Il Festival delle Carriere Internazionali è alle porte! La città di Roma è in fermento per uno degli eventi più attesi dell’anno, una manifestazione che, giunta ormai alla sua ottava edizione, riunirà a Roma migliaia di giovani provenienti da tutto il mondo.  Lo staff dell’Associazione Giovani nel Mondo al completo vi da l’appuntamento all’UNINT Università degli Studi Internazionali di Roma, dal 11 al 14 marzo 2017, per un Evento imperdibile che offrirà a tutti i partecipanti la possibilità di un confronto costante non soltanto con esperti del mondo aziendale, ambasciatori e giornalisti di rilievo, ma anche con moltissimi altri giovani appassionati e desiderosi di dare il via a una carriera internazionale di successo.

 

La cerimonia d’apertura del Festival è fissata per il 11 marzo 2017, alle ore 8.30, presso l’Auditorium della Tecnica – Confindustria, con sede in viale Umberto Tupini 65. Dopo i saluti di benvenuto degli organizzatori e dell’Università ospitante UNINT, simbolo anch’essa di internazionalizzazione e approccio innovativo alla formazione,  la parola verrà lasciata a prestigiosi ospiti di fama internazionale come il Direttore delle Risorse Umane della FAO, Monika Altmaier e il Ministro Plenipotenziario del MAECI Francesca Tardioli, ma la parola sarà data anche a giovani di successo con il Presidente del Comitato Giovani UNESCO Italia Paolo Petrocelli o la Fondatrice di Find Your Doctor Eva Ratti.

Siamo molti entusiasti ed emozionati per l’edizione di quest’anno del Festival delle Carriere Internazionali, parteciperanno non solo migliaia di giovani motivati e pronti ad accettare le sfide del moderno mondo del lavoro ma anche decine di enti, istituzioni Nazioni Unite come il WFP, l’UNIDO e UN-DESA, la Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, tantissime ambasciate tra cui Paesi Bassi, Irlanda, Ucraina, Cuba, aziende di respiro internazionale come Alitalia, Albatravel, il Sole 24 Ore, Barel, e giornalisti di grande esperienza che provengono da aziende importanti come RAI – RTL 102.5- Il Tempo. Insomma un’occasione di vita da non perdere perché solo dal confronto tra il talento dei ragazzi e le opportunità che questi enti offrono può nascere una futura classe dirigente degna delle sfide internazionali dei nostri tempi.” dichiara il Direttore Esecutivo dell’evento Dott.ssa Daniela Conte, Presidente dell’Associazione Giovani nel Mondo.

Al festival anche una grande area espositiva aperta al pubblico dove viene data la possibilità di sostenere colloqui in loco, di lasciare cv e di entrare in contatto con i rappresentanti delle risorse umane di grandi enti internazionali. Per partecipare è sufficiente compilare il FORM online disponibile su https://internationalcareersfair.typeform.com/to/gMa2CO

 

Per maggiori informazioni:

www.internationalcareersfestival.org

www.carriereinternazionali.com

 

INFO

Giovani nel Mondo Association

Via Policarpo Petrocchi 10

00137 Roma – Italia

0689019538

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



A seguire il programma dettagliato del Festival:

 

Sabato 11 marzo, ore 8.30 Cerimonia di Apertura - Centro Congressi di Confindustria

Ore 8.30 Registrazione dei Partecipanti

Moderatore

Program Director: Luca Marco Giraldin von Lahnstein

- Associazione Giovani nel Mondo -

Saluti di benvenuto

Ore 10.00 Dottor Fabio Bisogni

- Membro del dipartimento Relazioni Internazionali dell’UNINT Università degli Studi Internazionali di Roma -

Ore 10.05 Dott.ssa Daniela Conte

- Executive Director del Festival delle Carriere Internazionali -

Ore 10.15 Ebenezer Essilfie Nyame, Eleonora Mantovani, Mahmoud Mansi

- Program Director –

Interventi

Ore 10.30 Rappresentanza Plenipotenziario dott.ssa Francesca Tardioli

–  Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale –

“Giovani, Diplomazia e ONU”

Ore 10.50 Dott.ssa Monika Altmaier

– Capo delle Risorse Umane, FAO –

“Una Carriera all’ONU”

Ore 11.30 Dott.ssa Eva Ratti

– Find Your Doctor Founder –

“Il Dottorato di Ricerca: un’esperienza internazionale nel mondo della ricerca”

Ore 11.50 Dottor Paolo Petrocelli

– Presidente della Commissione Giovani UNESCO in Italia –

“Giovani e ONU”
Ore 12.15 RISERVATO AI PARTECIPANTI PROGETTO ROMEMUN

Ebenezer Essilfie Nyame, Jorge Alejandro Gonzalez Galicia

- Segretario Generale e Sottosegretario RmeMUN -

"Model UN: Regole di Procedura"

 

(Servizio shuttle)

 

UNINT - Università degli Studi Internazionali di Roma, via delle Sette Chiese 139

Ore 14.30/ 18.30 Lavori pratici di simulazione, workshop di apertura e preparazione ai lavori dei partecipanti

 

Domenica 12 Marzo, ore 9.30 UNINT - Università degli Studi Internazionali di Roma, via delle Sette Chiese 139

Ore 9.30/18.30 Lavori pratici di simulazione sui quattro progetti

Rome Model United Nations - Ambasciatori alle Nazioni Unite

Rome Business game - Manager di domani

Rome Press game - Giornalismo d’oggi tra tv-radio e web

Corso di orientamento - Quali sfide per una carriera internazionale?

 

Lunedì 13 marzo, ore 9.30 UNINT - Università degli Studi Internazionali di Roma, via delle Sette Chiese 139

Ore 9.30/18.30 Area espositori aperta al pubblico – Colloqui e incontri di orientamento

 

Martedi 14 marzo, ore 9.30 UNINT - Università degli Studi Internazionali di Roma, via delle Sette Chiese 139

Ore 9.30 /13.30 Cerimonia di chiusura e premiazione dei migliori partecipanti

Ore 9.30/18.30 Area espositori aperta al pubblico - Colloqui e incontri di orientamento

Manca un mese ormai all’apertura del Festival delle Carriere Internazionali, ed anche a conclusione di quello che è stato il Tour per le maggiori università italiane sicuramente la volontà di continuare a portare avanti la voglia di conoscere, capire e comprendere quello che veramente è il mondo delle carriere internazionali si trova alla base della condivisione di queste esperienze. L’apporto maggiore per entrare in questo mondo è la ricca testimonianza degli ospiti con cui abbiamo avuto il piacere di collaborare durante questi mesi e che continueranno ad essere presenti in quelli futuri. Oggi abbiamo il piacere di presentarvi Roberta Zaccagnini, Responsabile Ufficio Attivismo della sezione Italiana Amnesty International, che ha risposto alle nostre domande per carriereinternazionali.com.

Cara Roberta Zaccagnini, è stato un piacere collaborare con lei e usufruire della sua testimonianza durante i vari incontri formativi con i giovani. Spesso e soprattutto tra i giovani l’idea di carriera internazionale non è chiara e presenta una molteplicità di possibilità tra le quali è difficile orientarsi. Alla luce delle sua esperienza e del suo ruolo di Responsabile per l’Ufficio Attivismo in Amnesty International, Sezione Italiana, che cosa intende lei per Carriera Internazionale?

 

Sicuramente il mondo delle carriere internazionali è tanto vario quanto complesso. La possibilità di entrare in questo mondo significa, secondo la mia opinione, soprattutto l’opportunità di lavorare in una realtà basata su un modello di solidarietà internazionale in cui ogni diritto violato in qualsiasi parte del mondo, anche lontana, ci riguarda personalmente.

La realtà di Amnesty International  è una delle più dinamiche nell’ambito della cooperazione e sicuramente sarebbe un punto di forza per ogni giovane interessato al settore. Parlando di formazione pratica, quali sono le opportunità di collaborazione che Amnesty International offre ai giovani, studenti e laureati?

 

La realtà di Amnesty International è molto aperta ai giovani e alle persone in genere che sanno mettersi in gioco con la loro esperienza. Si va dallo stage, dal volontariato in sede alle opportunità di lavoro in tutti i settori in cui siamo organizzati: comunicazione, finance, services, educazione, campagne, policy e lobby, attivismo, raccolta fondi. La più grande opportunità che offre è quella di fare attivismo in qualsiasi parte d’Italia contribuendo così a una fortissima crescita personale in termini di conoscenze e, soprattutto, di competenze.

 

Grazie davvero per le parole spese a sostegno dei giovani e delle loro opportunità in questo ambito. Se potesse dare un ultimo consiglio alla luce di quanto detto, cosa direbbe ai nostri ragazzi?

 

Il mio consiglio più grande deriva sicuramente dalle esperienze maturate sul campo. Affiancare a uno studio rigoroso e appassionato che non trascura l’aspetto linguistico, una dimensione forte del fare in cui si vivono e si testano varie realtà del terzo settore, a livello di volontariato e attivismo. Alcune di queste esperienze sono dirimenti rispetto alla strada che può essere scelta tra le tante. Il criterio principale di scelta però dovrebbe essere quella del tempo: incamminarsi sulla strada in cui l’orologio non si guarda, ovvero quella che ci piace di più e che, più di tutte, incontra le nostre attitudini. Capire presto a quale livello di cambiamento si vuole operare (sul campo o meno, nella cooperazione o nell’advocacy, a contatto con i beneficiari o meno, nei programmi o nel fundraising, etc) è la prima e migliore garanzia per una scelta professionale felice.



A cura di Eleonora Mantovani
Carriereinternazionali.com

Scegli Alitalia e il Programma MilleMiglia Young come compagni di viaggio! Se non hai ancora compiuto 26 anni, hai tanti vantaggi dedicati a te, come accumulare il 50% di miglia in più volando con Alitalia e raggiungere più facilmente i premi offerti dal Programma.

Non perdere questa straordinaria opportunità! Iscriviti subito (https://www.alitalia.com/it_it/special-pages/subscribe_mm_program_festival.html?cod=29) e vola con Alitalia: ricevi subito un bonus esclusivo di 5.000 miglia!

Alla conclusione del Tour delle Carriere Internazionali, quello che rimane di questa esperienza che ha toccato le maggiori università italiane è sicuramente la volontà di continuare a portare avanti la voglia di conoscere, capire e comprendere il mondo delle carriere internazionali. L’apporto maggiore per entrare in questo mondo è stata la ricca testimonianza degli ospiti con cui abbiamo avuto il piacere di collaborare durante questi mesi. Oggi abbiamo il piacere di presentarvi Maria Luisa Garofalo, HR Specialist di Medici Senza Frontiere Italia, che ha risposto alle nostre domande per carriereinternazionali.com.

 

Cara Maria Luisa Garofalo, è stato un piacere collaborare con lei e usufruire della sua testimonianza durante i vari incontri formativi con i giovani. Alla luce delle sua esperienza e del suo ruolo di Hr Specialist  in Medici Senza Frontiere, ci racconti della realtà della sua organizzazione

Medici Senza Frontiere: Indipendenti. Neutrali. Imparziali. MSF è un’organizzazione medico-umanitaria fondata nel 1971 da medici e giornalisti. MSF aiuta le persone in tutto il mondo, dove ce n’è più bisogno, fornendo assistenza medica alle popolazioni colpite da conflitti, epidemie, catastrofi naturali o escluse dall’assistenza sanitaria. Al momento ci sono progetti in corso in quasi 70 Paesi.

Per molti, MSF è sinonimo di équipe mediche d’emergenza che affrontano catastrofi, guerre ed epidemie in tutto il mondo. Non molti sanno che MSF fa anche qualcos’altro: testimoniare quello che vede, far sentire la voce delle persone che assiste, accendere i riflettori su crisi che continuano nell’ombra e nel silenzio. Per funzionare sul campo, la “macchina” di MSF ha bisogno di attività di sensibilizzazione, reclutamento degli operatori umanitari e raccolta fondi, attività svolte dalle varie sezioni tra cui quella italiana, attiva dal 1992. Da allora le attività di MSF sono cresciute senza sosta, grazie a un team di professionisti in comunicazione, fundraising, risorse umane e amministrazione che ogni giorno con il loro lavoro negli uffici internazionali supporta l’azione di MSF nei contesti più critici del pianeta.

Spesso e soprattutto tra i giovani l’idea di carriera internazionale non è chiara e presenta una molteplicità di possibilità tra le quali è difficile orientarsi. Che cosa intende lei per Carriera Internazionale?

Ci possono essere diversi tipi di carriera internazionale e, a seconda del tipo di organizzazione per la quale si lavora o del ruolo che si svolge, le variabili sono moltissime. Ciò che accomuna le diverse opzioni è un’elevata esposizione a contesti e colleghi con background diversi, culture ed esperienze diverse. Chi decide di intraprendere una carriera internazionale si apre a opportunità e sfide continue, difficoltà e soddisfazioni grandissime e, comunque, alla possibilità di soddisfare la sete di curiosità nei confronti del mondo. Un percorso professionale internazionale porta a una mobilità su una scala geografica maggiore e amplia le opportunità di carriera, offrendo un panorama e una scelta più vasta.

 

La realtà di Medici Senza Frontiere  è una delle più dinamiche nell’ambito degli interventi umanitari internazionali e sicuramente sarebbe un punto di forza per ogni giovane interessato al settore. Parlando di formazione pratica, quali sono le opportunità di collaborazione che MSF offre ai giovani, studenti e laureati?

Le opportunità che MSF offre a studenti e neo-laureati sono moltissime. Abbiamo 14 posizioni di Stage  e 4 di Servizio Civile aperte ogni anno, all’interno dei nostri team di Comunicazione, Raccolta Fondi, Risorse Umane e Finanza e controllo. I nostri percorsi formativi hanno generalmente una durata di sei mesi e i ragazzi che collaborano con noi hanno l’opportunità di osservare da vicino le attività di una ONG internazionale e di partecipare attivamente al loro svolgimento.

Per quanti sono interessati a svolgere attività di ricerca tesi o project work sulle attività di MSF, ci impegniamo, compatibilmente con la disponibilità del nostro staff, a fornire informazioni e dati relativi alle nostre attività.

Un altro modo che i giovani hanno di entrare in MSF è diventando Dialogatori, supportando la raccolta fondi dell’Organizzazione, attraverso un lavoro che permette di sviluppare doti di comunicazione e team work, conciliando anche la flessibilità del lavoro in turni.

Infine, MSF ha una rete di volontariato molto sviluppata, che conta 15 Gruppi Locali di volontari distribuiti su tutto il territorio nazionale, che supportano le attività dell’organizzazione in termini di sensibilizzazione e raccolta fondi.

 

Grazie davvero per le parole spese a sostegno dei giovani e delle loro opportunità in questo ambito. Se potesse dare un ultimo consiglio alla luce di quanto detto, cosa direbbe ai nostri ragazzi?

Il mio consiglio per chi ambisce a una carriera internazionale è quello di lanciarsi: non aspettate che le opportunità vi vengano a bussare alla porta ma uscite, andate a cercare cosa può offrirvi il mondo, mettetevi alla prova! Una volta individuato il percorso che vi interessa, concentratevi su quali sono i requisiti minimi (lingue, corso di studi, esperienze professionali ecc.) e cercate di ottenerli. Preparazione e proattività sono le parole chiave. Cercate di fare esperienza, anche il volontariato può essere fondamentale e permettervi di sviluppare competenze tecniche e trasversali che vi saranno preziose nel percorso lavorativo.

 

A cura di Eleonora Mantovani

Il Festival delle Carriere Internazionali è un evento che consente al talento dei giovani di mettersi in luce e di trovare concrete opportunità di lavoro e esperienze internazionali. Se infatti il punto di forza del Festival sono i numerosi e prestigiosi enti internazionali che partecipano i veri protagonisti sono i migliaia di giovani che ricchi di qualità, competenze e voglia di mettersi in gioco si riuniscono a Roma per dare il via alla loro carriera. La nostra redazione ha dunque incontrato alcuni dei protagonisti dell’edizione 2017 del Festival per aiutarci a capire meglio in cosa consiste il Festival e qual è il valore aggiunto di partecipare a questa esperienza.

 

Partiamo dal Ghana con Ebenezer Essilfie-Nyame, Segretario Generale del RomeMUN 2017, Daniela Massarelli, Promoter nella nostra capitale per il Festival delle Carriere Internazionali, Eleonora Mantovani, Program Director del Rome Press Game 2017 nonché vice-caporedattrice del famoso portale www.carriereinternazionali.com, Luca Marco Giraldin von Lahstein da Padova, Program Director del Rome Business Game 2017, Bianca Cunha, Ambassador per l’America Latina del Festival delle Carriere Internazionali, e  Augustine Hoffman, Coordinatore Internazionale in Ghana.

 

Quando e con quale ruolo hai partecipato al Festival delle Carriere Internazionali? Cosa ti ha spinto a partecipare?

 

“Ho partecipato al Festival delle Carriere Internazionali, progetto RomeMUN, nella VI e VII edizione rappresentando, rispettivamente, la Federazione russa nel comitato UNESCO e la Danimarca nell'UNCHR. Inizialmente, mi sono mostrata curiosa nei confronti del Festival perchè un mio caro amico vi aveva partecipato e la sua garanzia sull'aspetto formativo dell'esperienza mi ha convinta. Ho vissuto la prima esperienza con un entusiasmo tale da spingermi a partecipare anche una seconda volta” ci racconta Daniela

 

Molti sono i ragazzi che dopo una prima esperienza da partecipanti sono diventati punti saldi dello staff del Festival, è il caso di Ebenezer  “ho partecipato alle scorse edizioni del Festival ricoprendo diversi ruoli (Chair Director, Expert) e quest’anno sarò il Segretario Generale del Model United Nations. Il RomeMUN è un evento unico nel suo genere, un successo dovuto a una reputazione internazionale  maturata edizione dopo edizione e ad alcune iniziative che hanno reso l’esperienza del MUN un avvenimento sempre più prestigioso. Il RomeMUN ha introdotto elementi innovativi volti ad offrire a tutti i suoi partecipanti un’esperienza entusiasmante, promuovendo allo stesso tempo le loro carriere e potenziando le loro capacità.”  O come Luca che sarà il Program Director del Rome Business Game 2017, dopo aver ricoperto vari ruoli negli anni precedenti per il progetto RomeMUN. A proposito del Business Game Luca dice: “Si tratta di un progetto dedicato al mondo del business e nato per permettere agli studenti e laureati in campo economico, finanziario e manageriale di confrontarsi con dei casi aziendali reali, prendendo delle decisioni e proponendo soluzioni innovative alle sfide quotidiane d’impresa”

 

Com’è stato vivere il Festival e quali sono stati i momenti più significativi di questa esperienza?

 

A questa domanda la nostra amica Bianca racconta “Il Festival, oltre a permettermi di realizzare il sogno di viaggiare in Europa e di partecipare a uno dei MUN più importanti d’oltreoceano, ha portato con sé esperienze memorabili, molti amici e la creazione di un importante network professionale. Si tratta sicuramente di un’esperienza unica al mondo! Aver preso parte a questa Conferenza non soltanto mi ha aperto molte porte, ma mi ha anche aiutata ad accedere all’International Student Festival in Trondheim (ISFiT) in Norvegia e al MUIMUN 2106 in Germania, vincendo ben due borse di studio!”

Augustine si racconta “Il Festival mi ha aiutato a sviluppare nuove capacità, strumenti e risorse, a creare nuovi networking e legami importanti, favorendo la mia crescita personale e professionale” continua “Ricordo con grande piacere i giri turistici nel cuore della Capitale, nonché la mia collaborazione con Roberto de Girolamo quando ero promoter in Ghana, un college fantastico che non dimenticherò mai. Inoltre, il Festival mi ha dato l’opportunità  di essere intervistato da una Televisione Nazionale di Roma.. Un’esperienza meravigliosa che non dimenticherò mai “

 

Perché consiglieresti di partecipare al Festival?

 

Daniela che ha partecipato lo scorso anno in qualità di delegata  della Danimarca per il comitato UNHCR   alla simulazione diplomatica RomeMUN, risponde: “Come dico spesso ai ragazzi che si mostrano interessati alla manifestazione, rifarei il Festival mille volte ancora! Senza dubbio lo considero una delle esperienze più significative della mia vita perchè mi ha permesso di combinare l'opportunità di definire il mio percorso di studi e le future occasioni di lavoro che cerco con il gioco e l'esperienza ludica. Senza tener conto delle possibilità di confronto che si prospettano incontrando ragazzi provenienti da quasi tutti i paesi del mondo, con le loro storie, esperienze e il loro bagaglio di vita.”

Eleonora, in risposta alla stessa domanda, ci dice: “Sicuramente questa esperienza mi ha lasciato tanto e ha dato una svolta alla mia carriera: oltre alla creazione di reti e amicizie che sono andate oltre al lavoro, dopo il Festival mi è stata data la possibilità di rimanere all'interno dell'associazione come staff. Se penso all'anno scorso mai avrei immaginato di arrivare fino a questo punto, ed essere "dall'altra parte" per la seconda edizione di quest'anno come Program Director del Rome Press Game! Non smetterò mai di ringraziare tutti per la fiducia riposta in me e per l'opportunità concreta di essere diventata quello che sono ora.”



Che cosa stai aspettando? Diventa il protagonista di questa seconda edizione! Visita il nostro sito ed esplora i quattro progetti dell’Evento: RomeMUN, Rome Business Game, Rome Press Game, International Careers Course. Considerata l’elevata domanda di partecipazione al Festival, la deadline è stata posticipata al 13 GENNAIO 2017! Affrettati e non perdere l’occasione di vivere una nuova ed eccitante esperienza targata Giovani nel Mondo!




Per maggiori informazioni:

www.internationalcareersfestival.org

www.carriereinternazionali.com

 

INFO

Giovani nel Mondo Association

Via Policarpo Petrocchi 10

00137 Roma – Italia

0689019538

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Se davvero vuoi dare il via alla tua Carriera Internazionale prepara il tuo curriculum per il Festival delle Carriere Internazionali! Ti aspettiamo dall'11 al 14 marzo a Roma dove riuniremo i più prestigiosi enti internazionali d'Europa, Nazioni Unite, Istituzioni Europee, Grandi ONG, Società Multinazionali, Giornalisti di fama mondiale, traduttori e mediatori linguistici, ma soprattutto migliaia di giovani provenienti da ben 100 paesi diversi al mondo, con un unico sogno: ESSERE PROTAGONISTI!

Perchè partecipare?
1) Mettersi alla prova in un contesto multiculturale
2) Affinare le proprie soft skills
3) Arricchire il proprio cv
4) Trovare opportunità di lavoro in Italia o all'estero
5) Incontrare i responsabili risorse umane di importanti enti internazionali
6) Confrontarsi su tematiche di rilevanza internazionale con ambasciatori e diplomatici
7) Orientarsi nel complesso mondo delle carriere internazionali
8) Questa esperienza potrebbe cambiarti la vita

Sono già 10.000 i ragazzi che hanno fatto domanda per partecipare al nostro evento, visto il numero così elevato di richieste per dare modo a tutti di effettuare le procedure di registrazione in tempo la deadline di registrazione è stata spostata al 13 gennaio 2017.

Quindi ultimo mese di tempo per completare tutte le procedure:
1) vai sul sito www.internationalcareersfestival.org/registration.asp
2) compila l'application e scegli il progetto più adatto a te
3) dimostra di avere almeno un livello intermedio di conoscenza della lingua inglese
4) completa la registrazione

Non sprecare altro tempo e diventa protagonista di uno dei quattro progetti del Festival: ROMEMUN, ROME BUSINESS GAME, ROME PRESS GAME, CORSO DI ORIENTAMENTO ALLE CARRIERE INTERNAZIONALI! Per maggiori informazioni visita il nostro sito, trova il progetto più adatto a te e inizia il processo di registrazione.

Opportunità concrete di lavoro verranno messe in palio per i vincitori dei progetti del Festival. I migliori partecipanti alla simulazione per interpreti e traduttori, Rome Press Game, potranno infatti effettuare delle visite lavoro presso importanti redazioni e vedere pubblicati i loro lavori su testate di portata internazionale, mentre i partecipanti al Business Game potranno concorrere per preziose offerte di stage offerte dai partner ufficiali di questa seconda edizione. Infine, i Best Delegate del RomeMUN avranno l’occasione di partecipare GRATUITAMENTE ad altri MUN in giro per il mondo: Chicago, Pechino e altre affascinanti destinazioni aspettano ogni anno i migliori!

La tua carriera internazionale parte da QUI!

Per maggiori informazioni
www.internationalcareersfestival.org
www.carriereinternazionali.com

INFO
Giovani nel Mondo Association
Via Policarpo Petrocchi 10
00137 Roma – Italia
+390689019538
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cari partecipanti,

È un vero piacere darvi il benvenuto al Rome Press Game 2017.

Come Program Director di questa seconda edizione sarà mia cura assicurarmi che ognuno di voi possa godere al massimo delle opportunità uniche offerte da questa esperienza firmata dall’Associazione Giovani nel Mondo. Il progetto del Rome Press Game nasce dopo 8 anni di attività sul campo, sempre e solo a sostegno del futuro dei ragazzi che vogliono intraprendere una carriera internazionale. Dopo gli insegnamenti maturati negli anni da un progetto come il RomeMun, prima simulazione con base a Roma delle dinamiche delle Nazioni Unite, si è sviluppata così la necessità di rispondere alle domande concrete di un target sempre più specializzato nella comunicazione e nelle lingue internazionali. Questo nuovo progetto nasce per voi, come sfida al mondo del lavoro odierno per formare i giornalisti e gli interpreti del domani.

La comunicazione è il vero cuore pulsante e base di ogni relazione a livello internazionale: il Rome Press Game diventa così una simulazione unica nel suo genere, volendo riprodurre le dinamiche giornalistiche a livello radio, web e tv in abbinamento al lavoro fondamentale degli interpreti, che rendono fruibile quotidianamente ogni tipo di informazione per i diversi canali in questione. Tutto questo sarà possibile nella splendida cornice della città di Roma, centro fondamentale di informazioni che potranno essere lavorate da un team eterogeneo e multietnico, aperto al dialogo internazionale come alla promozione dello stesso.

Nelle quattro giornate che vi vedranno protagonisti, dall’11 al 14 Marzo 2017, sarete voi quindi a rendere fruibili tutte le news, i lanci, i materiali e le interviste del Festival delle Carriere Internazionali. In concerto con gli altri progetti e con tutti gli altri studenti provenienti dalle realtà più disparate di tutto il mondo, il vostro lavoro sarà di fondamentale importanza per la stessa riuscita e visibilità del Festival, compito che ogni tipo di addetto alla comunicazione deve tenere costantemente a cuore. La simulazione, con l’approccio del learning by doing, avrà lo scopo di farvi acquisire competenze teoriche e pratiche nell’ambito del giornalismo a 360°, grazie anche al prezioso contributo di esperti del settore e prestigiose personalità della scena mondiale, che tramite le loro testimonianze e consigli vi permetteranno di muovere i primi passi in un mondo tanto affascinante quanto competitivo. Assieme ai vostri colleghi e queste figure di rilievo, del mondo del giornalismo come dell’interpretariato, svilupperete così anche delle soluzioni coerenti e creative ai problemi comunicativi reali di questi tempi.

Sono sicura che saprete accettare questa sfida e mettervi in gioco veramente, per il vostro futuro e per quella che già ora è la vostra carriera. Ma sono altrettanto convinta che questa esperienza sarà per tutti voi spunto fondamentale per la vostra crescita a livello umano, divenendo ancora più consapevoli di vivere in un mondo globalizzato, dove le soft skills sono le vere chiavi per una svolta come la creazione di reti interpersonali, di amicizie che non temono confini territoriali e di insegnamenti che a lungo vi illumineranno la strada.
Vi aspetto tutti insieme al mio Team a Marzo, siamo ansiosi di incontrarvi per affrontare uniti questa splendida opportunità patrocinata dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti e dalla rivista di geopolitica Limes. Per chi ancora non è dei nostri, affrettatevi ad iscrivervi e vincere gli ultimi posti del Rome Press Game 2017. Ci vediamo questa primavera a Roma!

Sinceramente,
Eleonora Mantovani
Program Director Rome Press Game 2017

Nel Terzo Settore? Ti offriamo un'interessante opportunità formativa per diventare responsabile di progetto, europrogettista, valutatore ed esperto di budget.

 

La scuola COSPE, nata nel 2004 ed accreditata come ente di formazione dalla Regione Toscana dal 2007, riparte con un corso professionalizzante.

 

Il Diploma di Responsabile di progetto ed Europrogettista nasce per formare una figura che riunisca le competenze di progettista, valutatore ed esperto di budget, che consentono la gestione efficiente dell’intero ciclo di un progetto.

 

Un percorso professionale composto da tanti moduli formativi, concepiti come laboratori in cui potersi sperimentare nell’uso di strumenti di project management, a partire da casi studio reali.

 

Il corso è composto da 12 moduli di base e 3 di approfondimento geografico (Africa, Mediterraneo e Medioriente, Centro e Sud America), per un totale di circa 240 ore, con la possibilità di 300 ore di tirocinio da svolgere in Italia o all’estero. La formazione, tramite lezioni frontali, laboratori, esercitazioni pratiche, è orientata allo sviluppo di competenze tecniche specialistiche e all'acquisizione degli skills professionali per i profili di progettista, valutatore ed esperto di budget.

 

È richiesta la conoscenza della lingua inglese e di un’altra lingua straniera (spagnolo, francese, portoghese, arabo, cinese).

 

Il corso si terrà dal 20 gennaio al 13 maggio 2017. Le iscrizioni sono aperte entro fine dicembre.

  

Per iscrizioni, chiarimenti e promozioni attive è possibile contattare direttamente la segreteria della Scuola COSPE allo 055473556 o mandare una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Tutti i dettagli nella scheda del corso: www.cospe.org/formazione

“Partnership for the goals” si traduce in azioni e relazioni

Compie 10 anni la partnership tra AIESEC e PwC Italia: una collaborazione che si è evoluta negli anni e che si consolida oggi in tre parole “Fiducia nei giovani”

 

“Ormai sono 10 anni che seguo la partnership con AIESEC, in cui sono cambiate tante cose, il mondo è cambiato. L’unica cosa che rimane ancora, sono i valori che guidano la vostra organizzazione e il nostro network. Valori che ci accomunano e fanno sì che questa partnership sia un motivo di orgoglio per la nostra azienda” sono le parole di Leonardo Cadeddu, HR responsabile delle relazioni istituzionali di PwC Italia.

 

Valori che si concretizzano nel “Global Volunteer Fund”, una nuova iniziativa portata avanti da PwC e AIESEC Italia col fine di aumentare la rilevanza e contribuire ai Sustainable Development Goals, i 17 obiettivi da raggiungere entro il 2030, definiti nell’ “Agenda 2030” dalle Nazioni Unite.

Attraverso questo fondo PwC Italia permetterà a 10 studenti italiani di vivere un'esperienza all’estero con il Global Volunteer,mettendo a disposizione 10 borse di studio che andranno a coprire il contributo associativo che gli studenti selezionati per i progetti sono tenuti a versare ad AIESEC Italia.

 

I 10 studenti italiani potranno portare un contributo concreto e misurabile nel mondo attraverso il Global Volunteer di AIESEC: infatti i progetti sono allineati agli “Obiettivi di Sviluppo Sostenibile” delle Nazioni Unite.

 

Sono stati individuati, in particolare, tre Sustainable Development Goals strettamente collegati ai quattro pilastri del modello di creazione del valore portato avanti da PwC:

  • Community/socio-economic value connesso al SDG #4 Quality Education
  • Diversity & Inclusion connesso al SDG #10 Reduced inequalities
  • Environmental connesso al SDG #13 Climate Action

 

Possono candidarsi alla borsa di studio tutti gli studenti universitari:

  1. che abbiano tra i 18 e i 29 anni;
  2. entro i 2 anni dal conseguimento dell’ultimo titolo di studio.

 

Una partnership che insegna come da valori solidi e condivisi, possano nascere nuove opportunità per i giovani e il futurodell’Italia.

 

Per maggiori informazioni: aiesec.it/sdg-scholarships o PwC Italia

AIESEC apre 7 posizioni a partire dal 2 dicembre destinate a persone di età inferiore ai 30 anni per un’esperienza di volontariato negli asili a Breslavia e nella bassa Slesia.

Per sei settimane i volontari selezionati, studenti tra i 18 e i 30 anni, hanno la possibilità di conoscere da vicino i costumi e la cultura polacca, lavorando ogni settimana in un asilo diverso tra Breslava e la bassa Slesia.
Per quel periodo vivranno, inoltre, con le famiglie dei bambini, con gli altri insegnanti o in ostello in un ambiente multiculturale in modo da sperimentare davvero come si vive in un altro paese.
L’attività da svolgere si basa soprattutto sul gioco e sulla pianificazione della giornata dei bambini che sono composte da momenti diversi, dedicati allo sport, all’arte, a giochi di logica, a presentazioni, racconto di storie, giochi con i lego e molto altro.


I volontari sono tenuti a preparare due presentazioni per i bambini, una sul proprio paese e un’altra più libera, legata ai propri interessi.
In Polonia l’asilo è destinato ai bambini tra i 3 e i 5 anni ed è pensato non solo per per prendersi cura dei bambini mentre i genitori sono al lavoro, ma anche per contribuire al loro sviluppo sociale attraverso i contatti con gli altri e al loro sviluppo intellettuale attraverso varie attività di apprendimento, in modo che i bambini siano pronti per la scuola primaria.
Questa esperienza permette di migliorare le capacità di parlare in pubblico, la creatività e l’empatia personale, dal momento che si svolge a contatto con i bambini. È anche un modo per migliorare l’inglese, le doti di comunicazione di comprensione culturale.


In questo modo si può contribuire concretamente al miglioramento dell’educazione dei bambini e alla loro capacità di entrare in relazione con un’altra cultura.
Il progetto Winter Kindergarten viene organizzato ogni anno da AIESEC nel periodo invernale e si ricollega agli Obiettivi Sostenibili indicati dalle Nazioni Unite da raggiungere entro il 2030, a cui AIESEC, con i suoi progetti contribuisce da un anno. In particolare si riferisce al Numero 4: Educazione di qualità che mira ad assicurarsi che in tutto il mondo sia garantito l’accesso ad una educazione di qualità, alle cure e all’educazione prescolare.
                                                                                            
Per candidarsi visitare la pagina Global Volunteer o candidarsi sulla piattaforma AIESEC opportunities.
Per maggiori informazioni scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.