Sei interessato a lavorare nell’ambito del Digital Marketing? Il Gruppo Mondadori è alla ricerca di candidati come te per la sua sede di Segrate (MI). Candidati ora e potresti essere tu il nuovo membro del team di Mondadori!

 

Per opportunità simili visita la sezione: Altre Opportunità.

 

Ente: ll Gruppo Mondadori, editore leader in Italia e tra i maggiori in Europa, è costituito oggi dalla casa editrice fondata nel 1907 e da oltre cinquanta società controllate e collegate, italiane ed estere. Le sue attività in ambito editoriale spaziano dalla creazione di prodotti e servizi, sia tradizionali sia digitali, alla loro commercializzazione e distribuzione.

 

Dove: Segrate, Milano.

 

Quando: NS. Contratto a tempo indeterminato.

 

Destinatari

Candidati con esperienze pregressa nell' ideazione e delivery di campagne di Web marketing (budgeting, planning, execution, reporting) sui principali canali; Capacità di pianificazione budget, allocazione spending tra i vari canali e revisione periodica in base a risultati misurabili in linea con gli obiettivi di traffico/CR e i vincoli di spesa;

 

Scadenza:  NS.

 

Descrizione dell’offerta

Nell’ambito dell’area Retail, Mondadori cerca un Web & Digital marketing Specialist con focus su E-commerce. La risorsa inserita si occuperà, in particolare, di:

 

  • Pianificazione e gestione di piani di marketing digitale attraverso l’uso di tutti i canali di acquisizione del traffico (es.. SEM, SEO, newsletters, affiliazione, retargeting, comparatori di prezzo, etc.);
  • Coordinamento e monitoraggio attività SEO in collaborazione con digital agencies specializzate;
  • Esecuzione delle campagne di email marketing (definizione ed estrazione target, invio DEM e newsletters);
  • Gestione delle web agencies e dei partner esterni;
  • Coordinamento e monitoraggio attività di affiliation in collaborazione con partner specializzati;
  • Gestione del budget annuale destinato alle attività di Web marketing;
  • Preparazione di analisi e report in ambito digitale e valutazione di tecnologie e tendenze emergenti per sostenere il posizionamento online del brand;
  • Coordinamento e supporto alla realizzazione di creatività e contenuti efficaci in ottica SEM e  SEO.

 

Requisiti

  • Conoscenza approfondita  di Data studio, Google Ads e Google Analytics (certificazione Nice to Have);
  • Conoscenza piattaforme di invio newsletter (ContactLab preferred) e software estrazione target (IBM Unica preferred);
  • Familiarità con strumenti di tracciamento (Google Tag Manager preferred);
  • Conoscenza del SEO Copywriting e familiarità con monitoraggio posizionamento SEO (Google Search Console preferred);
  • Orientamento alla formazione continua, all’esplorazione dei trend e delle soluzioni emergenti in ambito digital marketing;
  • Familiarità con approccio mirato alla definizione, misurazione e raggiungimento di obiettivi quantificabili e misurabili;
  • Ottima padronanza degli strumenti office (excel mandatory).

 

Costituiranno, inoltre, un Plus il possesso di altre certificazioni  Google o corsi di formazione specifici su tools di Digital Marketing così come la conoscenza dei seguenti strumenti: pacchetti di CMS (WordPress preferred), piattaforme ad-server (Adform preferred), linguaggio HTML, Tecniche di SEO Copywriting.



Retribuzione: Prevista, ma non specificata.

 

Guida all’application: Per candidarsi per la posizione è necessario inviare il proprio CV tramite il modulo presente sulla pagina web dell’offerta. 

 

Link utili

Offerta

Mondadori

 

Contatti Utili:  

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




a cura di Riccardo Testa

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org

Pubblicato in Altre opportunità.

“Impegno, flessibilità, risate, multiculturalità”: se dovessi utilizzare poche parole descriverei così la mia esperienza come tirocinante presso l’Associazione Giovani nel Mondo.

Innanzitutto, mi presento. Mi chiamo Ludovica Ciarravano ho ventidue anni e vivo a Roma dove frequento il primo anno di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali all’ Università La Sapienza. La scelta di intraprendere tale percorso di studi nasce dal mio spiccato interesse per la storia, il diritto, la politica, le relazioni internazionali. I miei interessi di studio non sono tuttavia l’unico motivo che mi hanno portata a laurearmi in Scienze politiche e Relazioni internazionali e a proseguire i miei studi nel medesimo ambito; ho sempre pensato che tale percorso mi avrebbe dato la possibilità di comprendere più a fondo il mondo in cui viviamo, come sia possibile gestire la nostra società e le relazioni con i Paesi stranieri, entrare in contatto con altre realtà, culture, punti di vista e prospettive, grazie anche ai numerosi studenti stranieri che decidono ogni anno di studiare nella mia Facoltà. Ed è per questi stessi motivi che ho deciso di non lasciarmi scappare la possibilità di svolgere un tirocinio nell’ Associazione Giovani nel Mondo. Consulto periodicamente il portale di informazione dell’Associazione “Carriere Internazionali” e poter collaborare con lo staff dell’associazione è stata una grande opportunità per me.

Ho svolto un tirocinio della durata di sei mesi nell’ ufficio dell’associazione, in cui mi sono occupata prevalentemente della pubblicizzazione e organizzazione del “Festival delle Carriere Internazionali”. L’Associazione, infatti, oltre a curare il sito di Carriere Internazionali, organizza ogni anno uno degli eventi più grandi e importanti a livello europeo nell’ambito delle carriere internazionali. Un evento che si compone di quattro progetti dedicati rispettivamente al mondo delle Nazioni Unite, dell’editoria, delle aziende e delle carriere internazionali. Contestualmente al Festival si svolge anche la Fiera delle Carriere internazionali, un’occasione imperdibile per entrare in contatto con numerosissimi enti che operano nell’ambito delle carriere internazionali.

All’inizio della mia esperienza ero particolarmente entusiasta, ma allo stesso tempo spaesata. L’Associazione, in particolare il Presidente Daniela Conte, mi ha fornito strumenti utili e conoscenze per poter svolgere al meglio il mio tirocinio e collaborare con il team per organizzare un evento di vasta portata; sentivo, dunque, la responsabilità di non deludere le aspettative e dare il meglio di me per non sprecare l’opportunità che finalmente avevo di non dedicarmi esclusivamente allo studio, ma intraprendere un’esperienza concreta e dinamica.

Al di là dei compiti che di volta in volta mi venivano assegnati, ho sempre cercato di essere una “spugna” in ufficio, cioè di assorbire, quanto più possibile, informazioni e capacità dallo staff dell’Associazione, che ormai da dieci anni si occupa con attenzione e competenza alla realizzazione del Festival. In ufficio si respira multiculturalità, ho collaborato in stretto contatto con studenti stranieri e, a distanza, con ragazzi stranieri che avrebbero partecipato all’evento di marzo.

Dal 9 al 12 marzo si è finalmente svolto l’evento che per tanti mesi avevo collaborato ad organizzare: il Festival delle Carriere Internazionali. Ho partecipato all’evento in qualità di staff, ed è stato forse questo il momento in cui ho capito fino in fondo la vastità e la grande partecipazione internazionale all’evento. Si è trattata di una delle esperienze più stimolanti della mia vita. Nell’ambito della Fiera delle Carriere internazionali mi sono dovuta confrontare con rappresentanti di numerosi enti internazionali, con professori, con ragazzi del liceo, e questo mi ha permesso di sviluppare skills comunicative. Ho avuto inoltre la possibilità di entrare in contatto con tantissimi ragazzi provenienti da tutto il mondo, di confrontarmi con loro, di cercare soluzioni ai problemi che di volta in volta si presentavano. Ho condiviso con loro momenti che mi hanno arricchito, nelle conoscenze, nelle competenze, nelle capacità. Ho imparato, confrontandomi con gli altri, a comprendere anche più me stessa, quali sono i miei limiti, ma anche le mie aspirazioni e i miei punti di forza. Non è possibile conoscere fino in fondo le proprie capacità finché non ci si confronta con la realtà, con il lavoro pratico, ed è esattamente l’opportunità che questa esperienza mi ha dato. Al termine del mio tirocinio ho provato soddisfazione per il mio lavoro e ho acquisito maggiore consapevolezza. Questa esperienza mi ha permesso di sviluppare competenze che potrò sicuramente sfruttare in futuro, ma soprattutto, mi ha permesso di conoscere ragazzi in gamba, che mi sono stati di ispirazione, e che non vedo l’ora di incontrare nuovamente. Perché le esperienze sono importanti anche per il loro valore umano. Ringrazio l’Associazione per l’opportunità che mi ha fornito e mi auguro che altri ragazzi come me possano vivere questa esperienza.

 

Pubblicato in Rubrica

AVSI è alla ricerca di volontari che si occupino di tradurre i contenuti e i documenti dell’associazione.

Le lingue straniere sono la tua passione e desideri fare del volontariato alternativo? Allora invia la tua candidatura per questa imperdibile opportunità

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Cooperazione

 

Ente: AVSI, nata nel 1972, è un'organizzazione no profit che realizza progetti di cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario in 31 Paesi del mondo grazie a un network di 35 enti, soci fondatori, e di oltre 700 partner. AVSI lavora per un mondo in cui la persona, consapevole del suo valore e della sua dignità, sia protagonista dello sviluppo integrale suo e della sua comunità, anche in contesti di crisi ed emergenza. AVSI fonda i suoi progetti di cooperazione nei diversi settori su un’attenzione preferenziale per l’educazione intesa come accompagnamento della persona alla scoperta di sé e al riconoscimento dell’altro come un bene. Ogni progetto è quindi concepito come strumento volto a promuovere tale consapevolezza in tutti i soggetti coinvolti, ha in sé un’esigenza di comunicazione e condivisione, ed esercita un impatto capace di generare un cambiamento positivo.

 

Dove: Da remoto

 

Destinatari: coloro in possesso dei requisiti

Quando: fino al 31 Dicembre 2019

 

Scadenza: 31 Dicembre 2019

 

Descrizione dell’offerta: AVSI cerca volontari per traduzioni nelle seguenti lingue:

- inglese

- francese

- portoghese

- spagnolo

Le traduzioni richieste riguardano documenti di vario tipo (presentazioni, documenti di progetto, paper, news per sito) prevalentemente dall’italiano verso la lingua straniera. Su richiesta, verrà rilasciato un certificato attestante il n. di cartelle/caratteri tradotti.

 

Requisiti: Ai traduttori volontari è richiesta una conoscenza approfondita della lingua di lavoro oltre alla conoscenza dell’italiano

 

Costi/Retribuzioni: non prevista

 

Guida all’application: Inviare le candidature a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  indicando chiaramente in oggetto il codice vacancy: VOL-TRA volontariato per traduzioni

 

 

Link utili:

AVSI

Volontario per traduzione

             

Contatti Utili:  

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Via Legnone, 4

20158 Milano

Tel.: 02 6749 881

Fax: 02 6749 0056

 

a cura di Giulia Ibba 

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org

 

 

Il mio nome è Giulia e ho 28 anni. Vengo dalla Sardegna, ma ho vissuto 8 anni a Roma, e attualmente vivo a Lucerna, Svizzera.

 A Roma ho frequentato la Facoltà di Giurisprudenza, e durante questi anni sono venuta a conoscenza del portale “Carriere Internazionali” gestito dall’Associazione Giovani nel Mondo. Il sito mi è stato di fondamentale aiuto negli anni per trovare le migliori e più interessanti opportunità lavorative.

Soprattutto, nell’Aprile 2017, scorrendo nel portale, sono venuta casualmente a conoscenza del bando “Torno Subito”, un progetto sponsorizzato dalla Regione Lazio che prevedere il finanziamento per un primo periodo di formazione all’estero, ed un secondo periodo di esperienza lavorativa da svolgere all’interno della Regione.

Grazie all’immenso supporto offerto dall’Associazione e il loro costante aiuto nella compilazione della domanda, ho avuto la fortuna di essere una delle vincitrici del bando e l’opportunità di svolgere la mia prima fase di formazione in Svizzera, a Lucerna, presso la Business Hotel and Management School.

Infatti, è sempre per merito loro che ho conosciuto la BHMS, une delle migliori scuole nel campo dell’Hospitality, con la quale Giovani nel Mondo collabora da anni.

L’esperienza che sto vivendo è semplicemente meravigliosa, e non posso essere più grata per la possibilità che Giovani nel Mondo mi ha dato, perché è grazie a loro se ora sono qui. Attualmente svolgo un Master in International Business and Hospitality Management. La qualità formativa della scuola è altissima e dimostrano di voler offrire la miglior educazione possibile. Ulteriormente, l’ambiente incredibilmente internazionale della scuola offre un’aggiuntiva opportunità per conoscere altre centinaia di culture.

La Regione Lazione, con il Bando Torno Subito offre un’occasione imperdibile, e Giovani nel Mondo dà la possibilità di rendere quest’occasione realtà.

Soprattutto, Daniela e Klaudia sono sempre state assolutamente presenti per qualsiasi dubbio, domanda o problema, e non smettono di esserlo anche ora che sono all’estero.

Se tornassi indietro, rifarei altre mille volte la scelta che ho fatto, e consiglio vivamente a chiunque di sfruttare le stesse opportunità, perché occasioni del genere non capitano tutti i giorni.

Pubblicato in Rubrica

 

 

Dopo essere stata a Bruxelles per la prima fase del Progetto Torno Subito, sono tornata a Roma per la seconda fase che sarebbe durata fino a marzo, mese in cui si tiene il Festival delle Carriere Internazionali.

Collaborare con Giovani nel Mondo significa entrare all’interno di una grande famiglia. Significa imparare a stare insieme, aiutarsi l’un l’altro, vedere i propri colleghi come compagni. In Associazione ho trovato innanzitutto degli amici, con cui ho avuto e avrò sempre il piacere di condividere la mia vita al di fuori dell’orario di ufficio.

Sul piano lavorativo, oltre alla crescita professionale, questa esperienza mi ha consentito di guardare “dietro le quinte” del Festival. Perchè dietro a quattro giorni di Festival c’è un team affiatato di persone che lavora un anno per poterlo realizzare al meglio. Ci sono sforzi, dedizione, stanchezza ma tanta soddisfazione finale.

Chiunque entrerà nella famiglia di Giovani nel Mondo avrà la grande opportunità di crescere, sul piano professionale e umano, interfacciarsi con realtà diverse, entrare in contatto con persone da tutto il mondo: da New York a Nuova Delhi, da Rio de Janeiro a Pechino!

Un ringraziamento speciale va a Daniela, Presidente dell’Associazione, che mi ha permesso di intraprendere questa esperienza. Un grazie di cuore va inoltre a tutto lo staff dell’Associazione che ha condiviso con me questa grande avventura fino al Festival.

 

Ad maiora!

 

Antonella

 

 

Pubblicato in Rubrica

 

Ciao a tutti!

 

Mi chiamo Nikola e vengo dalla Croazia. Da ottobre 2016 a fine Marzo 2017 ho fatto un tirocinio nell' Associazione Giovani nel Mondo, nella sede centrale di Roma. Prima di andare via e tornare nel mio paese vi racconto la mia esperienza sperando che troviate questo articolo interessante e che vi dia motivazione nel cercare una esperienza simile anche voi.

 

La mia esperienza Erasmus+ è cominciata quando ho deciso di cercare un tirocinio all’estero ero a pochi mesi dalla mia laurea. Stavo cercando qualcosa da fare dopo l’università. Volevo un’esperienza pratica e qualcosa che mi avrebbe aiutato nella transizione al mondo lavorativo. Dopo tante e-mail che ho mandato e quando avevo quasi perso la speranza di trovare qualcosa in tempo ho ricevuto finalmente una risposta positiva!

Roberta, che poi sarebbe stata mia collega in ufficio a Roma, mi ha inviato a tenere un colloquio tramite Skype. Mi ricordo che si è svolto di giovedì. Il colloquio è andato molto bene e dopo che ho compilato i documenti necessari, tutto era finalmente pronto per la mia partenza in Roma.

 

Ho lavorato nell' ufficio di Relazioni Internazionali e il mio lavoro è stato principalmente legato al Festival delle Carriere Internazionali. Ho chiamato università e altre organizzazioni rilevanti in tutto il mondo per creare partnership utili,  ho fatto tantissime chiamate. “Hi, do you speak English?” è diventata la frase più famosa dell’ufficio che ripetevo dozzine di volte ogni giorno.

Ho anche lavorato molto nel costumar care, infatti ho aiutato i nostri futuri partecipanti internazionali al Festival con qualsiasi problema che avevano durante la registrazione per l’evento e anche con le loro application per il visto. E’ stato un grande piacere aiutare gli altri e sapere di aver dato un contributo importante soprattutto quando i partecipanti sono venuti personalmente da me a ringraziarmi di cuore.

 

Ho lavorato con un team stupendo! Ogni giorno persone con background differenti si incontravano in un posto per creare una cosa grande. E’ stato molto inspirante essere parte di questo progetto mi ha dato modo di imparare e crescere sia personalmente che professionalmente.

 

Alla fine di questa esperienza posso dire che ho imparato tanto e che ho acquisito un' esperienza lavorativa che non avevo prima. Ho migliorato la lingua inglese e italiana. Sono quasi italiano ormai! Ho sviluppato le mie skills dcommunicazione e teamworking. Posso anche dire di aver incontrato tante persone interessanti e buone che non dimenticherò mai.

 

Insomma questo tirocinio è stato un’esperienza molto piacevole con la quale ho imparato molto e se lo potessi fare da nuovo, lo farei senza ombra di dubbio!

 

Nikola Jurak

 

 

Pubblicato in Rubrica
Mi chiamo Ilham Mounssif, 22 anni originaria del Marocco, ma da 20 anni residenti in Italia, nella splendida isola sarda.
Ho partecipato all'edizione 2017 del RomeMun, nel comitato dell'Assemblea Generale delle NU, rappresentando l'Italia: per quanto io possa considerare la nostra Repubblica il mio paese, in quanto ci sono cresciuta e vissuto tutta la mia esistenza, non ho ancora la cittadinanza, pertanto ho potuto rappresentarla, suscitando anche molte perplessità nei colleghi delegati italiani. Perplessità che ho cercato di chiarire spiegando l'attuale anacronistica ed ingiusta disciplina in materia di cittadinanza.
Il Mun é stato una esperienza assolutamente formativa, che ha chiarito gli aspetti più pratici di quell'affascinante mondo delle Nazioni Unite, e che sicuramente mi ha dato modo di approfondire problematiche e peculiarità di molti membri della comunità internazionale. Nel contempo per me é stato un enorme piacere rappresentare quello che considero il mio Paese, rispettando le sue linee e seguendo le sue policies connesse al tema degli Obiettivi della Agenda 2030.
Ancora Il Mun mi ha permesso di stringere amicizie che so saranno di lunga durata, e che costituiranno punto di riferimento per prossimi viaggi in cui senz'altro avrò modo di rincontrare queste deliziose persone.
Il mio soggiorno a Roma é stato inoltre occasione per partecipare alla cerimonia di premiazione degli studenti neolaureati meritevoli d'Italia da parte della Fondazione Italia-Usa nelle discipline di suo interesse. Tale evento ebbe luogo alla Camera dei Deputati, il 16Marzo.
Dopo la cerimonia ho deciso di proseguire la giornate con la visita di Montecitorio. Ma ahimè, come ben promulgato dai giornali e notiziari nazionali, mi è stato impedito l'ingresso per via della mia cittadinanza extracomunitaria: per ragioni di miglior identificazione dei visitatori i cittadini extraue devon presentare un permesso speciale richiesto dalle rappresentanze consolari.
Peccato che io in questo Paese ci vivi da 20 anni e non sia una turista piombata per caso a Montecitorio.
La vicenda ha avuto risvolto mediatico, e la presidente della Camera Boldrini mi ha invitato la domenica successiva per la visita di Montecitorio.
É stata una gran bella soddisfazione e rivincita ma resta l'amaro in bocca per la insostenibile situazione che molti noi italiani senza cittadinanza viviamo. Attualmente la riforma sulla Cittadinanza é bloccata al Senato da oltre un anno e mezzo, e nonostante il polverone alzato dalla mia triste vicenda, il disegno di legge è sparito dal calendario della Commissione Affari Costituzionali.
Ancora una volta si procrastina una legge che non può più aspettare che riguarda migliaia di nuovi italiani che attendono di esser riconosciuti. Una legge che finalmente in questa legislatura ha visto prender consistenza dopo vaghi tentativi. Ma che oggi si trova bloccata da oltre un anno e mezzo inspiegabilmente, con ostruzionismo inopportuno di quelle forze politiche preoccupate dall'alterazione della rappresentanza nelle istituzioni.
E si continua così ad ignorare una quota sostanziale di giovani e bimbi nati e cresciuti in questo paese che si vedono negare un diritto imprescindibile da un sistema che é fatto di rigida burocrazia aggravata da una classe politica intenta ad operare giochi e valutazioni di interesse puramente politico sulla nostra pelle.
Grazie per l'attenzione,
Ilham
Pubblicato in Rubrica

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.