Piccoli accorgimenti per fare “bella figura”

 

Il vantaggio della lettera di presentazione è quello di avere una struttura molto semplice, che incornicia la comunicazione in modo da rendere la lettura scorrevole e, in ogni caso, i contenuti ben posizionati.

Ecco cosa non bisogna mai dimenticare nella stesura di una lettera di presentazione:

- i dati del mittente (nome, cognome, numero di telefono e indirizzo mail);

- i dati del destinatario (possibilmente nome e cognome, per indirizzarla ad una persona precisa)

- il luogo e la data (la lettera deve essere aggiornata, non bisogna dare l’impressione di avere inviato un documento datato o lasciato al caso, con testi standard);

- il consenso al trattamento dei dati personali aggiornato (con riferimento al d.lgs. 196/2003: deve essere segnalato soprattutto nel Curriculum Vitae, ma indicarlo nella lettera è segno di completezza).

Possiamo suddividere la lettera in tre paragrafi principali.

Prima di tutto, chi siamo e perché stiamo scrivendo? È consigliabile non ripetere nuovamente nome e cognome (a cui sono dedicati altri spazi). Le uniche armi a nostra disposizione sono le parole: non importa quanto appariremo simpatici o affabili nel saperci relazionare tramite la lettera di presentazione (queste saranno carte da giocare in sede di colloquio), ma quanto dimostreremo di saper andare dritti al punto. NO a "mi chiamo Mario Rossi, sono un ingegnere...", e invece Sì a "sono un giovane laureato" (se laureati con il massimo e in breve tempo, si può usare l’espressione "sono un brillante neolaureato in"), oppure se si ha già esperienza, ci si può presentare tramite il ruolo professionale (senza riferimenti alle mansioni, che sono nel CV!): sono un perito chimico, un marketing manager, un ingegnere elettronico, un informatico, un esperto selezionatore, un operaio specializzato, ecc.

 

Seconda regola fondamentale è quella di specificare perché la nostra candidatura dovrebbe essere scelta.

Questa fase rappresenta certamente il paragrafo più importante della lettera di presentazione, ed è spesso l’unica parte considerata attentamente dal lettore del CV. Cambia in base al livello di anzianità professionale di ciascuno. Dobbiamo quindi essere perspicaci, stiamo giocando una carta importante, dove inserire sinteticamente ma in maniera efficace:

- la motivazioni: chiarire quelle che ci portano a cercare una specifica posizione di lavoro e parlare dei nostri stimoli: perché abbiamo scelto quell'Azienda piuttosto che un’altra?

- gli obiettivi: gli obiettivi professionali che ci poniamo a breve e a medio-lungo termine. Cosa stiamo cercando in quest’Azienda? Su quali basi pensiamo di poter raggiungere questo traguardo?

- le qualità e punti di forza: possono essere stage e tirocini, altre esperienze di lavoro, tesi e ricerche su tematiche di interesse aziendale, esperienze all’estero, la conoscenza (certificata) di più lingue ed anche un particolare interesse personale per attività strategiche dell’Azienda.

Infine, i ringraziamenti e conclusioni.

Con la parte conclusiva possiamo appellarci dichiaratamente all’attenzione del lettore (“la ringrazio per l’attenzione”), affermando di essere a disposizione per ogni ulteriore chiarimento riguardo la candidatura e, nel frattempo, di restare in attesa di una sua risposta, invitandolo a contattarci nuovamente, indicando i nostri recapiti diretti e le nostre disponibilità.

Una cosa importante: è fondamentale differenziare di volta in volta la lettera di presentazione per dare valore aggiunto alla nostra candidatura. La lettera può avere una parte simile o uguale per tutte le candidature, ma va adattata mettendo in luce ogni volta l’esperienza o la competenza più in linea con l’annuncio.

Importante tenere sempre a mente che l’obiettivo della lettera di presentazione, così come quello del curriculum vita, è quello di andare al colloquio. Ricordate anche che la lettera di presentazione non è il cv, non è necessario ripetere ogni singola esperienza. La lettera serve a sottolineare il perché si è il candidato o la candidata giusto/a per la posizione. Per cui le vostre esperienze devono essere valorizzato alla luce del profilo richiesto nella call.

 

di Giuditta Pecorari 

Pubblicato in Rubrica

Rubrica

  • A Bonn la Climate Change Conference

    A Bonn la Climate Change Conference Dal 6 al 17 novembre 2017 3900 partecipanti, 2mila funzionari governativi, 1800 rappresentanti di organismi e agenzie dell'Onu, organizzazioni intergovernative…
    06-11-2017 214 in Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.