Lavorare a stretto contatto con l’Unione Europea è un sogno comune a molti giovani, in particolar modo a coloro che intraprendono un percorso di formazione improntato sullo studio delle relazioni internazionali. Nel corso del tempo, infatti, l’organizzazione ha formulato una propria politica estera, la quale si concretizza – a livello istituzionale – nella figura dell’Alto Rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

A tal proposito, si è appena esaurito il mandato dell’italiana Federica Mogherini e il passaggio di testimone sarà in favore di Josep Borrell, un uomo passato dalle aule universitarie ai più prestigiosi ambienti europei.

 Lo spagnolo Josep Borrel Fontelles è appena stato nominato Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza e assumerà l’incarico il 2 novembre, andando ad occupare il posto di Federica Mogherini. In quanto Alto rappresentante, egli sarà, secondo l'articolo 18 del Trattato sull'Unione Europea, anche uno dei vice-presidenti della Commissione, di cui farà parte a tutti gli effetti.

 Nato a La Pobla de Segur (Catalogna) nel 1947, Borrell compie studi scientifici, in particolare in ingegneria, economia e matematica applicata. Dal 1972 insegna matematica all’Universidad Complutense di Madrid e, nel 1982, fa il suo ingresso in politica assumendo il ruolo di Segretario Generale per il Budget e la Spesa Pubblica nel governo di Gonzalez, leader del Partito Socialista Obrero Español. Nel 2004 approda per la prima volta ad una carica europea, dapprima come Presidente del Parlamento (fino al 2007) e, in seguito, come Presidente della Commissione parlamentare per lo Sviluppo (dal 2007 al 2009). L’anno successivo torna ad insegnare e solo nel 2018 rientra nella scena pubblica, diventando Ministro degli Esteri, dell’Unione Europea e della Cooperazione nel governo socialista di Sanchez.

 In politica estera, Borrell ha assunto, in passato, posizioni critiche nei confronti della Russia e dell’Amministrazione Trump. In sede europea, in occasione dell’audizione individuale del 7 ottobre davanti al Parlamento Europeo (che esamina singolarmente ogni commissario), Borrell ha citato tra le priorità dell’Europa la gestione dell’emergenza climatica e dei flussi migratori. Gli Stati membri, secondo l’ex ministro spagnolo, dovranno agire insieme per far sì che l'Unione non diventi «irrilevante» nello scenario internazionale, imparando altresì ad usare il «linguaggio del potere». Borrell ha poi affermato che si dovrebbe «immaginare un’Europa che è capace di difendersi mentre lavora per un ordine mondiale multilaterale che rispetti i diritti umani e gli obiettivi di sviluppo sostenibile», chiarendo la visione che ispirerà il suo lavoro come Alto rappresentante.

A cura di Mondo Internazionale

Autrice: Chiara Vona

 

Pubblicato in Europa.

Stai studiando o hai recentemente completato i tuoi studi universitari in EU Law o Finance? ECSDA sta cercando candidati con il tuo curriculum! Il loro team multiculturale e dinamico con sede a Bruxelles sta cercando un nuovo tirocinante in studi economici e politici. Controlla l'offerta qui sotto e invia la tua richiesta ora!

 

Per opportunità simili visita la sezione: Europa.

 

Ente: ECSDA rappresenta 40 depositari centrali nazionali e internazionali di titoli (CSD) in 36 paesi europei. L'associazione offre un forum per i CSD europei per scambiarsi opinioni e portare avanti progetti di reciproco interesse. Mira a promuovere un dialogo costruttivo tra la comunità CSD, le autorità pubbliche europee e altre parti interessate che mirano a contribuire a un'infrastruttura efficiente e avversa al rischio per i mercati finanziari europei.

 

Dove: Bruxelles, Belgio.

 

Quando: Il tirocinio inizierà il prima possibile. Inoltre, è un'opportunità a tempo pieno e durerà 6 mesi.

 

Destinatari: Il candidato ideale dovrebbe avere il seguente profilo:

  • Essere attento ai dettagli;
  • Soft skills rilevanti: self-starter, ben organizzato, orientato alla soluzione e incentrato sul cliente, creativo e in continua evoluzione;
  • Capacità di lavorare in Belgio.



Scadenza:  NS.

 

Descrizione dell’offerta: Compiti del tirocinante:

  • Contribuire a configurare l'ambiente normativo dell'infrastruttura del mercato finanziario nell'Unione Europea e a livello globale;
  • Garantire la preparazione e il follow-up coerente delle riunioni e delle decisioni prese dai gruppi di lavoro dell'ECSDA. L'associazione ha cinque livelli di lavoro: gestione del rischio, politica, conformità, regolamento e tecnologia di base, nonché armonizzazione delle azioni aziendali pratiche dei mercati europei;
  • In collaborazione con membri e società di consulenza, sviluppa una comprensione delle principali tendenze di evoluzione del settore, le sue minacce e opportunità e aiuta a fornire all'industria una migliore comprensione delle modalità di gestione del suo sviluppo strategico. Studio e progetti di relazioni sull'evoluzione dell'industria e su altre aree di importanza strategica per i CSD;
  • Analizzare e comunicare in modo conciso la politica dell'UE e gli sviluppi legislativi globali relativi ai servizi finanziari ai membri dell'associazione;
  • Rispondere ai membri e alle domande pubbliche nel settore dei depositari centrali di titoli. Utilizzare attivamente i social media, aggiornare il sito Web e creare il contenuto per tenere informati i membri e un pubblico più ampio sugli sviluppi nelle aree rilevanti per i depositari di titoli centrali europei;
  • Fornire supporto generale al gruppo, compresa l'organizzazione di eventi di alto livello e discussioni con i responsabili delle politiche europee, l'Eurosistema delle banche centrali e con i diversi soggetti interessati del mercato.



Requisiti:

  • Studiare o aver appena finito un Master (o superiore) in diritto o finanze dell'UE;
  • Conoscenza di base dei processi decisionali europei e disponibilità a saperne di più;
  • Ottime capacità di scrittura e ottimo inglese parlato.



Retribuzione: Nella misura consentita dall'Università, se il richiedente sta studiando, il tirocinio sarà pagato.

 

Guida all’application: È necessario inviare una email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., indirizzata all'attenzione di Anna Kulik, segretario generale di ECSDA.

La candidatura deve contenere:

  • Un CV in inglese;
  • Una lettera di accompagnamento/presentazione in inglese che specifica il motivo per cui vorresti aderire all'ECSDA.



Link utili:

Offerta di tirocinio

ECSDA

 

Contatti Utili:  

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




a cura di Riccardo Testa

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org

 

Pubblicato in Europa.

Con la fine di gennaio 2019 é terminata con successo anche la quinta edizione dell’IMES Evening&Weekend Programme; del resto, il tempo passa più velocemente quando ti metti in gioco e affronti nuove sfide! E noi dell’IMES board amiamo le nuove avventure – infatti siamo già proiettati verso la 29° edizione del Day Programme, che comincerà alla fine di aprile 2019. Questo mese, tuttavia, vorremmo condividere con voi una storia di successo, quella di Vito Emanuele Cambria, partecipante della 23° edizione dell’IMES Day Programme, tenutasi nel 2016. Dopo il corso Vito é diventato un project manager di successo, e la sua proposta di progetto é stata recentemente approvata. La tentazione di farci raccontare la sua vittoria personale e professionale é stata molto forte, e lo abbiamo intervistato per saperne di più.

 

1) Breve introduzione: qual é il tuo background, quali sono stati i fattori che ti hanno

spinto a partecipare al programma IMES a Bruxelles?

 

Sono un biologo italiano che si confronta quotidianamente con ecosistemi in pericolo e con la scomparsa dei loro abitanti – piante, animali e funghi che costituiscono ancora una meravigliosa eredità naturalistica per l’Europa. Per continuare a salvaguardare questa immensa diversità biologica e paesaggistica sono necessarie delle azioni concrete. Dopo anni passati a studiare botanica, ecologia e biologia della conservazione, ho sentito il bisogno di spostarmi dalla teoria alla pratica, e i programmi di finanziamento dell’Unione Europea erano la risposta alla mia ricerca. In passato avevo già avuto l’opportunità di familiarizzare con progetti europei, ma solo dopo aver partecipato all’IMES programme ho cominciato a capire veramente come funzionano! Innanzitutto, durante il corso è possibile ottenere un quadro complessivo sul funzionamento dell’UE – il che ti rende anche un cittadino europeo migliore, un aspetto in più da non sottovalutare. In secondo luogo, si può contare su insegnanti con una notevole esperienza in valutazione ed implementazione di progetti europei che ti guidano passo passo all’acquisizione di solide competenze nei più importanti progetti europei (LIFE, H2020, INTERREG, COSME, ecc.) e

nelle tecniche e strumenti di project management.

 

2) Cos’è successo subito dopo la fine dell’IMES programme? Cos’è cambiato e come hai messo in pratica quello che hai imparato in classe?

 

Io e i miei colleghi abbiamo lottato per più di tre anni per trovare finanziamenti per un progetto che mirava a fermare il declino ecologico del bosco di Palo Laziale (a 40 km a ovest di Roma), uno degli ultimi spazi boschivi della costa del centro Italia; tuttavia, per tre volte la nostra proposta é stata rifiutata. Invece dopo aver partecipato a questo corso ed essermi guadagnato il certificato nel luglio del 2016, la proposta del progetto ha passato le selezioni come primo classificato del progetto LIFE! É stata la giusta soddisfazione dopo tanto lavoro e settimane passate in classe. Il programma mi ha sicuramente aiutato ad acquisire degli strumenti e un metodo; ho anche ottenuto dei consigli molto utili che hanno elevato il mio background scientifico con delle capacità di project designing di alto livello.

 

3) Potresti descrivere il progetto che é stato premiato? Qual é il tuo ruolo nel consorzio?

 

Il progetto LIFE PRIMED “restoration, management and valorisation of PRIority habitats of MEDiterranean coastal areas” (LIFE17 NAT /GR/ 000511) mira al miglioramento dello stato di conservazione dell’habitat e delle specie che vivono nelle aree protette del bosco di Palo Laziale e del delta del Nestos, entrambi siti di Natura 2000 che si trovano rispettivamente in Italia e in Grecia. Il progetto ha come obiettivo lo sviluppo e lo scale-up di soluzioni innovative di ingegneria ambientale, e promuove sia il coinvolgimento della comunità locale che il turismo naturalistico. Io sono il project manager, un ruolo di grande responsabilità che però mi rende anche orgoglioso. Una cosa é certa, le settimane a Bruxelles mi sono servite per acquisire quelle capacità di management necessarie ma difficilmente reperibili in altri posti.

 

4) Complessivamente, come pensi che l’IMES programme ti abbia aiutato a fare questo salto di qualità nella tua carriera? Quali sono le capacità acquisite che sono state determinanti nella scrittura di un progetto valido?

 

Ho imparato a procedere con ordine nella strutturazione di un’idea in un quadro coerente. Prima non avevo mai sentito parlare di alberi dei problemi e degli obiettivi, o di logical framework; ora invece sono come dei ‘vecchi amici’, una parte fondamentale della mia routine lavorativa. In più, ho familiarizzato con il linguaggio: strategia a lungo termine, sostenibilità e replicabilità fanno ormai parte del mio vocabolario!

 

5) Raccomanderesti questo corso a coloro che stanno pensando di iscriversi? Perché?

 

Posso di sicuro raccomandare l’IMES programme, gli organizzatori di questo corso sono tra i migliori professionisti che ho mai incontrato nella mia vita. Il programma é ben strutturato, il carico di lavoro é gestibile e in linea con il corso delle lezioni; le classi di solito sono multiculturali e con persone di varie età. Se volete capire come funziona la macchina dell’Unione Europea, in primis é necessario entrare in contatto con la bolla di Bruxelles, respirare le policy e i programmi dell’UE, camminare con i propri piedi negli edifici delle istituzioni europee. Avete due possibilità: farlo da soli o, come ho fatto io, affidarvi a uno dei migliori Ciceroni d’Europa. Dopo tutto questo, sono abbastanza sicuro che abbiate già fatto la vostra scelta.

VITO EMANUELE CAMBRIA

 

IMES Day Programme, 2016 - 23rd ed., Graduate

Project Manager LIFE

PRIMEDwww.facebook.com/lifeprimed

http://www.linkedin.com/in/vitoemanuelecambria

 

Leggi di più circa il Master offerto da IMES cliccando su questo link nella sezione Formazione: Non perdere l'International Master in European Studies (IMES). Designed for success! Deadline: 12/04/2019

Pubblicato in Rubrica

 Il Project Manager dell'Unione Europea

 

Tutti hanno già sentito parlare dell’ emergente figura professionale di Project Manager  dell'UE, in particolare coloro che hanno già avuto modo di trovarsi nella capitale europea di Bruxelles.  Sogni di occuparti di politiche europee? I progetti di finanziamento sono il tuo pane quotidiano? Allora dovresti assolutamente trasformare la tua passione nel tuo lavoro!

 

La figura professionale del Project manager dell'UE  è collocata all'interno delle istituzioni dell'UE, di società di consulenza, delle ONG e dei Think-Tanks. I Project Manager promuovono e sostengono il cambiamento in varie organizzazioni usando abilità di negoziazione, capacità analitiche e di ricerca al fine di motivare lo spirito di gruppo della squadra di progetto, trasmettendo loro la condivisione di un obiettivo. In aggiunta alle citate abilità occorre una profonda conoscenza di termini tecnici e di nozioni per poter monitorare con ottimi risultati politiche e programmi di finanziamento dell'UE, oltre a identificare gli inviti a presentare proposte e redigere progetti dell’Unione Europea. Ulteriori competenze richieste ad un Project Manager dell'UE sono ottime capacità comunicative e di interazione, poiché deve regolarmente occuparsi e allargare la propria rete di contatti per poter individuare i migliori consorzi di progetto. Quindi, sono responsabili delle attività di gestione finanziaria, della valutazione di qualità e di amministrazione, della stesura di report, di campagne informative e di organizzazione di eventi.

 

Pietre miliari di questa professione sono il Project Cycle Management, i progetti UE e le procedure di approvvigionamento. Vuoi saperne di più?  Unisciti al Master Internazionali in Studi Europei e vola a Bruxelles! Dal 2004, il programma IMES (International Masters in European Studies) ha formato gli studenti che hanno voglia di acquisire nuove conoscenze sulla struttura, sul funzionamento e sulle politiche dell'Unione Europea. Insieme a competenze pratiche e una solida comprensione dei programmi di finanziamento dell'UE i partecipanti al Master ricevono un Diploma in consulenza politica e consulenza sui progetti dell'UE, in modo tale da arricchire  il loro profilo professionale con esperienze sempre più richieste a livello europeo e non solo.

 

Il valore aggiunto del Master, coadiuvato dallo studio a Bruxelles,  cuore cittadino dell'Unione Europea, deriva dalla lunga collaborazione tra lo European Desk della Camera di Commercio belgo-italiana e l'Istituto degli studi europei dell'Università Cattolica di Louvain-La-Neuve, una delle più prestigiose università in Belgio e in Europa dal 1425. Questa partnership consente agli studenti di ottenere una panoramica dettagliata e approfondita delle istituzioni europee, grazie all'esperienza della UCL e a quella pratica,garantita dagli esperti coinvolti dalla Camera di Commercio belgo-italiana, i quali abitualmente lavorano alla stesura e/o implementazione di progetti e appalti.

Grazie alla combinazione tra l'approccio learning by doing con quello più teorico, il Master  rappresenta un'opportunità per i partecipanti di entrare nel mercato del lavoro dell'UE che richiede persone dinamiche e ben preparate. Durante tutto il Master, gli studenti sono seguiti da esperti, consulenti e lobbisti che lavorano a Bruxelles e che condividono le loro esperienze per aiutare gli studenti a migliorare  la loro carriera e le loro opportunità. Inoltre, le abilità comunicative e interpersonali degli studenti sono testate attraverso lavori di gruppo e presentazioni, competenze chiave per consulenti di policy e consulenti di progetto. Il Master dà accesso a una serie di strumenti che hanno lo scopo principale di aiutare gli studenti nello sviluppare un profilo accattivante per entrare a far parte del mondo del lavoro, ad esempio attraverso  il Job Link Module, una sessione di incontri one-to-one con un selezionatore professionista che fornirà consigli per perfezionare i CV degli studenti. Inoltre, la Camera di commercio belgo-italiana si impegna concretamente a includere gli studenti all’interno del suo vasto sistema di contatti offrendo loro il CV Book. Questa pubblicazione viene inviata a centinaia di organizzazioni, società e associazioni europee a Bruxelles e in tutta Europa e consente ai datori di lavoro di selezionare i candidati più adatti per la loro organizzazione.

 

Non perdere tempo e aumenta le tue possibilità di divenire il professionista di cui il futuro ha bisogno

 

Per ulteriori informazioni:

Master’s Coordinator – Ms Vanessa Spadaro

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0032 4719 11666

Avenue Henri – Jaspar, 113

1060 Brussels

 

 

a cura di Maria Longombardo

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Pubblicato in Rubrica

Il prossimo bilancio settennale dell’Unione europea, in gergo comunitario il Quadro finanziario pluriennale, sarà sul tavolo dei negoziati europei nel corso dei prossimi mesi. Gli Youth Ambassador del gruppo anti-povertà The ONE Campaign stanno facendo sentire la propria voce da Roma a Bruxelles sulla necessità di garantire un budget Ue ambizioso che dia priorità a quei luoghi, quelle persone e quella aree tematiche che necessitano maggiori investimenti, come l’empowerment delle donne e delle bambine nei paesi più poveri del mondo.

 In questo contesto, i giovani attivisti di ONE hanno partecipato agli European Development Days (EDD) di Bruxelles il 5-6 giugno, prendendo parte a dibattiti con politici e personaggi influenti nel mondo della cooperazione internazionale per discutere il prossimo bilancio settennale Ue e la necessità di mettere donne e ragazze al centro delle politiche di sviluppo dell’Ue.

 In merito alle attività degli Youth Ambassador di ONE, Emily Wigens, Direttrice ad interim dell’ufficio ONE di Bruxelles, ha dichiarato: “Siamo molto fortunati di poter contare su un grande gruppo di giovani attivisti che svolge un ruolo chiave affinché l’uguaglianza di genere figuri nell’agenda dei leader dell’Ue, in particolare in vista degli imminenti negoziati del prossimo bilancio settennale comunitario. Da nessuna parte nel mondo le donne hanno le stesse opportunità che hanno gli uomini e il divario di genere è ancora più ampio per le donne che vivono in povertà. Il Quadro finanziario pluriennale rappresenta un’opportunità fondamentale per contribuire ad un cambiamento positivo per milioni di donne e ragazze in tutto il mondo. Stiamo esortando i leader europei ad aumentare i fondi per lo sviluppo di lungo periodo di almeno 40 miliardi di euro e garantire che almeno l’85% degli aiuti dell’Ue contribuisca ad affrontare il problema della disuguaglianza di genere.”

 

Unisciti ai 9 milioni di attivisti di ONE firmando la lettera che chiede ai leader di mettere donne e ragazze al centro delle politiche di sviluppo su www.one.org/sexist!

 

 

 

Per Saperne di più

Cos’è ONE

ONE è un’organizzazione sostenuta da oltre 9 milioni di membri, tra i quali 70.000 in Italia, che opera con campagne e attività di sensibilizzazione per combattere la povertà estrema e le malattie prevenibili, soprattutto in Africa. Apolitica, ONE mira a sensibilizzare l’opinione pubblica e a lavorare di concerto con i leader politici per combattere l’AIDS e le malattie prevenibili, aumentare gli investimenti per l’istruzione, l’agricoltura e l’alimentazione e chiedere ai governi maggiore trasparenza nei programmi di lotta alla povertà. Per saperne di più visita: one.org

Programma “Youth Ambassador”

Gli ambasciatori ONE sono un gruppo di giovani volontari estremamente motivati, selezionati tramite bando pubblico, che conducono attività di sensibilizzazione in tutta Europa per porre fine alla povertà estrema. Sollecitano un impegno concreto dei responsabili politici, lavorano con i mezzi di comunicazione per aumentare la visibilità delle campagne ONE e incoraggiano il pubblico a sostenere le petizioni e le altre azioni ONE con attività online ed eventi locali. Per saperne di più visita la pagina dedicata.

European Development Days

Gli European Development Days (EDD), organizzati dalla Commissione europea, portano insieme a Bruxelles esperti e appassionati di cooperazione internazionale per condividere idee ed esperienze che ispirino nuove partnership e soluzioni innovative alle sfide più urgenti del mondo. Maggiori informazioni su vai sul sito .

 

Il Servizio europeo per l'azione esterna (SEAE) offre  la possibilità di candidarsi come tirocinanti per le varie delegazioni all’estero dell’UE. Controlla le specifiche delle offerte e candidati subito per non perdere questa fantastica opportunità di lavorare in ambito europeo e di rappresentare l’Unione Europea all’estero



Per altre opportunità simili visita la sezione Europa

 

Ente: il Servizio europeo per l'azione esterna (SEAE) è un servizio dell'Unione europea responsabile per gli affari esteri dell'UE ed equivale al Ministero degli Esteri dell'Unione. Creato dal Trattato di Lisbona, è entrato in funzione dal 1º dicembre 2010. Ha sede a Bruxelles, in Belgio. Il Servizio per l'azione esterna sostiene l'attività dell'Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza e risponde a lui. Di fatto il Servizio costituisce il ministero degli esteri dell'Unione europea e ne gestisce la politica estera e l'attività diplomatica. Il Servizio ha natura burocratica e diplomatica e non ha autonomia politica: le decisioni sulla politica estera e di sicurezza vengono prese dal Consiglio dei ministri degli esteri dell'Unione, presieduto dall'Alto rappresentante. La peculiarità della carica dell'Alto rappresentante si rispecchia nella peculiarità del Servizio rispetto alle altre istituzioni e strutture dell'Unione Europea. A causa della sua collocazione intermedia tra Commissione e Consiglio e della sua origine ibrida, il Servizio è infatti un organismo unico, dotato di particolare autonomia e di importanza per l'attività di Commissione e Consiglio. Il Servizio è il primo servizio diplomatico multinazionale. 

Al capo del Servizio c'è oggi l'italiana Federica Mogherina

 

Dove: città extra UE

 

Destinatari:  i tirocini presso le delegazioni dell’UE offerti da SEAE sono aperti a:

- cittadini dell’UE

- cittadini dei paesi candidati che hanno concluso i negoziati di adesione all’UE

- cittadini del paese ospitante.

Per i tirocini retribuiti i/le candidati/e dovranno essere in possesso di almeno una laurea triennale o diploma di un’istituzione equivalente. Per i tirocini obbligatori i/le candidati/e dovranno risultare iscritti/e al 3°, 4°, o 5° anno di un’università o di un’istituzione equivalente

 

Quando: i tirocini hanno una durata di 9-18 mesi

 

Scadenza: open

Per le scadenze delle singole offerte di tirocinio con SEAE presso le varie delegazioni ospitanti verificare il link alle opportunità di tirocinio aperte

 

Descrizione dell’offerta: le varie offerte di tirocinio con SEAE presso le varie delegazioni ospitanti prevedono differenti mansioni e attività, conformemente anche ai singoli requisiti richiesti dalla posizione specifica. Scegliere e verificare le varie mansioni al link alle opportunità di tirocinio aperte

 

Requisiti: i requisiti specifici per i tirocini offerti da SEAE presso le varie delegazioni ospitanti sono consultabili singolarmente seguendo il link alle opportunità di tirocinio aperte. È considerato requisito generale la conoscenza della lingua di lavoro della delegazione dell'UE. La conoscenza della lingua ufficiale del paese ospitante costituisce un vantaggio



Retribuzioni: è prevista una retribuzione per i giovani laureati con meno di un anno di esperienza professionale. I tirocini obbligatori non sono retribuiti per gli studenti che già risiedono e studiano nel paese ospitante

 

Guida all’application: la modalità di invio delle candidature è singola per ogni delegazione. Verificare gli indirizzi di invio delle candidature link alle opportunità di tirocinio aperte. Nel caso si venga selezionati, sarà necessario fornire i seguenti documenti:

- laurea 

- certificati linguistici

- "verbale giudiziario"

- passaporto / carta d'identità

- certificato di assicurazione

- certificato medico 

 

Informazioni utili: le domande non saranno accettate dai/lle candidati/e che abbiano già beneficiato di qualsiasi tipo di formazione (retribuita o non retribuita) o di lavoro per più di 6 settimane in un'istituzione, un organo, un'agenzia o un ufficio dell'UE. Per tutte le informazioni circa le specifiche di eleggibilità riguardanti le possibilità di tirocinio consultare il seguente link

 

Link utili:

link alla call

Sito web SEAE

About SEAE

Traineeship

link alle opportunità di tirocinio aperte

 

Contatti Utili: tutti i contatti di SEAE sono consultabili sul sito web.

SEAE - Servizio Europeo per l’Azione Esterna

EEAS Building, 9A Rond Point Schuman

1046 Brussels

Belgium



a cura di Ludovica Mango

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE




Pubblicato in Europa.

La Camera di Commercio belga-italiana offre un Master internazionale in studi europei: vai a Bruxelles per diventare EU Policy Advisor o EU Project Manager!

 

Il Master internazionale di studi europei è organizzato congiuntamente dallo European Desk della Camera di Commercio italo-belga e dall'Istituto di studi europei dell'Università Cattolica di Lovanio per preparare gli studenti a lavorare come consulente politico dell'UE e project manager.

Questo Master intensivo è organizzato in un programma di 3 mesi, consentendo agli studenti di acquisire competenze e abilità specifiche in un breve periodo di tempo. Gli studenti avranno la possibilità di acquisire conoscenze sulla struttura istituzionale, il funzionamento e le politiche dell'Unione europea, nonché acquisire conoscenze sui metodi di finanziamento dell'UE e sul Project Cycle Management. La metodologia di insegnamento del Master è un approccio orientato alla pratica, che mira a trasferire la conoscenza attraverso un processo di apprendimento attivo. Sono ammessi al Master un numero limitato di 30 studenti provenienti da diversi paesi e diversi background educativi

 

Il programma del Master è composto da tre sezioni:

 

Nella prima sezione, il tema della costruzione europea viene analizzato dal punto di vista storico, giuridico ed economico. In questa fase vengono esaminate le principali politiche e strategie europee nonché gli accordi alla base dell'unione monetaria . Questa è la base delle conoscenze teoriche necessarie per Lobbying e Project Management.

 

La seconda sezione si concentra sull'apprendimento di meccanismi, strumenti e criteri per la progettazione e la gestione di progetti e gare d'appalto finanziati dall'UE. Lo studente apprende attraverso un approccio learning-by-doing, con il supporto di case-study e workshop interattivi. Le lezioni e le attività pratiche sono tenute da consulenti professionali dell'UE, che vantano anni di esperienza nella pianificazione, consulenza e assistenza tecnica a PMI, ONG, think tank, enti pubblici e organizzazioni internazionali.

 

Nella terza sezione, sono organizzati diversi seminari presso le istituzioni europee per incontrare gli ufficiali dell'UE e avere un contatto diretto con i professionisti. Questa sezione ha anche lo scopo di fornire agli studenti un'ampia visione delle diverse realtà che operano nell'area di Bruxelles nel campo europeo.

 

Il modulo Job Link è uno dei punti di forza del master: è un buon inizio per l'ingresso nel mercato del lavoro di Bruxelles. Fornisce il supporto agli studenti per sviluppare ulteriormente il loro percorso professionale attraverso un seminario e gli incontri one-to-one con un reclutatore. Il CV degli studenti sarà incluso in un CV Book che verrà inviato a varie organizzazioni e società a Bruxelles. Se gli studenti trovano uno stage, il BICC li sosterrà con la stesura del contratto e offrendo l'assicurazione tirocinante.

 

Scadenza per la domanda: 17 agosto 2018

 

Durata: dal 17 settembre al 13 dicembre 2018

 

Come candidarsi: le domande IMES devono essere eseguite tramite questo modulo online.

I seguenti documenti devono essere allegati durante l'applicazione:

- una copia del diploma universitario o titolo equivalente (gli studenti universitari dello scorso anno devono presentare una trascrizione dei voti)

- un CV in inglese

- una lettera di presentazione in inglese, che dichiara la motivazione a partecipare al Master

- certificati di lingua o auto-affermazione di conoscenza della lingua

- una fotografia formato tessera

- una copia del passaporto o altro documento di identificazione

- prova del pagamento della prima rata delle tasse universitarie

 

Tasse e borse di studio: la quota di iscrizione complessiva per frequentare il Master ammonta a 4.800 €. Il pagamento della tassa è diviso in 3 rate. La prima rata di 500 € deve essere pagata nella fase dell’application. Borse di studio del valore di 2.000 € possono essere assegnate agli studenti.

 

Link utili:

- International Master in European Studies website

- Programma nel dettaglio

- Online application form

- Testimonianze

 

Contatti:

Master’s Coordinator – Ms Vanessa Spadaro

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0032 4719 11666

Avenue Henri – Jaspar, 113

1060 Brussels

 

Per altre opportunità simili visita la sezione Formazione



a cura di Ludovica Mondati

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 Una professione in forte espansione: la progettazione europea.

157 miliardi di Euro vengono ogni anno gestiti dall’Unione Europea, in gran parte destinati al finanziamento di progetti in tutti i settori economici e produttivi: ambiente, istruzione, cultura, industria, servizi, enti pubblici, cooperazione, formazione. La figura dell’Esperto in Progettazione Europea è sempre più richiesta indipendentemente dallo specifico ambito di riferimento.

Quella del Project Manager Europeo è una professione che completa percorsi formativi nell'ambito delle politiche e internazionali, ma anche nelle materie tecnico-scientifiche, che hanno l'opportunità di approfondire le potenzialità dei Fondi Europei specifici per l'innovazione, la ricerca e le sfide create da industria 4.0.

Il MasterProgramme in Europrogettazione (www.europrogettazione.info ) è un percorso completo che propone non solo formazione, ma anche una serie di attività che permettono di vivere un’esperienza concreta toccando realmente con mano i diversi aspetti della progettazione. L’approccio formativo seguito è altamente interattivo e promuove il coinvolgimento diretto dei partecipanti.

Il MasterProgramme in Europrogettazione si tiene a Bruxelles per un totale di 360 ore: un percorso formativo altamente specialistico per conoscere tecniche, strumenti e metodi di successo per la progettazione europea, completato da Project Work in azienda, visite alle Istituzioni Europee, partecipazione ad Eventi europei e a reali attività di progetti europei attualmente in corso. Ogni aspetto dei progetti europei viene sperimentato con esercitazioni pratiche e workshop concreti, per vivere un’esperienza professionale completa nella Capitale d’Europa! 

Il MasterProgramme in Europrogettazione si articola in due indirizzi: European Project Design and Management e Innovation Management.

L’indirizzo European Project Design and Management (EuroM) prevede approfondimenti su strumenti e tecniche di progettazione già affrontati nella prima sezione ma qui ulteriormente analizzati: programmi di cooperazione di politica interna e con i Paesi terzi, appalti europei, Fondi Strutturali; approfondimenti ulteriori sul budget e rendicontazione.

L’indirizzo Innovation Management (InnoM) ha come finalità lo sviluppo di competenze per la gestione  dell’innovazione in uno scenario internazionale in forte evoluzione, oltre che l'analisi dei trend tecnologici, economici e sociali più attuali e l'approfondimento specifico di programmi europei dedicati all’innovazione (Horizon 2020, FP9, Cosme ed altri)

 

Ente: IDP European Consultants e IHF asbl sviluppano da oltre 25 anni progetti internazionali ed europei, sono fornitori e partner di Istituzioni internazionali ed Università europee: i Docenti del MasterProgramme sono esperti in Project Management, valutatori per la Commissione Europea e Project Manager per diversi consorzi europei e per World Bank.

 

Dove: Bruxelles, Capitale d’Europa e cuore della vita professionale Europea!

 

Destinatari: Non c’è campo della società che l’Europa non finanzi! Possono partecipare laureati e laureandi in qualsiasi disciplina interessati a politiche comunitarie, programmi e progetti europei, internazionalizzazione

 

Quando: XV Edizione: Ottobre 2018 - Gennaio 2019; XVI Edizione: Aprile 2019 - Luglio 2019

 

Scadenza: Puoi inoltrare la tua candidatura fino al 21 settembre 2018 (Scadenza Bando Torno Subito 3 Luglio 2018)

 

Programma: Il MasterProgramme ha una durata di 360 ore incluso Project Work così strutturate:

- 9 Moduli di formazione: Impianto Istituzionale dell’Unione Europea, Strategie e Politiche Comunitarie; Programmi a Gestione Diretta; I Fondi Strutturali: programmazione 2014-2020; Appalti Europei; Fonti di Informazione; Tecniche e Strumenti di Progettazione; Budget e Rendicontazione; Procedure ed Elementi Amministrativi; Project Cycle Management e Logical Framework

- 5 Workshop: Permettono ai partecipanti di sperimentare direttamente i concetti e gli strumenti appresi durante i moduli formativi: Progettazione; Shock Therapy; Progettare nei Fondi Strutturali; Definizione del Budget di Progetto; Progettare con l’approccio Project Cycle Management

- 3 seminari di approfondimento: Redazione progettuale in Inglese; Elementi di Project Management in ambito Europeo; Comunicazione e Diffusione dei risultati

- Project Work in azienda: un periodo dedicato ad un progetto individuale su temi reali, stabilito di concerto con il proprio tutor

- Visite alle istituzioni europee e ad altre organizzazioni presenti a Bruxelles, per incontri diretti con i responsabili delle politiche e dei programmi europei

- Eventi: partecipazione ad eventi istituzionali e info days che permettono di sperimentare dal vivo le esperienze reali della vita professionale a Bruxelles

- Partecipazione ad attività di progetto: i partecipanti potranno assistere ad alcune attività di progetti reali, con l’opportunità di entrare nel vivo di progetti europei in corso, una possibilità particolare offerta dalla presenza di IDP European Consultants ed IHF asbl in numerosi consorzi transnazionali

- Costruisci il tuo lavoro!: il programma prevede sessioni individuali di orientamento alla professione. Queste si accompagnano e si completano con momenti di incontro con professionisti e practitioners che illustrano il loro percorso professionale e forniscono suggerimenti utili allo sviluppo della propria carriera

 

Quota di partecipazione: La quota di partecipazione è pari a € 7.000,00 (Iva non dovuta ai sensi della legislazione belga), ed include Welcome Package (pernottamento di due notti all’arrivo, scheda telefonica belga, carta trasporti pubblici, assistenza logistica); Coffee Breaks durante le lezioni; Materiale didattico, copia del materiale utilizzato dagli speakers, pubblicazioni divulgative; Attestato di frequenza.

La quota può essere versata in 2 rate.

Per i residenti nella Regione Lazio, sono previste borse di studio totali grazie al bando Torno Subito (scadenza 3 luglio 2018) che coprono l’intera quota di partecipazione al MasterProgramme più le spese di permanenza a Bruxelles per l’intera durata. Lo staff IDP-IHF è a disposizione per assistere gratuitamente i candidati nella predisposizione delle domande. Se vuoi altre informazioni, vai al nostro approfondimento sul bando Torno Subito

 

Link utili:

Link all'offerta;  

Pagina Facebook

Articolo di approfondimento su Torno Subito

Contatti utili:

Telefono Italia: +39 085.8673010

Telefono Bruxelles:  +32 2.2802766

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

ONU e Unione Europea hanno lanciato ’Spotligh Initiative’ con un ha un budget di 500 milioni di euro per contrastare la piaga sociale della violenza sulle donne, che  coinvolge in media una donna su tre.

L’Unione europea ha avviato in collaborazione con le Nazioni Unite ‘Spotlight Initiative’, un progetto per eliminare tutte le forme di violenza contro le donne. Lo ha annunciato l’alta rappresentante Ue per la Politica estera e di sicurezza, Federica Mogherini. “Dobbiamo innanzitutto garantire che le donne e le ragazze vivano in sicurezza, in modo che possano sviluppare pienamente le loro potenzialità,” ha detto la vicepresidente.

Il contributo economico delle Nazioni Unite, al momento, non è però rilevante. Il progetto, finanziato con un Fondo fiduciario multilaterale, parte con un budget di 500 milioni di euro, praticamente tutti versati dall’Unione europea. Troppo poco secondo il commissario per la Cooperazione internazionale e lo sviluppo Neven Mimica. “Per apportare un reale cambiamento, invito tutti i partner ad aderire alla nostra iniziativa”, ha detto il croato. “La violenza contro donne e ragazze è una delle ingiustizie più grandi del nostro tempo, e attraversa ogni frontiera, generazione, nazionalità e comunità”.

La violenza contro le donne e le ragazze è una delle più diffuse e devastanti violazioni dei diritti umani ed è presente in tutto il mondo. Essa riguarda ogni società e oltrepassa ogni genere di confine generazionale, socioeconomico, educativo o geografico. Oggi, complessivamente, oltre un miliardo di vite umane subiscono violenze. Si stima che il 35% delle donne è stato vittima di violenza nel corso della propria vita - una percentuale che in alcuni paesi raggiunge addirittura il 70%.
Inoltre, più di 700 milioni di donne in tutto il mondo vengono unite in matrimonio ancora bambine, prima dei diciotto anni. Di queste, più di 1 su 3 prima dei quindici anni: si tratta di circa 250 milioni di ragazze. Almeno 200 milioni di donne e ragazze in 30 paesi hanno subito mutilazioni genitali.
Questa piaga è un ostacolo alla parità di genere, all'emancipazione di donne e ragazze e, in generale, allo sviluppo sostenibile, oltre a essere un ostacolo alla realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Secondo il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, l’iniziativa Spotlight “ha una portata storica e rappresenta un investimento pionieristico nella parità di genere e nell’emancipazione femminile”. È espressione della stessa volontà politica dimostrata dalla comunità internazionale nell'adottare gli obiettivi di sviluppo sostenibile, non solo l'obiettivo 5 incentrato specificamente sulla parità di genere ma anche obiettivi quali il porre fine alla violenza contro le donne e le ragazze nonché l'integrazione della parità di genere nel quadro complessivo degli obiettivi di sviluppo sostenibile.
Il nuovo consenso europeo in materia di sviluppo e il nuovo approccio globale dell'UE allo sviluppo sostenibile negli anni a venire evidenziano anche l'impegno dell'UE e di tutti gli Stati membri in materia di parità di genere.

'Spotlight' dovrebbe fornire alle donne sostegno su vasta scala, organizzare attività di sensibilizzazione, implementare il quadro normativo e migliorare la raccolta dati in Africa, America Latina, Asia, nel Pacifico e nei Caraibi. Il tutto per eliminare, appunto, la violenza contro le donne: una piaga sociale che coinvolge, in media, una donna su tre. La percentuale delle vittime sale però al 70% in alcuni Stati dell’Africa e dell’Asia. Qui, a soffrire, sono soprattutto le giovani, date in sposa quando sono ancora bambine (700 milioni i casi), o infibulate (200 milioni).

 

Giuditta Pecorari

 

Per saperne di più

Spotlight Initiative - UE

Commissione Europea

ONU

Co-fondata da Bono, ONE è un’organizzazione internazionale sostenuta da oltre 8 milioni di persone, delle quali 60,000 in Italia, che opera con campagne e attività di sensibilizzazione per combattere la povertà estrema e le malattie prevenibili. Apolitica, ONE mira a sensibilizzare l’opinione pubblica e a lavorare di concerto con i leader politici per combattere l’AIDS e le malattie prevenibili, aumentare gli investimenti per l’agricoltura e l’alimentazione e chiedere ai governi maggiore trasparenza nei programmi di lotta alla povertà.

Diventa membro di ONE e scopri di più sulle sue campagne qui!

 

I Giovani Ambasciatori di ONE prepareranno presto le valigie direzione Bruxelles, per chiedere ai leader europei di scegliere la strada che conduce all’eradicazione della povertà in vista del voto del Parlamento Europeo sul bilancio UE per il 2018 il prossimo 25 ottobre.


Il 17 ottobre – Giornata Internazionale per l’Eradicazione della Povertà – i 220 giovani attivisti anti-povertà, provenienti da tutta Europa e rappresentanti 30 nazionalità diverse, incontreranno europarlamentari di diversi schieramenti per chiedere loro di aumentare gli aiuti allo sviluppo nel bilancio dell'Unione europea per il 2018, attualmente in corso di negoziazione a Bruxelles. Gli Youth Ambassador di ONE hanno ricevuto l’appoggio di oltre 50.000 cittadini europei che sostengono la loro richiesta di un bilancio 2018 che garantisca un futuro più equo e giusto per tutti. In vista degli incontri con i deputati europei, i giovani attivisti riceveranno una formazione intensiva su come condurre azioni di campagna e lobby per conto dei più poveri del mondo.

 

Il bilancio UE 2018 avrà un forte impatto oltre le coste europee. Si stima che la popolazione africana raddoppierà entro il 2050 e che il 50% di essa sarà costituita da giovani sotto i 25 anni di età. Con una forza lavoro qualificata ed istruita, l'Africa può diventare il motore della crescita globale, sostiene ONE. Per sfruttare questo potenziale, le istituzioni europee dovranno adottare un bilancio ambizioso e che possa contribuire a porre fine alla povertà estrema entro il 2030.

 

Emily Wigens, Direttrice di Bruxelles (ad interim) per ONE, ha dichiarato: "L'Unione europea trova davanti a sé un bivio. L'UE e gli stati membri insieme rappresentano il primo donatore mondiale e qualunque percorso che l’Unione sceglierà avrà un impatto globale. Una risposta efficace alle sfide globali che affrontiamo  la fame, l'insicurezza, le pandemie richiede un forte bilancio allo sviluppo per il 2018 per assicurare che l'UE continui a svolgere un ruolo di leadership nell'affrontare la povertà estrema e l'instabilità. Ora più che mai, abbiamo bisogno che l'Unione europea rafforzi questa leadership e non si tiri indietro. E il primo passo in questa direzione è un aumento degli aiuti allo sviluppo.”

 

Firma anche tu la petizione rivolta ai leader europei e chiedi loro di appoggiare un ambizioso bilancio allo sviluppo!



Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.