2020 come Official. Sarete un punto di riferimento per più di 350 studenti da 60 paesi al mondo. Gestirete in team un evento da 1,300 partecipanti, assieme a più di 20 istituzioni ed aziende internazionali. Godrete dei privilegi di essere membri dello staff con una sistemazione e mezza pensione gratuita e accesso VIP agli eventi ricreativi.

 

Accettate la sfida?

Vi aspettiamo nel nostro team 2020.

 

Candidatevi ora su https://giovaninelmondo.typeform.com/to/WRVdLj

For 2020, we redesigned

Rome Business Game from the ground up.

 

More challenging.

More engaging.

Extraordinary as always.

 

Join our 2.020 Officials' team today.

Download our RBG 2020 presentation here.

 

-------

 

Dear International Careers Festival friends,

 

2020 + 2.0 = 2.020 - The evolution of our leading academic experience, specifically designed for students and graduates in the economic and business field.

 

Redesigned from the ground up - A completely reinvented and improved simulation model with five business divisions, global and specific objectives, a mentoring program, and a more interactive, cross-functional structure.

 

Learn. Laugh. Love. - We got inspired by our sister project, RomeMUN and improved our team-work management and project approval processes, fostering the active involvement of Officials and adding a higher degree of emotional involvement for participants, providing them with the opportunity to better express their specific business skills and background in an unprecedented educational and social experience.

 

We are looking for you - We are looking for enthusiastic and dynamic students, graduates and professionals to join our 2020 staff as Officials. You will be the go-to person for more than 350 students, coming from over 60 countries in the world. You will manage a 1,300 people event, alongside more than 20 global institutions and companies. You will get to enjoy the perks of being a staff member, with complimentary accommodation and VIP access to the social events.

Will you take up the challenge?

Join our 2020 team.

APPLY NOW

 

For info

www.romebusinessgame.org

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

 

The 29th edition of the IMES – International Master in European Studies ended in July 2019: time really does move faster when you put yourself out there facing new challenges! But on the IMES board we are addicted to new adventures as we are already looking forward to the 30th edition, starting on the 16th of September.

Today, however, we would like to share a happy-ending story: the one of Vito Emanuele Cambria, participant of the 23rd edition of the IMES Day Programme held in 2016. After the programme Vito became a successful project manager and his proposal got finally awarded. We couldn’t help but to ask him to share his personal and professional victory with us.

 

Brief introduction: what is your background, what are the factors that pushed you to attend the IMES programme in Brussels?

I am an Italian biologist daily dealings with threatened ecosystems and their disappearing inhabitants: plants, animals and fungi shaping the marvellous natural heritage Europe yet holds. Concrete actions are necessary to keep safeguarding such great biological and landscape diversity. After years spent studing botany, ecology and conservation biology, I felt the need to move from theory to practice. EU funding programmes were the answer to my quest. In the past I had the opportunity to became familiar with EU projects as implementing expert, but only after attending the IMES programme I started understanding for real how the machine works! During the Course you can, first, build up a comphrensive picture of the EU functioning mechanism (this makes you also a better EU citizen by the way, an additional aspect that should be never underestimated). Secondly, you can rely on trainers, with first-hand experience on EU project appraisal and implementation, which step-by-step will lead you to the acquisition of sound competences in the most important EU Programmes (LIFE, H2020, INTERREG, COSME, etc.) and Project Management tools and techniques. They are the ones with the cat’s in the cradle!

 

What happened immediately after the end of the IMES programme? What changed and how did you put into practice what you learned in class? ( How was the adjustment overall)

Other colleagues and I have struggled for more than three years to find resources to finance a project aimed to halt the ecological decline of one of the last remaining coastal woodlands of central Italy: the wood of Palo Laziale, 40 km west of Rome. On three occasions our proposal was rejected. After I attended this course and secured the certificate on July 2016, the project proposal passed the selection as first-ranked LIFE project at the first attempt! The right satisfaction after so much work and many weeks spent in the classroom. During the Programme, I have definitely got tools, methods and very useful tips to uplift my scientific background into high-level project designing skills.

 

Would you describe the project that was awarded? What is your role in the consortium?

The project LIFE PRIMED “restoration, management and valorisation of PRIority habitats of MEDiterranean coastal areas” (LIFE17 NAT /GR/ 000511) aims to improve the conservation status of habitats and species living in the protected areas of Palo Laziale wood and Nestos Delta, Natura 2000’s sites located in Italy and Greece, respectively. The project is working to develop and scale up innovative environmental engineering solutions and promote community engagement and nature-based tourism. I am the Project Manager of this project, a role of great responsibility, that also makes me proud. Certainly, those weeks in Brussels served me to acquire management skills which I could hardly gain anywhere else.

 

Overall, how do you think the IMES programme helped you to make this qualitative leap in your career ? Which are the determinant skills that it conferred to you in order to write a successful project? 

I learned how to proceed with order in structuring an idea in a coherent framework. I had never heard before of problems and objectives trees, or logical framework, “mates” that are now core part of my job routine. In addition, I became familiar with the proper language and terminology: long-term strategy, sustainability and replicability. Such expressions became almost my “life-mottos”.

 

To someone that’s considering applying to this course, would you recommend it and why?

I can certainly recommend the IMES programme. The people arranging this course are among the best professionals I have ever met in my life. The schedule is well-prepared, the work-load is quite affordable and in line with the lessons flow. The classrooms are usually multicultural and age-mixed. If you are willing to understand how the EU machine works, you must first connect yourself with the Brussels Bubble. Breathe EU policies and programmes, walk with your own feet in the EU institutions’ buildings. You have two choices: do it by yourself or, just like I did, entrust one of the best Europe mother house’s Cicerone. I am pretty sure, you already made your choice.

 

Find out how all the details about the next edition of the International Master in European Studies here!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prossima edizione dell’International Master in European Studies (IMES Day Programme) sta per cominciare!

Anno dopo anno il master si è confermato leader nella formazione di esperti e consulenti di progetti europei, come lo dimostra la storia di Vito Emanuele Cambria, studente della XXIII edizione dell’IMES, che ha da poco vinto il suo primo progetto finanziato dal programma LIFE per la protezione di un’area boschiva nel Lazio.Abbiamo chiesto a Vito di condividere con noi la sua esperienza!

 

 

Per cominciare, raccontaci cosa ti ha spinto a frequentare questo master a Bruxelles.

VC: « Sono un biologo italiano e mi occupo di ecosistemi minacciati e dei loro abitanti che rischiano di scomparire: piante e animali che danno forma al meraviglioso patrimonio naturale europeo. Per continuare a salvaguardare questa grande diversità biologica e paesaggistica sono necessarie continue azioni concrete. Dopo anni trascorsi a studiare botanica, ecologia e biologia della conservazione, ho sentito il bisogno di passare dalla teoria alla pratica e ho trovato nei programmi di finanziamento dell’UE la giusta risposta. Già in passato avevo avuto l’opportunità di familiarizzare con i progetti dell’Unione come esperto di implementazione, ma solo dopo aver partecipato al programma IMES ho iniziato a capire per davvero come funziona tutto il processo dei finanziamenti. Durante il corso è possibile eleborare un quadro completo del meccanismo di funzionamento dell’UE e gli insegnamenti vengono impartiti da esperti, che, passo dopo passo, conducono all’acquisizione di strumenti e tecniche di Project Management e solide competenze nei più importanti programmi dell’UE, come LIFE, HORIZON 2020, COSME. »

Cosa hai fatto subito dopo la fine dell’IMES? Come hai messo in pratica quello che ha imparato in classe?

VC: « Insieme ad altri colleghi, per più di tre anni, abbiamo cercato delle risorse per finanziare un progetto volto a fermare il declino ecologico di uno degli ultimi boschi rimasti nell’Italia centrale: il bosco di Palo Laziale, 40 km a ovest di Roma. In passato, in tre occasioni la nostra proposta è stata respinta, ma, dopo aver frequentato questo corso e ottenuto il certificato a luglio 2016, ha superato la selezione come progetto LIFE di primo livello. Ecco arrivata quindi la tanto agoniata soddisfazione dopo tutto il lavoro e le settimane trascorse in classe. »

Parlaci del tuo progetto.

VC: « Il progetto LIFE PRIMED – Il ripristino ecologico delle aree costiere del Mediterraneo ha lo scopo di migliorare lo stato di conservazione degli habitat e delle specie che vivono nelle aree protette del bosco di Palo Laziale e del Delta del Nestos, siti che si trovano rispettivamente in Italia e in Grecia. Stiamo lavorando per sviluppare e potenziare soluzioni innovative di ingegneria ambientale e promuovere l’impegno della comunità e il turismo basato sulla natura. Io sono il Project Manager di questo progetto, un ruolo di grande responsabilità ma che mi rende anche molto orgoglioso. »

 Come pensi che il master IMES ti abbia aiutato a fare il salto di qualità per la tua carriera?

VC: « Sicuramente le settimane a Bruxelles mi hanno aiutato ad acquisire capacità gestionali che difficilmente avrei ottenuto altrove. Durante il corso ho ricevuto molti consigli utili e appreso strumenti e metodi necessari per elevare il mio background scientifico in competenze di progettazione di alto livello. Ho imparato come procedere con ordine nella strutturazione di un’idea progettuale e ho acquisito familiarità con il linguaggio e la terminologia corretti: strategia a lungo termine, sostenibilità e replicablità. Queste espressioni sono diventate quasi i miei motti. »

Consiglieresti a qualcuno di partecipare alla prossima edizione del Master?

VC: « Raccomando sicuramente il master IMES a tutti coloro che vogliono diventare Project Manager di successo. Le persone che organizzano il corso sono tra le miglior che io abbia mai incrontrato nella mia vita. Il programma è strutturato molto bene e il carico di lavoro è abbastanza accessibile e in linea con il flusso delle lezioni. Inoltre, generalmente le aule sono multiculturali.

Se vuoi realmente capire come funziona la macchina dell’UE, devi prima entrare in contatto con la bolla di Bruxelles, camminare tra gli edifici delle Istituzioni Europee e respirare le politiche dell’Unione. Per farlo hai due possibilità: autonomamente o, come ho fatto io, affidandoti a uno dei migliori Cicerone dell’Europa. »

Scopri di più sulla prossima edizione dell’International Master in European Studies – Day Programme.

 

 

Prosegue il Rock in Roma con uno dei nomi più acclamati della musica italiana:Loredana Bertè.

Appuntamento da non perdere per sabato 27 luglio ore 21.00 al Teatro Romano di Ostia Antica.

La Bertè presenterà i suoi brani più famosi ma anche i più recenti successi come "Cosa ti Aspetti da Me" il brano che la cantante ha presentato a Sanremo lo scorso febbraio.

L'estate romana e non solo vede in classifica e nelle radio ben due brani della cantante "Tequila e San Miguel" e "Senza Pensieri".

Loredana Bertè ha sempre dimostrato negli anni di essere un'artista eclettica e in grado di interpretare con intensità e intelligenza una scena musicale sempre in cambiamento, lo dimostrano per l'appunto le sue ultime collaborazioni con J-AX, Rovazzi, Tommaso Paradiso, nonché il suo successo televisivo come giudice di Amici di Maria De Filippi.

Appuntamento imperdibile sabato 27 luglio ore 21.00 presso il Teatro Romano di Ostia Antica...Noi di carriere internazionali ci saremo e tu?

Per info e biglietti

wwwrockinroma.com

Who am I? Basically a girl who, like so many others, is trying to realize her own dream ... The answer to the fateful question: "What would you like to do when you grow up?"… And I am sure that maybe not tomorrow, or even tomorrow, maybe even the next day, but in my own way I'll make it! Let's say that I'm not used to taking straight, flat, comfortable paths, all the opposite! But I think the beauty lies in this!

 

My name is Michela and I am 29 years old, I graduated in "Political Science and International Relations", I am currently completing the master's degree in "International Development Cooperation",  in the meantime I won a Master in "Global Marketing, Communication and Made in Italy" which I am trying to carry out my Master's degree, I have recently come back from a two-week Summer School in Brussels, I work in a bar and I’m part of the editorial staff of Carriereinternazionali.com. Yes, let's say I don't get bored! But talking about to important issues ... My dream? The question is easy, the answer not so much! When you start a journey, you can also know the destination, but the paths are many, you don't always follow the roadmap and that's exactly what makes the difference ... A crossroads: paved roads, well laid out, easily passable on one side; uphill roads, winding, bumpy, full of holes on the other. Then it always depends on the perspective from which you look. I like to get involved, question, test myself in the field, but the opportunities do not always come, you often have to look for them, in any case they must be caught on the fly! I was hungry for experience, yes, a lack of experience that was inherent in my world, international relations. This is the reason why I applied for the editorial opportunity at CarriereInternazionali.com. I read and reread the published articles, and without knowing it my journey had already begun. I decided to enroll in the International Careers Festival and I found out that applications are open to work in the editorial office, I didn't think twice about it and I applied. The editorial experience is teaching me a lot, growth on all fronts, skills, human, personal, and at the same time offering me unique opportunities. Back to my dream?

Stay hungry, stay foolish!

Are you with me?

Chi sono? Semplicemente una ragazza che come tanti altri sta cercando di realizzare nel suo piccolo il proprio sogno…La risposta alla fatidica domanda: “Cosa vorresti fare da grande?”… E sono convinta che magari non domani, e nemmeno dopo domani, magari nemmeno il giorno dopo, ma comunque nel mio piccolo ce la farò! Diciamo che non sono abituata a strade dritte, spianate, comode, tutto l’opposto! Ma probabilmente il bello sta proprio in questo!

Mi chiamo Michela e ho 29 anni, mi sono laureata in “Scienze politiche e delle Relazioni Internazionali”, attualmente sto ultimando la magistrale in “Cooperazione Internazionale allo sviluppo”, nel frattempo ho vinto un Master in ”Global Marketing, Comunicazione e Made in Italy” che sto cercando di portare avanti di pari passo alla magistrale, sono da poco rientrata da una Summer School di due settimane a Bruxelles, ho in gestione un bar e faccio parte della redazione di Carriereinternazionali.com. Si, diciamo che non mi annoio! Ma torniamo alle cose importanti… Il mio sogno? Facile la domanda, la risposta un po’ meno! Quando inizi un viaggio, puoi anche sapere la destinazione, ma le strade sono molteplici, non sempre si segue la tabella di marcia ed è proprio quello a fare la differenza… Un bivio: strade spianate, ben assestate, facilmente percorribili da un lato; strade in salita, tortuose, dissestate, piene di buche dall’altro. Poi dipende sempre dalla prospettiva dalla quale si guarda. Mi piace mettermi in gioco, in discussione, testare e testarmi sul campo, ma le opportunità non sempre arrivano, spesso te le devi cercare, in ogni caso vanno colte al volo! Avevo fame di esperienza, si, un bagaglio di esperienza mancante che fosse inerente al mio mondo, le relazioni internazionali. Questo il motivo del mio approdo alla redazione di Carriereinternazionali.com . Leggevo e rileggevo gli articoli pubblicati, e senza saperlo il mio viaggio era già iniziato. Decido di iscrivermi al Festival delle Carriere Internazionali e scopro che sono aperte le candidature per lavorare in redazione, non ci penso due volte e mi candido. L’esperienza in redazione mi sta insegnando molto, una crescita su tutti i fronti, di competenze, umana, personale, e al contempo offrendomi opportunità uniche. Ritornando al  sogno?

Stay hungry, stay foolish! 

Io lo sono… e voi?

 

Carriere internazionali fa tappa al Rock in Roma per gli ultimi tre eventi della famosa manifestazione che ogni estate porta i sound più attuali del momento a movimentare l'estate romana.

Stasera non perdete il concerto del duo The Blaze, i due cugini francesi in attivo dal 2016 hanno scalato le classifiche europee con un genere musicale che unisce l'house, all'elettronica e alla dance.

La forza del duo sta nell'unire musica e immagini in maniera forte ed alternativa, non a caso Jonathan frequentava una scuola di film a Bruxelles quando convinse il cugino Guillaume a creare un video musicale da cui poi è nato il duo The Blaze.

Il loro album completo di debutto Dancehall risale alla fine del 2018 e da allora The Blaze stanno infiammando le principali città europee.

L' appuntamento è stasera alle 21.45 all'Ippodromo delle Capannelle, noi di carriere internazionali ci saremo.

Per informazioni e biglietti

www.rockinroma.com

 

 

Follow Us on

This site uses cookies, including third party cookies, only for some technical features of the services offered.
You can find more information about our cookie policy by clicking HERE.

By clicking "OK" you authorize and agree to the use of cookies.