La Corte di giustizia, istituita nel 1952 dal Trattato CECA (Comunità europea del carbone e dell’acciaio) è una delle istituzioni più vecchie dell’Unione, e ha sede a Lussemburgo. La Corte di giustizia assicura il rispetto e l’interpretazione uniforme della legislazione dell’UE. Si occupa, inoltre, di giudicare le controversie tra i governi dei Paesi membri e le istituzioni dell'UE. Anche i privati cittadini, le imprese o le organizzazioni possono portare un caso all'attenzione della Corte se ritengono che un'istituzione dell'UE abbia leso i loro diritti. In alcune delle sue funzioni è affiancata da un Tribunale di primo grado o di prima istanza. È composta da un giudice per ciascuno Stato membro, in modo da rappresentare tutti i 27 ordinamenti giuridici nazionali dell’UE. Tuttavia, per motivi di efficienza, raramente la Corte si riunisce in seduta plenaria. Di norma, si tratta di riunioni in “grande sezione”, costituita da 13 giudici, o in sezioni di cinque o tre giudici.
 
Consulta il sito ufficiale www.curia.europa.eu
La Commissione europea, la cui sede è a Bruxelles, è stata istituita al fine di rappresentare l’interesse europeo comune a tutti gli Stati membri. Svolge il ruolo di custode dei trattati e  di difensore dell’interesse generale attraverso il diritto di iniziativa nel processo legislativo. Parlamento e Consiglio traducono, poi, in atti legislativi le proposte della Commissione. E’ responsabile dell’attuazione delle politiche comuni, della gestione del bilancio e dei programmi dell’UE. Ogni sua proposta deve rispettare i principi di sussidiarietà e di proporzionalità a dimostrazione del fatto che la Commissione non opera a vantaggio di uno degli Stati membri o di un gruppo di interesse. La Commissione è composta da un delegato per stato membro, che però deve essere completamente indipendente dal governo nazionale che lo indica, da circa 40 direzioni generali (DG) e servizi, suddivisi a loro volta in direzioni e queste ultime in unità. I documenti di studio e ricerca proposti dalla Commissione e approvati del Consiglio e dal Parlamento prendono il nome di libri verdi, tesi a stimolare la riflessione e lanciare la consultazione a livello europeo su temi particolari, e di libri bianchi contenenti proposte per azioni comunitarie in campi specifici. L’attuale Presidente della Commissione, scelto dai governi degli Stati membri ed in seguito approvato dal Parlamento, è il politico portoghese José Manuel Barroso. Consulta il sito ufficiale www.ec.europa.eu
Il Consiglio dell'Unione europea, detto anche Consiglio UE, è il luogo in cui i ministri provenienti da ogni paese dell'UE si incontrano per adottare le normative e coordinare le attività. A seconda dell’argomento trattato, il Consiglio sarà composto dai ministri degli stati membri competenti per quella materia. Non vi sono, dunque, membri fissi e le riunioni sono presiedute dal ministro competente del Paese che in quel momento esercita la presidenza di turno dell'UE, ad eccezione del Consiglio Affari esteri che è presieduto dall’Alto rappresentante per la PESC. Il Consiglio dell’UE si occupa di: approvare le normative dell'UE, coordinare le politiche economiche generali dei Paesi membri, firmare accordi fra l'UE e gli altri paesi, approvare il bilancio annuale dell'UE, elaborare la politica estera e di difesa dell'UE, coordinare la cooperazione fra i tribunali e le forze di polizia nazionali dei Paesi membri. Consulta il sito ufficiale www.consilium.europa.eu
Il Consiglio europeo riunisce i capi di Stato o di governo di ciascun Paese membro dell’UE, insieme al presidente della Commissione e al presidente del Consiglio europeo stesso che presiede le riunioni, per definire le linee guida dell’Unione, gli orientamenti politici, coordinare le politiche nazionali e comporre le divergenze tra Paesi o tra le Istituzioni. Partecipa di diritto ai lavori anche l'Alto rappresentate dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza. Dal 1974 si riunisce 4 volte l’anno a Bruxelles. La sua creazione non era prevista nei trattati istitutivi della Comunità, ma dal 2009 è diventato una delle sette istituzioni ufficiali dell'UE. L’attuale presidente del Consiglio europeo è Herman Van Rompuy. Il suo mandato è iniziato il 1º dicembre 2009 e scadrà il 31 maggio 2012. Consulta il sito ufficiale www.consilium.europa.eu
Il Parlamento europeo (PE), eletto ogni 5 anni a suffragio universale diretto dal 1979, è l’organo che più di ogni altro esprime la volontà politica dei cittadini dell’UE. In esso sono, infatti, rappresentate le principali tendenze politiche dei Paesi membri riunite in 7 formazioni politiche. Il presidente viene eletto ogni 2 anni e mezzo (il presidente attuale è il polacco Jerzy Buzek), e il numero degli attuali seggi, approssimativamente calcolato in funzione della popolazione di ciascun Paese membro, è di 736. Il PE dispone per le sue attività di tre sedi: Strasburgo per le sessioni plenarie mensili, Bruxelles per le riunioni delle commissioni parlamentari e per le sessioni plenarie aggiuntive, e Lussemburgo quale sede degli uffici amministrativi, ovvero del Segretariato generale. Il Parlamento ha tre funzioni principali: esercita il potere legislativo - discute e approva le normative europee congiuntamente al Consiglio attraverso la procedura di codecisione;  esercita il potere di controllo - controlla le altre istituzioni dell'UE, in particolare la Commissione, per accertarsi che agiscano democraticamente; esercita il potere di bilancio - discute e adotta il bilancio dell'UE congiuntamente al Consiglio. Con il Trattato di Lisbona, la gamma di politiche in cui viene applicata la codecisione è aumentata, dando così al Parlamento un maggiore potere di influenza nel contenuto delle norme che riguardano l'agricoltura, la politica energetica, l'immigrazione e i fondi dell'UE. L'approvazione  del Parlamento è, poi, necessaria per alcune decisioni importanti, come l’adesione di nuovi paesi all’UE, e il Trattato gli conferisce anche il diritto di proporre modifiche ai trattati. Consulta il sito ufficiale www.europarl.europa.eu
“Il contributo che un’Europa organizzata e vitale può apportare alla civiltà è indispensabile per il mantenimento di relazioni pacifiche! L’Europa non potrà farsi in una sola volta, né sarà costituita tutta insieme! Essa sorgerà da realizzazioni concrete che creino anzitutto una solidarietà di fatto!”
(dalla Dichiarazione di Schuman del 9 maggio 1950: la cosiddetta Europa dei piccoli passi)
 
E’ negli anni immediatamente successivi al secondo conflitto mondiale che nasce l’idea di un’Europa unita per porre fine alle tensioni politiche vissute nel corso dei secoli precedenti, favorire lo sviluppo economico del continente e portarlo allo stesso livello delle altre potenze, quali Stati Uniti ed Unione Sovietica. Alcuni intellettuali, politici e statisti tra cui Robert Schuman, Alcide De Gasperi e Konrad Adenauer, avviarono una strategia tesa, nel lungo periodo, all’unificazione politica dell’Europa. La Comunità Economica Europea nasce nel 1957 a Roma grazie all’impegno di Belgio, Francia, Italia, Germania, Lussemburgo e Paesi Bassi.
Tappa fondamentale per il passaggio da un’unione avente fini prevalentemente economici ad una struttura che tende, quantomeno nelle intenzioni, al modello federale, con un progressivo trasferimento di poteri e sovranità dagli Stati membri agli organi comunitari, è il Trattato di Maastricht sull’Unione europea in vigore dal 1993. Oggi l’Unione Europea, dotata di personalità giuridica propria, conta 27 membri. Il recente Trattato di Lisbona, entrato in vigore il 1° dicembre 2009, è inteso a rendere l’UE più efficiente e trasparente e in grado di far fronte alle sfide globali quali il cambiamento climatico, la sicurezza e lo sviluppo sostenibile. Le principali sedi istituzionali si trovano a Bruxelles, Lussemburgo e Strasburgo, ma agenzie e organi decentrati sono dislocati sull’intero territorio europeo. Per maggiori informazioni consulta il sito ufficiale www.europa.eu
02-05-2012

Chi Siamo

 
 
Il portale di informazione carriereinternazionali.com nasce dal fervido impegno dell’associazione non profit Giovani nel Mondo, il cui principale obbiettivo è quello di favorire la competitività professionale e accademica dei ragazzi attraverso la loro l’internazionalizzazione.
Il sito, che si propone quale contenitore unico delle numerose opportunità di studio e lavoro esistenti a livello nazionale, europeo ed internazionale, è dedicato ai giovani che sognano una carriera negli organismi internazionali, nelle istituzioni europee e nel settore della cooperazione internazionale.
 
Sulle nostre pagine segnaliamo quotidianamente le più interessanti opportunità di lavoro, stage e tirocini presso le Nazioni Unite e gli altri organismi internazionali, l'Unione Europea, le ONG e molti altri enti attivi sul fronte della cooperazione e dello sviluppo.
 
Oltre ad informare, ci proponiamo anche di aiutare i giovani a districarsi nell'articolato, e spesso oscuro, mondo lavorativo delle relazioni internazionali, consentendo di comprenderne dinamiche e meccanismi e di ovviare ai dubbi e alle perplessità che aleggiano attorno a questa tipologia di carriere.
 
Al fine di perseguire tale obiettivo, il team di carriere internazionali.com organizza e realizza eventi di orientamento quali Career Day all’interno delle più prestigiose Università italiane, conferenze sulle carriere internazionali, giornate di orientamento e cicli di seminari tematici che permettano ai giovani di relazionarsi in modo diretto con alcune delle più importanti personalità appartenenti al mondo delle relazioni internazionali.
 
Inoltre, sul sito è possibile consultare gratuitamente tutti i numeri in archivio della rivista trimestrale di orientamento “Go International - I giovani e le carriere internazionali” contenente approfondimenti, interviste e testimonianze rilasciate sia da giovani appena entrati nel mondo del lavoro, sia  da esperti ormai veterani del settore.
02-05-2012

Privacy

La informiamo che i dati da lei inseriti saranno trattati al solo fine di fornirle le informazioni richieste. I suoi dati saranno trattati con mezzi informatici nel rispetto dei principi stabiliti dal Codice della Privacy (D. Legisl. 196/2003). Per ulteriori informazioni sulle modalità del trattamento, e per esercitare gli altri diritti a lei riconosciuti dall'articolo 7 del Codice della Privacy, potrà rivolgersi al Titolare
27-04-2012

Login

REGISTRATI per accedere alle AREE RISERVATE - link »

 

oppure

 

effettua la LOGIN

 

Qui troverai interessanti opportunità nelle aeree: Formazione Internazionale, Europa, Nazioni Unite e Organizzazioni Internazionali, Cooperazione-Sviluppo e Volontariato.

 

In Evidenza

  • RomeMUN è alla ricerca di STAFF: Candidature APERTE per il ruolo di Chairs

    RomeMUN è alla ricerca di STAFF: Candidature APERTE per il ruolo di Chairs Siamo lieti di annunciare che il Segretariato del Rome Model United Nations 2020 (RomeMUN 2020, la Conferenza), il quale comprende il Segretario Generale (SG) Hamza Naeem e i tre Sottosegretari Generali (USGs) Vahid Aliyev per Academics, Solomon Kountouris per Chairing e Bianca Cunha per External Relations accetta candidature per ruoli…
    20-08-2019 379

  • ICF presenta il Program Director del'International Careers Course 2020: Diego Battistessa

    ICF presenta il Program Director del'International Careers Course 2020: Diego Battistessa Benvenuti, cari futuri partecipanti all'International Careers Course 2020Sono molto entusiasta nell' invitarvi a condividere questa opportunità per formarvi come professionisti e come esseri umani. Essere parte di questa esperienza vi darà una nuova grande spinta per preparare e adattare il vostro profilo professionale alle sfide che la vostra futura carriera…
    19-08-2019 171

  • International Master in European Studies: una storia di successo!

    International Master in European Studies: una storia di successo! La prossima edizione dell’International Master in European Studies (IMES Day Programme) sta per cominciare! Anno dopo anno il master si è confermato leader nella formazione di esperti e consulenti di progetti europei, come lo dimostra la storia di Vito Emanuele Cambria, studente della XXIII edizione dell’IMES, che ha da poco…
    05-08-2019 716

  • Wake UP: Le iscrizioni al Festival delle Carriere Internazionali sono aperte

    Wake UP: Le iscrizioni al Festival delle Carriere Internazionali sono aperte Iscrizioni aperte per l'unico evento in Europa dedicato a giovani-lavoro e internazionalità: il Festival delle Carriere Internazionali 2020. Non lasciarti sfuggire l'occasione di dare inizio alla tua carriera internazionale! L'evento patrocinato da importantissime istituzioni italiani e internazionali è un’occasione di incontro e networking tra brillanti giovani, istituzioni, società, ONG e…
    22-07-2019 1495


Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.