Confindustria promuove la sesta edizione del progetto Confindustria per i giovani. Il progetto è finalizzato a facilitare l'incontro tra neolaurati di talento con il sistema delle imprese. Candidati al più presto!
 
Per opportunità simili visita la nostra sezione Altre Opportunità
 
Ente: La Confederazione generale dell'industria italiana, nota anche come Confindustria, è la principale organizzazione rappresentativa delle imprese manifatturiere e di servizi italiani, raggruppando su base volontaria 148.392 imprese, comprendendo anche banche edal 1993 anche aziende pubbliche per un totale di 5.416.777 addetti
 
Dove: Non specificato
 
Destinatari: 25 giovani neolaureati o neodiplomati universitari
 
Durata: 6 mesi di stage da svolgersi presso una o più sedi del Sistema di Rappresentanza; 8 giornate di formazione in aula; Formazione on-line, Master 24, Il Sole 24 Ore Formazione; Attività di tutoring e counselling durante il percorso formativo.
 
Scadenza: 01/12/2017
 
Descrizione offerta: Introdurre 25 giovani al Sistema delle imprese e della sua Rappresentanza;costruire un percorso formativo centrato sulla comprensione delle dinamiche organizzative ed istituzionali del network associativo confederale; Contribuire a creare una rete di relazioni sul territorio fondamentale a rendere efficace l’azione associativa, partendo dalla generazione più giovane.
 
Requisiti: Laurea
 
Retribuzione: È previsto un rimborso spese mensile per ogni partecipante pari a 1.000 euro
 
Documenti richiesti: Curriculum Vitae e modulo online
 
Guida all’application: Per presentare la propria candidatura consultate il link
 
Info utili: La selezione avviene tramite presentazione domanda di partecipazione, esclusivamente tramite il modulo compilabile sul sito;Screening CV;Prova scritta; Colloqui motivazionali.
 
 
Contatti utili:

Confindustria La Spezia

Via Giovanni Minzoni, 2  19121 La Spezia SP
Telefono: (+39) 0187.725.1 
Fax: 0187.725.240

 

 
Link:
 
A cura di Valeria Ruggiero
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente. LA REDAZIONE
 
 
 
 
Pubblicato in Altre opportunità.
 
Il 26 settembre, a Roma, Assist ha organizzato il primo Meeting Nazionale sullo Sport Femminile per discutere dei temi legati alle pari opportunità nello sport e al riconoscimento delle atlete come professioniste. Carriereinternazionali.com ha colto l’opportunità per discutere di un problema tanto importante quanto sconosciuto ai giovani.
 
La nuova programmazione dell’Unione Europea per il periodo 2014-2020, ha sottolineato ancora una volta l’importanza delle pari opportunità di genere, identificandola come main-stream per il Fondo Sociale Europeo.  In Italia, le pari opportunità restano ancora un nodo irrisolto, nonostante gli sforzi legislativi intrapresi. Nella realtà infatti c’è ancora molto da fare e problematiche particolarmente complesse riguardanti le pari opportunità di genere esistono anche in un contesto come lo Sport: si tratta del riconoscimento del professionismo nello sport. In Italia, infatti le donne non sono riconosciute come atlete professioniste.
 
Il primo Meeting Nazionale sullo Sport Femminile è stato fortemente voluto da Assit, Associazione Nazionale Atlete, fondata ormai 15 anni fa da due ex-giocatrici di pallavolo e che trova ora seguito nelle atlete di tutte le discipline. Alla conferenza sono intervenute numerose sportive, dall’attuale capitana del Setterosa Tania Di Mario a una grandissima cestista come Stefania Passaro o pallavolista come Manuela Benelli. Tutte hanno raccontato la loro storia, di come fare sport sia difficile ed è solo la passione che ti spinge ad allenarti e ad inseguire risultati ogni giorno perché l’unica certezza che le atlete hanno è quello che non hanno. Riconoscere uno sport professionistico implica che il rapporto tra società sportiva – datore di lavoro e atleta – professionista venga trattato come un qualsiasi rapporto di lavoro subordinato con tutte le garanzie che ne conseguono e cioè previdenza sociale, fondo pensionistico, assistenza sanitaria e diritto alla maternità. Il problema è stato messo leggermente più in risalto dalla recente finale tutta italiana degli US Open di tennis: chi non si occupa tradizionalmente di sport ha scoperto, con ovviamente non poca sorpresa, che un’atleta come Flavia Pennetta è per lo Stato italiano dilettante.
 
Esiste una legge, la 91/1981, che regola e definisce lo sportivo professionista, includendo oltre agli atleti, gli allenatori, lo staff tecnico e i preparatori, e i diritti/doveri che derivano dal suo rapporto di lavoro equiparato a quello del lavoratore subordinato. Il paradosso, purtroppo tipicamente italiano, è che non vengono menzionate le donne, che sono quindi escluse, e che la legge, per quanto concerne materialmente la distinzione tra agonisti e dilettanti, rinvia ai regolamenti del CONI e delle Federazioni sportive. Nella fattispecie queste ultime non si sono dotate di specifici regolamenti con cui discernere l’attività che si può considerare professionistica, secondo la 91/1981 semplicemente quella che per l’atleta rappresenta la principale fonte di reddito, e quale dilettantistica di conseguenza la legge risulta inapplicabile. Soltanto alcune discipline praticate da uomini sono riconosciute come professioni, il calcio ovviamente, la pallacanestro (solo serie A1), il golf, il ciclismo, il motociclismo e la boxe.
 
Questo fatto costituisce una vera e propria fonte di discriminazione per gli atleti in generale, che, per gli sport individuali, trovano soluzione con l’arruolamento nei corpi sportivi militari. Lo sport italiano è tristemente quello più militarizzato d’Europa. Per gli sport di squadra invece attualmente non c’è soluzione e la differenza tra uomini e donne viene ulteriormente accresciuta dalla disparità dei trattamenti economici. In media, a parità di disciplina, il compenso per un atleta uomo è del 50% superiore rispetto a quello di un’atleta donna. Solo nella pallanuoto si è raggiunta la parità grazie alla battaglia portata avanti con determinazione da Assist.
Uno dei fatti più sconcertante in merito al rapporto di lavoro delle atlete donne è la previsione di una clausola anti-maternità che permette la risoluzione di diritto del contratto. Tutto questo è anti costituzionale. L’articolo 3 della nostra Costituzione recita infatti che “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali di fronte alle legge, senza distinzione di sesso […]. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana […]”.
 
In Senato, la senatrice Josefa Idem, più volte campionessa del mondo, oro alle Olimpiadi e ovviamente dilettante, e la vicepresidente del Senato Valeria Fedeli, stanno promuovendo un DdL che mira a modificare l’esistente legge 91/1981 per rimuovere qualsiasi discriminazione tra uomini e donne nel trattamento dell’atleta professionista, il riconoscimento dello status di lavoratore e il reinserimento nel mondo del lavoro al termine dell’attività agonistica. Questo DdL, che va sotto il nome di AS 1996, presentato il 30 settembre in Senato con una conferenza stampa, punta a modificare la vigente legge con lo scopo fondamentale di rimuovere le discriminazioni tra uomini atleti e donne atlete proprio sostituendo negli articoli 2, 3, 10 i rimandi ai regolamenti federali con un rinvio ai principi costituzionali. A ben vedere potrebbe sembrare poco, ma così non è poiché rinviare alla Costituzione istituisce la massima tutela dei diritti.
 
Nel corso della conferenza stampa del 30 settembre è ovviamente intervenuta Josefa Idem, che da campionessa dilettante, ben sa cosa significa non avere diritti. Il suo intervento è energico e appassionato, non si vergogna a raccontare di aver partecipato da puerpera per ben tre volte ai mondiali. Questo sacrificio per non privarsi della sua vita: quella di donna e quella di atleta. Come sostiene la senatrice Idem, il DdL è solo un piccolo tassello di un enorme mosaico, è “introdurre il piede in una porta che si apre su una stanza da mettere in ordine”. Anche la vicepresidente del Senato, nella sua presentazione della legge, è apparsa alquanto determinata: oltre all’assurdità della situazione che chiede di essere risolta praticamente da 34 anni, è impensabile che nel 2015 ci siano ancora casi per cui debba essere usata la parola discriminazione.
 
Ma a breve anche l’Italia dovrebbe adeguarsi al resto dell’Europa, dove il trattamento del rapporto atleta – società non necessita nemmeno di una specifica disciplina perché non si sono posti il problema della distinzione tra dilettante e professionista. Chi fa dello sport il proprio mestiere è considerato come tutti i lavoratori dipendenti. La senatrice Fedeli ha preso l’impegno seriamente, al punto da affermare che il DdL sarà legge per l’8 marzo per festeggiare adeguatamente la festa della donna. La battaglia per ottenere questo diritto per le donne è un po’ come tentare di prendere un raggio di sole, più semplice sapendo come esporsi, ma soprattutto chi si abbronza non toglie niente a nessuno.
 
A cura di Federica Vassalli
 
Pubblicato in Europa.
Il 25 settembre si terrà l'evento "Baku canta Napoli", una kermesse canora organizzato nell'ambito del prestigioso "Uzeyir Hajibeyov International Music Festival’ 
Durante l'evento, l'orchestra filarmonica di Baku eseguirà canzoni del repertorio canoro napoletano più classico.
 
Si tratta di un evento nato con il patricinio dell'Ambasciata d'Italia a Baku e sponsorizzata da vari enti operanti sul territorio per le attività e gli scambi culturali e economici, nell'ambito della sempre maggiore rete di collaborazioni e partenariati tra i due paesi.
 
Per ulteriori informazioni, scrivere all'Ambasciata d'Italia a Baku Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o alla pagina facebook dell'Ambasciata
 
 
Pubblicato in Eventi e Ultime Notizie
L’Associazione italiana Amici di Raoul Follereau (AIFO) offre l’opportunità a studenti di svolgere stage presso le sedi italiane di Bologna e Roma o all’estero.
 
Ente: AIFOè un’organizzazione non governativa per la lotta alla lebbra e alle forma d’ingiustizia ed emarginazione ad essa connesse. L’Associazione nasce in Italia nel 1961 dall’azione di alcuni gruppi di volontari ispirati dal messaggio di giustizia e di amore di Raoul Follereau. A livello internazionale l’AIFO è stata riconosciuta come organismo di cooperazione sanitaria internazionale ed è partner ufficiale dell’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS), inoltre, collabora con attivamente con altre agenzie delle Nazioni Unite e realizza progetti nei Paesi in via di sviluppo con il patrocinio dell’UE e del Ministro degli Affari Esteri italiano.
 
Dove: Roma/Bologna
 
Destinatari:Studenti
 
Scadenza: Sempre aperta
 
Descrizione offerta
Ogni anno, AIFO  offre l’opportunità a studenti universitari di vivere un’esperienza di tirocinio presso le sedi italiane di Roma e Bologna e partecipare attivamente alle attività di educazione allo sviluppo, comunicazione, gestione dei progetti all’estero, organizzazione eventi. Si tratta di un’opportunità preziosissima di apprendimento attraverso l’azione diretta per acquisire abilità e competenze spendibili sul mercato del lavoro. Nello specifico, le risorsa verranno impiegata come supporto nell’area amministrativa o tecnica dell’organizzazione, dipende dal proprio percorso di studio, e avrà la possibilità di assimilare nuove competenze utili per il proprio curriculum. Inoltre, AIFO offre la possibilità di realizzare tesi di laurea, attinenti alle attività svolte dall’associazione, usufruendo della consulenza del personale specializzato.
Se vuoi altre offerte simili, vai su Europa
 
Requisiti:
Il candidato ideale è uno giovane studente universitario con buona conoscenza della lingua inglese a attitudine a lavorare in team. Si richiede ottima capacità comunicative e problem solving, reale motivazione a partecipare ad un progetto di cooperazione internazionale.
 
Retribuzione/costi
Non prevista
 
Guida all’application
Se desideri presentare la tua candidatura, invia cv in formato europeo accompagnato da una firma per accettazione delle norme sulla tutela alla privacy al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
 
Informazioni utili
Roma è la capitale italiana, nonché capoluogo della regione Lazio definita “Città eterna”. Conta 2.874.038 milioni di abitanti ed è il comune più popoloso dell’Italia e il quarto dell’UE.
Secondo la tradizione, la città è stata fondata il 21 aprile 753 a.c ed è stata la prima grande metropoli dell’umanità, cuore di una delle più importanti civiltà antiche che influenzò la cultura, la società e i costumi dei secoli successivi. Inoltre, Roma è stata il luogo di origine della lingua latina, fu capitale dell’Impero romano.
Bolognaè un comune italiano di 386,298 abitanti, capoluogo della regione Emilia-Romagna. È il settimo comune italiano per popolazione ed è il cuore di un’area metropolitana di oltre 1.000.000 di abitanti.
Antichissima città universitaria, ospita numerosi studenti che ne animano la vita culturale e sociale. Nota per le sue torri e i suoi lunghi portici, possiede un bel conservato centro storico fra i più estesi d’Italia.
 
 
 
 
Link utili
 
Contatti utili
AIFO
via Borselli 4/6
40135 Bologna
Tel. 051 4393211
Fax 051 434046
N.ro verde 800550303
EMAIL Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
A cura di Cristina Graceffa
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
 LA REDAZIONE
 

Se sei interessato alle politiche industriali a favore dei paesi in via di sviluppo ti consigliamo questa occasione prestigiosa ed altamente formativa presso UNIDO

 

Ente: La United Nations Industrial Development Organization (UNIDO) assiste i Paesi in Via di Sviluppo e quelli con economie in transizione, al fine di favorire uno sviluppo industriale sostenibile e la cooperazione internazionale tra le imprese. Con i suoi 46 uffici nei Paesi in via di sviluppo e, in collaborazione con i 173 Paesi membri, UNIDO persegue tale scopo attraverso la mobilitazione di risorse umane, conoscitive e tecnologiche in grado di favorire l’occupazione produttiva ed uno sviluppo economico attento alle problematiche ecologiche ed ambientali. Dal 2013 il Dr. Li Yong ricopre la carica di Direttore Generale dell'organizzazione

 

Dove: Roma , Italia

 

Destinatari: l'Internship Programme si rivolge a laureati del I° livello o a studenti della specialistica con diversi percorsi formativi: economia e finanza, scienze sociali, diritto internazionali, scienze politiche, relazioni internazionali e ingegneria

 

Durata: variabile

 

Scadenza: non specificata

 

Descrizione

Lo scopo dello stage è quello di promuovere una migliore comprensione del ruolo e degli obiettivi dell’Organizzazione e, allo stesso tempo, quello di fornire agli stagisti una panoramica sugli sforzi che l’UNIDO compie per cercare di risolvere i problemi che affliggono le economie emergenti nei Paesi in via di Sviluppo.

I tirocinanti, sotto il coordinamento del supervisore, vengono pienamente coinvolti in diverse attività pratiche tra cui figurano:

- Conduzione delle ricerche su tematiche di rilevanza diretta per l’Ufficio

- Revisione e analisi di documenti (quali rapporti paesi, dossier tecnici e relazioni su politiche di investimento

- Assistenza l’Ufficio per quanto riguarda l’attività di promozione di un portfolio di progetti locali selezionati.

 

Requisiti:

I requisiti per inviare la candidatura sono i seguenti:

- La laurea (almeno quella di primo livello)

- Uno spiccato interesse per le tematiche dello sviluppo politico – economico

- Precedenti esperienze in organizzazioni internazionali operanti nelle aree di interesse dell’UNIDO rappresentano un plus.

- Ottima conoscenza della lingua inglese (la conoscenza di altre lingue ufficiali delle Nazioni Unite costituisce titolo preferenziale) e sufficienti competenze informatiche. - Buone capacità comunicative e predisposizione a relazionarsi in un ambiente internazionale e multiculturale.

 

Documenti richiesti:

Per candidarsi a questa offerta è necessario inserire il proprio CV compilando il form on – line che troverete QUI

 

Retribuzione: non prevista

 

Guida all’application:

Saranno visionati solo CV scritti in lingua Inglese. I curriculum compilati o inviati in diversa lingua saranno scartati.

 

Informazioni Utili:

Roma è la capitale della Repubblica Italiana, nonché capoluogo dell'omonima città metropolitana e della regione Lazio; in virtù del suo status di capitale del paese, è amministrativamente un comune sui generis disciplinato da una legge speciale. Per antonomasia, è definita l'Urbe e Città eterna. é il comune più popoloso d'Italia e il quarto dell'Unione europea, mentre con 1 287,36 km² è il comune più esteso d'Italia e tra le maggiori capitali europee per ampiezza del territorio.

Fondata secondo la tradizione il 21 aprile 753 a.C. (sebbene scavi recenti nel Lapis niger farebbero risalire la fondazione a 2 secoli prima), nel corso dei suoi tre millenni di storia è stata la prima grande metropoli dell'umanità, cuore di una delle più importanti civiltà antiche, che influenzò la società, la cultura, la lingua, la letteratura, l'arte, l'architettura, la filosofia, la religione, il diritto e i costumi dei secoli successivi. Luogo di origine della lingua latina, fu capitale dell'Impero romano, che estendeva il suo dominio su tutto il bacino del Mediterraneo e gran parte dell'Europa, dello Stato Pontificio, sottoposto al potere temporale dei papi, e del Regno d'Italia (dal 1871). Nel mondo artistico occidentale vanta una situazione di eminenza che si sviluppa quasi ininterrottamente dal 200 a.C. al 1700 avanzato. Il suo centro storico delimitato dal perimetro delle mura aureliane, sovrapposizione di testimonianze di quasi tre millenni, è espressione del patrimonio storico, artistico e culturale del mondo occidentale europeo e, nel 1980, insieme alle proprietà extraterritoriali della Santa Sede nella città e la basilica di San Paolo fuori le mura, è stato inserito nella lista dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO, provvedimento esteso nel 1990 ai territori compresi all'interno delle mura gianicolensi, edificate per volere di papa Urbano VIII.

Roma, cuore della cristianità cattolica, è l'unica città al mondo a ospitare al proprio interno un intero Stato, l'enclave della Città del Vaticano: per tale motivo è spesso definita capitale di due Stati.

 

Link Utili:

UNIDO

Città di Roma sito istituzionale QUI

Turismo Roma QUI

Notizie Roma QUI

 

Contatti Utili:

United Nations Industrial Development Organization

via Paola, 41 – Roma

Tel. +39 06 6796521

Fax +39 06 6793570

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

A cura di Daniel Angelucci

 

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

 

LA REDAZIONE

 

La festa del  lavoro, conosciuta anche come festa dei lavoratori, viene celebrata il 1° maggio di ogni anno in diversi paesi del mondo, con l’intento di ricordare l’impegno del movimento sindacale ed i traguardi raggiunti in campo economico e sociale dai lavoratori.
 Le ragioni che portarono all’istituzione di una giornata dedicata alla celebrazione del lavoro risalgono alla seconda metà dell’Ottocento e alle fondamentali battaglie operaie svoltesi in quei difficili anni. Rivendicazione simbolo  fu il diritto ad un orario di lavoro ben definito che doveva ammontare ad otto ore; questa rivendicazione era figlia del motto della Prima Internazionale  “otto ore di lavoro, otto ore di riposo, otto ore di svago”.
Le molteplici  lotte, fatte di scioperi, occupazioni, cortei, e causa di molteplici morti, portarono alla promulgazione di una legge nell’Illinois, Stati Uniti, che nel 1867 sancì tale diritto.
 
Ma la vera origine di questa celebrazione risale  ad una manifestazione organizzata a New York il 5 settembre 1882 dai Knights of Labor, la più grande e una delle più importanti organizzazioni dei lavoratori americani degli anni '80 del XIX secolo . Due anni dopo, nel 1884, in un'analoga manifestazione i Knights of Labor approvarono una risoluzione affinché l'evento avesse una cadenza annuale, scelta che venne sostenuta anche da altre organizzazioni sindacali affiliate all'Internazionale dei lavoratori. Una prima data ad essere proposta fu quella del 1° maggio, giornata che venne definitivamente scelta a seguito dei gravi incidenti che  avvennero nei primi giorni di maggio del 1886 a Chicago, conosciuti come la rivolta di Haymarket.  In quell’occasione infatti, la polizia, chiamata a reprimere l’insurrezione, sparò sui manifestanti uccidendone due e ferendone diversi altri. Conseguenza di tale atto fu un’ulteriore protesta nei confronti delle forze dell’ordine che sfociò nella rivolta sopra citata. Il culmine di questi fatti si ebbe il 4 maggio, quando la polizia sparò nuovamente sui manifestanti provocando numerose vittime, anche tra i suoi.
 
L’anno  seguente quattro operai, quattro organizzatori sindacali e quattro anarchici furono condannati a morte, colpevoli di aver organizzato lo sciopero e la manifestazione per le otto ore di lavoro nell’anno precedente.
Il presidente Grover Cleveland ritenne inizialmente che la festa del primo maggio avrebbe potuto costituire un'opportunità per commemorare questi episodi, ma successivamente decise di deviare l'oggetto della festività sull'antica organizzazione dei Cavalieri del lavoro.
 
In Europa la festività del primo maggio fu ufficializzata dai delegati socialisti della Seconda Internazionale riuniti a Parigi nel 1889, i quali decisero che “una grande manifestazione sarebbe stata organizzata per una data stabilita, in modo che simultaneamente, in tutti i paesi e in tutte le città, i lavoratori avrebbero chiesto alle autorità pubbliche di ridurre per legge la giornata lavorativa a otto ore”. La scelta del giorno in cui questa manifestazione sarebbe avvenuta, cadde proprio sul 1° maggio e da quel giorno, organizzazioni socialiste e operaie si mobilitano per rendere onore a questa importante ricorrenza. Successivamente, il Congresso dell’Internazionale riunito a Bruxelles, dichiarò di rendere questa ricorrenza una festività permanente, incoronando tale giorno quale “ Festa dei lavoratori di tutti i paesi”.
 
È interessante però evidenziare che non tutti gli stati la riconoscono quale festività nazionale.
 
In Francia, in questa particolare giornata, si festeggia regalando il mughetto, simbolo della primavera e del “ritorno alla felicità”; la tradizione vanta origini antiche, fino al 1° maggio 1561, quando il re di Francia Carlo IX ricevette in regalo un rametto di mughetto come portafortuna. Da quell’anno  il re decise di rammentare quella data regalando ogni anno tale fiore alle proprie dame di corte, dando vita ad una tradizione che continua ancora oggi!
 
In Germania la festa viene commemorata con diverse dimostrazioni pacifiche e numerosi festeggiamenti in onore della primavera. Tuttavia la celebrazione è piuttosto trascurata e solitamente si ricorda indossando un garofano rosso in segno di gratitudine e riconoscenza.
Per ironia della sorte, negli Stati Uniti, paese nel quale la celebrazione ha avuto origine, la festa dei lavoratori non si festeggia come in tutti gli altri paesi. La ricorrenza infatti è fissata al primo lunedì di settembre e prende il nome di Labor Day. Questa scelta non è casuale, in quanto si decise di “distanziare” la festività dalla ricorrenza della rivolta di Haymarket.
 
In Inghilterra invece, la festività ricade nel 4 maggio, giornata che prende il nome di  Bank Holiday. In origine designava le festività di cui godevano i lavoratori nelle banche, mentre successivamente furono estese anche ad altri settori con esclusione dei servizi essenziali.
 
In qualunque giornata questa si festeggi in fin dei conti è indifferente, ciò che non dovrebbe passare in secondo piano è la motivazione, il sentimento che le ha dato vita. Purtroppo, come succede frequentemente, la ricorrenza ha perso di significato, per la stragrande maggioranza è una giornata per andare al mare, a pranzo fuori, o in gita, è una giornata in cui paradossalmente i datori di lavoro di grandi realtà si aspettano più profitti, venendo meno all’essenza stessa della festività. In conclusione, fa un certo effetto parlare di “festa del lavoro” pensando alla realtà contemporanea, una realtà in cui le aspettative sono ridotte al minimo, in cui il tanto sperato  “lavoro che nobilita l’uomo” è un’utopia. Ma nonostante ciò, cerchiamo di non farci troppo il fegato amaro, guardiamo con ottimismo il futuro davanti a noi, e concludo citandovi Shakespeare che giustamente scrisse “Succeda quel che succeda, i giorni brutti passano, esattamente come tutti gli altri.”
 
Giulia Grilli
 
Pubblicato in Rubrica
Se ti interessa il settore del volontariato non perdere questa opportunità e diventa un volontario Plan Italia lavorando in remoto!
 
Ente: Plan International è una delle più grandi e autorevoli ONG indipendenti al mondo. Lavora da 75 anni con i bambini, e soprattutto con le bambine, nei Paesi più poveri del pianeta e li aiuta a costruirsi un futuro migliore per sé e per la propria famiglia. In particolare i membri di Plan Italia credono che solo garantendo alle bambine l'accesso ad un' educazione di qualità per almeno nove anni si possa vincere la povertà.
 
Dove: Da casa
 
Destinatari: Coloro in possesso dei requisiti 
 
Quando: Da specificare 
 
Scadenza: Non prevista
 
Descrizione dell’offerta: Plan Italia è in cerca di persone che aiutino nelle traduzioni dei testi dall’inglese, francese e spagnolo, volontari nell’imbustazione dei mailing con i materiali di comunicazione e di marketing. Chi è interessato può lavorare direttamente da casa, senza recarsi presso la sede
 
Requisiti: Conoscenza dell’inglese, spagnolo e/o francese
 
Documenti richiesti: Inviare il proprio profilo all’indirizzo: info(at)plan-italia-org
 
Retribuzione: Non prevista
 
Guida all’application: Inviare il proprio profilo all’indirizzo: info(at)plan-italia-org
 
Informazioni utili: Plan Italia si batte per il diritto che ha ogni bambino ed in particolare ogni bambina di realizzare le proprie potenzialità mediante: una adeguata assistenza sanitaria fin dalla nascita, incluso l'accesso all'acqua potabile, lavorando con le comunità per prepararle ai disastri naturali e a resistervi, motivando i bambini a prendere posizione nelle decisioni che riguardano la loro vita, rendendo le famiglie capaci di guadagnarsi da vivere e di progettare il futuro dei loro figli
 
Link utili:
Link offerta
 
Contatti utili: 
Plan Italia Onlus, 
via Torri Bianche, 3 Pal. Larice, 
20871 Vimercate MI, Italia
Tel: +39 039 684870.1
Fax: +39 039 62 60 002
Email: info(at)plan-italia-org
 
 
“Per altre opportunità simili, andate alla sezione “Cooperazione, sviluppo e volontariato” ” 
 
A cura di Federica Surace
 
Per il nuovo anno accademico 2014-2015 Carriere Internazionali ha selezionato per i suoi iscritti SILVER e GOLD centinaia di opportunità, frutto di accordi siglati con prestigiosi Enti attivi in campo internazionale. Per maggiori informazioni su Silver e Gold CLICCA QUI!
 “Se sei interessato a conoscere meglio il mondo delle relazioni internazionali, se hai voglia di mettere alla prova le tue doti diplomatiche e capire se questa è la strada che fa per te, partecipa al Rome Model United Nations, la più grande simulazione Onu in Europa! Non perdere questa opportunità!” 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente. 
 
LA REDAZIONE 
 
 
 
 
 
Unisciti a Reggio Terzo Mondo per diffondere una cultura di pace che metta al centro l’uomo e la sua dignità attraverso numerosi progetti. Scopri come puoi dare il tuo importante contributo!
 
Ente: RTM è un'organizzazione non governativa di volontariato internazionale di ispirazione cristiana. Dal 1973 promuove progetti di cooperazione e solidarietà internazionale in Africa, America Latina e Medio Oriente e attività di informazione, sensibilizzazione ed educazione allo sviluppo in Italia. Clicca qui per saperne di più!
 
Dove: Italia
 
Destinatari: Tutti gli interessati
 
Quando: Da concordare
 
Scadenza: Offerta sempre aperta
 
Descrizione dell’offerta:
I volontari, sia come singoli che organizzati in gruppi, rappresentano il punto di forza di Reggio Terzo Mondo: si attivano infatti nel loro territorio per mobilitare e sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della solidarietà internazionale e della pace, promuovendo iniziative, eventi di informazione e di raccolta fondi a sostegno dei progetti e delle attività portate avanti da RTM con e per le popolazioni che ancora oggi vivono in gravi condizioni di povertà ed emarginazione. 
Le opportunità per sostenere e diffondere le attività di RTM sono svariate: partecipare alle iniziative e campagne proposte da RTM, organizzare nel proprio territorio di residenza banchetti informativi in occasione di feste o manifestazioni, eventi di raccolta fondi come per esempio cene, aperitivi solidali, spettacoli, incontri, concerti, mercatini e molto altro. Potrai scegliere tra differenti modalità secondo la tua creatività, il tempo che potrai dedicare a RTM e le tue esperienze. RTM potrà in cambio supportarti mettendo a disposizione la sua esperienza, fornendo materiale informativo, pubblicizzando le tue iniziative con i propri mezzi di comunicazione e attraverso i rapporti con tutti i mass media locali
 
Requisiti: Non presenti
 
Documenti richiesti: Non presenti
 
Costi/retribuzione: Non specificato
 
Guida all’application: Contatta gli uffici di Reggio Emilia per concordare tempi e modalità della tua collaborazione. Telefono e Fax: (+39) 0522 51 42 05; e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
 
Informazioni utili: 
Clicca qui per conoscere i progetti di RTM!
 
Link utili:
 
Contatti utili:
Clicca qui per contattare RTM!
 
Per altre opportunità simili, andate nella sezione Cooperazione, Sviluppo e Volontariato
 
A cura di Tatiana Camerota
 
Per il nuovo anno accademico 2014-2015 Carriere Internazionali ha selezionato per i suoi iscritti SILVER e GOLD centinaia di opportunità, frutto di accordi siglati con prestigiosi Enti attivi in campo internazionale. Per maggiori informazioni su Silver e Gold CLICCA QUI!
 
“Se sei interessato a conoscere meglio il mondo delle relazioni internazionali, se hai voglia di mettere alla prova le tue doti diplomatiche e capire se questa è la strada che fa per te, partecipa al Rome Model United Nations la più grande simulazione Onu in Europa! Non perdere questa opportunità!”
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
 
LA REDAZIONE
Da più di dieci anni IBO Italia attiva tirocini e stage con Università, scuole secondarie ed enti di formazione di varie città d'Italia. Scopri i settori nei quali opera IBO e le attività che potresti andare a svolgere!
 
Ente: IBO Italia è un'organizzazione non governativa che opera nel campo del volontariato nazionale e internazionale. Fa parte di un network le cui attività ebbero inizio nel 1953, nel nord Europa, con i primi campi di lavoro per la ricostruzione di case destinate ai profughi della Seconda Guerra Mondiale. Opera in Italia dal 1957, si è costituita in associazione nel 1968 e dal 1972 è riconosciuta idonea dal Ministero degli Affari Esteri ad operare nel settore della cooperazione internazionale. Clicca qui per saperne di più!
 
Dove: Italia 
 
Destinatari: Tutti coloro in possesso dei requisiti
 
Quando: Da concordare
 
Scadenza: Non prevista - Candidature spontanee
 
Descrizione dell’offerta: Per IBO, uno degli obiettivi fondamentali del tirocinio è l'accoglienza degli studenti e il loro coinvolgimento nelle quotidiane attività dell'associazione. Non si deve però trascurare la parte formativa, necessaria in primo luogo per lo studente ma anche per l'associazione stessa: formare significa investire sulle persone e dare loro delle conoscenze adeguate sia per un cammino professionale che umano. Chi svolge un tirocinio presso IBO Italia, non è solo uno studente o un neolaureato, ma una persona con determinate competenze da coinvolgere in maniera costruttiva e proattiva nelle attività istituzionali dell'associazione. Può rappresentare inoltre una modalità di inserimento lavorativo fondamentale nel settore no profit e nello specifico nel mondo delle organizzazioni non governative.                                
Il tirocinio prevede la convenzione fra ente di formazione e IBO Italia. IBO Italia per normative legislative in vigore può ospitare un numero massimo di due tirocinanti contemporaneamente.
I settori in cui IBO Italia attiva tirocini sono i seguenti:
- Organizzazione Campi di Lavoro
- Euro-progettazione
- Progettazione per la Cooperazione Internazionale
- Comunicazione e Marketing Sociale
- Fundraising
- Ufficio Stampa
- Web (Joomla) e Social Media
- Grafica
 
Requisiti:
- Essere studenti universitari o laureati in uno dei settori in cui opera IBO Italia
 
Documenti richiesti: CV
 
Costi/retribuzione: Non specificato
 
Guida all’application: Per informazioni contattare Monica Questioli: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o il numero 0532.243279. Le autocandidature ricevute saranno archiviate, ma ci potrebbero essere dei ritardi nella risposta. All'uscita della possibilità di tirocini (consultare la pagina preposta) si prega comunque di rimandare la propria candidatura
 
Informazioni utili:
Clicca qui per conoscere i progetti di IBO!
 
Contatti utili:
Clicca qui per contattare IBO!
 
Link utili:
 
Per altre opportunità simili, andate nella sezione Cooperazione, Sviluppo e Volontariato
 
A cura di Tatiana Camerota
 
Per il nuovo anno accademico 2014-2015 Carriere Internazionali ha selezionato per i suoi iscritti SILVER e GOLD centinaia di opportunità, frutto di accordi siglati con prestigiosi Enti attivi in campo internazionale. Per maggiori informazioni su Silver e Gold CLICCA QUI!
 
“Se sei interessato a conoscere meglio il mondo delle relazioni internazionali, se hai voglia di mettere alla prova le tue doti diplomatiche e capire se questa è la strada che fa per te, partecipa al Rome Model United Nations la più grande simulazione Onu in Europa! Non perdere questa opportunità!”
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
 
LA REDAZIONE
 
Tante le attività che è possibile svolgere anche in Italia per offrire un contributo concreto al lavoro che Change Onlus porta avanti nei Paesi del terzo mondo. Scopri cosa puoi fare!  
 
Ente: Change Onlus lavora per portare cure nei Paesi del sud del mondo dove è difficile accedervi, o dove le strutture sono inesistenti o troppo lontane. L'associazione cerca quindi di creare in loco strutture in grado di rispondere alle esigenze della popolazione locale; vuole inoltre contribuire a migliorare le condizioni di vita delle popolazioni dei paesi in cui opera, intervenendo nei contesti di degrado, povertà e carenza di strutture sanitarie. Clicca qui per saperne di più
 
Dove: Italia
 
Destinatari: Tutti coloro in possesso dei requisiti
 
Quando: Da concordare
 
Scadenza: Non prevista - Offerta sempre aperta
 
Descrizione dell’offerta: Puoi supportare Change Onlus nelle attività di organizzazione, segreteria e amministrazione essenziali per il buon funzionamento dei progetti. Per alcune delle attività si richiede di disporre di una conoscenza base del computer oppure di una buona conoscenza della lingua francese.
In particolare le figure di cui c'è attualmente bisogno sono le seguenti:
1. Supporto di segreteria amministrativa
Supporto nella gestione dell’attività di amministrazione e gestione della prima nota, inserimento dati e aggiornamento database donatori, gestione ringraziamenti e attestazioni.
2. Gestione del magazzino e carico container
Supporto nella gestione del magazzino del materiale da inviare in missione e aiuto al carico del container
 
Requisiti:
Attività 1
- Utilizzo autonomo del PC 
- Buona conoscenza degli applicativi office (in particolare Excel)
- Pregressa esperienza in gestione amministrativa
- Disponibilità di pomeriggio a settimana tutto l’anno (possibilità anche di lavoro da casa)
Attività 2
- Disponibilità di una mattina o un pomeriggio al mese per tutto l’anno
In ogni caso non ti preoccupare se non hai particolari specializzazioni o competenze. Contatta l'associazione per offrire il tuo aiuto: il tuo tempo per Change Onlus è un dono prezioso!
 
Documenti richiesti: Non presenti
 
Costi/retribuzione: Non specificato
 
Guida all’application: Mettiti in contatto diretto con l'associazione per conoscere le modalità operative del tuo volontariato: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  -  3394153245
 
Informazioni utili: 
Change Onlus ha una sede operativa in Via delle Abbadesse 52, Milano (MM3 Zara). Clicca qui per conoscere i progetti di Change Onlus!
 
Contatti utili:
Clicca qui per contattare Change Onlus!
 
Link utili:
 
Per altre opportunità simili, andate nella sezione Cooperazione, Sviluppo e Volontariato
 
A cura di Tatiana Camerota
 
Per il nuovo anno accademico 2014-2015 Carriere Internazionali ha selezionato per i suoi iscritti SILVER e GOLD centinaia di opportunità, frutto di accordi siglati con prestigiosi Enti attivi in campo internazionale. Per maggiori informazioni su Silver e Gold CLICCA QUI!
 
“Se sei interessato a conoscere meglio il mondo delle relazioni internazionali, se hai voglia di mettere alla prova le tue doti diplomatiche e capire se questa è la strada che fa per te, partecipa alla più grande simulazione Onu in Europa! Non perdere questa opportunità!”
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
 
LA REDAZIONE

Rubrica

  • A Bonn la Climate Change Conference

    A Bonn la Climate Change Conference Dal 6 al 17 novembre 2017 3900 partecipanti, 2mila funzionari governativi, 1800 rappresentanti di organismi e agenzie dell'Onu, organizzazioni intergovernative…
    06-11-2017 230 in Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.