Una professione in forte espansione: la progettazione europea.

157 miliardi di Euro vengono ogni anno gestiti dall’Unione Europea, in gran parte destinati al finanziamento di progetti in tutti i settori economici e produttivi: ambiente, istruzione, cultura, industria, servizi, enti pubblici, cooperazione, formazione. La figura dell’Esperto in Progettazione Europea è sempre più richiesta indipendentemente dallo specifico ambito di riferimento.

Quella del Project Manager Europeo è una professione che completa percorsi formativi nell'ambito delle politiche e internazionali, ma anche nelle materie tecnico-scientifiche, che hanno l'opportunità di approfondire le potenzialità dei Fondi Europei specifici per l'innovazione, la ricerca e le sfide create da industria 4.0.

Il MasterProgramme in Europrogettazione (www.europrogettazione.info ) è un percorso completo che propone non solo formazione, ma anche una serie di attività che permettono di vivere un’esperienza concreta toccando realmente con mano i diversi aspetti della progettazione. L’approccio formativo seguito è altamente interattivo e promuove il coinvolgimento diretto dei partecipanti.

Il MasterProgramme in Europrogettazione si tiene a Bruxelles per un totale di 360 ore: un percorso formativo altamente specialistico per conoscere tecniche, strumenti e metodi di successo per la progettazione europea, completato da Project Work in azienda, visite alle Istituzioni Europee, partecipazione ad Eventi europei e a reali attività di progetti europei attualmente in corso. Ogni aspetto dei progetti europei viene sperimentato con esercitazioni pratiche e workshop concreti, per vivere un’esperienza professionale completa nella Capitale d’Europa! 

Il MasterProgramme in Europrogettazione si articola in due indirizzi: European Project Design and Management e Innovation Management.

L’indirizzo European Project Design and Management (EuroM) prevede approfondimenti su strumenti e tecniche di progettazione già affrontati nella prima sezione ma qui ulteriormente analizzati: programmi di cooperazione di politica interna e con i Paesi terzi, appalti europei, Fondi Strutturali; approfondimenti ulteriori sul budget e rendicontazione.

L’indirizzo Innovation Management (InnoM) ha come finalità lo sviluppo di competenze per la gestione  dell’innovazione in uno scenario internazionale in forte evoluzione, oltre che l'analisi dei trend tecnologici, economici e sociali più attuali e l'approfondimento specifico di programmi europei dedicati all’innovazione (Horizon 2020, FP9, Cosme ed altri)

 

Ente: IDP European Consultants e IHF asbl sviluppano da oltre 25 anni progetti internazionali ed europei, sono fornitori e partner di Istituzioni internazionali ed Università europee: i Docenti del MasterProgramme sono esperti in Project Management, valutatori per la Commissione Europea e Project Manager per diversi consorzi europei e per World Bank.

 

Dove: Bruxelles, Capitale d’Europa e cuore della vita professionale Europea!

 

Destinatari: Non c’è campo della società che l’Europa non finanzi! Possono partecipare laureati e laureandi in qualsiasi disciplina interessati a politiche comunitarie, programmi e progetti europei, internazionalizzazione

 

Quando: XV Edizione: Ottobre 2018 - Gennaio 2019; XVI Edizione: Aprile 2019 - Luglio 2019

 

Scadenza: Puoi inoltrare la tua candidatura fino al 21 settembre 2018 (Scadenza Bando Torno Subito 3 Luglio 2018)

 

Programma: Il MasterProgramme ha una durata di 360 ore incluso Project Work così strutturate:

- 9 Moduli di formazione: Impianto Istituzionale dell’Unione Europea, Strategie e Politiche Comunitarie; Programmi a Gestione Diretta; I Fondi Strutturali: programmazione 2014-2020; Appalti Europei; Fonti di Informazione; Tecniche e Strumenti di Progettazione; Budget e Rendicontazione; Procedure ed Elementi Amministrativi; Project Cycle Management e Logical Framework

- 5 Workshop: Permettono ai partecipanti di sperimentare direttamente i concetti e gli strumenti appresi durante i moduli formativi: Progettazione; Shock Therapy; Progettare nei Fondi Strutturali; Definizione del Budget di Progetto; Progettare con l’approccio Project Cycle Management

- 3 seminari di approfondimento: Redazione progettuale in Inglese; Elementi di Project Management in ambito Europeo; Comunicazione e Diffusione dei risultati

- Project Work in azienda: un periodo dedicato ad un progetto individuale su temi reali, stabilito di concerto con il proprio tutor

- Visite alle istituzioni europee e ad altre organizzazioni presenti a Bruxelles, per incontri diretti con i responsabili delle politiche e dei programmi europei

- Eventi: partecipazione ad eventi istituzionali e info days che permettono di sperimentare dal vivo le esperienze reali della vita professionale a Bruxelles

- Partecipazione ad attività di progetto: i partecipanti potranno assistere ad alcune attività di progetti reali, con l’opportunità di entrare nel vivo di progetti europei in corso, una possibilità particolare offerta dalla presenza di IDP European Consultants ed IHF asbl in numerosi consorzi transnazionali

- Costruisci il tuo lavoro!: il programma prevede sessioni individuali di orientamento alla professione. Queste si accompagnano e si completano con momenti di incontro con professionisti e practitioners che illustrano il loro percorso professionale e forniscono suggerimenti utili allo sviluppo della propria carriera

 

Quota di partecipazione: La quota di partecipazione è pari a € 7.000,00 (Iva non dovuta ai sensi della legislazione belga), ed include Welcome Package (pernottamento di due notti all’arrivo, scheda telefonica belga, carta trasporti pubblici, assistenza logistica); Coffee Breaks durante le lezioni; Materiale didattico, copia del materiale utilizzato dagli speakers, pubblicazioni divulgative; Attestato di frequenza.

La quota può essere versata in 2 rate.

Per i residenti nella Regione Lazio, sono previste borse di studio totali grazie al bando Torno Subito (scadenza 3 luglio 2018) che coprono l’intera quota di partecipazione al MasterProgramme più le spese di permanenza a Bruxelles per l’intera durata. Lo staff IDP-IHF è a disposizione per assistere gratuitamente i candidati nella predisposizione delle domande. Se vuoi altre informazioni, vai al nostro approfondimento sul bando Torno Subito

 

Link utili:

Link all'offerta;  

Pagina Facebook

Articolo di approfondimento su Torno Subito

Contatti utili:

Telefono Italia: +39 085.8673010

Telefono Bruxelles:  +32 2.2802766

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

I MOOCs - Massive Open Online Courses - sono corsi online gratuiti tenuti da professori universitari che consentono agli studenti di acquisire informazioni attraverso video e quiz su argomenti di attualità. La maggior parte dei corsi sono in inglese.



Per altre opportunità simili visita la sezione Formazione

 

Ente: I nuovi MOOCs sono offerti dal Comitato europeo delle regioni (abbreviato CoR), l'assemblea dei rappresentanti locali e regionali dell'Unione europea (UE), che consente agli enti sub statali (regioni, province, comuni, ecc.) di far sentire la propria voce in maniera diretta all'interno del quadro istituzionale europeo. Il Comitato è stato istituito nel 1994 per assolvere due compiti principali. In primo luogo, dato che circa tre quarti della legislazione dell'UE sono applicati a livello locale o regionale, era logico che i rappresentanti locali e regionali avessero voce in capitolo nello sviluppo di tale legislazione. In secondo luogo, era diffusa la preoccupazione che si allargasse il distacco tra l'opinione pubblica e il processo di integrazione europea: un modo per colmare questo distacco era coinvolgere il livello amministrativo eletto più vicino ai cittadini.

A livello dell'UE, gli enti locali e regionali hanno esercitato pressioni per avere maggiore voce in capitolo negli affari europei. In seguito a queste rivendicazioni, il Trattato di Maastricht ha istituito il Comitato europeo delle regioni, e permesso che nel Consiglio dell'UE gli Stati membri fossero rappresentati anche dai loro ministri regionali.

 

Dove: online qui

 

Quando: Il periodo di durata dei corsi va dal 15/01/2018 al 14/01/2019 (Non è necessario prendere parte a tutti corsi, ma anche solo a quelli selezionati in questo arco di tempo)

 

Descrizione dell’offerta: Il CoR è il primo organismo dell'UE che ha sviluppato due MOOC su "Regioni europee, istituzioni dell'UE e processo decisionale" (2015) e "Il bilancio e i finanziamenti dell'UE per regioni e città" (2016), che ha raggiunto più di 15.000 partecipanti in tutto il mondo. Basandosi su questa esperienza di successo, il CoR sta lanciando un terzo MOOC incentrato su "Come sfruttare al meglio le risorse dell'UE per regioni e città". Il MOOC fornirà informazioni pertinenti sulle politiche e i programmi attuali e futuri dell'UE, nonché strumenti pratici ed esempi di opportunità di finanziamento disponibili a livello regionale e locale.
Il corso sarà disponibile su Iversity, una piattaforma di apprendimento online e includerà video, schede informative, infografiche e dibattiti dal vivo via web con domande e risposte dai partecipanti al corso. Inoltre, i follower dei corsi saranno in grado di interagire attraverso le loro riviste di apprendimento nella piattaforma del corso. Durante le prime sei settimane del corso (15 gennaio-23 febbraio 2018), i follower si concentreranno su un tema specifico a settimana e valuteranno i loro progressi di apprendimento tramite compiti e un quiz settimanale. Il tempo di studio sarà di circa 1,5 ore settimanali. Il materiale del corso rimarrà online per un anno, in modo che dopo le prime sei settimane gli studenti possano lavorare sul materiale del corso secondo i propri ritmi. Il corso è co-creato con diverse direzioni generali della Commissione europea - Politica regionale e urbana; budget; Occupazione, affari sociali e inclusione; Agricoltura e sviluppo rurale; Eurostat - così come la Banca europea per gli investimenti. Il corso è gratuito, aperto a chiunque sia interessato all'UE, agli affari regionali e locali e accessibile su tutti i dispositivi.

 

Requisiti: Questo corso è rivolto a tutti coloro che sono interessati all'UE e ai suoi affari regionali e locali, in particolare ai funzionari delle amministrazioni regionali e locali coinvolte negli affari dell'UE. Si rivolge anche a studenti, insegnanti, giornalisti locali e cittadini in generale. L'unico requisito è avere una buona conoscenza dell'inglese e dell'Unione europea

 

Costi: gratuito

 

Guida all’application: È possibile iscriversi qui

 

Link utili:

Link all'offerta

European Committee of the Regions Homepage

 

Contatti Utili:

Organizer: European Committee of the Regions

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.a cura di Chiara Dello Russo

LA REDAZIONE

ONU e Unione Europea hanno lanciato ’Spotligh Initiative’ con un ha un budget di 500 milioni di euro per contrastare la piaga sociale della violenza sulle donne, che  coinvolge in media una donna su tre.

L’Unione europea ha avviato in collaborazione con le Nazioni Unite ‘Spotlight Initiative’, un progetto per eliminare tutte le forme di violenza contro le donne. Lo ha annunciato l’alta rappresentante Ue per la Politica estera e di sicurezza, Federica Mogherini. “Dobbiamo innanzitutto garantire che le donne e le ragazze vivano in sicurezza, in modo che possano sviluppare pienamente le loro potenzialità,” ha detto la vicepresidente.

Il contributo economico delle Nazioni Unite, al momento, non è però rilevante. Il progetto, finanziato con un Fondo fiduciario multilaterale, parte con un budget di 500 milioni di euro, praticamente tutti versati dall’Unione europea. Troppo poco secondo il commissario per la Cooperazione internazionale e lo sviluppo Neven Mimica. “Per apportare un reale cambiamento, invito tutti i partner ad aderire alla nostra iniziativa”, ha detto il croato. “La violenza contro donne e ragazze è una delle ingiustizie più grandi del nostro tempo, e attraversa ogni frontiera, generazione, nazionalità e comunità”.

La violenza contro le donne e le ragazze è una delle più diffuse e devastanti violazioni dei diritti umani ed è presente in tutto il mondo. Essa riguarda ogni società e oltrepassa ogni genere di confine generazionale, socioeconomico, educativo o geografico. Oggi, complessivamente, oltre un miliardo di vite umane subiscono violenze. Si stima che il 35% delle donne è stato vittima di violenza nel corso della propria vita - una percentuale che in alcuni paesi raggiunge addirittura il 70%.
Inoltre, più di 700 milioni di donne in tutto il mondo vengono unite in matrimonio ancora bambine, prima dei diciotto anni. Di queste, più di 1 su 3 prima dei quindici anni: si tratta di circa 250 milioni di ragazze. Almeno 200 milioni di donne e ragazze in 30 paesi hanno subito mutilazioni genitali.
Questa piaga è un ostacolo alla parità di genere, all'emancipazione di donne e ragazze e, in generale, allo sviluppo sostenibile, oltre a essere un ostacolo alla realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Secondo il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, l’iniziativa Spotlight “ha una portata storica e rappresenta un investimento pionieristico nella parità di genere e nell’emancipazione femminile”. È espressione della stessa volontà politica dimostrata dalla comunità internazionale nell'adottare gli obiettivi di sviluppo sostenibile, non solo l'obiettivo 5 incentrato specificamente sulla parità di genere ma anche obiettivi quali il porre fine alla violenza contro le donne e le ragazze nonché l'integrazione della parità di genere nel quadro complessivo degli obiettivi di sviluppo sostenibile.
Il nuovo consenso europeo in materia di sviluppo e il nuovo approccio globale dell'UE allo sviluppo sostenibile negli anni a venire evidenziano anche l'impegno dell'UE e di tutti gli Stati membri in materia di parità di genere.

'Spotlight' dovrebbe fornire alle donne sostegno su vasta scala, organizzare attività di sensibilizzazione, implementare il quadro normativo e migliorare la raccolta dati in Africa, America Latina, Asia, nel Pacifico e nei Caraibi. Il tutto per eliminare, appunto, la violenza contro le donne: una piaga sociale che coinvolge, in media, una donna su tre. La percentuale delle vittime sale però al 70% in alcuni Stati dell’Africa e dell’Asia. Qui, a soffrire, sono soprattutto le giovani, date in sposa quando sono ancora bambine (700 milioni i casi), o infibulate (200 milioni).

 

Giuditta Pecorari

 

Per saperne di più

Spotlight Initiative - UE

Commissione Europea

ONU

Co-fondata da Bono, ONE è un’organizzazione internazionale sostenuta da oltre 8 milioni di persone, delle quali 60,000 in Italia, che opera con campagne e attività di sensibilizzazione per combattere la povertà estrema e le malattie prevenibili. Apolitica, ONE mira a sensibilizzare l’opinione pubblica e a lavorare di concerto con i leader politici per combattere l’AIDS e le malattie prevenibili, aumentare gli investimenti per l’agricoltura e l’alimentazione e chiedere ai governi maggiore trasparenza nei programmi di lotta alla povertà.

Diventa membro di ONE e scopri di più sulle sue campagne qui!

 

I Giovani Ambasciatori di ONE prepareranno presto le valigie direzione Bruxelles, per chiedere ai leader europei di scegliere la strada che conduce all’eradicazione della povertà in vista del voto del Parlamento Europeo sul bilancio UE per il 2018 il prossimo 25 ottobre.


Il 17 ottobre – Giornata Internazionale per l’Eradicazione della Povertà – i 220 giovani attivisti anti-povertà, provenienti da tutta Europa e rappresentanti 30 nazionalità diverse, incontreranno europarlamentari di diversi schieramenti per chiedere loro di aumentare gli aiuti allo sviluppo nel bilancio dell'Unione europea per il 2018, attualmente in corso di negoziazione a Bruxelles. Gli Youth Ambassador di ONE hanno ricevuto l’appoggio di oltre 50.000 cittadini europei che sostengono la loro richiesta di un bilancio 2018 che garantisca un futuro più equo e giusto per tutti. In vista degli incontri con i deputati europei, i giovani attivisti riceveranno una formazione intensiva su come condurre azioni di campagna e lobby per conto dei più poveri del mondo.

 

Il bilancio UE 2018 avrà un forte impatto oltre le coste europee. Si stima che la popolazione africana raddoppierà entro il 2050 e che il 50% di essa sarà costituita da giovani sotto i 25 anni di età. Con una forza lavoro qualificata ed istruita, l'Africa può diventare il motore della crescita globale, sostiene ONE. Per sfruttare questo potenziale, le istituzioni europee dovranno adottare un bilancio ambizioso e che possa contribuire a porre fine alla povertà estrema entro il 2030.

 

Emily Wigens, Direttrice di Bruxelles (ad interim) per ONE, ha dichiarato: "L'Unione europea trova davanti a sé un bivio. L'UE e gli stati membri insieme rappresentano il primo donatore mondiale e qualunque percorso che l’Unione sceglierà avrà un impatto globale. Una risposta efficace alle sfide globali che affrontiamo  la fame, l'insicurezza, le pandemie richiede un forte bilancio allo sviluppo per il 2018 per assicurare che l'UE continui a svolgere un ruolo di leadership nell'affrontare la povertà estrema e l'instabilità. Ora più che mai, abbiamo bisogno che l'Unione europea rafforzi questa leadership e non si tiri indietro. E il primo passo in questa direzione è un aumento degli aiuti allo sviluppo.”

 

Firma anche tu la petizione rivolta ai leader europei e chiedi loro di appoggiare un ambizioso bilancio allo sviluppo!



Se hai sempre sognato di lavorare nell’Unione europea ecco l’occasione che fa per te! Candidati subito con i numerosi tirocini offerti dall’Associazione Europea per la Democrazia Locale e inizia la tua carriera nell’Ue!

 

Per altre opportunità simili visita la nostra sezione  Europa

 

Ente: L'Associazione europea per la democrazia locale è un'organizzazione non governativa dedicata alla promozione delle buone forme governative europee e della partecipazione dei cittadini a livello locale. L’Associazione fu fondata su iniziativa del Congresso delle Autorità Locali e Regionali del Consiglio d’Europa nel 1999. ALDA si concentra su quelle attività che facilitano e migliorano la cooperazione tra le autorità locali e la società civile. Elemento fondamentale su cui si basa l’intera Associazione è quello di creare legami e coesione tra le democrazie locali e la governance locale, tutto questo per garantire non solo equità ma anche tutela dei diritti umani e crescita sociale ed economica. ALDA lavora contemporaneamente su più temi come l’integrazione europea, le iniziative civiche, il volontariato, il decentramento, i diritti umani e lo sviluppo economico sostenibile. Le attività di ALDA possono essere suddivise in tre grandi aree differenti, ALDA Europe che si occupa principalmente della zona europea e promuove una cittadinanza attiva in stretta collaborazione con le autorità locali, ALDA Cooperazione che concentra le proprie attività sia nella zona balcanica e mediterranea che nella zona del Caucaso meridionale, e infine ALDA Plus che si occupa di fornire assistenza, formazione e consulenza su numerosi argomenti tra i quali sviluppo e gestione finanziaria

 

Dove: Sedi varie (dipende dal tirocinio che viene scelto)

 

Destinatari: Studenti e Laureati in possesso dei requisiti richiesti

 

Durata: La durata dell’ internship può variare dai due ai sei mesi in base alla posizione per cui ci si candida

 

Scadenza: Non specificato

 

Descrizione dell’offerta: ALDA è alla ricerca di vari stagisti da inserire all’interno del proprio staff nelle varie sedi dell’Associazione, le posizioni disponibili sono le seguenti:

Project Developer Assistant:  L’intern lavorerà sotto la supervisione del Coordinatore del Dipartimento Ricerca e Sviluppo, in particolar modo egli si occuperà del settore Fundraising e Sviluppo progetti

Project Manager Assistant:  L’intern lavorerà nel settore di Project Management sotto la diretta supervisione del Project Manager di Bruxelles, in questa area sono incoraggiate le candidature di studenti Erasmus non provenienti dalle Università francesi

Assistant Project Manager:  L’intern lavorerà presso l’HQ di Strasburgo sotto la guida del Capo del Programma di Sviluppo e del Coordinatore per l’Area mediterranea, requisito essenziale è la conoscenza della lingua francese

Project Manager Assistant: Lo stagista lavorerà a stretto contatto con l’Head Office di ALDA presso la Repubblica di Macedonia e si occuperà in particolar modo di coadiuvare la comunicazione con gli uffici

Assistant to the Secretary General’s Office:  Lo stagista si occuperà di organizzare eventi ed incontri, di pianificare le missioni degli operatori, scrivere e tradurre documenti

Communications support:  L’intern si occuperà di redigere e tradurre testi e documenti, aggiornare database, supportare le attività di Fundraising inoltre egli dovrà rappresentare ALDA durante conferenze e incontri

Project Assistant: Lo stagista si occuperà di preparare e scrivere documenti e testi necessari, curerà le relazioni con i vari partners e parteciperà al coordinamento dei progetti

 

Requisiti: Tutti i candidati interessati alle varie posizioni di stage dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti:

- Essere studenti o laureati in Scienze politiche, Giurisprudenza, Sociologia o possedere un background di conoscenze in materie affini

- Ottima conoscenza della lingua inglese sia scritta che parlata

- Ottima conoscenza di un’altra lingua dell’Unione europea a scelta tra Francese, Spagnolo, Tedesco e Olandese

- La conoscenza della lingua araba o russa è considerata un plus

- Ottime capacità nell’utilizzo del pc

- Ottime conoscenze dei social media

- Ottime conoscenze degli strumenti di comunicazione

- Ottime capacità di lavorare in un team

 

Retribuzione: Non specificato

 

Guida all’Application: Tutti i candidati interessati dovranno inviare il proprio Cv in lingua inglese aggiornato e una lettera motivazionale all’apposita email (vedi Contatti Utili)

 

Link Utili:

ALDA Official Website

Internship opportunities

Mail per le candidature

 

Contatti Utili:

Office in Strasbourg

Council of Europe 1, avenue de l'Europe

F-67075 Strasbourg - France

Phone: +33 3 90 21 45 93

Fax: +33 3 90 21 55 17

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
Office in Brussels

Rue Belliard 20 Bruxelles 1040 Belgium

Phone: +32 (0)2 430 24 08

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Office in Vicenza

Viale Milano 66 - 36100 Vicenza - Italy

Phone: +39 04 44 54 01 46

Fax: +39 04 44 23 10 43

Mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Office in Skopje

Bld. Partizanski odredi 43B/1-5

1000 Skopje, Macedonia

Phone: +389 (0) 2 6091 060

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Office in Subotica

Trg Cara Jovana Nenada 15

SRB-24000 Subotica - Serbia

Phone: +381 24 554 587

Fax: +381 24 554 587

 

A cura di Jasmina Poddi

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente

                                               

Pubblicato in Europa.

Dopo oltre un anno di attesa, EPSO (European Personnel Selection Office) ha finalmente pubblicato il concorso generale per amministratori laureati (AD) EPSO/AD/338/17.

Nel corso dell’ultimo anno, anche a seguito di vari reclami e ricorsi da parte degli Stati membri, il regime linguistico e le modalità di candidatura sono stati modificati a vantaggio di nuove modalità, intese a garantire ai candidati un ambiente linguistico più aperto possibile e, nel contempo, economicamente sostenibile. Anche il sito dell’EPSO, per una maggior trasparenza, è stato rinnovato ed è ora disponibile in 24 lingue

 

Perché iscriversi a questo corso?

Le modalità concorsuali operative ormai dal 2010, richiedono da parte dei candidati competenze ed abilità che spaziano dai più noti test psicometrici alle competenze trasversali (le cd. soft skills).

Tutti coloro che vogliono affrontare tali concorsi debbono pertanto prepararsi con costanza e determinazione, esercitandosi molto sui test e sul tipo di prove che dovranno affrontare. 

In tal senso il corso offerto dallo IUSE (che è uno dei pochi enti italiani riconosciuti dalla Farnesina per i corsi di preparazione alle selezioni EPSO), può essere un’opportunità per comprendere tecniche e metodologie da utilizzare per la propria preparazione. 

Inoltre, poiché la valutazione delle competenze comportamentali e trasversali, è ormai considerata strumento essenziale per valutare l’adeguatezza di un candidato in ogni ambito lavorativo, la formazione offerta dal corso è utile anche per tutti coloro che intendono utilizzare questi strumenti per entrare nel mondo del lavoro oppure per migliorare la propria posizione professionale

 

A chi si rivolge il corso

Il corso si rivolge a studenti, laureati, ricercatori e giovani professionisti interessati a lavorare all’UE o in organizzazioni nazionali o internazionali che utilizzino analoghe procedure di selezione.

Inoltre, poiché il training e le competenze acquisite nel corso sono facilmente spendibili anche in altri contesti lavorativi, il corso risulta molto utile anche per affrontare la selezione in altri ambiti professionali (ad es. grandi aziende).

 

Chi sono i docenti

I docenti coinvolti sono professionisti altamente qualificati. In particolare:

docenti di analisi matematica e di linguistica che dal 2010 collaborano ai corsi EPSO dell’Istituto

- ex presidente di commissione di selezione EPSO, attualmente personal coach nella

- preparazione specifica per l’Assessment Centre EPSO

 

Ente organizzatore

L’Istituto Universitario di Studi Europei (IUSE), è stato fondato nel 1952 grazie alle sinergie tra l'Università di Torino, il Comune e la Provincia.

Fin dal 1952 è stato ufficialmente riconosciuto dall’UE quale Centro di Documentazione Europea.

Da allora svolge una fondamentale funzione di promotore e organizzatore di attività formative di eccellenza, di ricerca, documentazione e informazione specialistica rivolta a soggetti pubblici e privati, prestando particolare attenzione all’approfondimento di tematiche di attualità per il panorama europeo ed internazionale.

Lo IUSE vanta una lunga e storica tradizione nel settore della preparazione dei futuri funzionari italiani nelle istituzioni internazionali ed europee (corso di preparazione al concorso diplomatico dal 1990 al 2009 – corso di preparazione ai concorsi europei dal 2010 al 2016). L’Istituto è il primo dei tre enti italiani riconosciuti dalla Farnesina per la preparazione ai concorsi EPSO e l’unica scuola situata nel Nord Italia.

 

 Programma, orari e sede

Il corso si terrà a Torino, presso il Campus Luigi Einaudi (Lungo Dora Siena, 100) nei giorni 22-25 maggio 2017 (prima parte – CBT test) e 29-31 maggio 2017 (seconda parte – Assessment centre) per un totale di circa 40 ore

I principali argomenti trattati saranno:

- preparazione ai test di ragionamento numerico, astratto e verbale (in italiano): metodologie, tecniche di analisi e calcolo, deduzioni, comprensione del testo)

- preparazione per l’assessment (in inglese): preparazione alle prove di e-tray, case study, colloquio e prova di gruppo

 

Modalità di Partecipazione

Le iscrizioni sono aperte e si chiuderanno non appena raggiunto il numero massimo di 25 iscritti

(secondo la formula first come, first served).

Si consigliano gli interessati ad affrettarsi ad iscriversi cliccando qui

Grazie al contributo della Compagnia di San Paolo, è possibile partecipare al corso con quote di

iscrizione molto basse (soprattutto per laureandi e laureati da non oltre due anni). Maggiori informazioni

disponibili qui

 

Informazioni dettagliate, formulario e quota d’iscrizione:

Consultare la pagina dedicata

o inviare una email a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cogli subito al volo un'occasione di un tirocinio retribuito a Londra presso una delle Agenzie europee. Sarà un trampolino di lancio per la tua futura carriera

 

Per altre opportunità simili visitare la sezione Europa

 

Ente: L'Agenzia europea per i medicinali (EMA) è un'agenzia decentrata dell'Unione europea (UE), con sede a Londra. E 'diventata operativa nel 1995. L'agenzia è responsabile della valutazione scientifica di monitoraggio, supervisione e della sicurezza dei farmaci prodotti da aziende farmaceutiche per essere utilizzati nell'UE. EMA tutela la salute pubblica e degli animali in 28 Stati membri dell'UE, nonché nei paesi dello Spazio economico europeo, assicurando che tutti i farmaci disponibili sul mercato UE siano sicuri, efficaci e di alta qualità. EMA si occupa di un mercato di oltre 500 milioni di abitanti europei

 

Dove: Londra

 

Destinatari: Tutti gli studenti che rispondano ai requisiti

 

Durata: Massimo un anno

 

Scadenza: Open

 

Descrizione dell’offerta: EMEA ti dà la possibilità di prendere parte ad una traineeship a Londra dove potrai mettere alla prova le tue conoscenze e la tua passione per la medicina in diversi campi, a seconda del tuo indirizzo di studi:

- risorse umane

- fisica

- chimica

- farmacia

- biochimica

- giurisprudenza

Nonostante EMEA sia un’Agenzia dell’Ue che si occupa di medicina, si vuole dare la possibilità a tutti gli studenti di partecipare ad una traineeship e non solo a quelli con una laurea in materie prettamente scientifiche, ma si vogliono valorizzare anche coloro i quali siano in possesso di una triennale in campo umanistico

 

Requisiti: La traineeship è destinata a:

- cittadini europei

- studenti già in possesso di una laurea triennale

- conoscenza dell’inglese e di almeno una delle altre lingue dell’Ue

 

Retribuzione: £1,550 mensili per ogni studente

 

Guida all’application: A breve sul sito usciranno tutti i dettagli per l’application che ti permetterà di candidarti per la traineeship a partire dal primo ottobre 2017

 

Informazioni utili: EMEA ogni anno apre le application per la propria traineeship, il cui inizio è diviso in due periodi dell’anno: primo aprile e primo ottobre. Nonostante con il referendum del 23 giugno 2016 (cosiddetto Brexit) i cittadini britannici abbiano manifestato parere favorevole all'uscita dall'UE, al momento le norme sulla libera circolazione dei cittadini europei non sono modificate. Con una carta d’identità valida per l'espatrio, dunque, chi ha cittadinanza UE può vivere, studiare, lavorare e creare un'impresa nel Regno Unito senza bisogno di visti né di permessi di soggiorno, purché in grado di sostenersi economicamente

 

Link utili:

Open call

EMEA

 

Contatti utili:

Tel. +44 (0)20 3660 6000  

Fax +44 (0)20 3660 5555

 

A cura di Marta Simoncini

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Pubblicato in Europa.
Offerta di stage per cittadini europei presso la Missione degli USA nell’Unione Europea negli affari commerciali a Bruxelles
 
Per opportunità simili visita la sezione Europa
 
Ente: Gli Stati Uniti mantengono relazioni diplomatiche con l'Unione europea e i suoi predecessori dal 1953, quando David E. Bruce è stato nominato osservatore US al comitato ad interin della Comunità Europea di Difesa (CED) e rappresentante degli Stati Uniti per la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA). La Missione degli Stati Uniti per la CECA è stata formalmente aperta a Lussemburgo nel 1956.
I cambiamenti istituzionali introdotti dal 1957 con i trattati di Roma (che ha creato la Comunità economica europea e la Comunità europea dell'energia atomica - EURATOM) ha portato alla creazione nel 1961 della Missione degli Stati Uniti nelle Comunità europee a Bruxelles.
 
Dove: Bruxelles
 
Destinatari: Interessati con i requisiti richiesti
 
Durata: Almeno 20 settimane
 
Scadenza: Sempre possibile iscriversi
 
Descrizione dell’offerta: La U.S. Mission to the European Union (USEU) cerca studenti molto motivati per diverse opportunità di stage. Gli stagisti a USEU servono full-time e acquisiranno una comprensione globale delle questioni importanti nel rapporto transatlantico e acquisiranno un'esperienza pratica del lavoro diplomatico del governo degli Stati Uniti.
USEU si trova nel cuore di Bruxelles e vanta di un comodo accesso ai mezzi di trasporto pubblico.
Per i cittadini non statunitensi è disponibile un internship in Affari Commerciali: Il Commercial Service degli Stati Uniti presso l'Unione europea (CSEU) è un ufficio estero del Dipartimento statunitense del Commercio. La missione di CSEU è di promuovere gli interessi commerciali degli Stati Uniti nella UE attraverso la tutela, la diffusione delle informazioni e la cooperazione con gli altri posti di servizi commerciali in tutta Europa e nel mondo. CSEU svolge un ruolo importante nel collegare le aziende statunitensi con gli acquirenti internazionali, fornendo loro informazioni di mercato, consulenza commerciale, matchmaking affari, e il supporto della diplomazia advocacy/commerciale. In genere, agli stagisti può essere richiesto di: contribuire alla preparazione di brevi resoconti di attualità che riguardano sviluppi politici nella UE che sono di interesse per gli esportatori degli Stati Uniti; ricercare e rispondere alle richieste di business in arrivo dalle ditte americane sulla legislazione/ regolamenti dell'UE; assistere con la pianificazione/organizzazione associata con i visitatori di alto livello e gli altri eventi che si svolgono durante il tirocinio; partecipare in ufficio e alle riunioni del personale della missione e alle conferenze esterne
 
Requisiti: Per l’internship il candidato deve essere cittadino statunitense o europeo, avere un’ottima conoscenza dell’inglese (altre lingue europee sono considerate un valore aggiunto), essere uno studente universitario almeno al terzo anno, preferibilmente nel campo del business, business administration o public policy. In più deve avere ottime capacità informatiche.
 
Documenti richiesti: CV, cover letter e 3 pagine writing sample (da articoli, pubblicazioni ecc.)
 
Retribuzioni: Non prevista
 
Guida all’application: Invia una mail con i documenti richiesti all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Informazioni utili: Sono presenti anche altre offerte di stage per cittadini statunitensi e per cittadini europei che studiano in Belgio
 
Link utili:
 
Contatti utili:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.(application e info)
 
 
A cura di Luigi Pappalardo
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
LA REDAZIONE
Pubblicato in Europa.
Your first Eures job raccoglie in un unico luogo il CV di giovani candidati provenienti dai 28 Stati UE + Islanda e Norvegia interessati ad una esperienza professionale all’estero e le offerte di lavoro di datori di lavoro europei che ricercano giovani lavoratori. Se sei alla ricerca di un lavoro internazionale è una strada abbastanza semplice e veloce: approfittane!
 
Per opportunità simili visita la sezione Europa
 
Ente:Your first Eures Job è un servizio europeo per l’impiego. La Piattaforma EUJOB4EU raccoglie in un unico luogo il curriculum di giovani candidati provenienti dai 28 Stati UE + Islanda e Norvegia interessati ad una esperienza professionale all’estero e le offerte di lavoro (impiego/apprendistato/tirocinio) di datori di lavoro europei che ricercano giovani lavoratori. L’iniziativa fornisce diversi tipi di servizi – informazione, reclutamento, matching, collocamento e finanziamento – sia per i giovani candidati che per i datori di lavoro interessati ad assumere personale proveniente da paesi diversi.
Questi sono nel dettaglio i servizi:
-Supporto pre-placement: rivolto alle imprese per identificare i loro reali bisogni e definire le offerte di lavoro; rivolto ai giovani in cerca di occupazione per registrarsi sulla piattaforma
-Servizi di reclutamento e matching
-Benefici finanziari: rivolti ai giovani in cerca di occupazione per far fronte alle spese di viaggio e consentire loro di partecipare a colloqui di lavoro e trasferirsi in altri paesi UE per un’opportunità di impiego. Rivolti alle imprese che sottopongono un “integration programme” per i giovani recentemente assunti
-Corsi di lingua o altri tipi di formazione per candidati pre-selezionati
-Supporto per il riconoscimento delle qualifiche dei candidati pre-selezionati
-Tutoraggio per tirocinanti ed apprendisti.
L’iniziativa, cofinanziata dall’Unione Europea e coordinata dal Ministero del Lavoro, vede la collaborazione di 9 Ministeri del Lavoro Europei (Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Portogallo, Spagna) insieme alla Città Metropolitana di Roma Capitale ed un ampio network di partner associati.
 
Dove: Stati membri dell’UE, più Norvegia e Islanda
 
Destinatari: Giovani tra i 18 e i 35 anni in cerca di lavoro
 
Durata: Il tuo CV rimarrà nel Database fino alla tua rimozione o aggiornamento
 
Scadenza: Sempre possibile inserire il proprio CV
 
Descrizione dell’offerta: L’obiettivo principale di YfEj è aiutare giovani residenti presso uno dei 28 paesi membri dell’UE + Islanda e Norvegia a trovare un impiego (lavoro, tirocinio o apprendistato) in un altro dei 28 paesi membri dell’UE + Islanda e Norvegia. Oltre ai servizi di reclutamento, YfEj offre anche supporto informativo e finanziario ai giovani in cerca di occupazione.
Senza alcuna esclusione copre tutti i 28 paesi membri dell’UE + Islanda e Norvegia.
La procedura è molto semplice: basta infatti registrarsi sulla piattaforma e compilare online il CV. YfEj raccoglierà le offerte di lavoro, tirocinio e apprendistato da datori di lavoro di tutta Europa e ti contatterà qualora si presentasse un posto adatto al tuo profilo. 
 
Requisiti: Puoi usufruire della piattaforma Sei di nazionalità di uno dei 28 paesi membri dell’UE + Islanda e Norvegia YfEj se:
- La tua età è compresa tra i 18 ed i 35 anni
- Sei di nazionalità, legalmente residente ed interessato a lavorare in uno dei 28 paesi membri dell’UE + Islanda e Norvegia
 
Documenti richiesti: CV secondo il modello Europass in inglese
 
Retribuzioni: Dipendentemente dal lavoro a cui sarai adatto
 
Guida all’application: Puoi inserire il tuo CV completando questo application form
 
Informazioni utili: Il matching può essere eseguito sia automaticamente (attraverso strumenti di ricerca sui campi professionali desiderati, per competenze linguistiche o per altre tipologie) che manualmente, attraverso l’identificazione di tutti i candidati potenzialmente affini ad un determinato profilo indicato nel posto vacante. YfEj contatterà tutti i candidati che possiedono tali caratteristiche per verificare la loro disponibilità e la coerenza con i requisiti richiesti.
Verrà eseguita una preselezione dei candidati che sarà trasmessa alle imprese coinvolte. A queste ultime spetta la decisione finale circa coloro che saranno invitati per un colloquio ed ai quali verrà eventualmente proposto l’impiego.
 
Link utili:
 
Contatti utili: Link
 
 
A cura di Luigi Pappalardo
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
LA REDAZIONE
 
 
Pubblicato in Europa.
Attivo in ambiente rappresentativo giovanile sin dal liceo, nel Parlamento Regionale dei Giovani della Regione Puglia, Walter Bruno si è dedicato ormai da anni ad esperienze internazionali, soprattutto europee, costruendosi un ruolino di tutto rispetto in particolar modo presso il Consiglio d’Europa e l’European Youth Forum (piattaforma che raccoglie varie organizzazioni giovanili europee), come delegato di TEJO (Organizzazione giovanile per l’Esperanto).
Insomma, una vita impegnata nonostante la giovanissima età che lo ha già portato molto spesso lontano da casa sua (Barletta, in Puglia). In occasione della Festa dell'Europa, Carriereinternazionali.com ha chiesto a Walter di raccontarci la sua esperienza  di  giovane “europeo”:

 

Perché hai iniziato la tua esperienza europea, dove hai trovato le tue motivazioni?
W: La mia motivazione non ha un vero e proprio momento di inizio. Sicuramente però due grandi spinte sono state l’esperienza al Parlamento Regionale dei Giovani, in Puglia ed entrare in contatto una lingua come l’esperanto. Al primo sono arrivato al mio quarto anno di liceo e ci sono rimasto per due anni. Si è trattato di un’esperienza che mi insegnato molto, ad esempio come lavorare e guidare un gruppo e come davvero va vissuta la politica da parte dei giovani, specie durante i nostri dibattiti con professori universitari sul tema dell’integrazione europea. La seconda invece l’ho conosciuta in rete, e poi sono entrato pian piano nel movimento esperantista, prima a livello locale poi nazionale e, oggi, internazionale ed è stata anche la fonte di tutte quelle piccole esperienze che ho avuto finora

 

L’esperienza europea ha influito sulla tua vita? Se sì, come?
W: Decisamente sì. La prima esperienza “europea” è stata la partecipazione alla grande “festa” dell’European Youth Event 2014 a Strasburgo, che ha condizionato la scelta del mio percorso di studi (Giurisprudenza comparata). Così come ha influito sul mio tempo, visto poi il crescente impegno richiesto. Anche la gestione delle relazioni personali ne ha risentito sia per il minor tempo dedicato alle vecchie amicizie sia con la nascita di nuovi legami come con il Presidente di TEJO, Michael Boris Mandirola a cui onestamente devo tante occasioni, ma ha influito molto anche sulle mie relazioni: molti dei miei amici oggi non sono italiani, ma spagnoli, austriaci, turchi, russi, greci, e con loro ho la fortuna anche di potermi confrontare e di “costruire ponti”, secondo me il miglior antidoto ai fili spinati

 

A tuo giudizio, quali sono state le capacità che ti hanno portato fino a Strasburgo?
W: Non credo di aver svolto un grande cursus honorum, né di essere arrivato in alto mi considero solo un giovane impegnato a livello europeo, come centinaia di ragazzi impegnati in maniera simile nell’European Youth Forum. Mi sento s fortunato ad essere parte di questa grande rete di persone. Bisogna sicuramente avere la mente sempre aperta alle novità e alle diversità, tanta voglia di realizzare qualcosa non da soli o per sé stessi, ma insieme agli altri e a vantaggio di tutti, e anche voglia di conoscenza. Per il resto, si impara crescendo: quando ho cominciato come rappresentante d’istituto del microfono dell’assemblea degli studenti ancora avevo un po’ paura e non avrei mai pensato di riuscire a cavarmela bene anche all’assemblea del Consiglio d’Europa. Quindi l’invito è sempre quello di mettersi alla prova

 

Pensi di sfruttare anche in futuro la tua esperienza internazionale, magari anche in ambito lavorativo?
W: Innanzitutto l’obiettivo è continuare questo impegno, a qualsiasi livello le occasioni si presenteranno. Il primo passo è sfruttare le esperienze fatte per farne sempre di nuove e migliori. Detto questo, la scelta universitaria comprende già l’ambito europeo, e di conseguenza tutti questi elementi, nel loro quadro d’insieme, influiranno anche sulla scelta del mio ambito lavorativo, in fondo credo che trasformare una propria passione nel proprio lavoro sia un sogno di tutti. Le occasioni di imparare nuove lingue e di arricchire il proprio curriculum ormai sono infinite nel panorama europeo, ed è sempre bene sfruttarle al meglio

 

Hai un ultimo messaggio o un consiglio che vorresti dare a chi come te ricerca esperienze europee e/o internazionali?
W: Consiglio vivamente di avvicinarsi al mondo delle associazioni e delle grandi organizzazioni giovanili internazionali non governative. Tra quelle che lavorano molto in ambito europeo, ad esempio con Erasmus+, l’European Youth Forum ne raccoglie decine, e moltiplicandole per le innumerevoli opportunità che offrono si ottiene un universo che permette di lasciare il proprio segno indelebile per un obiettivo più alto di noi, di scoprire culture diverse, di conoscere persone nuove ma anche, e forse soprattutto, di conoscere sé stessi.
Il mio motto, che porto con me ovunque porti il mio contributo, nel mio piccolo, è sempre uno: “Allargare gli orizzonti e costruire ponti”.

Grazie per avermi dato l’opportunità di condividere, con chi vorrà, questi miei pensieri

 

A cura di Marco Durante

Pubblicato in Europa.

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.